lo scenario europeo

IA e tutela dei diritti: il DDL italiano e le altre iniziative Ue



Indirizzo copiato

Le istituzioni a livello globale e nazionale stanno aumentando i loro sforzi per delineare un quadro di riferimento per lo sviluppo e l’uso responsabile dei sistemi di intelligenza artificiale. Dalla Commissione Ue all’ICO britannico, passando per l’autorità francese CNIL e il DDL italiano, le iniziative più recenti

Pubblicato il 26 apr 2024

Giacomo Borgognone

Avvocato Legal Consultant P4I – Partners4Innovation

Anna Cataleta

Senior Partner di P4I e Senior Advisor presso l’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection (MIP)



Digital,Transformation,Concept.,Binary,Code.,Ai,(artificial,Intelligence).

Mentre l’Europa si avvicina alla conclusione dell’iter legislativo e alla pubblicazione dell’AI Act sulla Gazzetta ufficiale e l’Italia approva il DDL per regolamentare l’utilizzo della tecnologia in conformità con le norme Ue, è interessante esaminare il panorama attuale delle politiche e delle iniziative che stanno plasmando l’approccio del continente verso un uso responsabile e sicuro dell’IA, con particolare riguardo ai sistemi di IA generativa e all’utilizzo di dati personali.

Di seguito viene offerta una panoramica di alcune recenti iniziative, delle Istituzioni e delle Autorità di protezione dei dati personali, le quali mirano a fornire indicazioni per guidare il cammino verso un futuro in cui l’IA possa essere sfruttata al massimo delle sue potenzialità, garantendo al contempo la sicurezza e i diritti delle persone.

Le linee guida della Commissione Ue sull’uso responsabile della GenAI nella ricerca

A fine marzo 2024, la Commissione Europea ha pubblicato delle linee guida sull’uso responsabile dell’IA generativa nella ricerca[1] al fine di portare ordine in un contesto in cui proliferano linee guida e raccomandazioni.

La Commissione evidenzia fin da subito alcuni rischi che possono derivare dall’utilizzo dell’IA, quali la produzione su larga scala di disinformazione e altri utilizzi non etici con significative conseguenze sociali; alcuni dei rischi sono dovuti alle limitazioni tecniche dello strumento di IA utilizzato mentre altri sono legati all’uso (intenzionale o non) dello stesso. Oltre ai rischi, tuttavia, viene sottolineato che l’ambito della ricerca è uno dei settori che potrebbe trarre maggior beneficio dall’intelligenza artificiale generativa in quanto quest’ultima ha un grande potenziale di accelerare la scoperta scientifica e migliorare l’efficacia e la velocità dei processi di ricerca e verifica. Tra gli esempi positivi di uso degli strumenti di IA da parte dei ricercatori, il documento richiama il supporto nella produzione di testi in più lingue e la generazione di riassunti di testi presi da diverse fonti.

Le linee guida della Commissione si fondano su framework già esistenti, quali il “codice di condotta europeo per l’integrità della ricerca” e le “Linee guida etiche per un’IA affidabile”, e si rivolgono ai ricercatori, alle organizzazioni di ricerca e alle organizzazioni che finanziano la ricerca.

Le raccomandazioni della Commissione

In particolare, secondo la Commissione:

  • i ricercatori dovrebbero: adottare i principi fondamentali dell’integrità della ricerca, utilizzare l’IA generativa in modo trasparente mantenendo la responsabilità sull’output; utilizzare l’IA generativa preservando la privacy, la confidenzialità e i diritti di proprietà intellettuale, sia nella fase di input che nella generazione degli output; mantenere un approccio critico nell’uso dell’IA generativa; astenersi dall’utilizzo di strumenti di IA generativa in attività sensibili come, ad esempio, le peer review;
  • le organizzazioni di ricerca dovrebbero: favorire un approccio critico all’uso dell’IA generativa e monitorare attivamente lo sviluppo e l’utilizzo degli strumenti di IA; tenere in considerazione le linee guida della Commissione, adattandole o ampliandole quando necessario; implementare i propri strumenti di IA generativa tenendo in considerazione la protezione dei dati personali e la riservatezza;
  • le organizzazioni che finanziano la ricerca dovrebbero: sostenere l’uso responsabile dell’IA generativa nella ricerca; utilizzare l’IA generativa in modo trasparente, garantendo riservatezza e correttezza.

La consultazione ICO sull’esattezza dei dati di addestramento e dell’output dei modelli di GenIA

Nel corso del 2024, l’Information Commissioner’s Office (ICO) ha avviato delle consultazioni pubbliche relative a tematiche sulla protezione dei dati personali in relazione all’utilizzo di sistemi e modelli di IA. A seguito delle consultazioni pubbliche sulla “base giuridica per il web scraping per addestrare i modelli di IA generativa” e “limitazione della finalità nel ciclo di vita dell’IA generativa”, a inizio aprile 2024 è stata pubblicata la consultazione “sull’esattezza dei dati di addestramento e dell’output dei modelli di IA generativa”[2].

In primo luogo, l’ICO pone l’attenzione sulla finalità del modello di IA generativa poiché la stessa è fondamentale nel determinare se l’output generato dal modello stesso debba essere esatto o meno; ad esempio, se il modello di IA è realizzato e utilizzato per aiutare i progettisti di videogiochi a sviluppare una trama non è necessario che l’output sia esatti. Viceversa, nel caso in cui il modello sia utilizzato per riassumere i reclami dei clienti, è necessario che i dati in output siano esatti. A tal proposito, l’ICO afferma che più un modello di intelligenza artificiale generativa viene utilizzato per prendere decisioni riguardanti le persone più l’esattezza dovrebbe costituire un principio centrale nella progettazione e nel test del modello.

Le raccomandazioni ICO

Una volta compreso se il modello di IA viene utilizzato per una finalità che richiede un output accurato, lo sviluppatore deve considerare in che modo i dati utilizzati per il training del modello impattino su tale elemento; in particolare, secondo l’ICO gli sviluppatori dovrebbero:

  • sapere se i dati di addestramento sono costituiti da informazioni accurate, veritiere e aggiornate, informazioni storiche, inferenze, opinioni, o persino informazioni generate dall’IA relative a individui;
  • comprendere e documentare l’impatto che l’accuratezza dei dati di addestramento ha sugli output del modello di intelligenza artificiale generativa;
  • considerare se l’accuratezza statistica dell’output del modello di intelligenza artificiale generativa è adeguato alla finalità per cui il modello viene utilizzato e come ciò incida sul principio di esattezza; e
  • comunicare in modo trasparentemente e conciso gli elementi di cui sopra ai deployers e agli utenti finali, per assicurarsi che la mancanza di accuratezza nella fase di addestramento non comporti impatti negativi sugli individui nella fase di implementazione.

Infine, l’ICO afferma che i deployers, a loro volta, sono responsabili di una comunicazione trasparente con gli utenti finali e dovrebbero considerare alcuni elementi tra cui, ad esempio, come l’eventuale mancanza di dati di addestramento accurati e di output possa impattare sugli individui e mitigare tali rischi prima del dispiegamento (ad esempio, restrizioni sulle query degli utenti, filtri sugli output).

Le raccomandazioni della CNIL sullo sviluppo dei sistemi di intelligenza artificiale

Oltre all’ICO, anche l’Autorità francese (“CNIL”) ha pubblicato, nel mese di aprile 2024, delle raccomandazioni sullo sviluppo dei sistemi di intelligenza artificiale[3], le quali tengono in considerazione anche il testo dell’AI Act. In particolare, le raccomandazioni sono volte a conciliare lo sviluppo dei sistemi di IA con il rispetto della protezione dei dati personali e riguardano: i sistemi basati sull’apprendimento automatico (machine learning); i sistemi il cui uso operativo è definito fin dalla fase di sviluppo e i sistemi per finalità generali che potranno essere utilizzati per alimentare diverse applicazioni (“general purpose AI”). le raccomandazioni della CNIL si concentrano sulla fase di sviluppo dei sistemi di IA e non sull’utilizzo degli stessi.

Le fasi evidenziate dall’Autorità

Più nello specifico, le fasi evidenziate dall’Autorità sono le seguenti:

