il piano del governo

Voucher per fibra ottica, sbloccarli per rilanciare la domanda di banda ultralarga

Il piano italiano per lo sviluppo della banda ultralarga sta diventando un modello di riferimento nel mondo, ma nonostante ciò il nostro Paese è ancora indietro in termini di reale domanda di servizi in fibra. Vediamo perché i voucher potrebbero essere la soluzione giusta per invertire la tendenza

09 Ott 2018
Francesco Sacco

docente di management consulting all'Università Bocconi di Milano

fibra_594217550

Ci sono poche immagini più desolanti di un’autostrada deserta. Eppure, questo è il rischio che l’Italia corre con gli investimenti nelle reti a banda ultralarga, quelle che dovrebbero essere le autostrade dell’informazione.

Se lo guardiamo da lontano, il Piano per la Banda Ultralarga per l’Italia, quello che dovrebbe realizzare queste autostrade, è un progetto Paese. Pone le fondamenta su cui costruire qualsiasi altro progetto punti ad un futuro tecnologicamente avanzato per una nazione competitiva internazionalmente, sia che si pensi ai servizi pubblici di e-government o alla sanità digitale a casa sia che si tratti dei servizi erogati da privati come il 5G, un’importante partita in streaming o il futuro dell’e-commerce. Ma questo non è vero perché il Piano renderà più moderne le nostre metropoli. Chi pensasse di cambiare l’Italia avendo in mente le grandi città dimentica che ci vive appena il 12% della popolazione. La vera Italia, anche quella produttiva, è altrove. Al contrario, il Piano può cambiare il Paese perché sta portando la fibra anche nei piccoli comuni, nelle piccole e medie città, là dove vive l’88% degli italiani. Ed è un caso quasi unico nel mondo.

Perché la fibra può fare la differenza

Non diamo però nulla per scontato. Perché per tutta questa gente dovrebbe essere un bene avere la fibra invece di qualsiasi altro tipo di collegamento? Questa domanda può avere tante risposte ma, a mio avviso, una più importante di tutte le altre. Una volta installata, ci si può dimenticare della fibra.

È perfetta perché è come se non ci fosse. Con la fibra si può dire addio a tutte le difficoltà di connessione, ai problemi in centrale, alla banda scarsa nelle ore di punta, al temporale che peggiora la situazione e ai tanti altri incubi a cui il rame e le altre tecnologie ci hanno abituati. Per la fibra, le probabilità di guasti o malfunzionamenti sono incomparabili con le altre tecnologie. E quando arriverà un futuro ancora più esigente in termini di prestazioni, per la fibra non cambierà niente, rimarrà là.

Basterà cambiare gli apparati ai suoi estremi, in casa e in centrale. Per una persona anziana, come la maggior parte della popolazione italiana, questo farà la differenza. Potrà contare sul fatto che Internet funzioni, come tutto quello che ci passa sopra, potendosi dimenticare che per vedere una partita, un film, i nipotini in videoconferenza o fare la spesa online una volta c’era un problema.

Il piano BUL italiano, modello di riferimento

Per raggiungere questo scopo, il Piano Strategico per la Banda Ultralarga fu concepito in modo organico.

  • In primo luogo, con soluzioni differenziate per le varie aree del Paese, in funzione della minore o maggiore sostenibilità e competizione per gli investimenti da parte degli operatori telefonici (aree bianche, grigie e nere).
  • In secondo luogo, gare pubbliche trasparenti con un’impostazione che non favorisse le rendite di posizione di alcun tipo.
  • Infine, incentivi alla domanda che permettessero, soprattutto là dove era più difficile fare tornare i conti, di “popolare” rapidamente quelle infrastrutture e trasformarle in quell’opportunità per l’Italia di cui molti nel tempo si sono convinti.

Ne era convinta la Commissione Europea, che aveva autorizzato il Piano permettendo gli aiuti collegati. Ne erano convinti i diversi Governi, compreso l’attuale, che nel tempo l’hanno portato avanti. Ma ne erano convinte anche tutte le regioni italiane che, credendoci, avevano rinunciato a parte dei propri fondi e a proprie iniziative perché fosse realizzato. In poche parole, un piano nato da un parto complesso, figlio di molti padri.

Fibra, perché l’Italia è indietro

Paradossalmente, però, mentre il modello Open Fiber (società a partecipazione paritetica tra Enel e Cdp), a cui sostanzialmente è delegata la realizzazione del Piano, comincia a diventare un modello di riferimento nel mondo, il nostro paese ancora langue in termini di reale domanda di servizi in fibra. Mentre nel 2017 in Europa il numero degli abbonati al servizio in fibra (FTTH) è cresciuto del 20%, l’Italia arranca ancora al venticinquesimo posto nella UE con un numero di sottoscrittori di appena il 4,8% contro una media UE del 15,4 %.

Quindi, in Italia nessuno è interessato alla fibra? No, il problema è che siamo partiti per ultimi e quindi ancora arranchiamo. I primi cantieri pilota delle aree cosiddette a fallimento di mercato sono partiti a fine 2017 e lo sviluppo massivo del progetto di rete pubblica è stato avviato a metà 2018. Finché non si raggiungerà una massa critica di offerta in fibra, la domanda stenterà a partire. Inoltre, fino a quando l’offerta di servizi che sfruttano la banda ultralarga non avrà una ragionevole aspettativa di ritorni economici, nessuno partirà ad offrirne in Italia e quindi la domanda per il passaggio alla fibra sarà debole.

Voucher a sostegno della domanda

È un pericoloso circolo vizioso ma che si può risolvere facilmente, basta ripartire con l’attuazione del Piano e vararne l’ultima parte: i voucher ai consumatori a sostegno della domanda di abbonamenti in fibra.

I voucher non sono un regalo agli operatori telefonici. Questi ci guadagnerebbero poco o nulla dagli abbonati che passano dall’ADSL alla fibra e qualcosa in più dai nuovi abbonati che prima non avevano nessun collegamento Internet.

I voucher, soprattutto se strutturati in modo adeguato, sono semplicemente uno stimolo alla domanda, una riduzione temporanea del costo dell’abbonamento e dei servizi a banda ultralarga per i cittadini, un incoraggiamento alle famiglie che vogliono provare ad entrare nel futuro. Ma, soprattutto, non va dimenticato, i voucher sono uno stimolo economico che finisce direttamente nel PIL senza pesare sul bilancio dello Stato, perché sono a valere su fondi europei. Piuttosto, il vero problema dei voucher è che se le risorse allocate non vengono spese per tempo, saranno riallocate o andranno perse. Quindi, sarebbe stato più corretto avviarli già in concomitanza con il completamento dei primi scavi della prima parte del Piano.

Non è ancora troppo tardi per i voucher ma non resta più tanto tempo per metterli in campo. Ancora un anno e saranno semplicemente inutili. Nell’interesse del Paese, bisognerebbe fare tutto il possibile perché non diventino un’occasione persa, un altro brutto episodio da dimenticare nella lunga storia delle telecomunicazioni in Italia.

OF LNS master MPEG4

L’articolo è parte di un progetto di comunicazione editoriale che Agendadigitale.eu sta sviluppando con il partner Open Fiber

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati