Lo scenario

Fisco più semplice, così l’automazione modella i servizi del futuro

Lotta all’evasione condotta in modo più efficiente e servizi ai cittadini più facili da approcciare: l’innovazione può cambiare la macchina fiscale, ridisegnando processi e metodologie attraverso l’automazione, l’intelligenza artificiale e soluzioni pratiche

23 Set 2022
Paolino Madotto

manager esperto di innovazione, blogger e autore del podcast Radio Innovazione

calculator-gcb5a8d504_1920

In tempi di campagna elettorale uno dei temi che tradizionalmente fa banco è il tema del Fisco. Il prelievo fiscale in Italia è molto elevato anche in relazione all’attivo di bilancio che da molti anni viene fatto per ripagare il debito. Questo se da una parte permette al nostro Paese di essere “affidabile” nella capacità di ripagare il debito dall’altra deprime la capacità di spesa dei cittadini e dunque la domanda aggregata. In tempi nei quali la situazione internazionale consente di esportare in modo efficace può non essere considerato un grande problema, ma in tempi nei quali il mondo sembra dividersi in blocchi potrebbe generare delle difficoltà alla nostra economia e capacità di crescere.

Il dibattito tradizionalmente si divide tra chi ritiene ingiustificato l’allarme anche in considerazione dell’evasione fiscale e chi ritiene insopportabile il carico fiscale. Sul fronte della lotta all’evasione fiscale molto è stato fatto e con i nuovi provvedimenti che presto andranno in vigore si punta a migliorare la situazione.

Lotta all’evasione fiscale, cosa cambia con gli algoritmi: lo scenario

Lotta all’evasione, il ruolo dell’intelligenza artificiale

La novità più rilevante di questi mesi è la prossima introduzione dell’intelligenza artificiale che l’Agenzia Fiscale sta mettendo a punto con l’algoritmo “VERA che incrociando i dati patrimoniali, immobiliari, fatture elettroniche e dati di ogni tipo dovrà scovare gli evasori colpendo in via prioritaria i casi più rilevanti. In particolare, aumentando la velocità dei controlli, consentirà di colpire l’evasione in modo più rapido che in passato e consentirà di colpire le frodi fiscali in atto come, ad esempio, quelle che utilizzando false esportazioni o frodi sull’IVA sono difficilmente punibili dopo diversi anni.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

La macchina fiscale si concentra sempre di più sull’evasione, e giustamente, per recuperare il maltolto. Oggi, peraltro, questo meccanismo non funziona molto bene. Infatti per piccoli importi ci sono multe altissime a carico del contribuente che non può chiedere di ridurle mentre per grandi evasioni non di rado il fisco si mette d’accordo con il soggetto per pagare solo una parte. Sarebbe infatti troppo lungo per il fisco mettersi in una contestazione che con buoni avvocati può durare anni se non cadere in prescrizione. Questo penalizza i piccoli contribuenti favorendo i grandi evasori (o elusori) fiscali. Negli scorsi anni sono stati messi in atto meccanismi che consentono di rilevare sempre più in tempo reale gli introiti (fattura elettronica, scontrino fiscale elettronico, pagamenti elettronici, ecc) e questo oggi consente di avere dati in tempo quasi reale sulla situazione di ogni soggetto.

La strategia: puntare sulla prevenzione

Il fisco automatizza la sua capacità di rilevare e colpire chi non paga ma utilizzando gli stessi dati è possibile spostare gli interventi dalla caccia all’evasione alla prevenzione cambiando il “paradigma dello sceriffo di sherwood” e andando a trasformare il fisco in un servizio di supporto a tutti per aiutare i cittadini a compiere il proprio dovere. Se è vero infatti che gli evasori sono soggetti che deliberatamente decidono di frodare il fisco è anche vero che pagare il giusto è molto complicato, è necessario avere dei consulenti fiscali che siano in grado di accompagnarci nella dichiarazione del reddito e negli adempimenti che annualmente sono necessari. Errori formali o disattenzioni costano molto care.

Le multe per chi non è in regola sono molto alte rispetto all’importo evaso e questo se era giustificato nel momento che era difficile andarli a scovare oggi diventa ingiustificato se esiste una macchina fiscale capace di raccogliere i dati ed incrociarli con grande facilità. Le multe si vanno ad aggiungere al prelievo fiscale e per la semplicità di scoprire le cifre evase può perfino diventare conveniente per lo stato fare in modo che i cittadini si trovino nella condizione di evasori in modo da poter poi ricavare da loro importi maggiorati del dovuto.

Come cambiare la macchina fiscale: le proposte

È tempo di ripensare la macchina fiscale da una parte, per gli evasori sistematici, nella direzione intrapresa e dall’altra, per soggetti che hanno commesso errori senza volontà di evadere, per aiutarli preventivamente a non commetterli e accompagnarli a pagare il giusto nel momento opportuno. Raccogliere i dati ed incrociarli consente di poter creare meccanismi che vengano incontro alle numerosissime partite iva o ad altri soggetti che possono essere accompagnati a pagare attraverso meccanismi di precalcolo degli importi, di addebito automatico sul conto in banca e di preavviso degli importi da pagare.

Un portale personale

Gran parte dell’attività oggi affidata ai consulenti fiscali potrebbe essere svolta preventivamente dall’agenzia fiscale che attraverso un portale del fisco consenta ad ogni cittadino di avere a disposizione le sue spese e i suoi guadagni e poter verificare quanto credito o debito fiscale ha accumulato. Ad esempio sarebbe opportuno che una partita Iva possa decidere se pagare annualmente le proprie tasse o se non sia più comodo pagarle mensilmente, di veder attribuire le sue spese alle voci corrette in modo automatico e di poter avere un prospetto periodico reale delle sue finanze al netto delle imposte in modo da poter evitare spese che non può permettersi.

Dichiarazione precompilata più completa

La dichiarazione precompilata del 730 ha notevolmente semplificato la vita a molti cittadini, tuttavia spesso è necessario aggiungere o togliere importi o deduzioni. Fare in modo che sia un sistema informatico a calcolare le deduzioni e le spese che meritano di essere considerate sarebbe utilissimo. Questo dovrebbe essere su base volontaria, ogni soggetto dovrebbe poter accedere normalmente al portale dell’agenzia e avere sotto controllo la sua situazione. Verificare se al fisco risultano tutti i suoi beni immobili e patrimoniale, i suoi introiti e sulla base di questi vedere il suo “saldo fiscale”.

Pagamenti tracciabili

Questo richiede che ogni cittadino si impegni a fare pagamenti tracciabili attraverso moneta elettronica e che questi dati siano acquisiti dall’agenzia fiscale.

IMU e figli a carico

Il fisco deve diventare un servizio a supporto dei cittadini, un soggetto in grado di raccogliere le informazioni (e questo già lo fa) e di elaborarle al fine di supportare tutti. Questo dovrebbe funzionare anche per le tasse locali, come l’IMU, dove ogni anno i comuni possono variare le aliquote e dove il fisco dovrebbe inviare ai cittadini direttamente quanto è dovuto senza obbligare le persone a rivolgersi ad un professionista o mettersi a fare il calcolo da soli. Se risultano degli immobili a mia proprietà e stanno in un certo Comune sarebbe facile procedere con il calcolo e presentarlo al contribuente, se nel frattempo è cambiato qualcosa sarà il contribuente a segnalarlo ma nella stragrande maggioranza dei casi il calcolo è un automatismo.

Se ho dei figli e posso avere dei benefici fiscali non è necessario che informi il fisco ogni anno, questi dati sono già presenti nell’ANPR e sarà semplice che mi vengano già calcolati. Le spese mediche già vengono calcolate in questo modo, così come le spese per i bonus edilizi. Stesso meccanismo potrebbe essere effettuato su qualsiasi tipo di spesa in modo da garantire sia il contribuente che il calcolo è esatto che il fisco.

Addebito diretto sul conto

Con l’addebito bancario si eliminerebbe anche l’F24 che spinge inutilmente il contribuente a dover riempire un modulo con codici e importi e si potrebbe semplificare la vita a cittadini e imprese.

Conclusione

Un fisco preventivo consente (e aggiungerei) obbliga a diminuire le multe se non evitarle lasciando il fisco a concentrarsi sulla grande evasione. L’intelligenza artificiale, la data science e i big data rendono possibile e perfino facile ripensare il sistema fiscale, avvicinarlo alle esigenze dei cittadini e delle imprese, personalizzarlo ai diversi profili di ogni contribuente. Negli ultimi anni sono stati chieste enormi quantità di dati da fonti diverse, questa disponibilità dovrebbe tornare ai cittadini con un ridisegno del servizio fisco e con un miglioramento del rapporto tra fisco e cittadino.

L’unico modo per eliminare l’evasione e quello di collaborare con i contribuenti fornendo un fisco semplice in cambio di un fisco che non metta paura al contribuente. Questo consentirebbe sia di migliorare la capacità di prelievo del giusto sia una vita più semplice a tutti, e ne abbiamo bisogno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4