LE PROSPETTIVE

L’IA bussa alle porte degli studi legali: i vantaggi per l’avvocato 4.0



Indirizzo copiato

La professione legale sta via via cambiando anche grazie all’intelligenza artificiale, ma il ruolo dell’avvocato non è (ancora) a rischio. Vediamo come l’IA può supportarne le attività

Pubblicato il 26 giu 2023

Chiara Ponti

Avvocato, Privacy Specialist & Legal Compliance e nuove tecnologie – Baccalaureata



Business,,Technology,,Internet,And,Network,Concept.,Labor,Law,,Lawyer,,Attorney

L’AI ha bussato anche alle porte degli studi legali presentandosi come un “facilitatore” svolgendo ricerche giurisprudenziali specie quelle più sofisticate, eseguendo due diligence, redigendo contenuti per i siti, e via dicendo. Ecco il vantaggio. Tuttavia, pericoli di estinzione della “specie” professionale al momento non se ne vedono dovendo l’avvocato dare ancora istruzioni ben precise e specifiche alle macchine più o meno sofisticate che gli vengono presentate.

Facciamo il punto, offrendo qualche spunto di riflessione.

Lo studio legale del futuro collegato all’IA è già realtà

Come in molte altre professioni anche in quella legale l’intelligenza artificiale sta avendo sviluppi a macchia di leopardo, con le attività che vanno rimodulandosi verso i nuovi paradigmi che l’innovazione digitale e i processi di automazione offrono via via con sempre maggiore forza.

Ecco perché l’IA e gli strumenti di analisi di data sono, tra gli altri, accessori utili, se non anche già indispensabili, per esercitare al meglio la professione forense nel pieno della digital age.

La diffusione dell’IA, tuttavia, non significa che le macchine come pc, laptop, tablet e altri mezzi anche più sofisticati finanche robotici, siano arrivate a sostituire le toghe. Nient’affatto, bando agli allarmismi.

Il digital lawyer non è l’avvocato “artificiale”

Il digital lawyer è quell’avvocato/esperto di diritto che, nello svolgere la propria professione, ha in più la capacità di sovraintendere processi nella fattispecie di sviluppo, di ricerca, analisi e programmazione adoperando vari strumenti tecnologici.
Ma attenzione che il digital lawyer è in carne ed ossa, vivo e vegeto.

Partendo da questo spunto, proprio quando è avvenuta l’approvazione dell’AI Act al Parlamento europeo, dobbiamo intenderci su un aspetto importante: cosa si intende per intelligenza artificiale e cosa da questa si voglia, in concreto.

Partiamo con il definirla richiamando il testo di legge appena citato, così come recentemente è stato modificato nell’ultimo draft. Si tratta di “un sistema progettato per operare con vari livelli di autonomia che può, per obiettivi espliciti o impliciti, generare risultati come previsioni, raccomandazioni o decisioni che influenzano ambienti fisici o virtuali”, includendo (rispetto al testo del 2021) per l’appunto l’AI generativa.

In altre parole, con il termine di “intelligenza artificiale” si deve intendere “un algoritmo in grado di analizzare, definire strategie e trarre conclusioni per completare compiti tipicamente eseguiti dagli esseri umani”.

Data la definizione, chiediamoci ora cosa vogliamo dall’IA

Sebbene questo argomento non sia nuovo, ma si affacci, soltanto oggi lato sensu, nel settore giuridico in realtà da svariato tempo si cerca di capire come sfruttare al meglio le potenzialità dell’IA nelle attività legali, con l’obiettivo già virtuoso di affiancarle e non sostituirle.

I software di IA e l’automazione delle attività forensi

Software di intelligenza artificiale entrano, dunque, anche negli studi legali determinando l’indubbio vantaggio di automatizzare le attività.

Se da un lato però ciò viene vissuto come un tanto di guadagnato pensando alle attività meramente seriali o inferiori, dall’altro, a ben guardare, grande è la preoccupazione che i software di AI indossino le giacchette degli avvocati assumendo decisioni al loro posto. E con quali effetti?

Benefici in un caso, pensando a come e quanto le attività così migliorano sul piano strumentale.

Distruttivi nell’altro dal momento che non tutte le decisioni automatizzate sono logiche e corrette.

Contract management e previsione del contenzioso: i vantaggi dell’IA

Nel contesto della contrattualistica, l’intelligenza artificiale è in grado di fornire metodi rapidi ed efficienti volti ad organizzare/monitorare/negoziare i contratti.

L’IA raccoglie e fornisce dati in tempo reale con la conseguenza che gli avvocati possano:

  • giungere a conclusioni purché non affrettate e irragionevoli
  • creare strategie negoziali
  • scoprire nuove informazioni

Altri vantaggi sono dati da rapide analisi dei precedenti (benché nel nostro sistema, rammentiamo, non facciano status) d’ausilio nella trattazione di analoghi casi.

Certo è che nella previsione del contenzioso è lecito chiedersi quanto le risultanze dell’AI siano di fatto attendibili, anche in termini di professionalità e rispettabilità dell’avvocato.

Al riguardo, uno studio legale londinese ha voluto sperimentare sulla sua pelle la questione e utilizzando per tali fini i dati di oltre 600 casi in un anno prevedendo “la fattibilità di diversi casi di lesioni personali” con il risultato di “…battere gli esperti umani nel prevedere gli esiti dei casi della Suprema Corte”.

In definitiva, un vantaggio enorme.

Quando la tecnologia non sostituisce gli avvocati, ma li supporta

Tra app, software e piattaforme ce n’è per tutti i gusti. Dalla piattaforma che consente di trovare l’avvocato più skillato all’app che elabora un contratto senza mancare nell’ottica prima illustrata, il software che pre-calcola tempi/costi/probabilità di una controversia.

Lato documenti online non possiamo non citare gli smart contract approdati anche nel nostro sistema, con la blockchain (tecnologia che registra in modo trasparente, irreversibile, certo e sicuro qualsiasi transazione in rete) creando da un lato una “incorruttibile evidenza” rispetto ai fatti che avvengono in rete; e dall’altro l’automazione dei contratti grazie all’uso di alcuni software che lavorano su base programmata.

Così arrivando al mondo dei chatbot (messaggi automatizzati scritti in linguaggio naturale come se fossero scritti per mano di un uomo, volti a fornire informazioni alla clientela), e quindi all’IA generativa.

Esistono poi piattaforme, simili a marketplace, in cui esperti di diritto si collocano con prezzi decisamente competitivi; sistema tra i “sorvegliati speciali” che i nostri Ordini professionali monitorano anche per salvaguardare, non da ultimo, aspetti deontologici.

Gli studi legali e la montagna di carte: i “mangiatori” di file digitali

La digital trasformation ricopre, anche con riferimento al settore degli studi legali pensando ai fascicoli complessi per i quali gli avvocati devono guadare montagne di carta, un ruolo centrale. In questo senso, l’AI può essere di grandissimo aiuto.

Da qui, l’ottimizzazione ed efficientamento dello Studio sul fronte gestionale e dipendenti adottando i “mangiatori” di file digitali. In pratica, strumenti che agevolano moltissimo tutto questo complesso passaggio dalla carta al digitale.

Il rapporto del Thomson Reuters Institute: bilancio soddisfacente

Secondo un rapporto pubblicato lo scorso aprile 2023, dal Thomson Reuters Institute, “la grande maggioranza degli studi legali intervistati afferma che l’intelligenza artificiale offre applicazioni utili nelle loro operazioni quotidiane”.

Grandi avvocati d’affari (come Allen & Overy e Baker McKenzie e altri) hanno introdotto dei chatbot, verosimilmente compliant alle normative di settore, sul posto di lavoro.

In pratica, si sono dotati di un assistente digitale, il chatbot legale che si basa sul modello linguistico GPT-4 di OpenAI, già addestrato con migliaia di documenti legali, d’ausilio per le argomentazioni di un caso giudiziario.

Tuttavia, si tratta di uno strumento non certo perfetto, ma perfettibile richiedendo la supervisione dell’uomo/avvocato chiamato a controllare e ricontrollare le risultanze prodotte da un’AI.

Quindi, nessuna sostituzione degli avvocati, almeno a breve-medio-lungo termine.

Il risparmio di tempo

Il risparmio di tempo è un altro di quei fattori fondamentali dal momento che consente per i lavori di routine svolti da un sistema di AI in pochi minuti: portentoso. Specie quando i fascicoli sono voluminosi, ecco che un sistema di AI tale da supportare l’avvocato in un’attività del genere, diventa uno strumento d’ausilio preziosissimo.

Dal sondaggio di Thomson Reuters si evince tuttavia che è ancora molta l’ignoranza sul tema, anche tra gli stessi avvocati.

Ma, la domanda resta sempre la stessa: cosa vogliamo dall’AI, a prescindere dal settore in cui opera; e che fine fanno i dati inseriti automaticamente pensando a quei possibili errori per via di divulgazioni/fughe/perdite di dati e quindi di riservatezza.

Conclusioni

Richiamando quanto già scritto al riguardo, chiediamoci ora se l’IA generativa, specialmente tra i colleghi avvocati, sia vista come un’opportunità per quanto è in grado di semplificare o una schiavitù perché appiattisce del tutto o quasi il pensiero.

Le opinioni in merito sono discordanti; non tutti gli operatori del diritto sono convinti che l’AI generativa debba essere utilizzata nello studio/pratica legale.

La motivazione è semplice nella sua duplicità: ci si chiede da un lato quanto sia affidabile il pensiero unico, e dall’altro quante sono le possibilità di inserire negli algoritmi informazioni invero coperte da segreto professionale, e in quanto tali per nulla divulgabili/circolabili.

Concludiamo dunque riportando le parole di un esimio collega, il quale ritiene, in merito, che “…la macchina esplica la parte più tecnica del lavoro, automatizza i processi e li rende più efficienti, ma comunque è necessario sempre l’apporto dell’avvocato che in questo modo potrà concentrarsi sulla parte (più) creativa”.

In pratica, ben venga l’AI purché questa sia solo a supporto e non anche in sostituzione del professionista che, fino a prova contraria, resta il solo a poter vantare studi, anni di esperienza e successi sul campo, tutti raggiunti grazie a qualità solo umane, fortunatamente.

.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2