data protection

Scorza: “AI addestrate coi dati personali, ecco le responsabilità dei gestori dei siti”



Indirizzo copiato

Sottrarre i dati personali contenuti nelle proprie pagine web alle reti da pesca dei signori degli algoritmi è una facoltà o un vero e proprio obbligo giuridico? La questione non è secondaria, attenendo all’impatto dell’intelligenza artificiale sulla nostra società e sulle regole della protezione dei dati personali

Pubblicato il 4 ott 2023

Guido Scorza

Autorità Garante Privacy



software ai
(Immagine: https://pixabay.com/geralt)

Dopo OpenAI, ora, anche Google Bard consente all’editore-gestore di una pagina web di sottrarre i “propri” contenuti alle reti usate per la pesca a strascico a scopo di addestramento algoritmico e lo consente in maniera autonoma rispetto ai servizi di indicizzazione.

Un editore può, dunque, decidere di sottrarre le proprie pagine all’addestramento degli algoritmi senza dover necessariamente rinunciare al traffico garantitogli dall’indicizzazione dei propri contenuti da parte del motore di ricerca di casa Google.

Diritto d’autore e addestramento degli algoritmi: la scelta del New York Times

Nella prospettiva delle cose del diritto d’autore avvalersi o non avvalersi di tali soluzioni e, quindi, permettere o negare l’addestramento di un algoritmo sulla base di contenuti che si sono creati o, comunque, pubblicati, rappresenta un diritto che il singolo editore può liberamente scegliere di esercitare o non esercitare.

Ha, per esempio, scelto, di recente, di avvalersene – e la cosa ha fatto discutere e continua a far discutere – il New York Times dopo aver visto naufragare i tentativi di raggiungere un accordo economico con OpenAI.

E vedremo, ora, se deciderà di fare la stessa cosa con Google o se altri editori sceglieranno di seguire le orme.

Dati personali alla mercé degli algoritmi: il ruolo dei gestori dei siti web

C’è, però, un’altra questione sulla quale vale, forse, la pena avviare una riflessione e aprire un dibattito.

L’editore o, comunque, il gestore della pagina web – ma lo stesso vale naturalmente per il gestore di un social network – oltre a essere titolari o, almeno, licenziatari dei diritti d’autore sui contenuti che pubblicano sono, normalmente, titolari del trattamento dei dati personali presenti in tali contenuti.

Sono, più in particolare, titolari del trattamento che pubblicano e diffondono taluni dati personali per questa o quella finalità sulla base di questa o quella base giuridica.

Può trattarsi di finalità di trasparenza in esecuzione a un obbligo di legge, può trattarsi, di finalità di informazione o cronaca sulla base del legittimo interesse, può trattarsi di dati pubblicati su richiesta degli utenti.

Facoltà o obbligo giuridico?

E allora la questione che appare utile porsi è la seguente: giacché è oggi possibile – e dipende esclusivamente dall’editore o dal gestore della singola pagina web – sottrarre tutti i dati personali contenuti nella propria pagina web, quest’ultimo, sotto il diverso profilo della disciplina sulla protezione dei dati personali, ha semplicemente la facoltà o ha un vero e proprio obbligo giuridico di sottrarre i dati personali contenuti nelle proprie pagine web alle reti da pesca dei signori degli algoritmi?

Se si considera che non ricorrere agli strumenti in questione messi a disposizione delle società che addestrano i propri algoritmi significa, in sostanza, lasciare i dati personali dei quali si è titolari alla mercé di queste ultime, potrebbero non mancare validi argomenti a supporto della tesi secondo la quale sussiste un vero e proprio obbligo giuridico, per il gestore di una pagina web, di fare tutto quanto possibile, allo stato della tecnica, per sottrarre i dati che pubblica agli appetiti degli algoritmi.

Regole e principi ai quali il titolare del trattamento deve ispirarsi

Non farlo potrebbe considerarsi incompatibile con un lungo elenco di regole e principi ai quali ogni titolare del trattamento deve ispirarsi: da quello della privacy by design a quello della minimizzazione e dell’adozione delle necessarie misure di sicurezza.

Non tocca forse al titolare del trattamento proteggere i dati personali che tratta almeno rispetto a forme facilmente prevedibili e altrettanto facilmente evitabili di appropriazione da parte di terzi?

Può il titolare del trattamento accettare inerte il rischio che dati personali oggetto di un proprio trattamento siano fagocitati da soggetti terzi e per finalità altre rispetto a quelle oggetto del proprio trattamento?

Il principio di «integrità e riservatezza» di cui all’art. 5, par. 1, lett. f) del GDPR impone al titolare del trattamento di “garantire un’adeguata sicurezza dei dati personali, compresa la protezione, mediante misure tecniche e organizzative adeguate, da trattamenti non autorizzati o illeciti e dalla perdita, dalla distruzione o dal danno accidentali”.

È adempiente a tale principio il gestore di una pagina web che pur potendo sottrarre – almeno in alcuni casi in maniera agevole – i dati personali eventualmente pubblicati alla raccolta da parte di terzi allo scopo di addestrare algoritmi di intelligenza artificiale non si preoccupa di farlo?

Sicurezza del trattamento

E analoga questione, probabilmente, si pone in relazione alla disposizione di cui all’art. 32 del GDPR, relativa, appunto, alla sicurezza del trattamento.

Quest’ultima, infatti, impone al titolare del trattamento di mettere in atto misure di sicurezza, a un livello che sia “adeguato al rischio”, tenendo conto oltreché della natura, dell’oggetto, del contesto e delle finalità del trattamento, anche “dello stato dell’arte e dei costi di attuazione”.

Il titolare, cioè, è tenuto a ricorrere alle misure che nel momento storico in cui effettua il trattamento rappresentano la migliore soluzione possibile per garantire la sicurezza del trattamento.

Sembra il caso dell’adozione delle misure delle quali stiamo parlando.

La questione dell’accountability

E, ancora, in una logica di accountability, il titolare del trattamento che ometta di porsi la questione della quale ci stiamo occupando o che pur ponendosela ritenga di superarla nel senso di non ritenere un suo dovere adottare le misure di sicurezza in questione può considerarsi “accountable” e, in questo senso, sottratto a eventuali contestazioni di violazione del Regolamento e/o azioni risarcitorie da parte degli interessati.

Sin qui, ovviamente, per parlare della sussistenza o insussistenza di taluni obblighi di protezione da parte di editori e gestori di pagine web e piattaforme di social network, fermo restando che il problema principale da porsi resta quello di capire se, a che titolo e, eventualmente, nel rispetto di quali condizioni, a prescindere da cosa l’editore o il gestore della pagina web, faccia o non faccia, il soggetto responsabile dell’addestramento degli algoritmi possa fare incetta, pescando a strascico, di altrui dati personali.

Ma questa è un’altra questione.

Conclusioni

Come è un’altra questione quella relativa all’esigenza – in ogni caso – di riconoscere ai singoli il diritto di sottrarre i propri dati personali a qualsivoglia forma di trattamento strumentale all’addestramento degli algoritmi non sembrando sussistere nessuna buona ragione per imporre al singolo di “subire” a tempo indeterminato e in deroga ai diritti a esso riconosciti dalla vigente disciplina, un trattamento come quello di cui si discute.

Come sempre quando si tratta di governare sfide nuove come quelle relative all’impatto dell’intelligenza artificiale sulla nostra società e sulle regole della protezione dei dati personali, il dubbio è un compagno di strada necessario e il dialogo e il confronto sono alleati preziosi.

Sbaglia solo chi si convince che la propria sia l’unica risposta giusta oltre ogni ragionevole dubbio.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2