La riflessione

Il lato oscuro dello smart working: ecco quando peggiora il lavoro

Lo smart working porta molti benefici, ma spinge verso una delocalizzazione 2.0 del lavoro e rende più difficile la costruzione e il mantenimento della stessa cultura aziendale: le possibili conseguenze

02 Mag 2022
Pierluigi Casolari

founder di Unconventional Road, autore di Startup 3.0, blog su startup, innovazione e web 3.0

smart working

L’arrivo dello smart working è stato salutato come un’ondata di liberazione: dalle ore in auto per spostarsi da casa all’ufficio, dagli assembramenti sui mezzi pubblici, dai tempi morti per aspettare autobus che non arrivano mai.

Ma lo smart working favorisce anche due tendenze su cui riflettere con attenzione: lo sradicamento culturale e la globalizzazione della domanda-offerta.

Che ne sarà dello smart working? Ecco perché siamo solo all’inizio della “rivoluzione”

Smart working: l’importanza della cultura aziendale per le startup

Buona parte del tessuto lavorativo è oggi legato al lancio di nuovi servizi, alla creazione di startup, di nuove divisioni aziendali, alla ricerca e sviluppo all’interno di grandi aziende.

WHITEPAPER
Smart Working: lo stato dell’arte e cosa succede con la fine dello stato di emergenza
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Il mondo cambia ad una velocità tale per cui le startup, le newco, i nuovi lavori e in generale le nuove dimensioni lavorative sono essenzialmente il tessuto connettivo che risponde al cambiamento e che permette alla società di adeguarsi ad esso.

La maggior parte delle startup nasce intorno all’idea di un “cambiamento nel mondo da realizzare”. La costruzione di un team coeso e forte, immerso in una stessa cultura aziendale è storicamente un elemento essenziale della costruzione di una startup che vuole cambiare il mondo, di un’agenzia che racconta in modo unico il mondo che muta e in generale di un’azienda con un oggetto sociale forte e differenziante.

La cultura aziendale, soprattutto nelle aziende e nelle startup che hanno nel proprio DNA la trasformazione del mondo, del mercato, del proprio settore è un elemento determinante per almeno tre motivi:

  1. Il team è il primo banco di prova della trasformazione del mondo. Se non è il team stesso ad essere pervaso di questa nuova cultura, come potrà esserlo il mondo esterno, nella sua infinita differenza e alterità rispetto al progetto aziendale?
  2. La cultura aziendale non è necessariamente aziendalismo e non è necessariamente una forma di krumirismo a favore del datore di lavoro, cieca agli interessi dei lavoratori stessi. La cultura aziendale è anche appartenenza. Che l’azienda stia creando un progetto di sostenibilità, lavorando ad un brevetto per una cura contro una malattia grave, trasformando un intero settore, il valore dell’oggetto sociale è un elemento decisivo nella scelta del dipendente di lavorare nell’azienda e dell’imprenditore di scegliere quel dipendente. I dipendenti sempre più scelgono l’azienda per i suoi valori e viceversa.
  3. Il lavoro è in generale un’attività pesante e la retribuzione è solo una piccola parte della remunerazione lavorativa. Condividere uno stesso progetto culturale è dunque è uno degli elementi differenzianti dell’attività lavorativa. È remunerazione non economica. L’adesione ad una cultura condivisa è un fattore che unifica nella fatica, nelle sfide e nella durezza che a volte caratterizza il lavoro.

Ora spiegato come la cultura aziendale è un ingrediente essenziale per le aziende e per le startup, dovremmo chiederci se è ancora possibile contare su un humus culturale unificato nel team in un contesto in cui ci si incontra una volta alla settimana, si vivono vite diverse, si respirano luoghi e culture diverse, si abitano mondi diversi.

Si immagini un progetto che opera su un’idea di turismo nazionale sostenibile, i cui dipendenti vivono e lavorano in un altro Paese. Oppure si immagini un progetto legato alla mobilità nelle metropolitane di una startup i cui dipendenti sono tutti dislocati in giro per l’Italia, in borghi, paesi e cittadine (per risparmiare sull’affitto).

È compatibile in questi casi un sistema lavorativo basato sullo smart working? È possibile condividere la stessa cultura se si vive in luoghi diversi e non si vive insieme nemmeno il momento del lavoro?

Se esiste un collegamento tra l’oggetto sociale, l’humus culturale e l’identità culturale allora dobbiamo anche pensare che questo collegamento è decisamente a rischio in un contesto in cui le persone vivono e abitano luoghi, culture, mondi differenti e non respirano la stessa vita aziendale e gli stessi problemi sociali.

Si tratta dunque di fasciarci la testa e sviluppare un pregiudizio definitivo contro lo smart working? Probabilmente no. Ma certamente occorre iniziare a sviluppare una prospettiva di sguardo differente. A lungo termine.

Le conseguenze di una delocalizzazione 2.0

In un contesto in cui le aziende, soprattutto le startup e le newco, opereranno sempre di più in una logica di de-localizzazione della propria forza lavoro, e svuoteranno il concetto di identità aziendale con quello di “obiettivi aziendali”, dovremmo mettere in conto la progressiva e inevitabile sostituibilità di ogni risorsa lavorativa.

Proviamo a formulare questo pensiero in maniera più radicale. Se non ha importanza la città dove vivono i collaboratori di una determinata azienda, allora perché dovrebbe avere importanza la nazione?

Per il momento esiste qualche garbuglio normativo, ma in termini logici e di opportunità se non esistono problemi di sorta nel fatto che i miei dipendenti si trasferiscano in Spagna, a tendere non ce ne saranno nella situazione capovolta in cui i miei dipendenti siano cittadini spagnoli.

E questo di per sé potrebbe essere visto come un arricchimento, un programma Erasmus senza età, per il mondo del lavoro. Una grande opportunità.

Il problema è che il rapporto tra domanda e offerta lavorativa, una volta ripensato su scala mondiale, avrebbe ricadute che in questo momento non conosciamo abbastanza.

La prima sarebbe una polarizzazione estrema di interesse, da parte della domanda, solo per aziende di grandi dimensioni e con progetti internazionali.

La seconda sarebbe l’abbattimento del costo medio del lavoro. Se le assunzioni venissero delocalizzate, la manodopera verrebbe assunta nei Paesi dove costa meno, o in alternativa si determinerebbe un abbattimento del potere contrattuale della forza lavoro locale. Potremmo chiamarla Delocalizzazione 2.0.

La prima delocalizzazione spostava i siti produttivi dai Paesi ricchi a quelli poveri ed emergenti. La seconda delocalizza le funzioni rimanenti, quelle impiegatizie.

In un sistema di domanda e offerta su scala mondiale, i meccanismi potrebbero essere in generale completamente differenti da quelli attuali.

La domanda si focalizzerebbe verosimilmente su progetti internazionali, l’offerta andrebbe a cercare risorse con poteri contrattuali minori.

Progetti locali con una dimensione territoriale si ritroverebbero in una condizione di svantaggio competitivo, incapaci di attrarre collaboratori a prezzi sostenibili e considerati irrilevanti da una domanda globale, interessata a lavorare per “marchi noti” e non per “oscuri progetti locali”.

Insomma, esiste un collegamento ancora sconosciuto, non privo di conseguenze negative, che ancora non conosciamo, tra smart working e globalizzazione estrema.

Ragioniamoci prima di giubilare per un qualcosa che ancora non conosciamo.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4