Nuovo governo

Rangone: “Innovare le nostre aziende con un nuovo PNNR, ecco che fare”

Grazie ai nuovi fondi possiamo recuperare i ritardi accumulati dalle imprese nella trasformazione digitale negli ultimi vent’anni. Ma per riuscirci, bisogna modificare il piano intervenendo su tre livelli. Vediamo come

08 Feb 2021
Andrea Rangone

presidente Digital360, professore Politecnico di Milano

digitalizzazione agenda draghi

Sul tavolo del nuovo Governo c’è ora il dossier su come migliorare il PNRR con il recovery fund; su come orientare i nuovi fondi in modo da sfruttare al massimo quest’opportunità che arriva nella pandemia.

L’Italia ha così adesso, tra l’altro, l’irripetibile occasione per recuperare i ritardi accumulati dalle imprese nella trasformazione digitale negli ultimi vent’anni. 

Tre livelli su cui agire per innovare il sistema produttivo

Ne sono convinto. Il PNRR può portare a una reale accelerazione dell’innovazione, finalmente, del sistema economico produttivo italiano. Ma per riuscirci, bisogna modificare il piano intervenendo su tre livelli.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale
  • Quello delle imprese, in particolare le PMI, che ora hanno l’ultimo treno per cambiare e crescere grazie al digitale.
  • Le startup innovative, che rappresentano la linfa del futuro della nostra economia.
  • La ricerca di base e applicata.

Innovare le nostre imprese

Sì, senza dubbio abbiamo bisogno di lavorare sulla ricerca di base, ma gran parte dell’arretratezza del nostro sistema produttivo è legato a cose più banali. Alla difficoltà delle aziende a usare tecnologie che già ci sono, disponibili da tempo sul mercato; utilizzate abbondantemente altrove in Europa, negli Usa, in tutto il mondo avanzato. Di qui la debolezza competitiva attuale del nostro sistema economico produttivo. Siamo il Paese europeo che ha perso di più in produttività negli ultimi venti anni.

E così, prima di pensare – come fanno molti esperti – agli usi avanguardistici delle tecnologie più sofisticate, bisogna ricordare che tante, troppe aziende ancora non usano il cloud, hanno server arretrati interni; non hanno un sistema gestionale integrato, un crm, un sistema efficace di analisi dei dati. Queste soluzioni sono indispensabili se si vuole poi sfruttare realmente le tecnologie più avanzate, legate all’intelligenza artificiale, alla blockchain e altre.

Da un’analisi con altre economie comparabili, risulta che mancano più di 20 miliardi all’anno di spesa ICT nel sistema imprenditoriale italiano. Compriamo troppo poche soluzioni digitali, maturando così, anno per anno, ritardi con il resto dei Paesi sviluppati.

Dopo vent’anni passati a sottovalutare l’innovazione tecnologica, siamo a un punto critico.

Come aumentare la spesa ICT delle imprese

Quindi la domanda da porsi è come riuscire a fare assorbire dosi di ICT più abbondanti alle imprese. È noto che la cultura degli imprenditori è il principale ostacolo.

Ancora dieci anni fa uno di questi, un’azienda con circa 50 milioni di fatturato, non aveva un IT manager. Al mio stupore, mi dice: “ho migliaia di postazioni in azienda, non ho mica un responsabile delle sedie”. Come se l’innovazione tecnologica fosse una commodity, senza valore strategico. La politica, i media hanno sottovalutato il fenomeno per anni, dopo lo scoppio della bolla tecnologica (del 2000), autorizzando la sopravvivenza di cultura arretrata.

Ora però il covid-19 ha dato uno shock culturale all’Italia. Tutti, o quasi, hanno capito che senza ICT il business è impossibile.

E adesso che l’hanno capito – almeno più di prima, a quanto vedo dal mio punto di osservazione – bisogna capire come agevolare la spesa delle imprese, in particolare delle PMI in ICT, in soluzioni digitali.

La buona notizia è che non c’è bisogno di inventarsi nulla di nuovo. Il credito d’imposta diretto, del piano Transizione 4.0, va benissimo per sostenere la spesa ICT. Rispetto a quanto fatto finora, però, il recovery fund servirà ad ampliare e allargare questa misura.

L’offerta ICT è già pronta, l’industry delle tech company è evoluta. Non c’è bisogno di nuovi soggetti, intermediari, per soddisfare questa domanda. Agevoliamo quindi solo, con un piano pubblico, l’incontro domanda-offerta. Alla PMI, quindi, non manca l’offerta.

Non mancheranno i soldi, se diamo i giusti incentivi. Ma alla PMI mancano le competenze adatte. Bisogna quindi agevolare un mercato di assunzioni di personale competente grazie a sgravi fiscali e previdenziali.

Così la PMI può assumere professionalità che altrimenti forse non potrebbe permettersi, nel ruolo ad esempio di CTO – Chief Technoly Officer, di CDO – Chief Digital Officer, di CIO – Chief Innovation Officer.

In Italia ci sono moltissimi manager e professionisti che hanno fatto ottime esperienze di innovazione digitale nelle imprese più grandi, nelle multinazionali, oppure nelle imprese tecnologiche e nelle società di consulenza ICT: creiamo un meccanismo che ne favorisca l’ingresso anche nel mondo delle PMI.

I voucher per innovation manager, che abbiamo avuto nei piani governativi, non bastano. Non bastano pochi mesi di consulenza che le aziende hanno potuto così ottenere. La PMI deve poter riuscire a internalizzare il personale competente. Incentivi vanno previsti anche per la formazione digitale degli imprenditori stessi e delle loro persone chiave, , aiutandoli ad avvicinarsi alle molteplici soluzioni digitali e a cogliere l’importanza della trasformazione digitale.

Quindi gli elementi ci sono già, tutti sul tavolo. Dobbiamo solo amalgamarli, agevolarne lo sviluppo.

Aiutare le startup innovative

Secondo punto, il ruolo delle startup innovative. Abbiamo finalmente creato un soggetto pubblico importante. Il Fondo nazionale d’innovazione, grazie a tante risorse e aggregando molti profili professionali rilevanti, sta già avendo un ruolo di catalizzatore. Attenzione ora però a non farsi prendere la mano; a non cedere alla tentazione di acquisire al proprio interno pezzi di sistema che devono restare privati. Questa è la mia preoccupazione, già espressa loro: c’è il rischio che diventino la “Iri pubblica della startup”.

Il loro ruolo deve essere solo quello di catalizzatore, di enzima, di fertilizzatore. Altrimenti si perde di vista l’obiettivo: creare un ecosistema dell’innovazione forte e diffuso.

Ricerca di base e applicata

Terzo punto, la ricerca.

Ricerca applicata

Abbiamo ottime università, che hanno alcuni problemi a fare la differenza sul panorama dell’innovazione concreta. L’errore fondamentale è che i meccanismi di incentivazione della carriera accademica sono eccessivamente di natura bibliometrica. Tengono ancora ben poco conto degli impatti reali della ricerca, del trasferimento tecnologico, della capacità di lanciare spinoff universitari. Un limite non solo italiano, denunciato da esperti per altri Paesi.

A questo riguardo, per incentivare il trasferimento tecnologico, lo spin off, è importante creare all’interno delle università sportelli tecnologici efficienti che aiutino ricercatori e professori a questo fine. Un servizio che agevoli, velocizzi, crei cultura e sensibilità.

Tutto questo per la ricerca applicata.

Ricerca di base

Per quella di base, basta dire che è bene concentrare le risorse nei centri di ricerca italiani affermate, evitando di spargerle a pioggia.

Non cambiare tutto, ma direzionare meglio

Insomma, non dobbiamo cambiare tutto ma rafforzare l’esistente. Farlo funzionare meglio con gli altri pezzi e con il sistema Paese nel complesso.

Le misure 4.0 già attuate vanno già nella direzione giusta. Abbiamo già elementi forti su cui puntare: offerta ICT, professionalità e poli con grandi potenzialità.

Ma bisogna ora potenziare, allargare gli sviluppi già tracciati e in certi casi (come nelle startup) direzionare con più precisione l’impegno.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati