intelligenza artificiale

IA nei Paesi emergenti: non tradiamo le loro legittime aspettative



Indirizzo copiato

Mentre l’Occidente teme i rischi dell’IA, i paesi in via di sviluppo la vedono come un’opportunità di crescita, nonostante i rischi di emarginazione e le barriere linguistiche. Iniziative in India, Africa e nei paesi arabi dimostrano che l’adattamento linguistico dell’IA favorisce l’inclusione e lo sviluppo locale, promuovendo la diversificazione

Pubblicato il 19 apr 2024

Mario Di Giulio

Professore a contratto di Law of Developing Countries, Università Campus Bio-Medico Avvocato, Partner Studio Legale Pavia e Ansaldo



Side,View,Of,Serious,Young,African,American,Businessman,Using,Laptop

Mentre in Occidente ci arrovelliamo – anche a ragione – sui rischi che l’intelligenza artificiale pone, in altri luoghi del mondo, la stessa è vista sotto un duplice profilo: il primo quale opportunità e il secondo è il rischio di rimanerne tagliati fuori.

Del resto, anche per l’AI vale il paradigma per cui chi è abituato a un consolidato benessere teme le novità per la paura che possano comprometterlo, mentre chi ha poco da perdere guarda al nuovo sempre come un’opportunità.

In questo ChatGPT ha avuto senz’altro il merito di rendere “toccabile con mano” quel che fino a poco prima sapevamo esistesse ma in qualche modo richiedeva da parte di alcuni più un atto fideistico che una concreta consapevolezza.

Intelligenza artificiale e crescita economica

Come con l’avvento dell’industrializzazione in molti temettero la distruzione di posti di lavoro che le macchine avrebbero causato, così con l’intelligenza artificiale il tema si ripropone, ma con diverse declinazioni tra Nord e Sud del mondo.

Se infatti in Occidente siamo più preoccupati per i posti di lavoro che si perderanno, nei paesi in via di sviluppo si guardano alle nuove opportunità che l’intelligenza artificiale può creare. Ciò in parte è dato dal fatto che coloro che sono impiegati nei lavori che richiedono meno capacità attitudinali (si pensi ai lavoratori edili, lavapiatti, lavoratori agricoli) non dovrebbero esserne interessati, ma anche per la considerazione che con l’intelligenza artificiale potrebbero essere superate quelle difficoltà di ordine pratico che la carenza di adeguate risorse umane pone nel creare attività organizzate.

Si pensi ad esempio a chi voglia promuovere la propria attività economica e non sia in grado di coinvolgere grafici ed esperti di marketing: non pochi tool consentono ora di svolgere il lavoro in autonomia, con risultati di diversa qualità ma spesso comunque valida. Lo stesso ragionamento può essere applicate a innumerevoli realtà.

Il rischio di rimanere emarginati

Se molte sono le luci, non mancano neanche le ombre che della luce sono figlie.

Uno dei rischi più sentiti da parte dei paesi meno sviluppati è quello di rimanere tagliati fuori dalle potenzialità dell’intelligenza artificiale.

Tali rischi sono concreti e partono dal fatto che l’intelligenza artificiale è dominata dalle Big Tech che in questi anni hanno raccolto masse di dati impressionanti e condizionato dall’utilizzo delle lingue considerato che la maggiore parte dei sistemi è basata su large language model. A ciò si aggiunga anche la irrilevanza delle situazioni specifiche che conducono a trascurare quel che numericamente non è significativo, impedendo la creazione di modelli e limitando la proficuità economica che spesso è molla dello sviluppo (basti pensare alla medicina dove la ricerca difficilmente si attiva per contrastare le malattie rare sia per la difficoltà di condurre ricerche proficue per penuria di dati sia per il mancato ritorno economico che la scoperta può garantire).

Ciò non toglie che molti siano i paesi che stanno reagendo al rischio di rimanere emarginati.

È così in India e alcuni paesi africani, si sviluppano app per tradurre nelle lingue locali numerosi documenti e quindi renderli utilizzabili per lo sviluppo di tool adattati alle esigenze locali. Nello stesso tempo anche i paesi arabi, dotati di ben altra capacità finanziaria stanno svolgendo simili attività per non tagliare fuori l’arabo dall’intelligenza artificiale generativa e se stessi dalle potenzialità che essa offre. In tal senso è utile ricordare che la lingua araba è conosciuta ben oltre i confini della penisola arabica, essendo parlata in ben ventidue paesi, senza considerare quelli in cui essa è parlata in misura minoritaria. Questo facilita l’esistenza e la diversità di testi sui quali l’intelligenza generativa possa fare training e pone i paesi arabi in una posizione migliore rispetto ad altre lingue che seppure diffuse numericamente non hanno sufficienti testi digitali da utilizzarsi per l’intelligenza artificiale (come nel caso dell’indù, parlato da oltre 700 milioni di persone ma del quale esistono “limitati” testi digitali scritti in tale lingua).

L’intelligenza artificiale e le ombre della globalizzazione

Un altro aspetto spesso evidenziato in vari studi, sponsorizzati da organizzazioni internazionali quali la Banca Mondiale, è che l’intelligenza artificiale possa ridurre quelle opportunità di lavoro che la globalizzazione ha creato nei paesi in via di sviluppo attraverso i servizi in outsourcing.

Si pensi ai servizi di call center, ma anche a quelli di contabilizzazione quando alla stessa predisposizione delle prime bozze contrattuali.

Se infatti l’intelligenza artificiale non appare al momento compromettere lavori che richiedono pochissime competenze, se non la forza meccanica, quali quelli di lavapiatti e sgombero ai ristoranti o altri servizi manuali nel campo delle costruzioni, i posti più a rischio sono quelli caratterizzati dalla ripetitività della prestazione all’interno di schemi consolidati come quelli indicati nel paragrafo precedente (call center, sevizi contabili e contrattuali).

Intelligenza artificiale, non solo limiti ma anche opportunità

Non manca però chi vede nel nuovo opportunità dell’intelligenza artificiale in molti campi che spaziano dalla medicina, dove la penuria di medici potrebbe essere in parte superata attraverso l’utilizzo di tool diagnostici (che spesso però hanno il limite di essere stati creati sulla base di dati riferiti a uomini che si trovano nei paesi sviluppati e che quindi non considerando le peculiarità che singole popolazioni possano avere), nell’agricoltura dove sensori e intelligenza artificiale potrebbero aiutare a individuare le colture più adeguate alle condizioni climatiche e dei terreni e identificare per tempo la minaccia dei parassiti, in campo educativo, con la creazione di strumenti che possano agevolare la didattica e l’autodidattica (si pensi alla possibilità di revisione di un testo letterario  e di un esercizio matematico  e alle possibilità non solo di tradurre ma anche di imparare le pronunce).

È da considerare inoltre che le limitazioni che possono derivare dai modelli linguistici non sembrano costituire un ostacolo alle potenzialità che l’intelligenza artificiale può fornire, almeno nell’opinione di alcuni commentatori (vedi da ultimo l’Economist il 25 gennaio 2024). La crescita esponenziale della telefonia cellulare faciliterebbe infatti la raccolta di dati e quand’anche i modelli creati possano essere meno efficienti rispetto a quelli in uso nei paesi occidentali, sarebbero comunque utili per implementare le attività nei vari settori summenzionati.

Conclusioni

Di certo, una diffusione degli strumenti di intelligenza artificiale anche nei paesi in via di sviluppo potrebbe potenziare anche un certo appetito per gli stessi e la relativa progettazione.

Sarebbe così stimolata una creatività decentrata nei singoli paesi, che consentirebbe di uscire da un modello di intelligenza artificiale la cui trazione al momento appare limitata a quella anglosassone e cinese: un obiettivo al quale dobbiamo tutti aspirare.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4