Il caso nazione

Finlandia, tra stagnazione economica e leadership digitale

Un sistema educativo e un settore pubblico valutati come punti di riferimento mondiali, ottime infrastrutture digitali, grandi capacità strategiche, eppure ancora dentro la stagnazione economica e con la necessità di nuove riforme educative e di un grande progetto digitale come “data hub” tra Asia ed Europa

14 Mag 2014
finlandia-140419171820

“Il peggioramento generale di risultati nell’area dell’apprendimento mostra che dobbiamo intraprendere una forte azione per sviluppare l’educazione finlandese”, queste le parole di Krista Kiuru, Ministra per “Education and Science” dopo la pubblicazione dei risultati della rilevazione 2013 PISA dell’Ocse (in peggioramento) e poco prima di avviare un progetto di ampia portata focalizzato sulle scuole primarie e secondarie e con l’obiettivo di identificare una riforma del sistema. Un progetto che si propone di approfondire il tema del significato della competenza e dell’apprendimento in termini di sviluppo sociale e dei metodi di motivazione per l’apprendimento, la soddisfazione a scuola e l’insegnamento.

Di contro, il sistema educativo finlandese continua a essere un esempio per il resto del mondo e, nelle rilevazioni internazionali (come ad esempio nel Global Competitiveness Index del World Economic Forum) è collocato al primo posto.

Tra stagnazione e leadership

È, questo, lo specchio di una nazione che orgogliosamente esibisce una capacità di innovazione culturale e sociale tra le più elevate, e in economia è costretta a domandarsi come fare marketing di sé stessa, valorizzando un’immagine che rimane molto al di sotto della situazione effettiva, riplasmando l’intero ecosistema economico e puntando finalmente anche ad un export più significativo.

La schizofrenia si evidenzia in una disoccupazione crescente (anche se con ritmi molto più bassi che in Paesi come l’Italia), un Pil ristagnante, e in un riconoscimento generale da parte degli osservatori internazionali di possedere quelle armi che altri Paesi non hanno per realizzare con successo la transizione verso la società digitale.

Qualche dato può essere utile. La Finlandia:

  • è al quarto posto nell’Innovation European Scoreboard, che misura le prestazioni dei Paesi Europei nell’area dell’innovazione secondo più dimensioni (risorse umane, ricerca, finanza, presenza di innovatori, investimenti delle imprese, impatti economici, asset intellettuali);
  • è al quinto posto (su 157 Paesi) nell’ICT Development Index, che misura le performance digitali di un Paese sulla base dell’accesso alle tecnologie e alla rete, del loro uso e delle competenze che sono presenti;
  • è al primo posto (nel 2012 era terza) (su 144 Paesi) per il Networked Readiness Index, che misura la presenza delle condizioni essenziali per lo sviluppo pieno delle potenzialità della rete;
  • è tra i primi cinque Paesi in tutti i principali indicatori dello Scoreboard dell’Agenda Digitale Europea, con eccezione di alcuni indicatori nell’ambito eCommerce (e però è al primo posto nell’online banking);
  • è al terzo posto (su 148 Paesi) per il Global Competitiveness Index, che misura la presenza delle condizioni essenziali per la competitività di un Paese, ma con punte (primo posto) sulla trasparenza delle istituzioni (il livello di corruzione è tra i più bassi al mondo) e il sistema educativo.

Un altro riscontro sul valore del sistema educativo viene dalla rilevazione Ocse sul livello delle competenze degli adulti, nell’ambito del PIAAC (Programme for International Assessment of Adult Competencies), che si focalizza sulle competenze linguistiche, matematica e di problem-solving in ambienti tecnologici. Ebbene, qui non solo la Finlandia consegue tra i migliori punteggi, ma lo fa in maniera visibilmente più elevata grazie a coloro che hanno frequentato la scuola dopo l’ultima riforma del sistema educativo, che ha puntato su classi di piccole dimensioni e un insegnamento molto attento alle potenzialità e alle esigenze dei diversi studenti, anche di quelli problematici. In generale il 63% della popolazione ha una medio-alta alfabetizzazione funzionale (livello 3 o superiore) contro una percentuale media del 50% di tutti i Paesi valutati dall’Ocse (l’Italia è intorno al 30%), e anche sopra la media è la competenza matematica.

Se poi si considera la popolazione giovanile (14-25) nell’ambito del problem solving in ambienti tecnologici, i finlandesi sono dietro i coreani solo per l’1,5%. Una nazione in salute, dal punto di vista delle competenze. E allora?

