innovazione

Adattarsi all’AI per sopravvivere: una strategia per le aziende



Indirizzo copiato

L’adozione dell’intelligenza artificiale coinvolge ormai aziende di ogni dimensione, comprese le PMI, obbligate a conformarsi per restare al passo con i tempi. L’adattamento alle nuove esigenze del mercato diventa dunque essenziale per sopravvivere in un contesto così competitivo, ma senza mai scordare che l’uomo resta centrale

Pubblicato il 4 dic 2023

Rossella Bucca

avvocato, Studio Previti associazione professionale

Valentina Prando

praticante avvocato presso Studio Previti Associazione Professionale



intelligenza artificiale ai act

In contesti aziendali volti ad una prospettiva digitalizzata, diventa quasi una necessità affidarsi a sistemi di intelligenza artificiale per eseguire attività di gestione sempre più complesse.

Quando si affrontano aspetti legati al controllo delle relazioni lavorative che, fino a poco tempo fa, erano prerogativa esclusiva degli esseri umani, sorgono spontanei interrogativi di natura tanto legale quanto tecnologica ed etica. Quale sarà il ruolo del diritto in un contesto simile?

Certamente quello di regolamentare le relazioni tradizionali tra l’azienda e i dipendenti, da un lato, e quelle “nuove” tra dipendenti “umani”, “artificiali”, senza dimenticare, ovviamente, il rapporto con i clienti. Per queste ragioni, appare fondamentale fornire ai creatori di intelligenze artificiali linee guida per la programmazione di tali sistemi.

Le aziende sono, pertanto, tenute a compiere un’attenta valutazione delle proposte avanzate dall’intelligenza artificiale, verificarne la precisione ed efficacia ed adattare a queste i propri modelli organizzativi. Inoltre, è essenziale che qualsiasi cambiamento insito ai modelli organizzativi sia accompagnato da adeguati processi di formazione.

In passato, molte operazioni aziendali richiedevano sforzi umani considerevoli e tempi prolungati poiché venivano eseguite manualmente. Oggi, invece, grazie all’intelligenza artificiale (IA), si è aperta la possibilità di automatizzare molte di queste attività, permettendo al personale di liberarsi da compiti ripetitivi e ai datori di lavoro di servirsi di sistemi organizzativi più efficienti.

Sfruttare il potenziale dell’IA nei contesti aziendali

A tal proposito, viene manifestata da più parti l’idea secondo la quale il connubio tra i nuovi sistemi e la gestione dei dati personali potrebbe contribuire ad agevolare il cammino delle imprese verso una costante e proficua digitalizzazione. 

Viviamo in un’epoca in cui i dati costituiscono una preziosa risorsa, una merce di scambio. La capacità di raccoglierli, gestirli ed analizzarli rappresenta una pietra miliare nella struttura operativa delle imprese moderne. I dati, specie quelli generati in quantità massicce, devono essere collegati e correlati a fonti esterne e banche dati. In questo contesto l’IA esprime tutte le proprie potenzialità nel miglioramento dell’efficienza aziendale. L’IA non si occupa solo di rielaborarli in modo celere ma offre anche un vantaggio strategico: grazie alla capacità di analisi avanzata, consente alle imprese di individuare in tempo reale tendenze emergenti, opportunità e minacce, consentendo agli operatori di adattarsi agevolmente alle mutevoli condizioni del mercato, mantenendo al contempo una posizione competitiva di primo piano.

L’IA può, inoltre, garantire un crescente miglioramento delle condizioni lavorative per i dipendenti. L’automazione di compiti ripetitivi libera il personale da attività monotone, consentendogli di concentrarsi su lavori di maggior valore. L’impiego di chatbot basati sull’IA consente alle aziende di gestire le interazioni con i clienti in maniera più efficiente, rispondendo rapidamente alle loro domande o all’insorgere di eventuali problematiche.

