fibra e iot

Edilizia 4.0: tutte le sfide per le imprese di costruzioni

Le imprese edili potrebbero connotarsi come valido intermediario della filiera nel processo di riconversione del patrimonio immobiliare in ottica di domotica e FTTH. Occorre però un ripensamento del loro ruolo e un maggior coinvolgimento all’interno di incontri e convegni tecnici. Le opportunità da cogliere

18 Dic 2018
Silvia Ricci

Assimpredil Ance

building information modeling, smart building, domotica 4.0

La straordinaria richiesta di adeguamento tecnologico-impiantistico degli edifici è una sfida impegnativa anche per le imprese edili, chiamate a ripensare il proprio ruolo in chiave di intermediari della filiera e a coinvolgere all’interno del proprio organico aziendale figure specifiche che sappiano dialogare con il mondo dell’IoT.

Una sfida, quella proveniente dagli ambiti della domotica e dalle installazioni tecnologiche FTTH, da cogliere anche in termini di vantaggio competitivo. Il momento è quanto mai contingente: la grande opportunità da cogliere è la consapevolezza di un mercato che sta cambiando, al passo con le forti richieste di innovazione infrastrutturale delle comunicazioni.

La necessaria riconversione del patrimonio immobiliare

Il patrimonio immobiliare italiano, considerato nella sua interezza, deve essere riconvertito totalmente affinché detenga le predisposizioni idonee ai sensi dell’art. 135 bis del DPR 380/2001, secondo cui tutti gli edifici di nuova costruzione devono essere dotati di una infrastruttura fisica multiservizio. Gli edifici antecedenti rispetto ai requisiti di “nuova costruzione” contenuti nell’articolo, devono a loro volta, essere adeguatamente convertiti secondo i suddetti principi. Gli scenari che si aprono puntano nel considerare un elevato potenziale le economie che potrebbero generarsi da questa stringente necessità, come un possibile canale anche per il rilancio del comparto edile.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

La maggior parte del patrimonio immobiliare italiano che non è dotato di infrastrutture multiservizio deve essere incanalato entro questo processo virtuoso di adeguamento delle installazioni delle nuove reti di comunicazione, ormai divenute fondamentali per le attività operative quotidiane.

Il ruolo delle imprese edili

A tal proposito però, le imprese edili non risultano in diretta relazione con il processo di rinnovamento e di conoscenza delle tematiche emergenti inerenti agli edifici “smart”, poiché le informazioni circa le installazioni necessarie fanno parte del patrimonio nozionistico operativo degli “addetti ai lavori”, ovvero degli installatori elettronici, di sicurezza, domotica, delle tecnologie di quinta generazione (5G) facenti parte del mondo delle comunicazioni “Internet delle cose” (IoT).

La condizione necessaria è che tale cultura venga trasmessa anche all’interno delle imprese di costruzioni, connotate – all’interno della filiera – come attori, talvolta, restii ad accogliere le novità del mercato. Il motivo principale potrebbe essere ricondotto al fatto che a livello aziendale risulti necessario che le funzioni tecniche vengano adeguatamente strutturate e formate per far sì che, anche le imprese di costruzioni, possano essere in grado di decifrare e – opportunamente verificare nell’ambito degli appalti integrati – ciò che viene installato.

L’opportunità che deve essere colta, anche in termini di vantaggio competitivo per il mercato, è che le imprese di costruzione potrebbero connotarsi come un valido intermediario della filiera, indispensabile per attuare le predisposizioni per l’accoglienza dei nuovi impianti, ad esempio i molteplici cavedi da riconvertire per l’inserimento della nuova tecnologia impiantistica all’interno dei condomini.

Tra le risposte di una visione comune unidirezionale è, senza dubbio, il concetto di integrazione a cui tutti gli attori della filiera dovrebbero tendere.

Per integrazione, è da intendersi la sinergia progettuale e operativa tra: progettisti-clienti, impresa affidataria, fornitori e installatori per l’esecuzione congiunta e vincente dell’opera. Che possa essere il processo BIM determinante in questo nuovo percorso nella riconversione tecnologica degli edifici?

Il Building Information Modeling

Il processo BIM consentirebbe di far aderire ad un comune modus operandi la filiera affinché si riesca ad operare nella medesima direzione. Tutti gli attori coinvolti devono tendere a un esercizio fondato su un dialogo comune; dove gli strumenti dell’operare quotidiano (software e programmi) possano esser connessi tra loro attraverso un processo simultaneo e rivelatore di ogni singolo processo aziendale per il raggiungimento del fine collettivo.

Il Building Information Modeling consente la possibilità di concepire l’integrazione del progetto sin dalle fasi preliminari di progettazione, alla parte realizzativa di costruzione (architettura, ingegneria, impianti tecnici) come anche nel facility management. L’impresa di costruzione, adottando tale modello, potrebbe essere in grado di governare in maniera più attenta e vigile tutte le fasi di costruzione sia in termini di cost-control che, più specificatamente, in termini di aderenza al progetto nonché di competente verifica delle installazioni che vengono effettuate attraverso fornitori specializzati, ma che in termini di appalto generale rientrano nella responsabilità dell’impresa affidataria general contractor.

Proprio in virtù di osservare e anticipare un trend di mercato che diverrà imminente, nonché cogente, le imprese edili dovrebbero già avere una visione del futuro dell’edilizia che comprenda la straordinaria richiesta di adeguamento tecnologico-impiantistico degli edifici, coinvolgendo all’interno del proprio organico aziendale figure specifiche che sappiano dialogare con il mondo dell’IoT, e quindi governare processi lavorativi intravedendo le forte potenzialità di settore con le figuri professionali che interverrebbero.

La formazione delle risorse

Il settore edile avverte che il momento per mettersi in gioco sia contingente: il requisito fondamentale è la formazione delle risorse, specie nell’ambito tecnico e BIM, che deve mettere in atto all’interno della propria realtà per riuscire a dialogare adeguatamente con il mercato al fine di essere un partner propositivo per i progetti di innovazione tecnologica da attuare.

Ritengo che il fatto di coinvolgere le imprese di costruzione all’interno di incontri e convegni tecnici del settore delle infrastrutture delle telecomunicazioni sia davvero indicativo: in virtù di una consapevolezza che si sta diffondendo nel ritenere la categoria delle costruzioni un punto nevralgico e strategico per lanciare le innovazioni tecnologiche relative all’industria 4.0, di automazione industriale e domestica per ripartire con competenza e conquistare strategiche fette di mercato ritenute inaccessibili.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati