sicurezza

Più sicuri contro il crimine grazie alla banda ultra larga: il Trentino fa avanguardia

Lo sviluppo delle tecnologie digitali sta facendo evolvere gli strumenti a supporto delle forze dell’ordine per il presidio del territorio e il mantenimento della sicurezza pubblica. Sino ad ora questa attività è stata svolta perlopiù a livello strettamente locale attraverso sistemi di videosorveglianza. Ora, grazie all’infrastruttura tecnologica a banda larga ci sono le condizioni per razionalizzare e standardizzare queste soluzioni e al contempo per consentire una loro integrazione in rete

07 Giu 2016
Alessandro Zorer

presidente Trentino Network

fibra-160606162047

Il Trentino muove i primi passi, avanguardia in Italia, per un nuovo modello di sicurezza del territorio e digitale, grazie alle nuove reti banda larga e banda ultra larga.

Trentino Network, società della Provincia Autonoma di Trento responsabile dello sviluppo della rete, diventa così un attore abilitante centrale per una nuova fase in cui l’obiettivo è migliorare la capacità di prevenire e rispondere a ogni problema di sicurezza e alle emergenze del territorio.

Lo sviluppo delle tecnologie digitali sta facendo evolvere infatti gli strumenti a supporto delle forze dell’ordine per il presidio del territorio e il mantenimento della sicurezza pubblica. Sino ad ora questa attività è stata svolta perlopiù a livello strettamente locale attraverso sistemi di videosorveglianza. Il problema di questi sistemi è che, per essere efficaci, richiedono un certo impegno da parte delle forze dell’ordine e difficilmente possono essere acceduti da remoto. Ora, grazie all’infrastruttura tecnologica a banda larga ci sono le condizioni per razionalizzare e standardizzare queste soluzioni e al contempo per consentire una loro integrazione in rete, nel rispetto delle normative e dei livelli di sicurezza necessari.

Per fare fronte a ciò, la Provincia Autonoma di Trento assieme al Commissariato del Governo si stanno impegnando, nell’ambito delle rispettive competenze, a migliorare e integrare il circuito informativo interistituzionale per il mantenimento dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica e a garanzia e tutela dei cittadini. A questo scopo è stato costituito, presso il Commissariato del Governo, un apposito tavolo sotto il coordinamento tecnico di Trentino Network al quale partecipano:

– il Commissariato del Governo con i rappresentanti di Questura, Comando Provinciale dei Carabinieri e Comando Provinciale della Guardia di Finanza;

– la Provincia Autonoma di Trento con Trentino Network, Fondazione Bruno Kessler, Trentino Trasporti SPA;

– il Consorzio dei Comuni Trentini.

In primis si è svolta la mappatura e la georeferenziazione dei sistemi di videosorveglianza presenti sul territorio provinciale ed ora è in corso l’analisi dei tecnici per la razionalizzazione di questi sistemi in modo da efficientare la spesa e al contempo consentirne sia il monitoraggio da remoto che l’integrazione. L’obiettivo è di connettere i sistemi di videosorveglianza con le sale operative delle Forze dell’Ordine, per consentire, in tempo reale, la visione ed il prelievo delle immagini, sia a scopi preventivi che di repressione. Nella sua evoluzione il sistema potrà prevedere funzionalità di analisi basate su una visione georeferenziata per favorire indagini basate su percorsi stradali, accessi territoriali o altre logiche di interesse.

Gli sviluppi tecnici futuri

Negli scorsi anni Trentino Network ha messo in campo un servizio di videosorveglianza in rete multi-utente, che gestisce tramite una infrastruttura centralizzata e che è stato adottato da diverse amministrazioni comunali. Inoltre, la società Trentino Trasporti ha un sistema di videosorveglianza distribuito in 36 sedi periferiche (stazioni e rimesse treni/autobus) che conta oltre 300 telecamere installate, alle quali si sono aggiunte le telecamere inserite nei mezzi di trasporto urbano arrivando a oltre 600. Infine, anche grazie ad un progetto ministeriale, il Comune di Trento ha implementato un progetto denominato TE.AM. – TElecamere AMiche tramite il quale ha realizzato tre centrali video presso le sedi della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Municipale con l’accesso al sistema di videosorveglianza dell’Amministrazione Comunale, sia alle telecamere di video-controllo sia a quelle di lettura targhe e controllo dei varchi.

Data l’alta numerosità delle telecamere presenti nelle varie amministrazioni e l’eterogeneità dei sistemi di videosorveglianza, per migliorare la dotazione tecnologica al supporto della sicurezza integrata sul territorio è necessario agire su due fronti: l’adeguamento e l’integrazione dei sistemi di videosorveglianza locali, e l’implementazione di un Cruscotto Territoriale Integrato di sicurezza e videosorveglianza, in grado di dare supporto agli organi di Pubblica Sicurezza tramite un punto di accesso unico che fornisca meccanismi di allertamento preventivo rispetto a situazione di potenziale pericolo e di controllo in fase di indagine, interloquendo in automatico con i sistemi di videosorveglianza. Sia i sistemi di videosorveglianza che il Cruscotto Territoriale devono essere gestiti e monitorati in rete, oltre ad essere adeguati all’evoluzione delle normative di riferimento.

Lo sviluppo del progetto, vista la sua complessità sia tecnologica che organizzativa, è previsto in tre fasi tra il 2016 ed il 2018. Le attività già svolte riguardano di censimento delle soluzioni di Videosorveglianza attualmente in campo negli Enti Locali, in collaborazione con il Consorzio dei Comuni Trentini.

Un nuovo modello tecnico e organizzativo

L’evoluzione tecnologica in Trentino viaggia di pari passo con un lo sviluppo ed il coordinamento organizzativo per la sicurezza.

Sono infatti due i temi in ballo. Da una parte, un migliore controllo del territorio grazie a strumenti informatici e alla gestione dell’emergenza con la messa in comune di dati da parte di diversi soggetti deputati a queste funzioni. Dall’altra, la necessità di proteggere i datacenter che contengono queste informazioni, sempre più importanti, e le relative reti.

Ecco perché è importante creare legami tra diversi stakeholder per sviluppare e proteggere al tempo stesso questa nuova infrastruttura. I legami da creare sono tra il mondo della sicurezza in senso stretto (forze dell’ordine), quello della tecnologia (gestori di rete e datacenter) e i soggetti deputati alla protezione del territorio.

L’obiettivo insomma è creare sia una collaborazione tra queste entità sia una infrastruttura in grado di servirle tutte, partendo dal fatto che ci sono dati di interesse comune.

Come fare? Questo è lo scopo dei gruppi di lavoro che coinvolgono le diverse competenze in gioco, per capire cosa serve a ciascuno e come dare a tutti gli strumenti più efficaci. Il tutto tenendo conto che ci sono altre iniziative in corso sugli stessi temi, con le quali collaborare e integrarsi. A livello nazionale (come il CERT Nazionale e il CERT PA) o a livello locale (l’evoluzione dei SOC territoriali), per la sicurezza fisica e informatica.

Deve crescere molto la capacità di collaborazione tra i diversi ambiti e tra centro e periferia. Al tempo stesso deve crescere la consapevolezza dell’importanza di questi dati e delle relative infrastrutture.

Se a livello nazionale sta crescendo l’importanza dei CERT del livello centrale, anche localmente è necessario sviluppare competenze e consapevolezza per gestire questi fenomeni, possibilmente in collaborazione con i soggetti industriali che possono contribuire alla gestione della sicurezza.

Di fronte alla complessità di questi obiettivi, laddove presenti le società in-house locali possono svolgere un ruolo abilitante. Sono infatti la naturale trait d’union tra i diversi soggetti, in quanto abbracciano entrambi i mondi: quello dell’innovazione tecnologia e quello dello sviluppo organizzativo integrato.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati