L'approfondimento

Competence center leva per il rilancio delle imprese: il caso dei bandi di Cim 4.0

In un momento complesso per le aziende come quello che da oltre un anno si sta vivendo a causa della pandemia, il competence center Cim 4.0 ha avviato iniziative a sostegno di progetti di impresa, veicolando fondi per 3.4 milioni di euro attraverso due bandi

16 Lug 2021
Enrico Pisino

Ceo del Competence Center CIM4.0

Transizione 4.0

L’innovazione passa anche dai bandi di finanziamento dei progetti di ricerca. In quest’ottica si contestualizzano i due bandi da 3,4 milioni di euro pubblicati dal competence center Cim 4.0. Del resto l’industria italiana, per poter competere con i migliori ecosistemi internazionali, deve assolutamente allinearsi rapidamente agli standard di digitalizzazione e di implementazione dei processi 4.0. Occorre quindi considerare l’eterogeneità dimensionale delle imprese nazionali, basti ricordare che l’80% di queste rientra nella definizione di PMI, e l’impatto sociale ed economico di quelle filiere produttive che saranno strategiche per la ripresa del Paese.

Il ruolo dei competence center

Le imprese oggi più che mai hanno bisogno di un Piano di rilancio straordinario che a 360 gradi le supporti, finanziariamente e operativamente, sia dal punto di vista del trasferimento tecnologico, sia sotto il profilo dell’upskilling e del reskilling dei lavoratori, sia con aiuti economici a sostegno di progetti di ricerca dal forte carattere innovativo e coerenti con le roadmap tecnologiche e di filiera.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Tra i protagonisti del piano di transizione 4.0 ci sono i Competence center nazionali che operano su mandato del MISE per aiutare le imprese a innovare i propri processi produttivi, a formare manager e responsabili tecnici nella trasformazione digitale, a finanziare, attraverso bandi pubblici, la ricerca applicata accompagnando pmi e startup innovative italiane a competere e svilupparsi sui mercati globali.

Industry 4.0, tutto ciò che c’è da sapere sull’innovazione di impresa

I bandi di Cim 4.0

Cim 4.0, uno degli otto centri di competenza nazionale, con sede a Torino, focalizzato sulla manifattura additiva e sulla digital factory, ha pubblicato due bandi utilizzando 3.4 milioni di euro, ossia l’intero plafond messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico, selezionando e finanziando, in poco più di un anno dalla costituzione, 33 progetti innovativi e 53 aziende (di cui il 50% PMI spesso in partnership con Grandi Imprese) che operano sul territorio italiano nei settori della meccatronica, dei sistemi per la manifattura e dell’informativa. Si è voluto, nonostante il periodo pandemico che si stava attraversando, essere tempestivi, dimostrando al Paese e alle imprese il valore reale e potenziale dei Competence center. In sei mesi sono state attribuite le risorse di ciascun bando attraverso un processo rigoroso di scrittura e pubblicazione, di analisi e valutazione delle proposte progettuali. Un modus operandi in linea con i migliori ecosistemi internazionali, dalla vicina Germania alla più lontana Corea del Sud.

Il bando per PMI e startup

In particolare, come Competence Industry Manufacturing 4.0 nell’ultimo trimestre del 2019 è stato pubblicato un primo bando per un valore superiore al milione di euro, finanziato al 50% a fondo perduto, dedicato esclusivamente alle piccole e medie imprese e alle startup. In quell’occasione sono state selezionati e finanziati, considerando le progettualità dall’alto Technology Readiness Level (da livello 6 a livello 8), 16 progetti che coinvolgono 18 aziende, 4 startup innovative, 3 microimprese e 11 PMI, provenienti da tutta Italia.

Il secondo bando

Nel secondo trimestre del 2020 è stato invece lanciato il secondo bando, per un valore di oltre 6 milioni di euro a cui hanno partecipato 162 imprese tra grandi, micro, pmi e start-up innovative, spesso in sinergia tra loro, localizzate in ogni parte d’Italia, presentando 108 progetti, rappresentativi di filiere industriali d’eccellenza, dall’aerospace all’automotive, dal medicale alla gioielleria, passando per i servizi e l’energia.

La valutazione scientifica e industriale dei progetti anche per questa seconda selezione ha tenuto conto del loro impatto innovativo sui territori, sia dal punto di vista della creazione di nuovi posti di lavoro sia in termini di sviluppo economico. Sono stati quindi valutati positivamente e selezionati 80 progetti, 17 di questi, frutto del lavoro in partnership di 35 aziende, e focalizzati – 3 sull’Additive Manufacturing, 2 su applicazioni di tecniche di intelligenza artificiale per rendere più efficaci i processi produttivi, 7 su IoT e Big Data, 5 relativi a nuovi prodotti e processi produttivi – hanno ottenuto il finanziamento da parte del CIM4.0.

Alla fine di questo secondo bando sono stati avviati 17 nuovi progetti in un momento molto critico per tutti, con il rammarico di non aver potuto sostenere tutti i progetti valutati positivamente sia dal punto di vista scientifico che industriale e di business. Ci fossero state ulteriori risorse disponibili, si sarebbero potuti finanziare altri 63 progetti. Un’occasione persa per recuperare il gap dai migliori. Auspico veramente che ciò non accada e che la rete degli otto Competence center nazionali sia sfruttata per accelerare la risposta alla domanda di innovazione delle imprese italiane. Una concreta opportunità per finalizzare le risorse del PNRR sul fronte del trasferimento tecnologico e dell’innovazione.

Le gare vinte dal competence center

C’è poi, sempre sul fronte dei progetti di ricerca applicata, la capacità dei Competence center di sviluppare proprie progettualità, sia in Italia che in Europa, per sostenere le Imprese Italiane. Nel 2020 Cim 4.0 ha partecipato e vinto un bando nazionale per un progetto sulla sicurezza ed ergonomia del posto di lavoro e uno europeo sul tema del risparmio energetico nella manifattura. Inoltre è stato tra i coordinatori, coinvolgendo tutti gli attori del territorio, del progetto EXPAND (Extended Piedmont and Aosta Valley Network for Digitalization) preselezionato dal MISE per il Bando che definirà gli European digital innovation hub.

European digital innovation hub, ecco perché saranno leva per l’eccellenza

La sfida degli European digital innovation hub

L’industria italiana ha ben compreso quanto il 4.0 sia una leva strategica determinante per reagire alla crisi pandemica e tornare a competere: ci sono imprese importanti, filiere competitive, know-how specializzato, è il momento di investire grandi risorse per arricchire l’indice di innovazione e contribuire allo sviluppo economico del nostro Paese.

Proprio lo sviluppo degli European Digital Innovation Hub rappresenta la prima sfida italiana per connettere sempre più le imprese all’innovazione 4.0, il che si traduce in supporto tecnologico ma anche economico. Servono coordinamento e monitoraggio, flessibilità e agilità di intervento, in sostanza occorre avere una visione sistemica che valorizzi tecnologie, persone e investimenti. I Competence center in questo senso sono il collettore ideale tra le università, le imprese e il mercato, tra il trasferimento della conoscenza e il trasferimento tecnologico, tra l’ingegno e la sua applicazione reale e preformante.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2