L'analisi

Nuovi media digitali, la riscossa dell’IPTv. Grazie alla fibra

Uno studio di ZenithOptimedia rivela che l’Europa Occidentale è all’avanguardia per uso delle tecnologie, nonostante la crisi economica. E si prepara il tanto rinviato decollo dell’IPTv, a danno di cavo e satellite

25 Mar 2013
Augusto Preta

Founder e CEO ITMedia Consulting – Direttore International Institute of Communications

preta-130301150538

Forse a qualcuno potrà sembrare sorprendente, ma l’Europa, soprattutto quella Occidentale, sta guidando a livello mondiale la diffusione delle tecnologie digitali. E l’IPTv ha finalmente un futuro. La società ZenithOptimedia ha identificato i 19 mercati digitali avanzati a livello globale, classificati secondo criteri di dimensioni assolute e percentuale di spesa pubblicitaria attribuita a internet (nella classifica purtroppo non c’è l’Italia). Lo studio ha esaminato le modalità di consumo dei media digitali da parte dei consumatori, lo sviluppo di pubblicità, social media, e-commerce e la velocità in cui le nuove tecnologie vengono adottate.

Entro questi 19 mercati è stata seguita l’adozione di tre tecnologie per i media: IPTV, smartphone e tablet, ed espresse previsioni relativamente al 2015.

Penetrazione delle nuove tecnologie in 19 mercati avanzati (%)

2011

2012

2013

2014

2015

Smartphone

12.3

35.5

46.6

56.5

71.7

Tablets

2.9

4.7

7.2

10.0

13.0

IPTV

5.5

6.6

7.5

8.2

9.0

Fonte: ZenithOptimedia

In tutti i mercati considerati gli smartphone sono gli apparati più diffusi, con una penetrazione media del 36% nel 2012. La penetrazione degli smartphone varia però sensibilmente tra i 19 paesi, dal 73% della Svezia al 18% in Brasile. In tutti i mercati la penetrazione è in rapida ascesa, e si prevede che raddoppi complessivamente fino a toccare il 72% tra tutti i territori considerati, raggiungendo il 33% in Brasile e il 93% in Svezia alla fine del 2015.

La penetrazione dei tablet si aggira sul 5% nel 2012, ma supera il 15% in cinque mercati: Australia, Francia, Irlanda, Paesi Bassi e Stati Uniti. Alla fine del 2015 si prevede che l’adozione media arrivi al 13%, con picchi del 45% in Francia e del 50% in Irlanda.

L’IPTV è la tecnologia che cresce più lentamente delle tre considerate: tra il 2012 e il 2015 è previsto che la sua penetrazione passi dal 6.6% al 9%. L’IPTV ha anche la maggior dispersione nel tasso di adozione tra i 19 mercati: nel 2015 potrebbe raggiungere il 91% nei Paesi Bassi, ma restare all’1% in Russia.

Classifica in ordine di adozione delle nuove tecnologie

2012

Penetrazione media (%)

2015

Penetrazione media (%)

1

Norvegia

38.8

1

Paesi Bassi

65.1

2

Francia

35.7

2

Francia

60.8

3

Paesi Bassi

35.1

3

Irlanda

50.2

4

Svezia

31.3

4

Norvegia

48.2

5

Danimarca

31.2

5

Canada

47.7

6

Canada

30.5

6

Danimarca

46.8

7

Australia

24.6

7

Svezia

42.9

8

Spagna

24.4

8

Australia

40.9

9

Corea del Sud

23.1

9

Corea del Sud

36.5

10

Regno Unito

23.1

10

Regno Unito

34.0

11

Irlanda

21.0

11

Spagna

33.7

12

USA

19.4

12

Israele

32.9

13

Israele

18.5

13

Cina

32.7

14

Cina

14.3

14

USA

30.8

15

Germania

13.2

15

Giappone

29.9

16

Ungheria

12.9

16

Brasile

26.9

17

Brasile

11.2

17

Germania

22.1

18

Giappone

9.8

18

Ungheria

19.7

19

Russia

7.3

19

Russia

10.9

Fonte: ZenithOptimedia

Considerando i singoli mercati, la Norvegia mostrava la più elevata penetrazione media delle tre tecnologie nel 2012, grazie all’ampia adozione di smartphone (65%, rispetto a una media del 44% nei 19 mercati) e tablet (13% rispetto a una media del 9%). Anche Svezia e Danimarca sono tra i primi cinque mercati, riflettendo il tradizionale entusiasmo dei consumatori scandinavi nei confronti di internet e dei media digitali. Di fatto, nonostante la persistente crisi economica nella regione, tutti i primi cinque mercati appartengono all’area dell’Europa Occidentale. Il primo mercato al di fuori di questa regione è il Canada, al sesto posto. L’Australia, al settimo posto, è il mercato posizionato più in alto nell’area Asia-Pacifico, mentre l’Ungheria ha il primato tra i paesi dell’Europa centro-orientale. Il Brasile, al 16° posto, è l’unico paese dell’America Latina tra i primi 19.

Entro il 2015, tuttavia, si prevede che i Paesi Bassi scalzino la Norvegia dalla testa della classifica. Questo avverrà grazie a una rapidissima adozione dell’IPTV, che gli operatori a banda larga fanno a gara ad offrire come valore aggiunto, per sfruttare al massimo la costruzione della nuova infrastruttura in fibra ottica, che sta procedendo a passo spedito. La crescita dell’IPTV ha già iniziato ad erodere la base abbonati di cavo e satellite: si stima che alla fine del 2012 il 27% delle abitazioni olandesi adottasse servizi IPTV, +10% rispetto al 2010. Alla fine del 2015 si prevede che l’IPTV sia nel 91% delle abitazioni olandesi, molto di più rispetto al secondo mercato per l’IPTV, il Canada, dove è prevista una penetrazione di questa tecnologia del 69% nel 2015.

L’Irlanda sarà il mercato che risalirà più rapidamente la classifica, passando dall’11° posto nel 2012 al 3° nel 2015. L’Irlanda sta adottando le tre tecnologie molto rapidamente, in particolare i tablet, a cui avrà accesso il 50% della popolazione nel 2015. Il governo irlandese ha stanziato fondi per dotare le scuole di tablet, e questo, oltre ad aumentarne la disponibilità, indirettamente ne incoraggia le vendite, facendone conoscere i vantaggi anche ai genitori degli studenti.

L’Europa Occidentale resterà in prima linea rispetto all’adozione delle nuove tecnologie per i media, con 4 tra i primi 5 mercati e 7 dei primi 10 in classifica nel 2015. Il Canada, al 5° posto, sarà il mercato con la più alta classifica al di fuori dell’Europa Occidentale, mentre Australia e Corea del Sud saranno rispettivamente in ottava e nona posizione. Gli Stati Uniti, nonostante una più decisa crescita economica, adotteranno più lentamente queste tecnologie, e perderanno posizioni in classifica, passando dal dodicesimo posto del 2012 al quattordicesimo nel 2015: in questo mercato i prezzi elevati degli abbonamenti scoraggeranno l’adozione degli smartphone. L’Europa centro-orientale arranca, con Ungheria e Russia al 18° e 19° posto, rispettivamente, nel 2015.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2