telecomunicazioni

Passa dal 5G la rivincita delle telco sugli OTT: ecco come

Le telco continuano ad essere una pilastro fondamentale per la crescita, ma la maggior parte della loro fetta di mercato è stata cannibalizzata dagli OTT che coi loro servizi e contenuti hanno conquistato le nuove generazioni, sempre connesse. Il 5G potrebbe essere l’occasione per la svolta

27 Mag 2019
Enrico Martini

ministero dello Sviluppo Economico

telco e ott

E’ giunto il momento che le società di telecomunicazione intraprendano strategie di crescita economicamente vantaggiose mirate a sfidare e sconfiggere gli OTT. L’occasione propizia è data dal lancio del 5G, che sarà il tessuto connettivo per l’Internet of Things (IoT), l’intelligenza artificiale e le città intelligenti.

Quanto valgono le telco

Il futuro delle telco deve stare a cuore di tutti. Il Groupe Speciale Mobile Association ha stimato in un recente rapporto che il settore delle telecomunicazioni varrà entro il 2020 l’enorme valore di 3,7 trilioni di dollari.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

Le telecomunicazioni continuano ad essere una pilastro fondamentale per la crescita, l’innovazione e la trasformazione in numerosi settori produttivi. Inoltre, le telco sono ormai fondamentali per costruire la civiltà delle smart city in quanto detengono la capacità fondamentale di facilitare la connettività delle persone, delle imprese e delle cose. Con il settore delle telecomunicazioni che svolge un ruolo fondamentale nel facilitare i servizi IP, la crescita dell’Internet delle cose sta spingendo questo settore a prepararsi a gestire enormi volumi di dati.

Oggi, più di nove americani su dieci usano Internet e le compagnie telefoniche non possono permettersi di ignorare la generazione sempre connessa, cioè, il 32% della popolazione mondiale con meno di 25 anni. Il predominio di questa generazione sta accelerando la trasformazione digitale nel settore delle telecomunicazioni. Secondo una ricerca condotta da McKinsey nel 2017, questa generazione trascorre in media circa 315 minuti online ogni giorno. Si può quindi soltanto immaginare il volume di dati digitalizzati in streaming su reti di telecomunicazioni in tutto il mondo.

I punti critici dell’industria

Mentre la trasformazione digitale spinge le telecomunicazioni a cambiare le sue attuali offerte, l’industria continua ad affrontare punti critici:

  • i problemi di ampiezza di banda,
  • la diminuzione del guadagno medio per utente
  • i limiti dell’infrastruttura IT.

Questi problemi hanno minato la capacità delle aziende di telecomunicazioni di abbracciare completamente la trasformazione digitale. Ciò significa anche che le società di telecomunicazioni non sono state in grado di monetizzare la maggior parte dei dati digitalizzati in esecuzione sulle loro reti. Questo scenario ha reso il settore delle telecomunicazioni vulnerabile alla concorrenza rappresentata da mega entità digitali come i soggetti Over-the-Top (OTT).

Lo strapotere degli OTT e la perdita di valore delle telco

Gli OTT offrono una vasta gamma di contenuti digitali e servizi di trasmissione e streaming ai consumatori sul web. Questi soggetti hanno anche aumentato il loro predominio nei servizi di telecomunicazione di base come messaggi di testo e chiamate vocali. Gli OTT non soltanto godono di circa l’80% di tutto il traffico di messaggistica, ma coprono una grande quota di traffico vocale internazionale. Oltre a un’interfaccia utente semplice e a una connettività a basso costo, una delle principali ragioni per l’ascesa degli OTT è dovuta al riconoscimento tributato loro dalla generazione sempre connessa.

Ciò ha portato ad un netto calo dei tradizionali servizi voce e testo, analogici e costosi e a un enorme aumento nell’utilizzo dei servizi web. Grazie a questo, gli OTT hanno guadagnato una fetta enorme della quota di mercato delle Telco, facendo diminuire le loro entrate e diluendo la loro proposta di valore. Oggi le Telco non hanno altra scelta che adattarsi a questo sistema radicalmente mutato.

Il momento della svolta

Per cogliere i vantaggi di un futuro promettente, gli operatori di telecomunicazioni devono aggiornare la loro infrastruttura IT ed espandere la loro operatività, il che comporta investimenti in conto capitale molto elevati. Pertanto, è giunto il momento che le società di telecomunicazione intraprendano strategie di crescita economicamente vantaggiose mirate a sfidare e sconfiggere gli OTT.

Gli operatori di telecomunicazioni devono pensare dal punto di vista del cliente per offrire un servizio superiore. Creare una user experience in grado non solo di conquistare ma anche di mantenere nuovi clienti è un fattore determinante per mantenere la competitività. Fondamentale al raggiungimento di questo obiettivo, è la presenza di un’interfaccia coerente, integrata ed efficace sui diversi canali online e offline, durante l’intero ciclo d’acquisto. Oggi, infatti, i consumatori si aspettano messaggi coerenti su tutti i canali che l’azienda mette a loro disposizione: online, mobile, call center, punti vendita fisici.

L’agilità organizzativa deriva dalla rimozione di piattaforme ridondanti, dall’automazione dei processi core e dal consolidamento delle capacità. Pertanto, un’infrastruttura IT a prova del progresso futuro inizia con la standardizzazione e l’automazione dei processi principali, seguite dalla digitalizzazione dei servizi di back-office e, infine, dal coinvolgimento del cliente digitale per un’esperienza cliente superiore ed economicamente vantaggiosa. Una volta che i processi principali sono più snelli, le società di telecomunicazioni possono avvalersi dei servizi di un provider di servizi gestiti (MSP) per amplificare i vantaggi delle competenze di dominio e della leadership di costo.

Il 5G occasione da non perdere

Le Telco devono collaborare con grandi fornitori di tecnologie globali per gestire i loro aggiornamenti di rete e l’infrastruttura IT, che attualmente sta generando problemi di condivisione dell’ampiezza di banda tra varie società di telecomunicazioni. Mentre il panorama tecnologico si sta ancora sviluppando in questo settore, i principali operatori di telecomunicazioni sono impegnati a lanciare la rete 5G – una componente fondamentale per respingere la concorrenza degli OTT.

In effetti, l’ascesa della rete 5G ha scatenato un’enorme ondata di cambiamenti nel settore delle telecomunicazioni dal 2017. Un’infrastruttura IT pronta per il futuro e reti solide consentiranno alle società di telecomunicazioni di monetizzare quasi tutti i dati digitalizzati che fluiscono sulla rete. Consentirà, inoltre, alle società di telecomunicazioni di fornire servizi che sono alla pari con gli OTT.

Le società di telecomunicazioni stanno anche ricavando profitti da aziende collegate a servizi finanziari, media, servizi IT. Tuttavia, per avere successo in queste linee di business, le società di telecomunicazioni devono avere un posizionamento chiaro, un’infrastruttura pronta per il futuro e una tecnologia all’avanguardia.

Gli OTT stanno offrendo servizi abilitati l’AI a un ritmo che le telecomunicazioni non possono eguagliare. Ma, poiché le telecomunicazioni guidano l’interazione tra i media e le industrie IT, beneficiano maggiormente di tecnologie radicali come l’intelligenza artificiale. L’analisi dei tassi di conversione delle offerte, le tendenze sull’utilizzo dei contenuti e l’attività di rete attraverso l’intelligenza artificiale aiuteranno le Telco a spingere offerte più personalizzate ai loro abbonati, proprio quando ne hanno bisogno. Inoltre, l’analisi predittiva contribuirà a migliorare le capacità aziendali e di rete delle Telco con approfondimenti sul comportamento dei consumatori.

La proposta di valore delle telecomunicazioni analogiche nell’era digitale è destinata a cambiare. Tuttavia, le società di telecomunicazioni possono utilizzare la loro eredità per ottenere un vantaggio competitivo contro gli OTT. Per questo, le società di telecomunicazioni devono rafforzare la forte relazione con il cliente costruita negli anni attraverso i valori e i principi del proprio marchio.

Senza dubbio, gli OTT hanno influenzato i modelli di comportamento della connettività del cliente, rendendo imperativo per il settore delle telecomunicazioni abbracciare la trasformazione digitale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati