Decreto Omnibus, ecco che devono fare le aziende per adeguarsi (ed evitare sanzioni)

L’Italia di adegua finalmente alla direttiva europea omnibus introducendo novità che ampliano tutela e trasparenza nei confronti dei consumatori anche attraverso l’imposizione di sanzioni pecuniarie amministrative più elevate ed incisive. Ecco le aree di intervento, le sanzioni e l’impatto sulle PMI

Pubblicato il 21 Dic 2022

Monia Donateo

Polimeni.Legal

Lorenzo Grassano

Legal Blink

consumatori_ telco

La nuova direttiva Omnibus, finalmente in fase di attuazione da parte del Governo italiano, seppur con notevole ritardo rispetto ai tempi previsti dall’Unione Europea, porta con sé numerose novità che imporranno alle aziende italiane nuovi e molteplici adempimenti; tutto in ottica di maggiore tutela e trasparenza nei confronti dei consumatori finali.

Importante evidenziare sin da subito che le novità introdotte e che analizzeremo di seguito, ampliano dette tutele anche attraverso l’imposizione di sanzioni pecuniarie amministrative più elevate ed incisive.

Direttiva Omnibus, si applica già o no? Ecco le tutele a disposizione dei consumatori

Le aree di intervento normativo

Quattro le aree di intervento normativo:

  • vengono incluse nell’area delle condotte commerciali scorrette attività quali l’arbitraria esposizione dei prezzi da parte del professionista[1] e la pubblicazione di recensioni solo positive o prevalentemente stimolate;
  • si specifica ulteriormente la disciplina dei contratti con clausole vessatorie innalzando le sanzioni;
  • si analizza l’aspetto relativo alla concorrenza sleale;
  • ulteriore tema trattato dalla normativa è quello delle comunicazioni commerciali non veritiere (in cui rientra la dual quality).

Certamente, i nuovi obblighi e divieti in materia di recensioni, insieme a quelli relativi ai prezzi, sono gli aspetti di maggior rilievo all’interno del nuovo testo di legge, in quanto richiedono maggiore attenzione da parte dell’ecommerce/marketplace e, di conseguenza, maggior effort in termini di meccanismi e tool da implementare.

L’obiettivo è poter tecnicamente dimostrare (in particolare all’AGCM che è l’autorità preposta al controllo e all’irrogazione di sanzioni) di aver dichiarato il vero sul proprio sito e che il tracciamento di prezzi e la verifica delle recensioni non siano stati manipolati e non siano, in ogni caso, manipolabili.

Ma vediamo cosa viene esattamente richiesto dalla normativa di recepimento (che al momento in cui si scrive è ancora uno schema).

Le recensioni

Costituisce omissione ingannevole (quindi sanzionabile) la mancanza di informazioni precise che indicano se e in che modo il professionista garantisce che le recensioni pubblicate provengano da consumatori che hanno effettivamente acquistato o utilizzato il prodotto.

Le misure devono essere ragionevoli e proporzionate per verificarne l’effettiva autenticità.

Chiariamo subito che la nuova legge non introduce alcun obbligo di implementazione di un sistema di verifica o certificazione delle recensioni nell’iter di raccolta e loro pubblicazione.

Di contro, vige l’obbligo di informare specificamente se non si adotta alcuna procedura in tal senso, con lo scopo di rendere consapevoli i consumatori che la piattaforma non può assicurare, ad esempio, che i pregi e le qualità di un prodotto o servizio si basino su acquisti verificati. In questo modo, l’acquisto diventa più consapevole e certamente non indotto esclusivamente da ciò che si legge nelle opinioni di altri utenti.

Quindi, nel caso in cui non venga effettuata alcuna verifica, occorrerà inserire una dicitura del seguente tenore sia accanto al box recensioni che nei termini e condizioni (si consiglia l’inserimento di una clausola ad hoc):

“Purtroppo non possiamo verificare l’autenticità di tutte le recensioni che riceviamo”.

Diversamente, se questi meccanismi vengono adottati, occorre spiegare (anche brevemente) quali sono e come funzionano o quale tool/plugin viene utilizzato in grado di garantire l’applicazione di sistemi di verifica idonei.

Ad esempio: “Utilizziamo XXX come un fornitore di servizi indipendente per ottenere recensioni. XXX ha adottato misure per garantire che queste recensioni siano genuine. Leggi qui più informazioni (link al fornitore terzo)”.

Inoltre, è vietato inviare recensioni finte o incaricare terzi (persone o società) di pubblicare recensioni da parte di finti consumatori o comunque finti apprezzamenti anche sui social al fine di promuovere il prodotto.

Ed ancora, deve essere chiaro se la recensione è stata in qualche modo sollecitata (ad esempio, da un buono sconto) oppure originata da sponsorizzazione.

Conseguentemente e coerentemente, la normativa vieta di escludere le recensioni negative (si possono mettere certamente in rilievo quelle positive, ma occorre dare possibilità di agevole accesso anche alla “sezione” di recensioni medie o negative) e vieta altresì di chiedere recensioni solo ai clienti soddisfatti.

Il fenomeno Dual Quality finalmente sanzionato

Come anticipato, entrerà in vigore anche una norma che contrasta il fenomeno Dual Quality, ovvero la prassi di offrire e presentare nel mercato di altri Stati membri UE prodotti italiani con identiche modalità usate nel mercato italiano ma che, di fatto, posseggono qualità differenti, spessissimo inferiori, nelle versioni destinate, appunto, a Paesi terzi.

Precisamente, nell’elenco delle pratiche ingannevoli del Codice del Consumo verrà aggiunta quella della promozione di un bene, in uno Stato membro, come identico a un bene commercializzato in altri Stati membri, sebbene significativamente diverso per composizione o caratteristiche.

Ovviamente, l’AGCM, per considerare ingannevole e sanzionare la pratica del venditore, dovrà verificare che l’annuncio, l’etichetta o altri elementi, inducano o siano astrattamente idonei ad indurre il consumatore medio ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso.

Annunci sulla modificazione del prezzo

Il Decreto Legislativo introduce, come accennato, importanti novità anche in tema di modificazione del prezzo.

L’intento del legislatore comunitario e della normativa nazionale di recepimento è stato anche quello di aumentare la trasparenza dei prezzi esposti sui siti di commercio elettronico, con particolare riferimento alle modificazioni del prezzo.

Ciò, soprattutto per combattere quella pratica commerciale scorretta nota per aumentare il prezzo di vendita poco prima dell’annuncio della sua riduzione, in questo modo ingenerando nel consumatore l’errato convincimento di acquistare il bene o servizio oggetto dell’annuncio a un prezzo “scontato”.

Pertanto, l’articolo 17-bis del Codice del Consumo (introdotto dal Decreto Legislativo) dispone che ogni annuncio di riduzione di un prezzo deve indicare il prezzo precedente applicato dal professionista per un determinato periodo di tempo prima dell’applicazione di tale riduzione.

Per “prezzo precedente” deve intendersi il prezzo praticato nei 30 giorni precedenti la riduzione del prezzo.

Da questa norma sono esentati i prodotti presenti sul mercato da meno di trenta giorni e i prodotti agricoli e alimentari deperibili.

Quanto sopra implica, per esempio, che se un prodotto (es. un paio di scarpe) è venduto online in data 5 aprile al prezzo di euro 120,00 e poi viene offerto in vendita a partire dal 15 aprile al prezzo di euro 100,00, il sito e-commerce deve esporre anche il prezzo precedente pari ad euro 120,00.

Ovviamente l’adeguamento a questo aspetto della normativa comporta l’implementazione di particolari plug-in in grado di mostrare in automatico sul sito e-commerce (es. nella scheda prodotto) il prezzo attuale di vendita e quello precedentemente applicato nei 30 giorni precedenti la riduzione del prezzo.

Plug-in di questo tipo si possono già scaricare dalle principali piattaforme CMS (Shopify, PrestaShop e WooCommerce).

Sanzioni più elevate

Il Decreto Legislativo interviene anche in tema di regime sanzionatorio, aumentando da 5 a 10 milioni di euro il limite edittale delle multe che l’AGCM può irrogare in caso di pratica commerciale scorretta (come quella di presentare un prezzo di vendita senza esporre il prezzo applicato nei 30 giorni precedenti la modifica).

È inoltre aumentato il massimo edittale con riferimento all’applicazione delle clausole vessatorie che costituiscono l’altra area di intervento normativo.

Si ricorda che, in linea generale, le “clausole vessatorie” sono quelle che determinano uno squilibrio tra i diritti e i doveri esistenti tra professionista e consumatore.

Ebbene, qualora l’AGCM dovesse ravvisare che le condizioni generali di vendita pubblicate online presentano una o più clausole vessatorie a danno dei consumatori può adesso irrogare una sanzione fino a 10 milioni di euro.

Sempre nel nuovo contesto sanzionatorio introdotto dal Decreto Legislativo è significativa la modifica che consente al consumatore di rivolgersi al giudice ordinario in caso di pratiche commerciali sleali.

Pertanto, non sarà più necessario per il consumatore adire l’AGCM per far accertare una pratica commerciale sleale per poi intentare causa contro il sito di commercio elettronico: con la riforma introdotta dal Decreto Legislativo questa possibilità è offerta direttamente innanzi al giudice ordinario, con notevoli benefici in termini di costi processuali e tempistiche per il consumatore.

Come applicato anche dalla AGCM ormai da decenni, il Decreto Legislativo richiede che le sanzioni tengano conto anche delle condizioni economiche e patrimoniali del professionista coinvolto.

Effetti sulle PMI

Concludendo, Quali sono quindi gli effetti sulle PMI italiane (ecommerce e marketplace)?

Innegabilmente verrà richiesto un effort alle aziende in termini di implementazioni di sistemi di tracciamento prezzi e di tool idonei alla verifica delle recensioni effettuate da chi abbia davvero acquistato o utilizzato un prodotto. Indubbio è quindi l’aggravio di costi che i professionisti dovranno sostenere per far fronte agli ulteriori obblighi informativi a loro carico.

Tuttavia, altrettanto indubbio è che ci siano dei giovamenti in termini di visibilità e affidabilità agli occhi degli utenti consumatori.

In questo contesto, giocano un ruolo cardine anche le nuove regole sulla trasparenza, le quali assicurano imparzialità nei risultati di ricerca online attraverso la previsione di determinati parametri di classificazione[2] in grado di permettere alle PMI di concorrere equamente con i colossi del mercato.

Note

  1. Da intendersi sia come soggetto titolare dell’ecommerce che di marketplace. Precisamente lo schema del nuovo decreto legislativo, utilizza al posto di “venditore” o “fornitore” il termine “professionista” per ragioni sia “di coerenza con la versione attuale del Codice del Consumo che per chiarezza interpretativa, considerata l’accezione ampia che l’articolo 3 del Codice riconosce a tale soggetto, individuando una categoria unitaria in cui è ricompreso”, appunto, “tanto il professionista (persona fisica o giuridica) che l’intermediario”.
  2. nuovo comma 4 bis dell’art. 22 del Codice del Consumo:“ Nel caso in cui sia fornita ai consumatori la possibilità di cercare prodotti offerti da professionisti diversi o da consumatori sulla base di una ricerca sotto forma di parola chiave, frase o altri dati, indipendentemente dal luogo in cui le operazioni siano poi effettivamente concluse, sono considerate rilevanti le informazioni generali, rese disponibili in un’apposita sezione dell’interfaccia online che sia direttamente e facilmente accessibile dalla pagina in cui sono presentati i risultati della ricerca, in merito ai parametri principali che determinano la classificazione dei prodotti presentati al consumatore come risultato della sua ricerca e all’importanza relativa di tali parametri rispetto ad altri parametri. Il presente comma non si applica ai fornitori di motori di ricerca online definiti ai sensi dell’articolo 2, punto 6, del regolamento (UE) 2019/1150 del Parlamento europeo e del Consiglio
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4