la norma

Cad, ecco il nuovo ruolo di Spid (anche con blockchain)

Spid adesso si presta a essere utilizzato anche per creare documenti informatici validi e rilevanti. Lo stabiliranno regole tecniche Agid. E la blockchain sarà utile allo scopo. Ecco perché

17 Gen 2018
Massimiliano Nicotra

avvocato Senior Partner Qubit Law Firm

identità_452076250

Con il nuovo Cad appena andato in Gazzetta Ufficiale, in conseguenza delle novità sul documento informatico, l’identificazione del firmatario non è più unicamente affidata alla presenza di un certificato elettronico o all’associazione ex ante di una firma elettronica avanzata al firmatario stesso. Si attribuisce all’AgID un potere generale di stabilire i requisiti affinché un processo di identificazione informatica possa dar luogo alla creazione di firme elettroniche con valore pari a quelle già oggi conosciuto nel nostro ordinamento.

Si tratta di un’innovazione di non poco conto e non può negarsi che, leggendo la previsione, venga da pensare immediatamente all’utilizzo dello SPID nell’ambito di tale processo. È noto, infatti, che il Sistema Pubblico di Identità Digitale è innanzitutto un sistema di autenticazione del cittadino, ossia di colui a cui è rilasciata un’identità digitale, idoneo ad identificare informaticamente il medesimo al fine di accedere a servizi online della pubblica amministrazione e di privati (le recenti modifiche alla normativa cd. antiriciclaggio considerano l’utilizzo dello SPID una modalità idonea per l’assolvimento dell’obbligo di identificazione per banche, intermediari ed altri soggetti obbligati).

LEGGI A CHE PUNTO E’ SPID 

Il sistema SPID, che è stato recentemente notificato alla Commissione Europea come sistema nazionale di identificazione, è appunto una soluzione di identificazione dei cittadini (e non di sottoscrizione di documenti informatici) che possono utilizzarlo per autenticarsi in maniera sicura (e certa) a vari servizi (ciò in base ai vari livelli di sicurezza previsti dalla normativa). Oggi, tramite la nuova previsione sopra citata, lo SPID (e gli altri strumenti di autenticazione, come la Carta Nazionale dei servizi) si prestano ad essere utilizzati anche per creare documenti informatici validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge dando luogo ad un’ulteriore modalità di attribuzione di paternità di documenti informatici che potremmo chiamare, in maniera tecnica, “firme identificata”.

Per avere gli effetti previsti dalla normativa è necessario che l’identificazione informatica dell’autore del documento si innesti in un processo che garantisca la sicurezza, immodificabilità e integrità del documento stesso, non chè sia idoneo a rendere evidente la riconducibilità all’autore in maniera manifesta e non equivoca.

Orbene, la norma rinvia alle regole tecniche che dovranno essere adottate da AgID relativamente all’individuazione dei requisiti tecnici che i processi di “firma identificata” dovranno soddisfare. Si vuole però sottolineare, auspicando che l’Agenzia faccia proprie tali considerazioni, che la tecnologia blockchain appare del tutto idonea a garantire tali requisiti quale processo di attribuzione della paternità del documento informatico con firma identificata.

Ed infatti, una blockchain si fonda su una serie di tecnologie che già si sono dimostrate idonee, prese singolarmente, a garantire quanto richiesto dalla nuova norma, quali le marche temporali, gli algoritmi di hash ed i sistemi di crittografia asimmetrica. Nel momento in cui un soggetto partecipa ad una blockchain gli viene associata una coppia di chiavi asimmetriche (e quindi una firma elettronica) con cui il medesimo sottoscrive con la propria chiave privata le transazioni che intende effettuare (o meglio l’hash della transazione – così come avviene quando si sottoscrive un documento informatico con firma qualificata) e può diventare destinatario di altre transazioni (il cui hash è sottoscritto con la sua chiave pubblica). In seguito vengono formati dei blocchi di transazioni, ne viene creato l’hash ed apposta una marca temporale. Ciascun blocco è così collegato ai blocchi successivi sempre sfruttando la catena di hash.

