direttiva copyright

Equo compenso per gli editori: che fine ha fatto il value gap?



Indirizzo copiato

A che punto siamo con la concreta applicazione nel nostro paese delle regole introdotte dalla direttiva Ue sul diritto d’autore? Vediamo come mai ancora non è stato colmato quel divario tra il valore percepito dai creatori di contenuti e quello ottenuto dagli intermediari che distribuiscono in rete tali contenuti, il cosiddetto “value gap”, cui si voleva…

Pubblicato il 26 lug 2023

Daniela De Pasquale

avvocato, partner studio legale Ughi e Nunziante



giornali intelligenza artificiale

Quando nel 2019 fu adottata la direttiva 790 sul diritto d’autore e diritti connessi nel mercato unico digitale (Direttiva 790/2019, la “Direttiva”) essa fu salutata da un coro di proteste e passò malgrado il voto contrario di un certo numero di Stati Membri dell’Unione Europea, tra cui l’Italia. Il governo italiano (Presidenza Conte) – non ravvisando nel testo la piena tutela della libertà di informazione, espressione e creatività – ha votato contro il provvedimento, insieme a Paesi Bassi, Polonia, Lussemburgo, Finlandia e Svezia.

Altrettante polemiche accompagnarono il decreto 8 novembre 2021 m. 177 attuativo della Direttiva, il quale introdusse significative modifiche al corpo della Legge sul Diritto d’Autore (L. 633/1941 – “L.A.”). Veniva recepito un principio in qualche modo rivoluzionario giacché dopo vent’anni di tumultuose relazioni tra online content sharing service providers e content providers (industria musicale, cinematografica ed informazione) e di progressiva tutela accordata dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea all’industria culturale, si stabilì definitivamente un principio di responsabilità in capo alle piattaforme che, dopo esserne state informate, utilizzassero senza autorizzazione contenuti protetti dal diritto d’autore per effetto della comunicazione al pubblico di opere protette effettuate dai propri utenti. Il rischio paventato dagli oppositori riguardava, invece, la possibile censura dei contenuti per effetto di un abuso dei rimedi apprestati ai titolari dei diritti.

Ora che i riflettori sono puntati su altra materia vale la pena di chiedersi a che punto siamo con la concreta applicazione di queste nuove regole nel nostro paese e se sia stato colmato quel divario tra il valore percepito dai creatori di contenuti e quello ottenuto dagli intermediari che distribuiscono in rete tali contenuti, il cosiddetto “value gap”, cui si voleva porre rimedio con la Direttiva.

Il braccio di ferro tra Meta e Siae

Innanzitutto, il braccio di ferro tra il gruppo Meta e Siae tenutosi questa primavera in Italia è il riflesso del nuovo equilibrio voluto dal legislatore europeo. Facebook e Instagram facevano utilizzo di musica protetta dal diritto d’autore, amministrata da Siae, senza aver ottenuto dalla collecting society il rinnovo della licenza per la comunicazione al pubblico delle opere musicali caricate dagli utenti. La questione, come sappiamo, verteva sulla mancata condivisione di dati analitici circa gli utilizzi da parte del gruppo Meta ed è stata poi risolta mediante il rilascio di licenza provvisoria, a seguito dell’apertura di un procedimento per abuso di dipendenza economica avviato da AGCM, la nostra autorità Antitrust. In particolare, l’Autorità ha disposto che Meta riprendesse immediatamente le trattative, mantenendo un comportamento ispirato ai canoni di buona fede e correttezza e provvedendo a fornire tutte le informazioni necessarie onde consentire a SIAE di ripristinare l’equilibrio nel rapporto commerciale con Meta. Inoltre, previa autorizzazione di Siae, Meta ha dovuto ripristinare la disponibilità dei contenuti musicali su Facebook e su Instagram. Infine, l’Autorità ha disposto persino la nomina di un fiduciario in caso di disaccordo tra le parti in ordine alla quantità e alla qualità delle informazioni fornite da parte di Meta.

Il faticoso rapporto tra content provider e piattaforme

Come si può vedere il rapporto tra content providers e piattaforme è ancora parecchio faticoso ma certamente sarebbe stato più difficile ottenere questo tipo di tutela in difetto dell’articolo 102 – sexies L.A. che ha recepito l’art. 17 della Direttiva, che prevede l’obbligo per le piattaforme di dotarsi di una licenza.

Il regolamento AGCOM sull’equo compenso

Un’altra conferma dell’attuazione dei principi introdotti dalla Direttiva, si trova nel regolamento AGCOM approvato il 19 gennaio 2023 per la determinazione dell’equo compenso ex art. 43 bis L.A., per l’utilizzo online delle pubblicazioni di carattere giornalistico.

Il testo del regolamento, pubblicato con Delibera n. 3/23/CONS ed entrato in vigore il 24 febbraio 2023, ha fornito agli operatori del mercato gli strumenti per esercitare i diritti connessi introdotti con l’art. 15 della Direttiva. Come è noto questa norma aveva escluso l’accesso alle news mediante hyperlink al sito dell’editore (linking) ed i testi molto brevi (cd. snippets) o fatti di una sola parola dal novero delle utilizzazioni in relazione alle quali sorge un diritto all’equo compenso e pertanto si riferisce alla riproduzione di articoli o parti di essi non autorizzata.

In sostanza le sole utilizzazioni per le quali gli editori hanno titolo ad un compenso da parte delle piattaforme sono le cosiddette “extended news previews” , insomma le anteprime di notizie effettuate senza dare accesso diretto, mediante link, al sito ove è pubblicato l’articolo e le riproduzioni integrali di pubblicazioni, ovviamente. Una ragione, questa, che potrebbe avere accelerato il crescente ricorso a paywalls da parte degli editori, condizionandone il modello di business.

Molto è stato già scritto sulla scarsa duttilità del Regolamento avuto riguardo alle caratteristiche delle imprese editoriali di piccole dimensioni ed a quelle non generaliste. Ad ogni modo, il sistema per la determinazione dell’equo compenso è basato sulla conclusione di accordi volontari tra editori e piattaforme online.

I criteri di riferimento individuati da Agcom

Il regolamento AGCOM individua alcuni criteri cui le parti potranno (ma non dovranno) riferirsi:

  • il numero di consultazioni online delle pubblicazioni dell’editore sulla piattaforma;
  • la rilevanza dell’editore sul mercato, ossia l’audience online rilevata da organismi rappresentativi del settore di riferimento o fonti terze accreditate;
  • il numero di giornalisti impiegati dall’editore;
  • i costi sostenuti dall’editore per investimenti tecnologici e infrastrutturali per la realizzazione delle pubblicazioni di carattere giornalistico diffuse online;
  • i costi sostenuti dalla piattaforma per la riproduzione e comunicazione delle pubblicazioni di carattere giornalistico diffuse online;
  • l’adesione e conformità dell’editore e del prestatore a codici di condotta e autoregolamentazione e a standard internazionali in materia di qualità dell’informazione e di fact-checking;
  • gli anni di attività dell’editore, anche in relazione alla storicità della testata in ambito nazionale e locale.

Inoltre, se guardiamo all’art. 4 del Regolamento capiamo che certamente le piattaforme hanno fatto sentire la propria voce laddove i ricavi pubblicitari del prestatore derivanti dall’utilizzo online delle pubblicazioni di carattere giornalistico dell’editore saranno calcolati al netto dei ricavi dell’editore attribuibili al traffico di reindirizzamento generato sul proprio sito web.

Cosa succede ora

Pur con queste limitazioni vediamo cosa succede a questo punto.

Ciascuna piattaforma interessata dall’utilizzo delle pubblicazioni giornalistiche è la potenziale destinataria di una richiesta di dati e di avvio di negoziazione per il riconoscimento dell’equo compenso in favore degli editori. Nel caso in cui la piattaforma non risponda in tempi congrui, o non si addivenga a un accordo, l’editore avrà la possibilità di adire l’AGCOM affinché determini l’ammontare dell’equo compenso dovuto all’editore richiedente sulla base dei criteri sopra riferiti.

La procedura ENP di Google

La novità di queste settimane è che alcune piattaforme, tra cui Google con la procedura “ENP”, hanno predisposto un meccanismo che consente agli editori di avviare una negoziazione per il calcolo e il riconoscimento dell’equo compenso per l’utilizzo delle pubblicazioni di carattere giornalistico nonché di ottenere i dati relativi al loro utilizzo.  A quanto pare di capire, ogni singola testata potrà sottoscrivere un accordo, previa accettazione delle regole per il calcolo determinate unilateralmente dalla piattaforma. L’editore che disponga di più testate dovrà avviare tante procedure quante sono le testate interessate dal compenso.

Un risultato di portata modesta per gli editori

Non sembra che l’editore possa avere accesso alle informazioni senza avere previamente sottoscritto l’accordo, con ciò prendendosi il rischio di un dispendio inutile di energie, mentre invece sono richieste agli editori numerose informazioni aggiuntive rispetto all’elenco dei criteri previsto nel Regolamento. Tutto questo si traduce in onerosi “transactional costs,” ossia costi correlati alla attività di richiesta e recupero di questi compensi da ogni piattaforma, idonei a scoraggiare le imprese di piccole dimensioni.

Quindi, alla luce di tutto quanto sopra, il risultato rischia di essere di modesta portata per l’intero comparto editoriale.

Conclusioni

Un’occasione fallita, se si considera che tra le ragioni che hanno mosso legislatore europeo a introdurre l’equo compenso per le pubblicazioni giornalistiche vi era proprio la necessità di sostenere l’industria dei media per arginare fenomeni come le fake news e il dilagare della disinformazione.

Insomma, il value gap è ancora tutto da colmare, ammesso che tale risultato sia perseguibile mediante il diritto d’autore.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4