La scheda

Competence center industry 4.0: Politecnico e Università di Torino con le grandi imprese

Il progetto capitanato dal Politecnico di Torino per il competence center 4.0 punta su automotive e aerospazio, con tre centri interdipartimentali additive manufacturing, mobilità, energia, e un centro di big data: il rettore Gilli espone il piano

02 Feb 2018
polito

Il progetto del Politecnico di Torino coinvolge anche l’Università di Torino, grossi partner industriali, prevede una focalizzazione su automotive, aerospazio, energia, puntando in particolare, dal punto di vista tecnologico, su manifattura avanzata e tecnologie additive. «Abbiamo creato tre centri interdipartimentali, su additive manufacturing, mobilità (quindi veic
oli elettrici, macchine a guida autonoma o con sistemi aeronautici), energia, che coinvolgono tutti i dipartimenti del nostro ateneo, e un grande centro di big data e data science, perché Industria 4.0 è l’applicazione di tecnologie digitali avanzate all’ambito industriale» sintetizza Marco Gilli, rettore del Politecnico di Torino, che illustra ad Agendadigitale.eu i punti fondamentali del piano con cui partecipa al bando.

IL QUADRO DELLE UNIVERSITA’ COMPETENCE CENTER

Il PoliTo sarà capofila del competence center. L’Università di Torino metterà a disposizione le proprie competenze in materia di intelligenza artificiale, materiali, chimica, computer science. «Per i partner industriali faremo la manifestazione d’interesse prevista dal bando» specifica il rettore, ma il piano prevede di puntare su grandi imprese con cui l’ateneo collabora da tempo: General Motors, FCA, Thales Alenia, General Electric Avio. «Nel nostro campus di Torino abbiamo un centro GM sui motori diesel, di ricerca e sviluppo e ingegneria, con 700 dipendenti», destinato con ogni probabilità a diventare il quartier generale europeo del colosso americano. Naturalmente il Politecnico che ha sede nel capoluogo piemontese, la città della Fiat, non può non rivolgersi a FCA. Ma il rettore cita anche la collaborazione molto forte con General Electric Avio nel manifatturiero avanzato, in particolare nell’additive manufacturing: «abbiamo dei laboratori congiunti che sono stati visitati dai ministri del G7 che sono stati a Torino in settembre».

Come detto, ci saranno tre centri interdipartimentali e uno dedicato a big data e data science. Tutto questo, sarà messo al servizio delle imprese, soprattutto le PMI. «Le grandi imprese spesso fanno già ricerca», il competence center vuole aprirsi soprattutto alle PMI, che hanno maggiormente bisogno di capire «come le tecnologie consentono di fare innovazione e formazione». Il competence center torinese declinerà tutte e tre le attività previste dal bando. Per quanto riguarda l’orientamento, «mettiamo a disposizione le nostre competenze. Faccio un esempio: un’impresa vede che cosa facciamo ad esempio sul 3D printing in ambito manifatturiero (nei laboratori di GE fanno i motori degli aerei) e si chiede in che modo può utilizzare questa tecnologia. In questo caso, noi la aiutiamo a capire se si tratta o meno di un investimento conveniente, o magari le consigliamo altre tecnologie».

E siamo alla formazione, che secondo Gilli è elemento centrale per vincere la sfida della competitività. E’ un’attività che l’ateneo ha già avviato da tempo, con master (ad esempio i master in alto apprendistato, finanziati anche dalla Regione Piemonte, in cui buona parte degli studenti sono assunti dalle imprese), percorsi curriculari in Industria 4.0 (informatica, meccanica, ingegneria dei materiali), dottorati. La formazione 4.0 «deve essere interdisciplinare, e a vari livelli: l’impresa ha bisogno dell’ingegnere molto specializzato, del Phd, ma anche del livello intermedio, quindi dell’equivalente del diplomato delle Fachhochschulen tedeshe. E anche questa sarà una scommessa dei competence center, che dovranno lavorare insieme agli Its», gli istituti tecnici superiori. «Questo, però, non lo possiamo fare da soli», sottolinea Gilli, è un capitolo che richiede investimenti aggiuntivi».

Infine, i progetti di innovazione, che possono seguire la fase di orientamento. Nel momento in cui l’azienda ha deciso su quale tecnologia puntare, deve provare a capire se funziona o non funziona. E questo si fa attraverso progetti di innovazione. Qui c’è una precisazione importante del rettore: «il competence center non è un centro di ricerca avanzata che produce nuovi risultati sulla frontiera della tecnologia. E’ una struttura che mette a disposizione delle imprese le comoetenze. Noi facciamo già ricerca avanzata, anche con le grandi aziende. Il competence center fa da front end a tutto questo».

Le aziende partner mettono a disposizione le strutture, per quanto possibile. I laboratori congiunti con le imprese in genere prevedono una parte non open (a tutela dei propri brevetti e proprietà intellettuali), e una parte che invece si apre ad altre strutture. Per continuare con l’esempio prima proposto, una PMI che si rivolge al competence center non vedrà il prototipo del motore dell’aereo su cui sta lavorando GE, ma potrà magari avere a disposizione per un certo tempo il macchinario che viene utilizzato per realizzare il motore dell’aereo.

Gilli condivide il piano industria 4.0, «primo esempio di politica industriale del paese», sul quale «ci giochiamo la nostra competitività. Siamo ancora il secondo produttore europeo di manifattura, ma siamo in un momento di grande discontinuità. Le nuove tecnologie, con tempi difficili da prevedere, stanno già rivoluzionando e rivoluzioneranno completamente il mondo dell’industria». E qui, «o siamo in grado di stare dietro all’evoluzione e restiamo competitivi, oppure perdiamo il treno. Il piano ha recepito questa urgenza. Ora bisogna fare in fretta»

Il rettore si definisce «abbastanza ottimista. Nel nostro territorio, dopo la crisi, le imprese che sono sopravvissute hanno investito molto in innovazione. Non solo le grandi aziende, è da tempo che ci stiamo interfacciando con la PMI che cercano le università per fare progetti di innovazione», assumono ingegneri, piuttosto che dottorati in alto apprendistato. «L’innovazione si fa con le persone, con i loro legami e le loro relazioni. Vedo una forte tensione in questo senso da parte della nostra industria, consapevole della trasformazione in corso». Certo, ci vogliono ancora sforzi da parte di tutti, anche (e forse in primis) sul fronte pubblico: «mancano ancora investimenti pubblici. Pensiamo alla Silicon Valley,  ha avuto molti investimenti pubblici. Industria 4.0 li sta facendo» ma, ad esempio, sui competence center 4.0, i fondi sono relativamente scarsi. Di fatto, questi poli di innovazione dovranno finanziarsi da soli. E’ vero che queste strutture, se partono, poi sono in grado di generare finanziamenti, ad esempio europei, o regionale, avviando un processo virtuoso.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati