Piani banda larga europei

Germania: banda ultra larga a tutti fra quattro anni

Porta avanti programmi per garantire una copertura totale del 100% della popolazione, a 50 megabit, entro il 2018. Già entro quest’anno ne saranno coperti i tre quarti

11 Giu 2014
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

germany-140609003818

La strategia nazionale tedesca in materia di banda larga persegue l’obiettivo di fornire l’accesso a banda larga con velocità di almeno 50 Mbps al 75% delle famiglie entro il 2014 e a tutte le famiglie entro il 2018, nel rispetto degli obiettivi generali stabiliti dall’Agenda Digitale per l’Europea.

Il piano nazionale è stato adottato nel 2009 e aggiornato nuovamente nel 2013 per promuovere e realizzare programmi sperimentali finalizzati all’espansione di reti a banda larga. In base agli ultimi dati aggiornati, la diffusione di banda larga attuale e la copertura di reti di nuova generazione raggiunge percentuali al di sopra della media europea

Il Ministero Federale dei Trasporti e delle infrastrutture digitali (Bundesministerium für Verkehr und Infrastruktur digitale) è l’organo responsabile per lo sviluppo della banda larga e l’attuazione delle politiche strategiche del governo federale in materia. L’Agenzia federale delle reti per l’energia elettrica, gas, telecomunicazioni, poste e Ferrovia (Bundesnetzagentur), in qualità di autorità nazionale di regolamentazione, implementa il quadro normativo nazionale, secondo quanto previsto dalle norme europee di riferimento nel rispetto degli obiettivi dell’Agenda Digitale per l’Europea.

La banda larga Federal Bureau (Breitbandbüro des Bundes) rappresenta il centro di competenza nazionale dal 2010 ed esercita rilevanti funzioni finalizzati a garantire la fornitura di tecnologie indispensabili su tutto il territorio nazionale per garantire il miglioramento delle condizioni delle imprese private, degli enti statali, federali e nazionali mediante la sperimentazioni di progetti ed iniziative innovative.

Il Breitbandbüro des Bundes ha anche una funzione di assistenza e di supporto nei confronti dei potenziali beneficiari dei fondi finanizari destinato allo sviluppo delle reti e inoltre organizza eventi e workshop con la collaborazione di numerosi attori coinvolti nel processo di espansione delle reti a banda larga in Germania. Infine, tale organo mantiene i contatti con i centri di competenza a banda larga degli stati federali.

Gli interventi

La Germania ha adottato una strategia nazionale a banda larga nel 2009, nuovamente aggiornata nel 2013 ed in vigore fino al 2018. Gli obiettivi principali sono quelli di dotare almeno il 75% delle famiglie con connessioni a banda larga caratterizzate da una velocità di trasmissione di almeno 50 Mbps entro il 2014, per raggiungere una copertura totale del 100% entro il 2018.

A tal fine, la strategia nazionale incentiva l’uso di sinergie per l’espansione economica di infrastrutture a banda larga mediante una politica di sostegno e una regolamentazione orientata alla crescita per stimolare l’espansione delle reti a banda larga principalmente effettuate da operatori privati.

In tale contesto, la revisione della legge sulle telecomunicazioni, entrata in vigore nel maggio 2012, completa il programma della strategia a banda larga del governo federale e ottimizza il quadro normativo per l’espansione e la costruzione di reti ad alta velocità, creando incentivi per gli investimenti nelle settore delle nuove reti.

Inoltre, la nuova legge sulle telecomunicazioni rafforza la concorrenza tra gli operatori dei servizi di accesso alle reti e promuove la tutela dei consumatori nel settore delle telecomunicazioni.

Rispetto al programma delineato, costituisce un indispensabile supporto di informazione e di monitoraggio sulla disponibilità della banda larga, lo strumento dell’atlante banda che mostra in tempo reale la copertura a banda larga delle famiglie, mediante l’elaborazione di rapporti biennali contenenti un’analisi dettagliata della disponibilità effettiva di banda larga esistente nel Paese.

Secondo le linee guida del Ministero Federale dei Trasporti e delle infrastrutture digitali, si sottolinea la rilevanza di un’Agenda Digitale nazionale per il rilancio dell’economia, del lavoro e della vita sociale. A tal fine si ritiene necessaria una strategia nazionale per definire un programma concreto ed efficace con un raggio d’azione dal 2014 al 2017 finalizzato alla valorizzazione dei servizi ICT e alla digitalizzazione della società.

L’obiettivo è, in particolare, quello di ampliare l’infrastruttura digitale per accelerare lo sviluppo delle tecnologie digitali del futuro e sostenere la digitalizzazione dell’industria tradizionale, garantendo un elevato livello di sicurezza nel settore ICT.

Inoltre, il governo federale si è impegnato a sancire la neutralità della rete come obiettivo normativo della legge sulle telecomunicazioni. Per realizzare questi obiettivi, secondo la strategia nazionale, risulta indispensabile operare investimenti nel settore delle infrastrutture digitali per favorire la diffusione e l’espansione delle reti a banda larga ad alta velocità, affinché tutti i cittadini tedeschi abbiano un accesso a Internet ad alte e veloci prestazioni.

Pertanto, occorre potenziare l’infrastruttura digitale per renderla veloce, disponibile e efficiente, dal momento che una moderna infrastruttura digitale costituisce un fattore importante per l’economia e per una moderna società dell’informazione.

In questo senso, è necessario rendere le reti digitali più potenti, in maniera tale da garantire entro il 2018 una fornitura nazionale di almeno 50 Mbit/s in favore di tutti i cittadini mediante l’erogazione di incentivi nei confronti degli operatori per investire in reti più efficienti. Inoltre, viene perseguito l’obiettivo di garantire una trasmissione completa e affidabile di dati digitali per l’intero paese, soprattutto nelle zone rurali, in cui sussistono ancora lacune e criticità nella fornitura dei servizi digitali. Tutto ciò, rende necessario lo sviluppo di reti a banda larga dal momento che la copertura territoriale con connessioni a banda larga ad alta velocità e lo sviluppo delle reti di nuova generazione costituiscono condizioni essenziali per la crescita economica e la crescente prosperità, tenendo presente che alla fine del 2012 in Germania, una connessione a banda larga con una velocità minima di 10 Mbit/s era disponibile per il 99,7% di tutte le famiglie.

Entro il 2014, il 75% delle famiglie dovrà essere dotato di una copertura di rete con velocità di trasferimento di almeno 50 megabit al secondo, con l’obiettivo di garantire alte prestazioni diffusamente disponibili su tutto il territorio nazionale, soprattutto allo scopo di eliminare il digital divide, particolarmente radicato nelle zone rurali e nelle aree extraurbane.

Lo sviluppo di potenti reti mobili di ultima generazione offre un importante contributo alla fornitura nazionale di applicazioni a banda larga ad alta velocità, secondo quanto previsto dalla strategia nazionale in materia banda larga predisposta dal governo federale, coinvolgendo i governi regionali e locali nell’attuazione della strategia, mediante un gruppo di coordinamento avente il compito di coordinare le attività degli attori coinvolti per l’attuazione della strategia della banda larga. A tal fine, l’Ufficio federale a banda larga ha il compito di sostenere tale strategia mediante attività di promozione dei servizi a banda larga, di consulenza e di assistenza, per realizzare una distribuzione rapida e conveniente delle reti a banda larga in Germania, predisponendo programmi di finanziamento a sostegno degli investimenti

Soprattutto nelle zone rurali, lo sviluppo del mercato risente di rilevanti critictà e disfunzioni a causa dei costi di connessione elevati e della bassa domanda, con la conseguenza che in questi casi è indispensabile realizzare forme innovative di finanziamento al fine di attuare progetti di sviluppo economicamente sostenibili. Non a caso, per favorire la diffusione della banda larga anche in questi contesti geografici sono state realizzate le attività congiunte “Miglioramento delle strutture agricole e protezione costiera” (GAK) per aumentare l’attrattività delle aree rurali come location economica e residenziale e “Miglioramento della struttura economica regionale” (GRW) destinate soprattutto a regioni strutturalmente deboli.

Con il “Fondo europeo di sviluppo regionale” ( FESR ) e il “Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale” (FEASR) è stato possibile utilizzare i fondi integrativi dall’Unione europea per lo sviluppo di reti di banda larga su base nazionale per eliminare il digital divide esistente.

Al fine di realizzare gli obiettivi della strategia nazionale tedesca, particolarmente importante è il ruolo del Federal Bureau of Broadband finalizzato sostenere l’attuazione della strategia a banda larga del Governo federale tedesco, fornendo sostegno ai centri di competenza degli stati federali e realizzando la creazione di una piattaforma comune per coinvolgere tutti i soggetti interessati e condividere le esperienze virtuose realizzate. Tale organo collabora con tutti i soggetti interessati in materia di sviluppo della banda larga e offre servizi di consulenza, mediante progettazione, attuazione e promozione di eventi e dibattiti nel settore della banda larga.

Nel contesto delle iniziative predisposte per promuovere reti a banda larga, è stato realizzato un progetto pilota finanziato dal Ministero Federale dell’Economia e della Tecnologia, finalizzato a favorire la distribuzione di un’infrastruttura a banda larga presso il Comune Flecken Ottersberg sito nello stato federale della Bassa Sassonia. Il progetto (avviato nella sua fase di programmazione nel 2010 e concluso nel 2013) ha previsto la predisposizione di misure in grado di modernizzare il sistema delle reti esistente, mediante la realizzazione di soluzioni innovative volte alla costruzione di reti e servizi ad alte prestazioni nelle zone rurali, con un graduale incremento della disponibilità dell’accesso ad Internet ad alta velocità nella regione di riferimento grazie ad un investimento in fibra ottica ed in tecnologia FTTB.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4