Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

il commento

Voucher per banda ultralarga, Sacco: “Servono più fondi per le famiglie”

Il Governo starebbe per sbloccare la partita voucher e aree grigie, da 3,1 miliardi di euro. Ma sarebbe opportuno potenziare la dotazione voucher per le famiglie, anche utilizzando fondi ue non ancora impegnati

28 Giu 2019

Francesco Sacco

docente di management consulting all'Università Bocconi di Milano


Ci si muove finalmente per i voucher per la banda ultralarga – previsto l’incontro Cobul il 17 luglio dopo tanti rinvii, già annunciato a maggio dal vicepremier Di Maio. Una partita da giocare in accordo con l’Europa, anche perché nel pacchetto ci sono i famosi fondi per le aree grigie (di cui si parla dal Governo Renzi), per un totale di 3,1 miliardi tra fondi Ue e risorse nazionali del Fondo sviluppo e coesione. 

Sono 1,3 miliardi per i “voucher, ossia – scrive il Sole24Ore – 50-300 euro per le famiglie, 3mila euro per piccole e medie imprese, 5mila euro per istituto scolastico e forse altri per i centri per l’impiego, con un avvio previsto per il 2020 dopo l’ok dell’Europa (ricordiamo che nelle aree grigie gli investimenti sono a rischio di profilarsi come “aiuti di Stato”).

Voucher banda ultra larga, servono più fondi per le famiglie

Voglio soffermarmi sui voucher.

Andrebbe verificata la possibilità di fare convergere sul sostegno alla domanda di banda ultralarga delle famiglie più risorse da fondi non ancora utilizzati.

Sarebbe importante perché ne avrebbero beneficio soprattutto al Sud e nei piccoli centri. Sono risorse che impattano direttamente sui consumi e sul PIL, darebbero un beneficio diretto e immediato. Ma darebbero un aiuto anche alla nostra posizione nelle classifiche internazionali.

Dovendo scegliere come allocare le risorse, occorre però ricordare che le PMI che hanno bisogno della connettività in fibra, difficilmente non la sottoscriverebbero soltanto per mancanza di incentivi. il contrario accade invece per le famiglie: anche un minimo incentivo può avere grandi effetti. Ed è tra le famiglie che siamo più indietro.

Fibra ottica FTTH, senza nuovo intervento pubblico difficile recuperare un ritardo ben oltre le attese

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4