SERVIZI DIGITALI

Migrazione al cloud della PA: una guida per risparmiare grazie al PNRR



Indirizzo copiato

Migrazione al cloud della PA agevolato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Un corposo programma di fondi favorisce la transizione digitale delle pubbliche amministrazioni centrali e locali, triangolando flessibilità, resilienza e sicurezza. Gli esperti spiegano vantaggi e opportunità del cloud geo-distribuito.

Pubblicato il 2 ott 2023

Stefano Baldi

VP R&D di Cubbit



contratto cloud
contratto cloud

Migrazione al cloud della PA come approccio più efficace ed efficiente che aiuta le organizzazioni ad affrontare una sfida cruciale: modernizzare i propri sistemi e servizi per offrire un’esperienza più efficiente ed efficace ai cittadini. Il tutto in un contesto di sicurezza a prova di cybercrime. Gli analisti del Clusit, nel loro ultimo rapporto, segnalano alle PA di alzare la loro soglia di attenzione e di prendere opportuni provvedimenti, dal momento che l’Italia ad oggi è il primo Paese in Europa e il terzo al mondo per attacchi ransomware. I dati confermano come la PA sia nel centro del mirino degli hacker, aggiudicandosi ben 1 attacco su 5. Le cronache recenti segnalano attacchi al Comune di Torre del Greco, al Comune di Toggia, a Confartigianato Federimpresa FC e, notizia di pochi giorni fa, all’Università di Salerno.

Le iniziative del governo favoriscono le PA

In questo contesto, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) rappresenta un’opportunità strategica per accelerare la migrazione al cloud delle PA italiane. Sono diversi e consistenti i fondi del PNRR per la protezione dei dati e dei servizi dei cittadini, con in programma almeno 50 interventi di potenziamento delle capacità cyber della PA, mentre 1 miliardo di euro è già stato messo a disposizione per facilitare la migrazione al cloud. Allo stato attuale, a rispondere positivamente agli avvisi pubblici sono già 14.000 enti tra comuni, scuole e ASL. Obiettivo? Centrare tutti gli obiettivi del piano PA digitale 2026, un’iniziativa del Capo Dipartimento per la Trasformazione Digitale con lo scopo di portare la PA sul cloud da qui ai prossimi tre anni. Ma come accedere a questi fondi?

Migrazione al cloud: come ottenere i fondi del PNRR

La dotazione finanziaria del PNRR per la Pubblica Amministrazione è parte integrante del più ampio pacchetto di aiuti economici forniti dall’Unione Europea, volti a sostenere la ripresa dei Paesi membri in seguito alla crisi pandemica. Gli investimenti sono suddivisi in diverse aree strategiche, come la migrazione al cloud della PA ma anche l’incremento della postura della sicurezza informatica, l’adozione di servizi come PagoPA e AppIO, e la creazione di infrastrutture digitali securizzate. Il tutto è coordinato dal Dipartimento per la Trasformazione Digitale e mira a rendere la Pubblica Amministrazione più efficace, resiliente e al passo con le esigenze del XXI secolo. La collaborazione con partner pubblici e privati è un aspetto fondamentale del piano, permettendo un approccio olistico alla sicurezza, all’innovazione e allo sviluppo tecnologico. I benefici che derivano dall’impiego di questi fondi sono molteplici e tangibili:

#1 Efficienza e Accessibilità

La migrazione al cloud della PA, favorita dall’investimento di 280 milioni di euro per la migrazione al Polo Strategico Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni centrali e dal fondo da 1 miliardo di euro per abilitazione e facilitazione migrazione al Cloud, mira a semplificare l’accesso ai dati e alle applicazioni della PA. La centralizzazione delle risorse digitali consente una gestione più efficiente, una maggiore resilienza e l’accessibilità da qualsiasi dispositivo connesso.

#2 Sicurezza e Resilienza

Con un investimento significativo nel campo della cybersecurity, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede di rafforzare l’ecosistema digitale nazionale attraverso servizi di monitoraggio e gestione delle minacce cyber. Saranno potenziate le capacità di valutazione e certificazione delle tecnologie cyber, per una transizione digitale resiliente. Questo non solo protegge i dati sensibili, ma garantisce anche la fiducia dei cittadini nei servizi pubblici online.

#3 Innovazione e Crescita

L’adozione di servizi come PagoPA e AppIO, con una scadenza specifica nel 2023, promuove la creazione di un sistema di pagamento elettronico uniforme e l’introduzione di un’applicazione mobile integrata. Ciò stimolerà la crescita e l’innovazione non solo all’interno della Pubblica Amministrazione, ma anche tra le imprese private che collaborano con il settore pubblico.

#4 Formazione e Riduzione del Divario di Cittadinanza

Gli investimenti mirano anche a fornire risorse e strumenti necessari per la formazione di giovani e per ridurre il digital divide, assicurando che tutti i cittadini possano beneficiare dei servizi digitali offerti. Con avvisi specifici riguardanti le infrastrutture digitali, si cerca di costruire una solida base tecnologica su cui appoggiare tutti i servizi digitali, superando i divari territoriali e quelli legati all’età. Ciò include l’adozione di piattaforme digitali nazionali per i dati, che possono servire come pilastri per vari servizi pubblici.

PA Digitale 2026: funzionalità e obiettivi

La piattaforma PA digitale 2026 è un mezzo per gli enti per accedere alle risorse del PNRR per la digitalizzazione della PA. Questa include supporto per la migrazione al cloud della PA, con un programma di supporto e incentivo per trasferire dati e applicazioni delle Pubbliche Amministrazioni locali verso servizi cloud qualificati. Inoltre, coerentemente con la Strategia per la crescita digitale del Paese e il Piano Triennale per l’informatica nella PA, la strategia Cloud delineata da AGID stabilisce un iter di abilitazione per gli enti, sia pubblici che privati che desiderano proporre servizi cloud alla Pubblica Amministrazione. I principi chiave includono il miglioramento dei livelli di servizio, accessibilità, usabilità e sicurezza, l’interoperabilità, la riduzione del rischio di dipendenza dal fornitore, la resilienza, protezione dei dati e l’apertura del mercato alle PMI. L’adozione dell’infrastruttura cloud permette di migliorare l’efficienza operativa dei sistemi ICT, ridurre i costi, aumentare la sicurezza dei dati e accelerare la fornitura di servizi a cittadini e imprese.

I vantaggi del cloud storage geo-distribuito

Tra le varie opzioni di migrazione al cloud della PA, presidiando una transizione digitale all’insegna della cybersecurity e della compliance, il cloud storage geo-distribuito si conferma un approccio iper-resiliente, economico e green. Il cloud storage geo-distribuito è uno storage in cloud che può, inoltre, essere reso immutabile ai ransomware, che permette alle PA di definire l’area geografica in cui i dati sono archiviati, in piena conformità con GDPR, CCPA, ACN (ex Agid) e Iso. A proporlo è Cubbit con DS3, un’interessante e conveniente soluzione di cloud object storage geo-distribuito a livello europeo . Lo specialista bolognese che opera in tutta Europa, offrendo supporto in lingua italiana, sia tramite telefono che e-mail, serve 70 Paesi econta oltre 170 aziende clienti, tra cui Aeroporto di Bologna, Amadori, Cnp Vita (Gruppo Unicredit), Granarolo, Scm Group, Comune di Marcheno e tante altre realtà della PA.

Migrazione al cloud della PA per una governance a tutto tondo

Rispetto al cloud storage tradizionale, che salva i dati degli utenti su alcuni data center, il cloud storage geo-distribuito di Cubbit cripta, micro-frammenta e distribuisce i dati degli utenti in una rete peer-to-peer di dispositivi a basso consumo energetico che abbattono qualsiasi rischio legato a disastri naturali, ransomware o attacchi hacker. Per tutte le PA questo significa poter contare su un cloud made in Italy, che garantisce il controllo totale su dati, infrastruttura e costi.

· Sovranità dei dati garantita

I dati archiviati in Cubbit sono custoditi esclusivamente in Italia, in piena conformità con il GDPR: il cloud storage proposto è abilitato MePA e dispone della qualifica ACN, Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (subentrata all’AgID, Agenzia per l’Italia Digitale) nonché della Cybersecurity Made in Europe Label, un riconoscimento per le imprese IT europee che si distinguono per innovazione nel rispetto delle normative in materia di sicurezza informatica.

· Sostenibilità economica ed ecologica

Garantendo elevati livelli di sicurezza e risparmio in termini economici ed ecologici, per ogni TB archiviato, Cubbit stima che per un anno si risparmiano fino a 25 kg di anidride carbonica. Il tutto proposto con un pricing semplice e trasparente che permette di stabilire un budget e poi rispettarlo senza sorprese in fattura. Inoltre, spostando il budget da OpEx a CapEx, l’acquisto del servizio SaaS diventa una voce d’investimento che consente alle PA di sbloccare i fondi pubblici come quelli forniti dal PNRR.

· Sicurezza e conformità normativa

Cubbit abilita sia l’S3 Object Locking che l’S3 Versioning, due funzionalità di nuova generazione che rendono i dati immutabili a ransomware, modifiche e cancellazioni per un determinato periodo, offrendo al contempo la possibilità di accedere a tutto lo storico dei propri dati in qualsiasi momento. Inoltre, sottoponendosi ad auditing periodici da parte di organismi internazionali, lo specialista bolognese ha conseguito le certificazioni ISO 9001:2015 (sistemi di gestione qualità), ISO/IEC 27001:2013 (gestione della sicurezza delle informazioni), ISO/IEC 27017:2015 (sicurezza del cloud), ISO/IEC 27018:2019 (privacy nel cloud e protezione dei dati personali).

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Cubbit

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3