Il sistema, quindi, si basa sui medesimi processi che oggi sono previsti per la sottoscrizione con firme elettroniche qualificate dei documenti informatici e della conservazione digitale dei documenti.

L’unico elemento assente in una blockchain è il certificato elettronico che ricollega una firma elettronica al soggetto a cui è stata rilasciata (previa identificazione).

Nel momento in cui ad una blockchain è collegata un’identificazione (ed autenticazione) informatica sicura di un soggetto per accedere al sistema, ossia se una coppia di chiavi sulla blockchain viene associata univocamente ad un soggetto identificato informaticamente (tramite sistemi di identificazione ed autenticazione informatica come è lo SPID), la blockchain è idonea a garantire:

  • la sicurezza, integrità immodificabilità del documento: tali caratteristiche sono assicurate dal fatto che, così come per i documenti informatici sottoscritti “tradizionalmente,” qualsiasi modifica del documento successivamente alla sua sottoscrizione potrà essere immediatamente rilevata, dato che comporta la non corrispondenza con l’hash del documento originario registrato sulla blockchain il documento informatico che viene registrato sulla blockchain. Inoltre, la sottoscrizione di un documento con la chiave pubblica di un soggetto ne garantirebbe anche la leggibilità solamente da parte di questi (attraverso la chiave privata) potendo così essere assicurata anche l’eventuale riservatezza dello stesso;
  • la sua riconducibilità all’autore in maniera manifesta e non equivoca: oggi tali requisiti vengono garantiti, nel caso di firme elettroniche qualificate o avanzate, con la riconducibilità al titolare della firma attraverso uno dei tre elementi chiave della sicurezza: qualcosa che il soggetto ha (possesso), qualcosa che il soggetto conosce (conoscenza) o qualcosa che il soggetto è (caratteristiche personali). Applicando lo stesso criterio su una blockchain, è possibile prevedere meccanismi analoghi idonei a rendere manifesta la volontà di sottoscrivere un documento in un momento successivo all’identificazione dell’utente, potendo essere previsto l’inserimento di un apposito Personal Identification Number (PIN), di una One Time Password (OTP) o di altri elementi che garantiscano tale manifestazione di volontà e la sua unica riconducibilità all’utente.

In conclusione, quindi, l’introduzione di un modello di firma elettronica che viene attuato tramite un processo in cui a monte vi è l’identificazione sicura del firmatario, tramite SPID o altri sistemi di identificazione, trova piena applicazione con l’uso di una tecnologia blockchain che consenta di effettuare operazioni di sottoscrizione di documenti informatici. Tali blockchain potrebbero essere aperte, ossia accessibili a tutti coloro in possesso dello strumento di identificazione richiesto, o anche chiuse o semichiuse, in cui le transazioni vengono consentite solamente a determinati soggetti.

Sicuramente l’adozione di tali tecnologie potrebbero rivoluzionare le modalità con cui opera la pubblica amministrazione, in tutti quei casi in cui esistano dei registri ove devono essere inserite le transazioni ed in cui la pubblica amministrazione opera solamente quale soggetto controllore della regolarità delle stesse (si pensi al pubblico registro automobilistico, che potrebbe in tal modo assumere una forma decentrata consentendo ai cittadini di iscrivere direttamente sullo stesso eventuali passaggi di proprietà previa identificazione tramite SPID).

La nuova norma introdotta nel CAD apre quindi le porte a nuove tipologie di firme elettroniche con pari valore e dignità di quelle oggi più diffuse. In questo ambito la blockchain può essere sicuramente un processo che garantisce tutti i requisiti previsti dalle nuove disposizioni e che, per le sue particolari caratteristiche, utilizzata in congiunzione con lo SPID può effettivamente innovare le modalità con cui i cittadini si rapportano alla pubblica amministrazione.

L’auspicio è che l’AgID recepisca tali indicazioni e che, almeno nel campo delle sottoscrizioni elettroniche, il nostro ordinamento continui ad essere tra i più aperti all’innovazione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2