i dati EY

Infrastrutture digitali, punti di forza e deboli dell’Italia

Cresce l’interesse degli investitori istituzionali e finanziari in settori legati alla transizione digitale – fibra ottica e datacenter in particolare. Ma su questi ultimi l’Italia viaggia in ritardo. Un nuovo impulso è però atteso dal PNRR

30 Set 2021
Marco Daviddi

EY Europe West Markets Leader for Strategy and Transactions

Giuseppe Donatelli

TMT Italy leader per la service line Strategy & Transaction e Transaction Strategy & Execution Italy leader at EY Parthenon

Daniele Ruggeri

Associate Partner per l’area Strategy and Transaction di EY

Andrea Scialpi

Transaction Diligence Leader and Infrastructure leader per l’area Strategy and Transactions di EY

reti infrastrutture

La mole di traffico dati sia attuale sia prevista dallo sviluppo del 5G richiede, necessariamente, capacità non solo trasmissiva ma anche computazionale per l’elaborazione dei dati, la relativa governance e il controllo della latenza. Per far fronte a questa esigenza, si sta affermando la centralità dei datacenter come asset strategico.

I datacenter in Italia

Secondo quanto emerge da un’analisi interna di EY, l’Italia detiene circa l’11% del totale dei datacenter presenti sul territorio europeo, seconda solo a Inghilterra e Germania (rispettivamente con il 18% e il 14%).

INFOGRAFICA
I migliori data analytics tools a confronto: CHI VINCE?
Big Data
Datacenter

Strategia Cloud Italia, non sarà una passeggiata: i problemi da risolvere

Non abbiamo hyperscaler

Il principale gap tra il nostro Paese e il resto d’Europa è rappresentato dalla mancanza di datacenter hyperscaler, la cui architettura e scalabilità permette di supportare un alto numero di server fisici che incorporano milioni di macchine virtuali. Da un recente censimento effettuato dall’AgID emerge che il 95% dei datacenter della PA, gestiti anche da comuni ed enti pubblici, presenta un gap importante rispetto a requisiti minimi di sicurezza, affidabilità e capacità elaborativa.

Uno dei motivi che ha spinto la necessità di una costruzione di poli strategici nazionali, con queste tecnologie.

Il mercato delle infrastrutture in Italia

Questo dato si scontra con uno scenario molto dinamico, come confermato anche dall’ultima edizione dell’EY Infrastructure Barometer, il sondaggio annuale realizzato tra i principali stakeholders del settore infrastrutturale di tutto il mondo, che testimonia come il 58% dei manager prevede di concludere nuovi accordi in Italia nei prossimi 12 mesi (in crescita, +14%, rispetto al 2020).

Nel corso degli ultimi 12 mesi EY ha rilevato un crescente interesse da parte di investitori istituzionali e finanziari in settori legati alla transizione digitale, con particolare riferimento alle reti fibra ottica e ai data centre, che sono infrastrutture chiave anche per lo sviluppo del 5G nel Paese. Secondo l’EY Infrastructure Barometer il 15% dei manager intervistati hanno investito in infrastrutture digitali (in crescita, +2% rispetto al 2020) e il 20% degli stessi ha intenzione di realizzare investimenti in tali settori nel corso dei prossimi 12 mesi.

Secondo il Digital Economy and Society Index (DESI) 2020 – che misura il grado di digitalizzazione dei paesi dell’Unione Europa – l’Italia presenta un basso grado di digitalizzazione, posizionandosi al 25° posto in Europa. Il divario infrastrutturale non è caratterizzato da una spaccatura tra Nord e Sud, ma è generalizzabile a tutto il Paese, infatti quasi tutte le regioni italiane presentano almeno un’area in forte ritardo. Tale risultato è confermato anche dai risultati dell’EY Digital Infrastructure Index 2020, che analizza il livello di maturità delle infrastrutture digitali delle province italiane.

Pandemia e servizi digitali: boom di traffico e investimenti

La pandemia Covid-19 in Italia ha generato un aumento della domanda dei servizi digitali, con l’incremento della necessità di soluzioni di smart working, didattica a distanza, realizzazione di servizi e prodotti fruibili online. Tale situazione ha determinato un boom di traffico dati che ha sottoposto le infrastrutture digitali a condizioni di massimo carico e stress, e ha evidenziato come le aree/aziende/PA, che in passato avevano investito nel digitale, hanno avuto un grado maggiore di adattabilità e resilienza.

Questo boom deve essere supportato da datacenter all’altezza dell’era digitale che sta attraversando l’Italia.

Connettività ultrabroadband

Nel corso degli ultimi anni in Italia sono stati avviati una serie di investimenti importanti per la diffusione della connettività UltraBroadBand (UBB) su tutto il territorio nazionale sia sulle reti fisse (fibra ottica) sia sulle reti mobili (5G).

A partire da dicembre 2019, secondo i dati del Ministero dello Sviluppo Economico, 42 province sono state in grado di raggiungere una copertura della popolazione superiore al 15% in connettività UBB. Tale dato rappresenta un grande passo in avanti rispetto alle 9 province dell’anno precedente.

In termini di penetrazione della connettività UBB di rete fissa, secondo i dati forniti dalla Commissione Europea, l’Italia si posiziona sopra la media europea, raggiungendo una copertura del 90%; tuttavia, in termini di percentuale di famiglie abbonate ai servizi UBB di rete fissa, l’Italia si colloca al di sotto della media UE.

Secondo i dati del Ministero dello Sviluppo Economico, ad aprile 2020 sono iniziati i lavori per la realizzazione di reti UBB in circa 2.600 comuni, mentre l’infrastruttura è già disponibile in circa 600 comuni. Gli ulteriori step per la diffusione della connettività UBB riguardano la realizzazione di infrastrutture UBB nelle aree “a fallimento di mercato” tramite le concessioni Infratel. La diffusione della fibra ottica risulta indispensabile, inoltre, anche per lo sviluppo delle potenzialità offerte dalla tecnologia 5G.

Il 5G, attualmente, è disponibile principalmente nelle grandi città – in particolar modo al Nord – e necessita, oltre ad una rete infrastrutturale di supporto adeguata, di una presenza capillare sul territorio di siti per la trasmissione del segnale (“Torri”). Infatti, proprio nel settore delle Torri si registra una tendenza alla concentrazione dei player finalizzata a una razionalizzazione e condivisione dei siti di trasmissione del segnale.

L’impulso che arriverà dal PNRR

Nel prossimo futuro è atteso dal PNRR un impulso rilevante al miglioramento delle infrastrutture digitali del nostro Paese, che ha come prima missione quella di incentivare la digitalizzazione, con uno stanziamento di fondi quantificabile in circa 40 miliardi di euro, di cui circa 10 miliardi stanziati per la digitalizzazione della PA.

Il PNRR punta a sviluppare una strategia digitale che preveda da una parte il consolidamento delle strutture di datacenter attuali in nuove strutture con standard di qualità all’avanguardia, anche in ottica di cloud transformation e requisiti di sicurezza dei dati (cybersecurity), e dall’altra il completamento delle reti UBB in fibra ottica.

In tal senso, è opinione diffusa che per l’Italia il PNRR offra, anche nel campo delle infrastrutture digitali, la possibilità di iniziare un percorso di opportunità da non perdere per compiere dei decisivi passi in avanti nel processo di digitalizzazione del Paese con conseguente beneficio sull’economia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3