AMMNINISTRAZIONE DIGITALE

Come correggere il Codice dell’amministrazione digitale, 11 proposte

Migliore coordinamento fra diverse norme, requisiti gestione documenti informatici anche per i soggetti privati, no all’abolizione del disaster recovery nella PA: una panoramica delle possibili correzioni al Codice dell’amministrazione digitale, sostanziale e di forma

24 Gen 2017
Giovanni Manca

consulente, Anorc

firma-140724181837

A circa quattro mesi dall’entrata in vigore del Codice dell’amministrazione digitale (CAD) novellato dal D.Lgs 179/2016 si inizia a pensare a interventi correttivi. Questi interventi sono da condurre, ovviamente, nell’ambito della ben nota delega del 2015. I mesi trascorsi hanno consentito di valutare il testo vigente e nel seguito, oltre a ribadire opinioni già espresse in fase di audizioni informali alla Camera e ufficiali (in veste ANORC) presso la prima Commissione della Camera dei Deputati, indichiamo ulteriori elementi che dovrebbero trovare posto in un’ipotesi, appunto correttiva, del CAD. L’analisi è limitata a questioni di chiarezza del testo, inapplicabilità o complessa applicabilità del principio giuridico stabilito nella norma. I temi sono quelli familiari all’autore. Per completezza si segnalano anche un paio di refusi (il lettore ci perdonerà).

1. Definizione art. 1, comma 1-ter: PEC e SERC

1-ter Ove la legge consente l’utilizzo della posta elettronica certificata è ammesso anche l’utilizzo di altro servizio elettronico di recapito certificato.

Per prima cosa è evidente che questa non è una definizione e anche se non se ne proponesse l’abrogazione il comma dovrebbe essere ricollocato, per esempio nell’articolo 6. Ma senza indugio, se ne propone l’abrogazione perché la PEC è un servizio ben determinato in termini di erogazione e conduzione del servizio stesso. Il Gestore che eroga questo servizio deve possedere specifiche caratteristiche economiche, di qualità e sicurezza ed è soggetto a vigilanza da parte di AgID all’interno della quale sono verificate le regole di interoperabilità. Il servizio elettronico di recapito certificato (SERC) è un principio, tecnologicamente neutro, stabilito nel Regolamento UE 910/2014 (eIDAS). Quindi in sede realizzativa devono essere definite le regole tecniche che consentono ai possibili, differenti, servizi di recapito certificato di funzionare praticamente.

Quindi certamente la PEC, come principio tecnologicamente neutro è un SERC, ma quest’ultimo non sarebbe in grado di interagire con la PEC per assenza di regole tecniche. Inoltre il servizio SERC sarebbe totalmente libero e privo di controlli, perché applicabili obbligatoriamente, in base ad eIDAS solamente ai servizi qualificati.

Nel breve periodo sarebbe utile far evolvere la normativa tecnica della PEC in modo tale che essa soddisfi i requisiti di un SERC qualificato. In tal modo l’equiparazione comunitaria sarebbe adeguata e stabile.

2. Intervento generale di glossario sull’ambito di applicazione (soggetti di cui all’articolo 2, comma 2; pubbliche amministrazioni) e sui termini chiunque, cittadini e imprese.

Modificare il testo del CAD riportando direttamente nel testo stesso i termini modificati nelle disposizioni di coordinamento di cui all’art. 61 del D.Lgs. 179/2016.

E’ opportuna anche la verifica della specifica volontà del Legislatore quando definisce l’ambito di applicazione del CAD ai soggetti di cui all’art. 2, comma 2 e alle pubbliche amministrazioni. In alcuni punti la terminologia usata potrebbe non essere derivata dalla volontà del Legislatore. Si fa notare anche che viene ancora utilizzato il termine “amministrazioni pubbliche” (Es. art. 5-bis).

La morale di questa proposta è che l’eccesso di novella non aiuta ad avere testi coerenti e chiari. Comunque questo intervento non porta a criticità se non attuato.

3. Chiarimenti sulle firme elettroniche

Nell’art. 21, comma 1 non è stabilito a quale tipo di forma scritta si fa riferimento per la firma elettronica semplice. Aver riproposto sul tema un testo del 2002 non è stato convincente, soprattutto nella misura in cui le analisi sulla validità dell’atto sottoscritto e la sua efficacia probatoria richiedono azioni di “reverse engineering” interpretativo da parte di autorevolissimi giuristi. In questo ambito il Legislatore potrebbe anche attribuire al sigillo elettronico specifica efficacia probatoria magari partendo dall’art. 35, paragrafo 2 del Regolamento eIDAS.

4. Articolo 29

Nel testo del comma 3, “In proporzione al livello di servizio offerto” non è applicabile ai contesti regolamentati. “In relazione alle criticità del servizio offerto” seppur sempre generico appare di maggior senso nel contesto.

5. Art. 32

Il prestatore di servizi di firma elettronica qualificata non esiste in eIDAS. Esiste il prestatore di servizi qualificato per la creazione, verifica e convalida di firme elettroniche. Si potrebbe valutare un migliore coordinamento con il Regolamento eIDAS.

La modifica comporta anche un aggiornamento di alcuni commi di questo articolo. Nel comma 2, lettera l) “l’esistenza di un sistema di accreditamento facoltativo” (che non esiste più ai sensi del regolamento eiDAS) dovrebbe essere eliminato.

6. Art. 37

lIl testo del comma 2 presenta elementi poco applicabili. Il testo attuale: il prestatore di cui al comma 1 comunica contestualmente la rilevazione della documentazione da parte di altro certificatore o l’annullamento della stessa. L’indicazione di un prestatore di servizi fiduciari qualificato sostitutivo evita la revoca di tutti i certificati non scaduti al momento della cessazione.

Può essere più chiaro se formulato come: Il prestatore di cui al comma 1 comunica la rilevazione della documentazione da parte di altro prestatore qualificato per lo stesso servizio. L’indicazione di un prestatore di servizi fiduciari qualificato sostitutivo evita la revoca di tutti i certificati non scaduti al momento della cessazione.

7. Art. 44

Numerosi analisti hanno evidenziato la necessità di riformulare il comma 1 reintroducendo i soggetti privati. Una proposta di seguito: Il sistema di gestione informatica e conservazione dei documenti informatici della pubblica amministrazione e quello di conservazione dei documenti informatici per i soggetti privati assicura:

8. Accreditamento conservatori

E’ indispensabile coordinare le modalità di accreditamento dei conservatori digitali agendo tra l’art. 29, comma 1 e l’art. 44-bis, comma 1.

9. Art 50-bis

Avere abrogato completamente questo articolo non ha dato l’idea di voler mantenere la continuità operativa e il disaster recovery nella PA. Sarebbe utile un unico comma che stabilisca questo principio e rinvii alle regole tecniche per la parte attuativa.

10. Validità di atti giuridici telematici

Coordinare l’art. 64, comma 2-septies (che prevede l’iden con le modalità di cui al comma 1 dell’articolo 65. In pratica non c’è coerenza tra il principio dell’art. 64, comma 2-septies e l’art. 65, comma 1, lettera b).

11. Refuso

Art. 65, comma 1, lettera b) comma 2-novies invece che nonies

12. Conclusioni

Altri interventi puntuali potrebbero migliorare il testo. Rimane comunque il fatto che in oltre 40 commi del CAD si fa riferimento alle regole tecniche. Circa il 50% di queste regole sono da sviluppare ex-novo. Alla loro completa attuazione si potrà dire che il CAD è applicabile nella sua interezza.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati