agid

Competenze digitali, Agid: “Così svilupperemo nuove professionalità nella PA”

Si è parlato spesso di competenze digitali nella PA ma è necessario ora evidenziare la loro importanza in un mercato che ha bisogno di nuove capacità ed abilità per gestire l’innovazione. Le azioni Agid per la definizione di nuovi profili e la rivisitazione di quelli esistenti

01 Ago 2017
Roberto Scano

già presidente Iwa, presidente commissione UNI e-accessibility

digitale_167436176

AgID è da tempo attiva e all’avanguardia in ambito internazionale sul tema delle competenze digitali. Il tema è particolarmente importante perché garantisce un adeguato supporto umano alle iniziative di digitalizzazione della PA: una PA è digitale se i processi sono ripensati in ottica digitale e se gli attori umani sono in grado di comprendere ed utilizzare la tecnologia per migliorare e rendere più fruibile il servizio.

Gli interventi a supporto della digitalizzazione sono pertanto da inquadrare in tre categorie di competenza digitale:

  • competenza digitale di base, rivolta ai dipendenti della PA che utilizzano e interagiscono lavorativamente con strumenti informatici, al fine di consentire un’adeguata interazione con le soluzioni ICT interne ed i servizi digitali verso il cittadino;
  • competenza digitale professionale in ambito ICT, rivolta ai dipendenti e fornitori delle PA che si occupano di attività professionali in ambito ICT, al fine di utilizzare al meglio le risorse umane con competenze specifiche all’interno di progetti di digitalizzazione;
  • competenza digitale dirigenziale, rivolta alla dirigenza pubblica per consentire la comprensione delle tecnologie ICT, al fine di poter governare la digitalizzazione e supportare scelte adeguate in ambito di e-procurement.

Scegliendo di non reinventare la ruota, AgID ha scelto di supportare la normazione tecnica a livello nazionale e internazionale per orientare l’offerta di risorse umane, le richieste delle pubbliche amministrazioni e l’offerta formativa su profili professionali “standard” in grado di soddisfare le esigenze sia del settore pubblico che di quello privato, questo perché negli ultimi tempi si è parlato spesso di competenze digitali ma è necessario evidenziare la loro importanza in un mercato che ha bisogno di nuove capacità ed abilità per gestire l’innovazione sia come prodotti sia come soluzioni.

Relativamente al tema delle competenze digitali di base, si sta avviando un’attività di valorizzazione del modello europeo DigComp 2.1, con la definizione di linee guida e modelli di riferimento per la catalogazione delle competenze digitali di base necessarie in ogni settore (esempio: conoscenze dell’uso di internet, competenze minime di sicurezza informatica, ecc.).

Nell’ambito delle competenze digitali professionali in ambito ICT, AgID ha beneficiato di tali attività definendo per prima in Europa delle Linee guida per la qualità delle competenze digitali nelle professionalità ICT, recependo e valorizzando la normazione tecnica europea (CEN) e nazionale (UNI).

Infine nell’ambito delle competenze digitali dirigenziali si stanno valutando diversi modelli di riferimento in ambito europeo, per definire successivamente delle specifiche linee guida.

Tra le attività attualmente in corso di sviluppo vi sono le tematiche relative alla definizione di nuovi profili specifici nonché la rivisitazione di profili esistenti. L’esigenza di aggiornamento con la riqualificazione della figure professionali e l’inserimento di specifici nuovi profili professionali deriva dalle priorità stabilite dal piano Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione, un documento di indirizzo strategico ed economico attraverso il quale viene declinato il modello strategico di evoluzione del sistema informativo della Pubblica amministrazione. Previsto dallo statuto di AgID e dalla Legge di stabilità 2016 (l. 28 dicembre 2015, n. 208), il Piano nasce per guidare operativamente la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione e diventa riferimento per le amministrazioni centrali e locali nello sviluppo dei propri sistemi informativi. Definisce le linee guida della strategia operativa di sviluppo dell’informatica pubblica, fissa i principi architetturali fondamentali, le regole di usabilità e interoperabilità, precisa la logica di classificazione delle spese ICT e chiarisce il modello per lo sviluppo del digitale. Il piano triennale prevede al suo interno una serie di azioni tra cui l’azione n. 32 “Identificazione dei principali profili e azioni di promozione per la creazione di competenze digitali nella PA”.

32. Identificazione dei principali profili e azioni di promozione per la creazione di competenze digitali nella PA

Tempi:

da settembre 2017

Attori:

Dipartimento della Funzione Pubblica – ISTAT – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – AgID – Altri organismi tecnici

Descrizione:

Raccordo tra gli attori per la definizione delle figure professionali identificate dal piano con la messa a punto di specifici percorsi formativi.

WHITEPAPER
8 benefici dell’hybrid work che faranno bene al tuo business
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Risultati:

Revisione dei profili UNINFO e ISTAT per le nuove figure professionali con competenze digitali.

Realizzazione di format di corsi, workshop e master.

Tra le varie attività in cui è impegnata AgID vi è la definizione di profili professionali specifici in tema di competenze digitali. Il documento informatico è un pilastro essenziale per la digitalizzazione dell’azione amministrativa[1] e i sistemi di gestione informatica dei documenti richiedono figure professionali dotate di competenze adeguate e in linea con le regole tecniche. In particolare la normativa definisce dei ruoli di responsabilità in tema di formazione e conservazione del documento informatico come il responsabile della conservazione, il responsabile della gestione documentale, il responsabile del trattamento dei dati personali e il responsabile della sicurezza. La collaborazione tra i vari ruoli è esplicitamente prevista dalle regole poiché ben difficilmente la stessa persona può possedere tutte le competenze informatiche, giuridiche, manageriali e archivistiche necessarie. La corretta definizione degli ambiti di competenza è certamente essenziale per massimizzare l’efficacia di questa collaborazione.

La norma UNI 11536:2014, ad esempio, delinea i contorni e gli ambiti d’azione della figura professionale dell’archivista che le regole tecniche associa al ruolo di responsabile della gestione documentale o del responsabile del servizio per la tenuta del protocollo informatico, della gestione dei flussi documentali e degli archivi. A distanza di tre anni dalla sua pubblicazione, coerentemente con le procedure stabilite da UNI, ed a seguito delle evoluzioni sia in ambito normativo che di mercato, è opportuno sottoporre la norma ad un processo di revisione al fine di mantenerla aggiornata ed apportare le modifiche che saranno ritenute necessarie per migliorarne la qualità, con particolare attenzione all’inserimento di competenze digitali per la figura generica dell’archivista nonché per la definizione di nuovi profili professionali anche specifici, per esempio con competenze ICT avanzate, come richiesto dal piano triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione, e dal mercato che su un tema così importante ha assoluta necessità di persone adeguatamente preparate.

[1] si veda http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/pubblica-amministrazione/gestione-procedimenti-amministrativi/documento-informatico

WHITEPAPER
Coinvolgi i tuoi dipendenti con una formazione che guardi alle loro esigenze, ecco come!
Risorse Umane/Organizzazione
Competenze Digitali

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4