scenari

Fibra e 5G sono il futuro dell’Italia digitale, ecco le sfide

Si va verso servizi di connettività sempre più integrati tra fisso e mobile, trasparenti rispetto alla tecnologia utilizzata, ma basati esclusivamente sulla capacità di banda richiesta. Per questo l’Italia deve trovare la sintesi tra il piano banda ultra larga, fondato su fibra, e la nuova gara 5G

11 Apr 2018
Francesco Pirro

responsabile Area Innovazione della PA AgID

5g_635417738

Torna attuale un mio antico motto. Emerge un avvenire di convergenza totale ove la banda larga diventerà un attributo della persona, indipendentemente da luoghi, tecnologie e costi.

Tale avvenire ora è già realtà ma non per tutte le persone, non per tutte le cose e soprattutto non ovunque. In futuro la parola chiave dovrà essere “ovunque”.

Il futuro dei servizi di connettività fisso-mobile

Si svilupperà nei prossimi anni sul mercato un’offerta di servizi di connettività sempre più integrata tra fisso e mobile, trasparente rispetto alla tecnologia utilizzata, ma basata contrattualmente esclusivamente sulla capacità di banda richiesta con determinate caratteristiche di qualità, senza alcuna distinzione tra il wired e il wireless. La banda larga personale, un servizio associato alla persona e non più al luogo dove questa si colloca. Una variabile di persona e non di area. Peraltro, con la diffusione pervasiva dell’IOT, la tendenza a virtualizzare e gestire in cloud sempre più le funzioni di Networking (SDN) e lo sviluppo della tecnologia 5G, le prestazioni di rete percepibili dall’utente tra fisso e mobile non avranno molto da invidiare alla tecnologia fissa, anche per effetto delle caratteristiche di flessibilità e di prioritarizzazione del traffico del 5G, che la distinguono significativamente dalle tecnologie precedenti (slicing). Per la maggior parte dei servizi fruiti dall’utente non esisteranno limitazioni di utilizzo tra fisso e mobile, passeremo da una rete all’altra in un hand-over verticale senza soluzioni di continuità e soprattutto senza differenze prestazionali percepibili dall’utente. Le prestazioni della rete mobile saranno sostanzialmente equivalenti in termini di percezione dell’utente a quelle della rete fissa. Fino a poco tempo fa era inimmaginabile ipotizzare throughput sul mobile superiori alle prestazioni di un Adsl e ora con il 5G siamo tranquillamente oltre il Gbit/s e con il 5G beyond andremo verso il Tbit/s.

WHITEPAPER
Smart Building: a quanto ammonta il loro valore di mercato nel nostro Paese?
Proptech
Smart city

Anche il costo del servizio a banda larga mobile si avvantaggerà dell’introduzione di queste nuove tecnologie, in modo sensibile per l’utente che potrà accedervi a tariffe di mercato di un ordine di grandezza inferiori alle attuali. Si prevede che l’introduzione del 5G porti ad abbassare ancora di più il limite fino a rendere il costo flat dell’offerta della linea fissa confrontabile, se non superiore, al variabile della linea mobile a parità di utilizzo.

L’impatto della banda larga sui diritti sociali

D’altra parte siamo tutti consapevoli che l’accesso ai servizi digitali abilita economia e socialità in modo sempre più strettamente correlato. Ormai solo dove c’è disponibilità di banda larga sia in modalità wired che wireless può svilupparsi un tessuto sociale ed economico analogamente a quando città e paesi nascevano e si sviluppavano lungo i corsi d’acqua.

In altre parole l’accesso alla banda larga garantisce la possibilità di ogni persona di accedere ai servizi al fine di esercitare i diritti, l’iniziativa economica e le libertà fondamentali e gli Stati devono garantire la più ampia disponibilità di connessione intervenendo direttamente e mediante opportuna regolamentazione tesa ad evitare distorsioni da “libero mercato” in alcuni casi ed in altri stimolando lo stesso mercato mediante l’innesco di casi virtuosi di economia circolare.

Il piano banda ultra larga italiano

Lo stato dell’arte oggi in Italia vede da una parte l’industria privata orientata ai risultati di business in uno scenario di accesa concorrenza e dall’altra l’impegno, anche economico, dello Stato a garanzia dei diritti dei cittadini e dell’uso delle risorse in modo efficiente senza duplicazioni e sprechi. In altri termini potrebbe risultare utile fare sistema mediante una logica di “impresa mista pubblico privato”, che vada anche oltre gli attuali modelli di utilizzo dei finanziamenti europei.

Il Piano italiano per lo sviluppo della Banda Ultra Larga (BUL) è fortemente correlato con quanto l’Europa promuove mediante l’istituzione di Fondi atti a sostenere lo sviluppo socio-economico dei paesi costituenti. Nel 2016 è stato sottoscritto un accordo Stato-Regioni per l’utilizzo di tre miliardi di euro di fondi europei e il piano BUL sta andando avanti, con il grande sforzo dei soggetti che vi operano più da vicino, anche se non senza difficoltà. E’ indubbio che si punterà a traguardare la Giga Society e che rispetto al passato ci si sta muovendo, ma la strada da compiere è ancora lunga e forse potrebbe essere utile qualche considerazione in ordine all’eventuale sviluppo di nuovi modelli di partecipazione pubblico/privato che consentano alle regioni, alle città metropolitane e ai comuni di diventare co-protagonisti dello scenario di diffusione delle nuove tecnologie mobili, che ad oggi non hanno visto l’utilizzo dei fondi europei in ugual misura rispetto alle infrastrutture fisse.

In generale per le TLC il Fondo Europeo di riferimento è il FESR EU1301/2013 che tra i suoi articoli (Artt.3 e 5) si propone di sostenere investimenti in infrastrutture che forniscono servizi di base ai cittadini nei settori dell’energia, dell’ambiente, dei trasporti e delle TLC attraverso delle priorità di investimento volte a migliorare l’accesso, l’uso e la qualità delle telecomunicazioni estendendo l’impiego della banda larga e la realizzazione di reti ad alta velocità e sostenendo l’adozione di tecnologie e reti evolute per sviluppare l’economia digitale.

Nel contesto delle TLC, ad una prima lettura, il fondo sembrerebbe focalizzato alla sola realizzazione di infrastrutture fisse. L’accessibilità del cittadino è quindi limitata alla componente fissa prevista di sviluppo (FTTH>FTTB>FTTdp>FTTC) trascurando la pari possibilità di predisporre infrastrutture che consentano accessibilità BUL mobile, con criteri di servizio analoghi a quelli pensati per gestire le infrastrutture fisse.

Il piano italiano di sviluppo della banda ultra larga è destinato sicuramente a superare il Digital Divide, a favorire lo sviluppo digitale del Paese con la crescita delle Smart City in termini di accessibilità e fruibilità di infrastrutture “di tipo fisso”, ma lascia totalmente all’iniziativa privata il compito di sviluppare l’accessibilità mobile e sappiamo che in questo caso sarà la redditività di mercato a fare da guida.

Nel frattempo la coesistenza dei diversi protocolli per supportare il funzionamento dei device IOT (NBIOT, LORA,SigFox, Weightless, ZigBee, Z-Wawe, WirelessMBus, BLE, etc..) finalizzati a supportare le applicazioni industriali, automotive, energy, sanitarie, di entertainment, etc, convergeranno sempre più sotto la copertura radio cellulare 5G, se questa sarà sufficientemente diffusa e pervasiva sul territorio.

Mentre quindi per la banda larga fissa l’intervento tangibile dello Stato, mediante l’introduzione del modello di business innovativo gestito da Infratel “in modalità wholesale” consentirà di raggiungere gli obiettivi Europei di copertura del 100% della popolazione a 30 Mbps entro il 2020, per la diffusione del 5G il Ministero dello Sviluppo Economico darà l’avvio, entro settembre 2018, alla nuova gara per l’assegnazione delle frequenze per gli operatori e lo sviluppo da parte di questi ultimi delle relative reti di copertura.

Ma per vedere come creare una strategia nazionale per il 5G a copertura totale, rimandiamo a questo articolo.

  1. https://www.cellnextelecom.com/it/cellnex-italia/
WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4