  • definizione della finalità: è di fondamentale importanza definire le finalità per cui sarà utilizzato il sistema. Ciò consente di utilizzare per la fase di addestramento esclusivamente i dati personali necessari e non eccedenti;
  • definizione dei ruoli: nel caso di utilizzo di dati personali per lo sviluppo dei sistemi di IA è necessario individuare i ruoli (Titolare del trattamento o Responsabile del trattamento). Ad esempio, un fornitore che avvia lo sviluppo di un sistema di IA e costituisce il database di apprendimento a partire dai dati che ha selezionato per proprio conto potrebbe qualificarsi come Titolare del trattamento;
  • individuazione della base giuridica del trattamento: la CNIL evidenzia che spesso non si potrà fare affidamento sul consenso poiché impossibile da raccogliere e si dovrà fare riferimento ad un’altra condizione di liceità. In particolare, l’Autorità individua quale base giuridica preferibile, previo il rispetto di tutti i requisiti, l’interesse legittimo nel settore privato e l’interesse pubblico, nel settore pubblico;
  • verifica della possibilità di riutilizzare i dati: in particolare, occorre considerare le modalità di raccolta dei dati personali e che le stesse siano lecite. L’Autorità differenzia i casi in cui: a) lo sviluppatore utilizzi i dati inizialmente raccolti dallo stesso per una finalità diversa; b) siano utilizzati dati disponibili al pubblico; c) siano usati dati acquisiti da terzi. Nel primo caso, sarà necessario svolgere un test di compatibilità; nel secondo caso, invece, sarà necessario svolgere una valutazione caso per caso analizzando diversi elementi tra cui, ad esempio, la menzione della fonte da cui sono raccolti i dati, la presenza o meno di dati particolari; nel terzo caso occorrerà verificare che il terzo abbia raccolto i dati in modo lecito;
  • riduzione al minimo i dati personali che sono utilizzati: i dati devono essere adeguati, pertinenti e limitati a quanto strettamente necessario per raggiungere la finalità. In particolare, la CNIL, oltre ad affermare che il principio di minimizzazione non preclude l’utilizzo di grandi set di dati, suggerisce di utilizzare solo i dati personali utili allo sviluppo del sistema e, successivamente, implementare i mezzi tecnici per raccogliere solo i dati necessari;
  • definizione del periodo di conservazione: è necessario impostare un periodo di conservazione per i dati personali durante la fase di sviluppo. Una volta conclusa tale fase, i dati dovrebbero essere cancellati a meno che non siano necessari per la manutenzione o il miglioramento del prodotto e siano implementate garanzie adeguate;
  • svolgimento di una DPIA.

La situazione in Italia: il disegno di legge in materia di intelligenza artificiale

In Italia, il Governo ha approvato un disegno di legge per l’introduzione di disposizioni e la delega al Governo in materia di intelligenza artificiale. Il disegno di legge introduce norme di principio e disposizioni di settore per promuovere l’utilizzo delle nuove tecnologie per il miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini e della coesione sociale, nonché per fornire soluzioni per una gestione del rischio fondata su una visione antropocentrica.

Il disegno di legge è suddiviso nei seguenti ambiti: la strategia nazionale; le autorità nazionali; le azioni di promozione; la tutela del diritto d’autore; le sanzioni penali. Tra gli elementi presi in considerazione nel disegno di legge si trovano anche il rispetto dei diritti fondamentali e delle libertà dell’ordinamento italiano ed europeo. Per quanto attiene alle disposizioni di settore, sono individuati i seguenti ambiti: sanità e disabilità; lavoro; pubblica amministrazione; attività giudiziaria; cybersicurezza nazionale.

AgID e ACN: le autorità italiane per l’intelligenza artificiale

Un punto centrale riguarda poi l’individuazione delle Autorità nazionali per l’intelligenza artificiale. In particolare, il Governo ha deciso di affidare all’Agenzia per l’Italia digitale (AgID) e all’agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN) il compito di garantire l’applicazione e l’attuazione della normativa nazionale ed europea in tema di intelligenza artificiale. Nel testo è specificato anche che restano ferme le competenze, i compiti e i poteri del Garante per la protezione dei dati personali.

Infine, è interessante notare come vi sia un richiamo all’alfabetizzazione e alla formazione in materia di utilizzo dei sistemi di intelligenza artificiale.

Conclusioni

Le istituzioni e le Autorità sono molto attive e forniscono delle indicazioni preziose per chi si accinge a sviluppare o a utilizzare dei sistemi o modelli di IA. Proprio per questo è fondamentale tenere in considerazione tali indicazioni al fine di sviluppare una maggiore consapevolezza ed avere degli strumenti utili riducendo al minimo i rischi sanzionatori.

Note


[1] Commissione Europea “Living Guidelines on the responsible use of generative AI in research”, 2024

[2] ICO, Generative AI third call for evidence: accuracy of training data and model outputs, 2024

[3] CNIL, Développement des systèmes d’IA: les recommandations de la CNIL pour respecter le RGPD, 2024

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4