Un ulteriore aspetto da considerare è la riduzione dei carichi di lavoro. L’IA permette di ottimizzare l’allocazione delle risorse umane, distribuendo in modo più efficiente i compiti tra i dipendenti. Ciò conduce ad un migliore equilibrio nella gestione del lavoro, evitando sovraccarichi e sfruttando al meglio le competenze e le abilità individuali.

L’IA offre anche un notevole vantaggio nella riduzione del rischio di errore. Gli algoritmi così strutturati sono in grado di eseguire compiti in modo coerente e accurato, garantendo la coerenza delle operazioni. Questo è particolarmente rilevante in settori in cui la precisione è fattore essenziale, come ad esempio, la gestione finanziaria o la produzione. La minimizzazione degli errori umani riduce il rischio di perdite finanziarie o problemi operativi.

Automatizzare la gestione delle risorse umane: vantaggi e opportunità

Altri benefici dall’impiego di strumenti di intelligenza artificiale provengono dal meccanismo di automazione della gestione delle ferie e delle assenze. Generalmente, si tratta di un processo lungo e complesso che può creare qualche difficoltà soprattutto alle aziende meno digitalizzate. Tuttavia, mediante un sistema automatizzato, è possibile consentire ai dipendenti di richiedere ferie e assenze online, mentre i manager ricevono notifiche per approvare o rifiutare tali richieste. Inoltre, il sistema tiene traccia dei giorni di ferie rimanenti e delle assenze, riducendo il rischio di sovrapposizioni.

Un’altra area in cui l’automazione può fare la differenza è l’onboarding dei nuovi dipendenti, attraverso l’impiego di una guida personalizzata che fornisca loro informazioni cruciali sulle politiche aziendali, i benefit e la cultura imprenditoriale. Inoltre, il sistema consente ai dipendenti di compilare e firmare documenti online, riducendo al minimo l’uso di documenti cartacei (ed il conseguente impatto ambientale).

La gestione delle prestazioni dei dipendenti è un ulteriore profilo che può beneficiare dell’automazione. I manager possono utilizzare un sistema di machine learning per impostare obiettivi, monitorare i progressi, valutare le prestazioni, consentire ai dipendenti di fornire feedback sui propri manager e sulle prestazioni dei colleghi.

Lo stesso ragionamento può essere esteso alla gestione delle spese aziendali e delle retribuzioni: le imprese potrebbero decidere di adottare dei processi che permettano ai dipendenti di caricare le ricevute e richiedere i rimborsi con un semplice click. In tal modo, i dirigenti possono approvare o rifiutare le richieste di rimborso attraverso lo stesso sistema, che tiene traccia delle spese aziendali e consente, di conseguenza, un ottimale, efficace ed efficiente tracciamento. I dipendenti potrebbero accedere alle proprie informazioni salariali e documenti fiscali online, mentre il sistema terrebbe traccia dei giorni lavorati e delle ore effettivamente svolte, semplificando il calcolo delle retribuzioni.

L’automazione di queste attività legate alle risorse umane non solo comporta un notevole risparmio di tempo ed energie, ma migliora l’accuratezza complessiva e l’efficienza dell’organizzazione. La tecnologia si rivela un prezioso alleato nella semplificazione delle operazioni aziendali e nella creazione di un ambiente di lavoro più efficiente.

Sfide e limiti nell’integrazione dell’IA in azienda

Ora, sembra che i sistemi dei IA e machine learning siano la nuova “panacea” delle inefficienze maturate nei contesti lavorativi e, in particolare, in quelli aziendali, più o meno grandi e complessi. Eppure, occorre riflettere su alcuni rilevanti aspetti. L’integrazione dell’IA nei contesti umani e aziendali ha sollevato, di fatti, anche preoccupazioni significative associate al rapporto tra l’essere umano e la macchina.

La sicurezza nel trattamento dei dati personali e delle informazioni costituisce uno dei punti cruciali nello sviluppo dell’IA, i cui sistemi possono apparire vulnerabili a minacce come l’accesso non autorizzato, i tentativi di manipolazione da parte di attori malevoli, la dispersione dei dati sul “dark web” (e la conseguente richiesta di pagamento di un riscatto per la loro restituzione), la distruzione dei dati stessi. Di qui, l’essenzialità dell’intervento umano – da cui non è possibile prescindere – per l’adozione di misure di sicurezza, robuste, adeguate, innovative per la protezione delle informazioni trattate, specie ove si tratti di dati sensibili. dati sensibili.

Uno dei timori più diffusi riguarda la perdita di posti di lavoro. Il rapporto “Future of Jobs” del “World Economic Forum” ha evidenziato, all’inizio di quest’anno, come, rispetto ad 803 aziende che impiegano oltre 11 milioni di lavoratori in 27 industrie e 45 regioni sparse in tutto il mondo, si prospetti la creazione di circa 70 milioni di nuovi posti di lavoro, ma anche la soppressione di oltre 80 milioni di occupazioni. Basti pensare all’online banking, che ha certamente condotto ad un’accelerazione dei processi finanziari e bancari, ma anche alla chiusura di innumerevoli sportelli e filiali. Questo solleva questioni etiche significative sull’adattabilità dei lavoratori, la necessità di riconversione professionale e le implicazioni sociali ed economiche di questa transizione.

In parallelo, si discute sull’alterazione delle relazioni umane. L’interazione crescente con chatbot, assistenti virtuali e applicazioni basate sull’IA ha suscitato interrogativi sulla qualità delle interazioni sociali e lavorative. Alcuni temono che l’IA possa compromettere la natura empatica e autentica delle relazioni umane, portando a un mondo in cui le relazioni umane vengono sostituite da interazioni con macchine. Questo solleva dubbi sulla costruzione di relazioni significative e sulla comprensione emotiva ed etica nell’era dell’IA.

Non bisogna nemmeno dimenticare la natura imprevedibile dei risultati prodotti dall’IA, che è certamente in grado di elaborare consistenti quantità di dati, ma questo non significa che l’intervento umano non sia necessario, anzi al contrario, occorre che le persone incaricate all’interno delle aziende valutino e controllino le risultanze di tali sistemi, riducendo il più possibile il margine di errore. Tale aspetto merita particolare attenzione per settori più delicati come quello sanitario e della finanza, dove le decisioni basate sull’IA possono determinare conseguenze significative. La mancanza di trasparenza nei processi decisionali e la complessità nell’interpretare le motivazioni dietro le decisioni dell’IA possono sollevare dubbi sull’etica e sulla responsabilità del suo utilizzo.

Infine, emerge il timore che l’IA possa superare l’umanità stessa. Questo scenario, noto come “super-intelligenza artificiale”, rappresenta la paura che l’IA possa raggiungere una forma di intelligenza superiore all’umana e potenzialmente minacciare l’umanità. Questa rappresentazione, spesso presente nell’immaginario collettivo, ha generato dibattiti sulla sicurezza e sull’importanza di regolamentazioni rigorose per evitare scenari indesiderati.

Conclusioni

Il subentro dell’IA, perciò, appare inevitabile, ma l’essere umano, rimane al centro del processo di trasformazione digitale, quale fulcro dei processi automatizzati. Gli algoritmi assicurano l’efficienza dei processi aziendali, ma è il discernimento umano che deve valutare l’accuratezza delle risposte fornite dall’intelligenza artificiale, distinguere tra informazione e disinformazione, e determinare se l’output ottenuto sia valido o completamente distorto rispetto alla realtà.

Senza dubbio, l’uso dell’intelligenza artificiale rappresenta uno strumento prezioso per le imprese per migliorare la loro competitività. Tuttavia, l’essere umano continua a svolgere un ruolo insostituibile, e l’intelligenza artificiale ha il compito corroborare la sua attività, supportandolo e non sostituendolo. Il vero focus per le aziende rimane dunque non tanto temere di essere sostituite da macchine quanto comprenderne l’utilità e plasmarla sulle proprie esigenze, al fine di accogliere tale tecnologia come “supporto” e non come un nemico dal quale diffidare.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2