Giustizia

Processo Civile Telematico, nessuno affronta i problemi cronici

A quasi quindici anni dalla prima formulazione teorica, rimangono parecchi nodi da risolvere. Tecnici, normativi. Fino a competenze e risorse umane che scarseggiano. Facciamo il punto della grande riforma incompiuta

05 Nov 2015
Federico Guerrini

giornalista

processo-130916135753

La storia infinita del Processo Civile Telematico. Previsto da un decreto del Presidente della Repubblica che risale addirittura al 2001, ha preso davvero piede sul territorio nazionale soltanto negli ultimi anni, peraltro in maniera non uniforme e non priva di complicazioni. È un accavallarsi continuo di polemiche, a un occhio esterno di volta in volta più o meno giustificate o più o meno pretestuose.

L’ultima, pochi giorni fa, da parte dell’Associazione Nazionale Magistrati: secondo Anm, l’ultima riforma estiva, che ha esteso la possibilità di depositare telematicamente tutti gli atti del processo, compresi quelli introduttivi, avrebbe “ridotto i giudici a cancellieri“, sovraccaricandoli di lavoro extra. Altri parlano di uno scontro generazionale, fra una parte di avvocati anziani, che non riescono a fare a meno della carta. e le nuove leve.

Insomma, il PCT sarebbe, secondo alcuni, un mezzo fallimento, o al meglio, un’inutile complicazione. Come spesso accade, la realtà appare molto più sfumata e meno manichea. “Ci sono parecchi vantaggi – spiega ad Agendadigitale.eu l’avvocato Carlo Piana, che da parecchi anni si occupa di informatica e diritto – come poter depositare gli atti e conoscere l’andamento del processo senza doversi recare in tribunale; inviare le notifiche con PEC anziché a mano, e ricevere le ordinanze maniera integrale, non parziale come accadeva prima. Rimagono però ancora problemi di non poco conto”.

Si tratta di questioni in parte squisitamente tecniche, legate al tipo di tecnologie adottate, in parte più collegate invece al fattore umano; in particolare, alla diversa interpretazione delle norme applicative che viene fornita in luoghi diversi. “In tribunali diversi, spesso ci sono diversi modi di interpretare le regole – spiega Piana – Alcune volte è obbligatorio fornire la copia di cortesia, altre volte no. In alcuni casi la consegna degli atti deve essere fatta attraverso portali diversi da quello del processo civile. È difficile per noi avvocati sapersi come regolare”. A ciò si aggiungono malfunzionamenti legati ai sistemi informatici, che se di scarsa rilevanza in altri campi, in ambito giudiziario rischiano di produrre effetti particolarmente gravi. Per esempio, per quanto riguarda il deposito via PEC degli atti.

“È capitato spesso che il gestore Pec non fosse disponibile e in grado di erogare il servizio, col risultato che il deposito degli atti era bloccato per giorni – racconta l’avvocato”. Poi c’è il problema dei controlli sulla correttezza formale degli atti, effettuati sia manualmente che con un sistema automatico. Il controllo automatico dovrebbe scattare solo nel caso di errori gravi, “Nella realtà, non è così. Sono stati rifiutati depositi perché il soggetto che aveva depositato gli atti non era lo stesso che aveva depositato la notifica. Ma dove sta scritto che sia obbligatorio che coincidano?”.

E l’elenco delle lamentale e dei reclami potrebbe continuare: dai rifiuti per motivi non documentati, ad esempio, l’eccessiva lunghezza del nome del file, all’assenza, ai tempi ballerini di elaborazione degli atti, che vengono resi disponibili online a volte, quando sono scaduti i termini per un’eventuale replica, alla scarsità, per non dire la quasi totale assenza della documentazione tecnica per l’utilizzo dei Web Server, il canale privilegiato di accesso ai siti dei tribunali.

Anche dall’altra parte della barricata, fra cancellerie e magistrati, i problemi legat alla riforma del processo civile non mancano. Più che di scontro generazionale, qui si potrebbe parlare forse di mancanza di avvicendamento. ” Tanto è stato fatto, ma restano ancora tanti problemi. I mali derivano dalla situazione più generale del paese dell’informatica e dal fatto che si è voluto fare tanto, con poco, dal punto di vista finanziario – spiega ad Agenda Digitale il referente distrettuale per l’informatica del Tribunale di Milano, Enrico Consolandi – Ma il problema principale è che nel Ministero della Giustizia non si assume da 10 anni, e il personale è vecchio”.

Mancano, o sono troppo pochi, i tecnici, le figure che potrebbero dare il maggiore contributo per aiutare avvocati e giudici a cogliere tutte le opportunità del PCT. Se a Milano, racconta il magistrato, fino a due anni fa, c’erano tre tecnici in sala sever, ora ce n’e solo uno. In altre parti del territorio nazionale, invece, di personale informatico ce n’è in sovrannumero. Esiste quindi una questione di ripartizione disomogenea e diseguale delle risorse.

C’è poi un problema più generale, legato all’adattamento didascalico di una procedura pensata per la carta al digitale, con tutte le contraddizioni e i paradossi che questo può a volte comportare. “Ancora adesso – racconta Consolandi – i diritti di segreteria si pagano con marca da bollo. C’è un altro sistema, che però è molto complicato e macchinoso. Perché non si può usare, ad esempio, carta di credito e PayPal?”.

O ancora: “In alcuni casi, la procedura prevede che il provvedimento del giudice sia in calce all’atto. Ma nella versione telematica, chiaramente, non si può scrivere in calce, altrimenti si perde la firma”. Resta insomma la sensazione che l’innesto puro e semplice del processo telematico su quello ordinario, abbia generato una sorta di chimera, riproducendo inutilmente certi formalismi tipici della gestione cartacea, quando si sarebbe dovuto forse ripensare tutta la procedura.

D’altra parte, per quanto imperfetta, la riforma ha semplificato molti adempimenti, e aperto spazi di trasparenza al cittadino, che oggi può ad esempio, collegarsi al Portale Servizi Telematici del Ministero della Giustizia, e vedere come procede la propria causa. “Restano molti nodi aperti – dice Piana – ma non parlerei di occasione persa. Tanto è stato fatto, anche se lo si sarebbe potuto fare molto meglio, prendendo ad esempio spunto, per quanto riguarda l’invio delle comunicazioni, dalle procedure previste dall’Unione Europea, molto più semplici e lineari delle nostre”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3