L'approfondimento

PD (Basso, Nicita): “Ecco l’innovazione che ci serve per le sfide 2023”

Il nuovo anno si prospetta complesso per l’Italia, con molte sfide all’orizzonte come il caro energia e l’inflazione: uno scenario in cui digitalizzazione e innovazione sono leve strategiche per puntare alla crescita. Tuttavia, la Legge di bilancio sembra trascurare questi aspetti, anche se non mancano i segnali di rilancio

Pubblicato il 04 Gen 2023

Lorenzo Basso

Senatore della Repubblica italiana (PD), vicepresidente VIII commissione Ambiente, Trasporti, Innovazione tecnologica

Antonio Nicita

Senatore della Repubblica (PD) italiana (PD), V commissione Programmazione economica e bilancio

trasformazione digitale

Il 2023 si prospetta un anno complesso per l’Italia, con caro energia, inflazione e incertezza del quadro internazionale a pesare sulla competitività e sulle prospettive di crescita del Sistema Paese. È stato lo stesso Governo Meloni a riconoscerlo, delineando nel quadro tendenziale della versione integrata e aggiornata della NADEF una crescita di appena lo 0,3%, in linea con le previsioni di stagnazione elaborate dell’OCSE (+0,2%). In questo scenario innovazione e digitalizzazione assumono valore ancora più strategico, in quanto fondamentali per affrontare con successo le sfide dettate dall’attuale contesto di crisi.

Una nuova identità digitale per tutti gli italiani nel 2023: i punti chiave

Investimenti in tal senso permettono infatti di ridurre i costi e gli sprechi (energetici, ma non solo), di aumentare la produttività del lavoro e di controllare meglio i rischi grazie a processi più efficienti e all’elaborazione di dati sempre più puntuali. Tutti elementi indispensabili per uscire da un quadro di stagflazione evitando di ripetere gli errori del passato.

Primo fra tutti la strada di comprimere i salari e aumentare la precarizzazione del mondo del lavoro: una scorciatoia che non solo lacera in maniera irreparabile il nostro tessuto sociale ma, sul piano economico, penalizza sul lungo termine la capacità del nostro tessuto produttivo di competere a livello internazionale. Dispiace allora constatare che la Legge di Bilancio 2023 – testo che dovrebbe essere il manifesto economico-programmatico del Governo – dedichi pochissima attenzione e pochissime risorse a questi temi. A risaltare infatti sono soprattutto le cose che mancano, piuttosto che quelle presenti. A partire dai temi portanti, dove salta subito all’occhio l’assenza delle parole digitalizzazione e innovazione.

Legge di bilancio 2023, poca innovazione: lo scenario

Tuttavia, la Legge di Bilancio 2023 sembra rinunciare a esprimere un qualsiasi indirizzo sulle politiche di innovazione e digitalizzazione, delegando di fatto l’intera questione al PNRR. Questo approccio rappresenta però un errore che rischia di costare caro all’Italia, perché non riconosce il valore di innovazione e digitalizzazione come risposta alla stagflazione. Di fronte a un quadro sconvolto rispetto a soli due anni fa, servono misure aggiuntive rispetto a quelle del PNRR dove resta una questione di fondo non risolta e cioè come impiegare i circa 1.2 miliardi di euro risparmiati sulla missione 1.2 per il programma Italia a un Giga. Noi riteniamo sia opportuno impiegarli per sollecitare la domanda di connettività a banda larga. Su questo cosa dice il Governo?

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa

Siamo consapevoli di trovarci a pochi mesi dall’inizio di questa XIX legislatura e vogliamo quindi sperare che non sia questa legge di bilancio la cifra per giudicare il nuovo Governo sui temi dell’innovazione e aprire uno spiraglio di fiducia anche a fronte delle recenti dichiarazioni da parte di esponenti che sembrano aprire lo spiraglio a un cambio di rotta nei prossimi mesi. Il Ministro Adolfo D’Urso ha parlato esplicitamente di una revisione e un rilancio di Transizione 4.0, con un cambio di focus dai beni strumentali interconnessi ai software e servizi cloud che riprende una nostra proposta avanzata nel recente convegno promosso alla Luiss da Anitec-Assinfor dal titolo “Digitale per crescere”.

Anche il Sottosegretario all’innovazione Alessio Butti, in una recente comunicazione alle Commissione I e VIII del Senato, ha delineato un orizzonte di intervento molto più dettagliato e articolato, che speriamo voglia essere la bussola di temi e priorità del governo (e non le infelici esternazioni sulla chiusura di SPID che si è rivelato lo strumento più efficace degli ultimi anni per avvicinare i cittadini ai servizi delle Pubbliche amministrazioni). Se le prossime mosse del Governo dimostreranno la volontà di dare seguito alle proposte di rilancio e di investimenti, allora come opposizione saremo pronti a dare il nostro contributo per dotare il nostro Sistema Paese delle politiche di sviluppo di cui ha bisogno per non vanificare gli ottimi risultati raggiunti negli ultimi due anni.

Il nodo di Transizione 4.0

La prima grande assenza è la revisione delle aliquote del Piano Transizione 4.0. La programmazione originaria prevedeva infatti una riduzione degli incentivi a partire da quest’anno, ma era ampiamente atteso (sia nel mondo industriale sia in quello politico) un intervento per mantenere gli attuali livelli di credito d’imposta. Così non è stato, con la conseguenza che a partire dal prossimo anno risulteranno fortemente ridotti gli incentivi per investimenti in beni strumentali, con penalizzazioni addirittura maggiori per gli investimenti in software. Inoltre, non saranno rinnovati gli incentivi legati a formazione 4.0 e non sarà rifinanziata la Nuova Sabatini. Si tratta di scelte di indirizzo gravi, che rischiano di pesare a lungo sia sulla capacità di innovazione del tessuto produttivo italiano sia sui processi di trasferimento tecnologico.

Politiche industriali per il supporto al Made in Italy

La decisione di istituire un “Fondo per le politiche industriali di sostegno alle filiere produttive del made in Italy” (art. 74 della Legge di Bilancio) non appare sufficiente a compensare questi tagli e non solo per le limitate risorse di cui è dotato questo fondo. Il problema principale di questo nuovo strumento è che va ad aggiungere complessità e sovrapposizioni in un sistema di incentivi che avrebbe invece bisogno di essere semplificato e razionalizzato, dopo anni di stratificazioni di interventi diversi. Inoltre, dalle poche informazioni disponibili, sembra di capire che le risorse di questo fondo siano rivolte a una platea minore di aziende rispetto a quelle di Transizione 4.0 ma con un focus meno definito sugli interventi finanziabili, quando invece sarebbe preferibile un approccio diametralmente opposto.

Fondo innovazione in agricoltura

La Legge di Bilancio istituisce, all’articolo 77, anche un “Fondo per l’innovazione in agricoltura”. In attesa dei decreti attuativi risulta complesso dare una valutazione di questa misura, ma alcune considerazioni preliminari sono già possibili. Da un lato è certamente positivo il riferimento al possibile coinvolgimento di Cassa Depositi e Prestiti e Ismea (l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), perché significa riconoscere le peculiarità e le complessità che attraversano il variegato mondo agricolo. D’altro canto, invece, la scelta di dedicare un’attenzione specifica solo all’agricoltura, a scapito indirettamente di altri settori, sembra invece ignorare le dinamiche e le diverse realtà dell’ecosistema dell’innovazione italiano.

Le risorse per la cybersecurity

Un’osservazione simile può essere fatto per quanto riguarda le risorse dedicate all’attuazione della Strategia nazionale di cybersicurezza (art. 154). La misura è certamente lodevole, ma esistente un’esigenza di una visione più integrata che affronti il nodo della cultura e della formazione sui temi della cybersicurezza nell’ambito delle PMI e della cittadinanza diffusa. Risulta inoltre poco chiaro perché non sia stata dedicata attenzione ad altri piani strategici mai adeguatamente valorizzati e finanziati, a partire da quello triennale per l’Intelligenza Artificiale lanciato lo scorso anno.

L’importanza di promuovere le materie STEM

Un’ultima menzione la merita l’articolo 98, dedicato alla promozione delle materie STEM. Se senza dubbio è meritevole la scelta di dedicare espressamente un articolo al tema della formazione, allo stesso non si può non osservare che le misure proposte non sembrano essere in grado di produrre risultati significativi, soprattutto a fronte del già citato taglio della misura Formazione 4.0.

E-commerce e criptovalute

Meno impattanti sul tema dell’innovazione appaiono invece gli articoli dedicati all’e-commerce (art. 37) e alle criptovalute (artt. 31-35), dal momento che si tratta di interventi di natura prettamente fiscale, rivolti nel primo caso a contrastare l’evasione IVA, nel secondo a regolarizzare la materia (anche se di fatto con una sanatoria).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4