non solo telco

Ma quale “equo contributo”? Farà male all’industria dei media e dei contenuti



Indirizzo copiato

La proposta di equo contributo promossa dalle Telco per ottenere dalle grandi piattaforme un contributo per la realizzazione delle reti di nuova generazione può produrre effetti negativi sul mercato dei contenuti, che si rifletterebbero sull’offerta ai consumatori. Vediamo perché

Pubblicato il 18 lug 2023

Augusto Preta

Founder e CEO ITMedia Consulting – Direttore International Institute of Communications



Digital,Contents,Concept.,Social,Networking,Service.,Streaming,Video.,Nft.,Non-fungible

Il tema dell’equo contributo è uno dei temi più caldi e divisivi che hanno caratterizzato il dibattito negli ultimi mesi.

Si tratta, come noto, dell’iniziativa promossa dalle grandi Telco europee, affinché le piattaforme di grandi dimensioni, che sono i maggiori consumatori e beneficiari del traffico internet, contribuiscano anche loro agli investimenti necessari alla realizzazione delle reti di nuova generazione, uno dei grandi obiettivi digitali per il 2030 della Commissione europea.

Nel dibattito che si è acceso in questi mesi, a parere di chi scrive, il limite maggiore è stato fin qui quello di restringere la discussione a una sola parte del problema, quello dell’interconnessione, e in questo ambito al rapporto tra due soggetti – l’Internet Service Provider (telco) e il Content and Application Provider (very large platform) – senza tener conto di un contesto molto più ampio e complesso, che non riguarda più mercati tra loro distinti e separati, ma un vero e proprio ecosistema.

Per colmare tale vuoto, in questo contributo ci concentriamo sull’analisi della componente fin qui meno presente nel dibattito, relativa al mondo dei CAP.

Il mercato dei CAP

La pandemia ha rappresentato un momento chiave nella storia dei contenuti Internet, accelerando le tendenze preesistenti del settore e modificando i comportamenti legati all’intrattenimento. C’è una crescente competizione per il pubblico tra un campo affollato di fornitori di video in streaming, ma anche con altre forme di intrattenimento.

I social media attraggono e fidelizzano miliardi di clienti fornendo servizi video personalizzati, per lo più generati dagli utenti, con costi di produzione bassi o nulli. E il videogame, con il suo enorme fascino interattivo, è un contenuto molto attraente nella battaglia per l’attenzione e il tempo degli utenti.

Le persone hanno quindi a disposizione un maggior numero di opzioni a pagamento e gratuite per i servizi di streaming video e musicale; i videogiochi sono in crescita tra le generazioni e sempre più persone si rivolgono ai social media per l’intrattenimento e le notizie.

In questo contesto, il mercato è cresciuto in modo significativo negli ultimi anni, con i servizi di video on demand che rappresentano il principale motore.[1].

Evoluzione del mercato VOD in Europa (€ Mln)

Immagine che contiene testo, schermata, numero, diagrammaDescrizione generata automaticamente

Fonte: ITMedia Consulting, 2023

Questa tendenza continuerà in Europa, insieme ad altri fattori chiave che guideranno il mercato dei contenuti e delle app.

L’innovazione tecnologica, in particolare, svolgerà un ruolo essenziale nella gestione del traffico del futuro – attraverso CDN, servizi cloud, AI ed Edge computing – facilitando l’espansione di un ambiente di consumo multischermo – sempre, ovunque e su qualsiasi dispositivo -, oltre ad aumentare la domanda di questi servizi da parte dei consumatori, necessaria per finanziare gli investimenti richiesti per implementare le infrastrutture di rete di ultima generazione, come FTTH, 5G e 6G.

In quanto grandi investitori nella creazione di contenuti, i CAP spendono anche una quantità significativa di denaro per migliorare la codifica e la compressione video, al fine di fornire contenuti di alta qualità senza utilizzare inutilmente la larghezza di banda. È nel loro interesse ridurre al minimo la congestione e fornire la migliore esperienza utente, se vogliono che i consumatori utilizzino il loro servizio.

Allo stesso tempo, i CAP continuano ad aumentare la spesa per la creazione e la produzione di contenuti televisivi originali. Questo avviene nonostante il peggioramento delle condizioni economiche e i primi segnali di maturità del mercato, che dovrebbero portare a una riduzione della crescita del traffico nei prossimi anni.

Tra il 2022 e il 2027, si prevede che Disney+ aumenterà i suoi investimenti annuali in contenuti originali dell’82,8%. Nello stesso periodo, Amazon Prime Video dovrebbe aumentare di quasi il 70%, Netflix del 43% e Paramount del 33%. Ciò significa uno spostamento degli investimenti in contenuti verso lo streaming, dal momento che si prevede che le emittenti commerciali e i servizi lineari ridurranno la spesa in contenuti originali al tasso più alto nei prossimi cinque anni.

Spesa globale in contenuti, 2022-2027

Immagine che contiene graficoDescrizione generata automaticamente

Fonte: Ampere Analysis, 2022

Tornando all’Europa, lo streaming ha raggiunto livelli estremi a causa delle chiusure globali durante i primi giorni della pandemia. Questa tendenza è diventata permanente e lo streaming è ormai un elemento standard nelle case dei consumatori. Ciò ha avuto un impatto anche sulla creazione di contenuti, poiché la produzione originale europea è cresciuta nel tempo e ha continuato a farlo anche durante la pandemia, grazie soprattutto agli investimenti dei grandi CAP.

Investimenti in contenuti originali europei, € Mld

Immagine che contiene testoDescrizione generata automaticamente

Fonte: Ampere Analysis, 2023

Tuttavia, in una prospettiva più a lungo termine, gli investimenti dei global streamer non hanno sostituito quelli dei broadcaster. Al contrario, i broadcaster hanno aumentato i loro investimenti, almeno fino alla pandemia, più velocemente di quanto non facessero prima dell’ingresso degli streamer globali sul mercato europeo. Di conseguenza, mentre gli investimenti globali sono cresciuti, la quota degli streamer è aumentata rapidamente fino a raggiungere il 16% e si prevede che questa tendenza aumenti nei prossimi anni.

Immagine che contiene graficoDescrizione generata automaticamente

Source: European Audiovisual Observatory, 2023

La spesa per i contenuti locali nei nuovi mercati è stata fondamentale nelle strategie delle piattaforme di streaming per spingere la crescita degli abbonati e ha creato opportunità per la creazione di posti di lavoro locali e lo sviluppo economico. Gli investimenti in contenuti locali sono importanti perché aumentano il mercato totale indirizzabile.

Di conseguenza, in questo ambiente dinamico e competitivo, nessuno chiede un prezzo di compensazione regolamentato, e quindi più alto, per ottenere più soldi dai grandi PAC (Netflix, Apple, Amazon PV) sui propri prodotti.

Sta accadendo esattamente il contrario: l’aumento della domanda di questi contenuti sta spingendo i grandi CAP a investire sempre di più in questi contenuti (serie, film, sport, ecc.) e a dare all’industria dei contenuti sempre più risorse, portando all’esplosione dei servizi di streaming video, con grandi vantaggi per tutti, produttori, creatori di contenuti, distributori e consumatori.

Il prevedibile impatto economico

In questo senso, un ulteriore rischio dell’interconnessione regolamentata sarebbe quello di incidere negativamente sulla diversità dei prodotti, sui prezzi per gli utenti finali e, in ultima analisi, sull’altissima qualità dei servizi.

Il prevedibile impatto economico sull’ecosistema digitale

Immagine che contiene testo, diagramma, schermata, CarattereDescrizione generata automaticamente

Fonte: elaboration ITMedia Consulting su Wik Consult

Ne discende che la proposta di equo contributo può produrre effetti negativi sul mercato dei contenuti, dal momento che maggiori costi di interconnessione significherebbero infatti prezzi più alti per la fornitura di contenuti all’utente finale o meno risorse economiche da investire in contenuti, che a loro volta determinerebbero meno contenuti disponibili o contenuti di qualità inferiore.

A rimetterci, inoltre, non solo l’industria creativa, ma anche il consumatore, l’altro elemento mancante nel dibattito attuale.

In definitiva, l’equo contributo non sarebbe solo irrazionale dal punto di vista economico, ma, come già sottolineato da altri (vedi l’Associazione video tedesca Vaunet), anche inaccettabile dal punto di vista sociale, perché metterebbe a rischio l’attuale alta qualità dell’offerta mediatica in Europa e, in ultima analisi, il pluralismo dei media, uno dei principali obiettivi che l’Unione Europea intende salvaguardare.

Note

  1. ITMedia Consulting, VOD in Europe 2023-2026. The game changers, Giugno 2023.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati