La proposta

Liscia (Netcomm): “Cento mln in incentivi fiscali eCommerce tornano moltiplicati allo Stato”

Urge sostenere l’export via internet con riduzioni fiscali, distretti digitali, ritocchi dell’Iva, semplificazioni burocratiche e supporto alla logistica. L’Italia sta perdendo una grossa opportunità di crescita

12 Nov 2012
Roberto Liscia

Presidente Netcomm

liscia-netcomm-120321105344

Molti degli emendamenti al decreto Crescita 2.0, in discussione da questa settimana, mirano giustamente a recuperare il capitolo eCommerce, stralciato dalle ultime bozze. Ritengo però che servano incentivi veri e propri, basati sulla leva fiscale. I mancanti introiti, infatti- che calcolo in circa 100 milioni di euro- verrebbero ampiamente ripagati allo Stato. Il problema di copertura non può essere insomma preso come un alibi per non intervenire con decisione a favore dell’eCommerce.

Torniamo a quanto veniva proposto nel testo di legge Gentiloni/Palmieri: che per il ” triennio 2013-2015, i redditi generati dalla cessione di beni e di servizi in favore di soggetti esteri da parte di micro imprese e di piccole imprese italiane non concorrono, nella misura di un terzo, alla determinazione del reddito imponibile di impresa“.

Netcomm ha più volte sottolineato l’importanza di favorire con benefici fiscali l’export delle le piccole imprese per poter ricuperare un ritardo nella competitività internazionale che vede l’Italia svantaggiata, in maniera strutturale, rispetto agli altri paesi europei.

Difficilmente l’Italia potrà raggiungere l’obiettivo dell’Agenda Digitale che prevede che al 2015 il 33% delle aziende europee sia organizzata per vendere online se si pensa che a tutt’oggi solo il 4% delle aziende italiane ha già investito in questo nuovo canale commerciale contro il 15% della media delle aziende in europa.

Il fatto positivo è che, a dispetto di uno scenario economico stagnante, l’eCommerce in Italia continua a crescere di anno in anno con percentuali rilevanti: a ottobre 2012 circa 12 milioni di individui – ovvero il 43% dell’utenza Internet italiana – avevano fatto acquisti online almeno una volta nei tre mesi precedenti, dato in crescita del 30% rispetto allo scorso anno. Tra i prodotti più in voga, al primo posto, i biglietti di viaggio seguiti da abbigliamento, libri, computer e periferiche per PC, ricariche telefoniche e soggiorni (hotel, villaggi, pacchetti vacanze).

Tuttavia il divario tra il mercato online italiano e quelli dei principali Stati europei resta ancora marcato: importiamo troppo, soffriamo un ritardo cronico in termini di investimenti in ict, spesa online, produttività, banda larga, vendite crossborder e le nostre imprese sono ancora troppo piccole e scarsamente informatizzate. Questo nonostante una crescita dell’export del 28% – composto per il 55% dal turismo e per il 33% dall’abbigliamento, per un valore totale di oltre 1 miliardo e 600 mila euro, cifra però molto inferiore a quanto si importa attraverso il canale digitale dall’estero, più di 3 miliardi di euro.

Il ritardo dell’Italia nell’esportazione delle merci attraverso il canale digitale è la conseguenza di diversi fattori che difficilmente potranno essere superati se non si interviene con provvedimenti di sistema.

Il primo e più evidente è la piccola dimensione delle imprese italiane che rappresenta una barriera all’investimento necessario per affrontare i mercati esteri. Lo stesso commissario europeo Neelie Kroes, responsabile per l’Agenda Digitale, dice che l’Italia è indietro, fanalino di coda nell’Ue, nell’e-commerce crossborder. Basti pensare che, considerando,le prime 30 aziende multicanale europee impegnate nel commercio elettronico l’Italia è assente e che il fatturato online dei primi 30 gruppi europei (40 miliardi di €) è 6 volte il fatturato online dell’Italia.

I costi per affrontare l’estero sono elevati per diversi motivi. Le imprese devono investire in tecnologie che non padroneggiano, convertire e localizzare i propri siti sia in termini linguistici che culturali per fronteggiare la concorrenza locale, organizzare e gestire gli aspetti amministrativi e fiscali resi complessi dalla necessità di adeguarsi alle normative fiscali diverse per ogni paese.

Sarebbe opportuno Incentivare la creazione di distretti digitali e consorzi di imprese attraverso opportuni strumenti finanziari, fiscali e promuovendo la nascita di startup e progetti finalizzati ad aggregare l’offerta.

Inoltre un importante fattore di criticità che limita lo sviluppo delle iniziative che avrebbero nei mercati esteri uno sbocco naturale (come i prodotti made in Italy, ad esempio) è l’offerta di servizi di logistica internazionale a costi accettabili. A oggi solo gli operatori con uno scontrino medio-alto e soprattutto con margini importanti – per esempio alcune iniziative dell’abbigliamento – possono sostenere o giustificare costi di consegna elevati.

La logistica è quindi tra gli elementi più importanti da mettere a punto anche nel commercio elettronico perché rappresenta l’anello finale del rapporto merchant/cliente. In particolare la logistica dell’eCommerce oggi affronta nuove dinamiche legate alla consegna di singoli prodotti: un’attività che deve essere tempestiva, puntuale e attenta al tracking. Caricando su di sé gran parte degli elementi di trust, in assenza del punto vendita fisico tradizionale, la garanzia del servizio è il punto centrale e maggiormente critico del successo degli operatori.

La proposta Gentiloni prevede l’introduzione di benefici per l’avvio di attività di commercio elettronico delle micro e piccole imprese, sotto forma di deducibilità ai fini della determinazione del reddito di impresa. La misura proposta non comporta oneri reali riguardando di fatto una realtà molto ridotta che potrà crescere grazie all’azione di stimolo derivante dalla norma con ritorni fiscali derivanti dalla crescita indotta dalla stessa norma.

Netcomm ha stimato che le vendite all’estero nel 2012 di prodotti (con esclusione della biglietteria, turismo e delle pochissme grandi aziende) non supererà i 350 mioni di euro. Oggi solo 150/200 micro e piccole aziende sono impegnate nell’export digitale. Se le agevolazioni previste da Gentiloni riuscissero a raddoppiare tale cifra permettendo nel 2013 di avere 700 milioni di euro di export e 300/400 aziende attive il costo di tale manovra non costerebbe più di 100 milioni di euro di mancati introiti fiscali ampiamente compensati dagli introiti aggiuntivi derivanti dalla crescita dell’export oltre che dal forte messaggio di politica industriale che ne deriverebbe. Cito dall’ultimo Osservatorio di School of Management-Politecnico di Milano: “L’eCommerce può costituire un fattore fondamentale di sviluppo per l’intero sistema e un’occasione per far crescere la competitività di tutte le imprese italiane. Produttività in Italia che – come noto – si è ridotta di oltre 15 punti in 10 anni (ossia a parità di ore lavorate si è prodotto il 15% in meno)”.

Nell’Art. 22, Semplificazione della normativa relativa al commercio elettronico diretto, viene proposto, per le prestazioni di commercio elettronico diretto, di non rendere obbligatoria l’emissione della fattura se non è richiesta dal cliente. Questo passaggio, di natura amministrativa, è molto più importante di quanto non appaia. Oggi anche quando un merchant sceglie di contabilizzare le vendite “a corrispettivo” rimane l’obbligo di emettere fattura se il cliente lo richiede. Questo comporta un peso gestionale e amministrativo non indifferente. In altri paesi Europei ha valore equiparato alla fattura anche un documento di “ricevuta d’acquisto” / scontrino con inclusi i dati per prodotto e l’indicazione dell’IVA ma senza bisogno di includere partita IVA / codice Fiscale del cliente. Questo tema va molto al di là del commercio elettronico perché il problema principale non è concedere l’emissione del documento semplificato da parte del merchant, ma è il fatto che il cliente possa poi scaricare il costo e recuperare l’IVA anche avendo in mano solo la ricevuta / scontrino. Però nell’ottica della semplificazione amministrativa un paese moderno dovrebbe pensarci.

Sempre nell’Art. 22 si fa riferimento alla necessità di portare l’iva di prodotti editoriali digitali via Internet ( e aggiungerei non solo internet) al 4%. Questa misura, che è di difficile attuabilità per i condizionamenti posti dalla normativa europea, ha una forte rilevanza, in particolare nel contesto italiano, per favorire il superamento del digital divide sia nel sistema scolastico che nell’alfabetizzazione digitale del nostro paese. L’asimmetria esistente tra l’imposizione fiscale agevolata per i prodotti editoriali cartacei e quelli digitali, oggi al 21%, comporta un onere per il consumatore ingiustificato.

Se si pensa che nel 2012 solo l’81% dei giovani tra i 16 e i 24 anni utilizzano internet contro il 97% dei giovani tedeschi con un differenziale di ben 16 punti percentuali si capisce come tutte le misure che favoriscano il superamento di questo gap vadano nella giusta direzione e a questo proposito è doveroso spingere perché i libri di testo scolastici siano fin dal prossimo hanno disponibili anche in formato ebook per tutti gli ordini di scuola secondaria.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3