La vision, la strategia e la governance

Forse è utile partire dalle scelte strategiche e di governance che ha compiuto la Finlandia. Scelte strategiche, come quelle operate nell’Agenda Digitale, che parte da una Vision per il 2020 che si fa apprezzare per il suo approccio organico “L’uso, la produzione e lo sviluppo di dati, contenuti e servizi digitali è parte integrante delle nostre vite quotidiane. Le reti di comunicazione veloce devono aiutare la creazione di un migliore bilanciamento tra lavoro, educazione, vita familiare e tempo libero”. Uso, produzione e sviluppo da tutti e per tutti, nel senso della proattività e dell’uso consapevole del digitale.

L’architettura dell’Agenda Digitale prevede da una parte le sfide che si pone il Paese, dall’altra le precondizioni necessarie per realizzarle. Le sfide sono ambiziose (ottenere un salto nella produttività dei servizi grazie alla digitalizzazione, vedere la popolazione anziana come una risorsa, essere leader mondiale nello sviluppo sostenibile, fare della Finlandia un attore influente del Mercato Unico) così come le precondizioni sono trasversali e impegnative (far sì che l’informazione sia aperta così da essere accessibile in modo libero e semplice, nella progettazione dei servizi adottare un paradigma centrato sugli utenti, migliorare le competenze e l’accessibilità garantendo che ciascuno possa fruire i servizi digitali, riformare il management passando dalla gestione “a silos” alla cooperazione interattiva). Significativo in particolare l’accento sul nuovo paradigma “orientato agli utenti”, perché sono quelli che conoscono le effettive esigenze da soddisfare. I cittadini-utenti non sono visti come consumatori passivi dei servizi, ma vengono coinvolti attivamente nel creare e dare forma a questi servizi.

È una strategia che pone in evidenza gli elementi culturali del cambiamento e dell’innovazione. Così, accanto ai Ministeri che hanno principalmente in carico la realizzazione dell’Agenda Digitale (oltre la Ministra Krista Kiuru anche la Ministra dei Trasporti e dei Governi Locali Pia Viitanen) ecco che la scelta del Digital Champion si mostra simbolica. Si tratta di Linda Liukas, co-fondatrice di Railsgirls.com, un movimento no-profit che si propone di far sì che sempre più donne siano attratte dalla “costruzione di Internet”, attraverso la programmazione e soprattutto attraverso un atteggiamento proattivo. Un movimento che ha fatto tappa anche in Italia. E nelle dichiarazioni fatte subito dopo la sua nomina c’era tutta la sua passione: “Voglio far sì che tutte le giovani donne vedano tutte le magiche, radiose possibilità che la tecnologia offrirà. La tecnologia è il modo più veloce per cambiare il mondo e voglio vedere sempre più persone differenti costruire prodotti e imprese”.

Di questa spinta strategica fa parte il programma GIDE (Growth, Innovation, Digital Services and Evolution), che si focalizza sullo sviluppo di sei temi valutati prioritari (Open data, Sviluppo di servizi cloud, Start up, Green ICT, nuove forme di lavoro e rafforzamento della ricerca ICT), ma anche la visione dello sviluppo digitale finlandese fondato sui dati, per essere un “data hub” tra Asia ed Europa, sfruttando la posizione geografica e le ricchezze infrastrutturali, l’attenzione alla sicurezza dei dati, e le competenze presenti: “noi saremo in grado di trasformare la Finlandia nell’”asso dei dati” d’Europa. Così noi possiamo creare nuova crescita e nuova occupazione”, secondo le parole della Ministra Viitanen.

Cambiare il mondo, puntare strategicamente a essere leader, credere che non ci sia spazio per chi si pone in modo passivo, da consumatore, nell’evoluzione digitale. Per questo alla preoccupazione per il manifatturiero che si riduce, per l’export che non decolla, per un turismo non sfruttato, per i risultati PISA degli studenti peggiorati (forse a causa di un’attenzione ridotta verso la matematica), fa da contraltare la convinzione di aver scelto di puntare su altri valori, vincenti nel lungo periodo e nel profondo. Nelle parole di Krista Kiuru: “le argomentazioni accademiche non sono quello che vogliono i ragazzi. I ragazzi hanno bisogno di tanto di più. La Scuola dovrebbe essere il luogo dove noi insegniamo il significato della vita; dove i ragazzi imparano quello di cui hanno bisogno; dove possono imparare le competenze per vivere nella comunità. Ci piace pensare che la scuola è importante per sviluppare una buona immagine di sé, una forte sensibilità per i sentimenti degli altri … e per capire che è importante prenderci cura degli altri. Queste cose vogliamo che siano parte integrante dell’educazione a scuola”. Ma non solo: è appena stata avviata un’iniziativa per l’introduzione dell’insegnamento della programmazione nella scuola primaria. Nell’ottica che la sfida digitale si vince se si è tra coloro che sanno costruire.


Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4