sovranità digitale

Polo Strategico Nazionale, i cloud provider italiani vogliono contare di più

Salvaguardia delle competenze locali, attrazione degli investimenti e localizzazione dei dati strategici: sono queste le tre direttrici su cui si muove il Consorzio Italia Cloud che, per il Cloud della PA, chiede un nuovo progetto industriale che coinvolga le PMI del settore

18 Nov 2022
Michele Zunino

presidente Consorzio Italia Cloud

polo strategico nazionale

Tutto è iniziato con un obiettivo: portare i servizi della Pubblica Amministrazione in cloud entro il 2026. Da lì, è partito un percorso travagliato per stabilire il perimetro di una partnership pubblico-privata (PPP), un modello che prima di allora, aveva visto solo qualche rara applicazione per la costruzione di parcheggi comunali o per l’evoluzione dell’edilizia carceraria.

Cloud pubblico, la strada verso il PSN e la sovranità nazionale: novità e prospettive

Polo Strategico Nazionale: quale ruolo alle aziende italiane del cloud?

Noi del Consorzio Italia cloud abbiamo documentato per tempo le nostre preoccupazioni agli organi che all’epoca erano impegnati a discutere del Polo Strategico Nazionale, segnalando da subito la necessità di coinvolgere gli operatori italiani attivi nel settore del cloud computing. Il processo di trasformazione della PA, infatti, poteva e potrebbe ancora essere sanato con l’ausilio delle aziende italiane del cloud, creando un percorso più coerente, che possa accelerare la trasformazione digitale della PA centrale e locale a vantaggio di tutti i soggetti del territorio. Vediamo come.

e-book
Smart Manufacturing e Industry 4.0: come “iniettare” intelligenza nei processi
ERP
Manifatturiero/Produzione

La spinta fornita dalla commessa pubblica e gli stringenti obblighi temporali del PNRR, hanno permesso che l’infrastruttura strategica per ospitare i dati critici della PA, finisse appannaggio di una cordata ristretta di imprese in partnership con soggetti tecnologici americani, noti monopolisti del cloud globale. Un modello centralizzato che non si sposa pienamente con la realtà industriale italiana del settore. Come era prevedibile, la litigiosità intrinseca del modello proposto ha finito per impegnare gli uffici del tribunale amministrativo, chiamato in causa da chi quella gara l’ha vinta ma si è visto sottrarre il “premio” – in forza di una clausola di prelazione. Abbiamo quindi un modello centrale e centralizzato, in cui il vincitore del bando non è l’aggiudicatario. Un ossimoro sorprendente che il TAR avrà modo di sanare – nei prossimi mesi – per ricomporre la vicenda. Ma soprattutto abbiamo assistito alla permanenza di campioni globali del cloud, ovvero industrie estere che grazie alla commessa pubblica italiana continueranno ad accrescere la loro dominanza, impedendo alle PMI locali di crescere e di attrarre capitale umano formato nelle nostre università.

Cloud della PA, un nuovo progetto industriale che coinvolga le PMI del settore

Dobbiamo quindi riportare al centro del dibattito sul cloud della PA, un nuovo progetto industriale che coinvolga le PMI del settore, e che non si riduca solo ad una manovra finanziaria per la costruzione di data center. Il Consorzio Italia cloud ha messo a disposizione le sue competenze perché crediamo che il cloud e le infrastrutture che lo compongono siano un abilitatore che però deve integrarsi con i processi, con le organizzazioni, con le imprese locali e non ultimi, i cittadini. Dobbiamo perciò decidere oggi che forma dare al patrimonio informativo del Paese e ridiscutere insieme i criteri ed il livello di sicurezza più adeguati a proteggere i dati strategici dal rischio di una loro violazione, tenuto conto anche che altri ordinamenti possono ancora permettersi di sfruttare – quasi indisturbati – la loro dominanza tecnologica per aggirare le nostre protezioni.

Sotto il profilo normativo – e gli addetti ai lavori lo sanno – sono in arrivo negli ordinamenti nazionali, gli effetti di importanti provvedimenti di natura europea, tutti volti a cercare di raggiungere regole comuni in questo settore, proprio per imputare responsabilità specifiche e garantire la massima trasparenza, irrobustendo gli ordinari strumenti di controllo (i.e. antitrust e golden power) per opporsi a pratiche anticompetitive o per regolare l’accesso pubblico ai dati o comunque preservare il mercato da recrudescenze o acquisti di imprese strategiche.

Le proposte del Consorzio Italia cloud nel contesto delle regole Ue

Non è certo questo il momento di passare in rassegna tutti i regolamenti europei, ma basta solo nominarli per creare l’ancoraggio giuridico delle proposte del Consorzio Italia cloud nell’ambito dell’economia di mercato su cui esse insistono.

Come è noto, già nel febbraio 2020, la Commissione europea ha presentato le sue idee e azioni su come l’Europa può mantenere la sua sovranità tecnologica e digitale e diventare un leader globale. Nella comunicazione “Dare forma al futuro digitale dell’Europa” – tra le altre cose – si chiarisce che la sovranità tecnologica inizia garantendo l’integrità e la resilienza della nostra infrastruttura di dati, reti e comunicazioni. Quindi da un lato si cerca di promuovere la ricerca e l’industria per creare “campioni industriali dell’UE” per una maggiore autonomia e ridurre la dipendenza dai paesi terzi. Dall’altro lato la protezione delle tecnologie e le industrie dal dominio di attori non europei in settori digitali critici ha visto l’avvio di indagini antitrust e di una nuova regolazione dei servizi digitali (i.e. DSA, digital services act, e DMA digital markets act, DGA, data governance act e, non da ultimo, il Data Act).

Tutti questi atti hanno in comune – tra le altre cose – il tentativo di depotenziare – pro quota – i giganti globali che sono accumulatori di risorse, competenze, dati, profitti e si avvantaggiano di economie di scala e di scopo e di effetti rete diretti e indiretti tali da renderli particolarmente difficili da scalfire.

Sovranità digitale, il dibattito in Europa

Ci sarà un motivo per cui l’Italia ha deciso di implementare prima di tutti una presunzione legale di abuso di dipendenza economica? Ma non è certo rimasta sola.

Il dibattito francese e tedesco intorno alla necessità di rafforzare la sovranità digitale dell’Europa, ha trainato da tempo tutti gli altri Stati membri ad avere una piena percezione di quanto sia importante garantire la protezione dei dati strategici più preziosi (militari, di bilancio ecc) e quelli privati (ad es. sanitari). Il modo migliore per perseguire lo scopo è quello di garantire una territorialità ai dati a tutela della loro raggiungibilità.

Tutti i Paesi hanno anche concordato sulla necessità di far emergere campioni tecnologici europei, senza i quali la nozione di sovranità digitale europea è destinata a rimanere lettera morta. Favorire l’emergere di imprese nazionali capaci di competere con l’offerta dei colossi globali, significa anche fermare l’emorragia di talenti che sono costretti ad espatriare, non vedendosi riconosciute le proprie competenze in un Paese che non ha scommesso abbastanza sulla promozione di un ecosistema tecnologico adeguato alle loro competenze.

Seguendo questo solco, uno dei principali ingredienti per raggiungere l’obiettivo della sovranità tecnologica è proprio quello di sviluppare competenze e conoscenze grazie al supporto del settore pubblico impegnato nel piano di ripresa e resilienza. Affinché ciò possa avvenire si è discusso molto di finanziamento di ricerca, sviluppo e innovazione (R&S&I) a livello centrale. Crediamo sia opportuno che – nel raggiungere questo obiettivo – non vengano eradicate competenze locali agli operatori cloud italiani, a favore di un solo polo centrale attrattivo di talenti quale si candida ad essere il Polo Strategico Nazionale. È necessario quindi mantenere e sviluppare un giusto ecosistema industriale distribuito su tutto il territorio nazionale, non solo attraverso la creazione di start-up o grandi poli tecnologici, ma facendo crescere le PMI esistenti che già oggi offrono servizi tecnologici avanzati in ambito cloud e cybersecurity, ivi comprese le in house regionali che da sempre sono il riferimento territoriale dei cittadini che fruiscono di servizi pubblici avanzati.

Conclusioni

Una corretta attuazione della Strategia italiana sul cloud – a nostro avviso – dovrebbe essere l’occasione per attrarre le eccellenze imprenditoriali italiane in modo da farle crescere in termini industriali anche grazie alla commessa pubblica del PNRR, mantenendo le competenze e le conoscenze acquisite sul territorio e, soprattutto, non rinunciando alla disponibilità di personale qualificato che è stato formato anche attraverso un percorso professionale nelle aziende italiane che localmente già offrono servizi cloud con tecnologie sicure. Raramente, infatti, un mercato digitale è stato così concentrato come quello del cloud dominato da tre grandi player americani. Al nuovo Governo è affidato il compito di risolvere questi problemi a cui sinora non si è riusciti a porre rimedio, ed assicurare una maggiore equità nella partecipazione dei diversi soggetti nazionali al valore dei dati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4