la ricerca

Semiconduttori, il ruolo dell’Italia sullo scacchiere globale: scenario e policy per tutelare l’industria



Indirizzo copiato

Il panorama italiano della produzione di semiconduttori è composto da imprese che sono passate da essere piccole realtà locali a grandi società in grado di competere con sul mercato mondiale. Uno studio Aware analizza lo stato dell’arte e propone alcune politiche che il governo potrebbe adottare per tutelare e promuovere l’industria

Pubblicato il 7 set 2023

Edoardo Crivellaro

Director Digital&ICT AWARE, LUISS University



chip semiconduttori

Attualmente, nel continente europeo si sta registrando un aumento dell’intervento governativo nel settore della nanoelettronica, con la Commissione europea che sta assumendo un ruolo di primo piano mediante iniziative di politica industriale come il Chips Act. Anche l’Italia ha messo a punto una strategia per sostenere il sttore, composto per lo più da molte imprese familiari che sono state in grado di evolversi e adattarsi al ritmo dell’innovazione tecnologica.

Produzione di semiconduttori: l’Europa tra i primi sei player globali

Nell’ambito della produzione di semiconduttori, la quota di capacità produttiva europea ha subito una diminuzione dal 24% nel 2000 all’8% nel 2021. Date le complessità coinvolte, la filiera globale dei semiconduttori è dominata da un numero limitato di attori chiave: in questo contesto l’Europa si posiziona tra i primi sei attori, grazie alla presenza di tre importanti produttori integrati (STMicroelectronics, Infineon e NXP), il leader mondiale nella fotolitografia (ASML), un ecosistema dinamico di start-up e centri di ricerca di spicco nel campo della nanoelettronica (IMEC, CEA-Leti, Fraunhofer).

Tuttavia, nonostante questi punti di forza, il continente europeo soffre della mancanza di aziende fabless di rilevanza globale e non dispone di una foundry all’avanguardia tecnologica.

Il ruolo dell’Italia nell’ecosistema globale dei semiconduttori: la ricerca

Al fine di offrire un quadro esaustivo e dettagliato del ruolo dell’Italia nell’ecosistema globale dei semiconduttori, l’ultima ricerca condotta dal think tank AWARE si propone di analizzare il passato, il presente e gli sviluppi futuri di sette aziende (STMicroelectronics, LPE, Spea, Sapio, Technoprobe, Memc e Meridionale Impianti) che mantengono una solida presenza produttiva nel nostro paese. Comprendere la loro crescita nel corso del tempo, le nicchie di mercato in cui operano, i punti di forza e di debolezza, nonché le opportunità e le incertezze che riguardano il futuro, risulta fondamentale per garantire la tutela e la promozione delle loro attività attraverso politiche efficaci e mirate.

L’industria italiana dei semiconduttori come eccellenza multiforme

L’industria italiana dei semiconduttori si caratterizza per la presenza di STMicroelectronics, unico Integrated Device Manufacturer (IDM) di proprietà parzialmente italiana, e di diverse altre imprese che operano in diversi settori della catena di fornitura dei chip.

La storia e il presente di STMicroelectronics vengono approfondite nel dettaglio all’interno del paper: si può sintetizzare affermando che l’azienda si distingue per la sua capacità di innovazione continua, alimentata dalla stretta collaborazione con i clienti e la comprensione delle loro esigenze. Queste collaborazioni favoriscono lo scambio di conoscenze e competenze, stimolando la ricerca e lo sviluppo di tecnologie all’avanguardia che posizionano l’azienda tra i leader globali.

Per quanto riguarda le altre realtà dell’industria dei semiconduttori in Italia, esse si concentrano principalmente sul segmento front-end della catena del valore, che comprende i processi di produzione iniziali dopo la progettazione dei circuiti e prima del completamento e della conversione in prodotto finito. Molte di queste realtà sono in grado di andare oltre il contesto locale e persino raggiungere posizioni di leadership nel loro mercato di riferimento. Ad esempio, SPEA e Technoprobe sono leader nel settore del testing e collaudo. Inoltre, aziende come LPE (che produce reattori epitassiali) dimostrano che, nonostante le dimensioni relativamente ridotte rispetto ai concorrenti internazionali o ad altre realtà del settore, le imprese italiane dei semiconduttori possono rappresentare dei punti di congestionamento che attirano l’interesse dei grandi attori mondiali (come dimostrato dal ricorso al golden power per fermare un’offerta di acquisto cinese).

Un esempio significativo dell’interesse delle grandi realtà globali per l’industria italiana dei semiconduttori, anche nel settore manifatturiero, è rappresentato da MEMC Electronic Materials, parte del colosso taiwanese della produzione di wafer, GlobalWafers. Inoltre, la storia del Gruppo Sapio, che ha fornito gas a importanti distretti industriali italiani nel corso dell’ultimo secolo, dimostra il ruolo dinamico delle aziende italiane nel mercato dei semiconduttori, adattandosi alle richieste di settori diversi tra loro.

Infine, non si può parlare dell’industria italiana dei semiconduttori senza menzionare l’Etna Valley, un distretto industriale situato nella provincia di Catania, caratterizzato dalla presenza di numerose imprese nel settore elettronico e dei semiconduttori. La crescita e lo sviluppo di questo distretto sono il risultato di un ecosistema dinamico che promuove la collaborazione tra aziende, istituti di ricerca e università, rappresentando un simbolo dell’ascesa dell’innovazione e dell’industria dei semiconduttori nel Sud Italia.

Il ruolo dell’Italia per la sovranità tecnologica europea

L’Italia svolge altresì un ruolo significativo nel raggiungimento dell’obiettivo, riconosciuto da Bruxelles, di ridurre la dipendenza tecnologica dell’Europa da altre regioni del mondo, promuovendo la sovranità tecnologica e la sicurezza delle supply chain. La collaborazione tra Italia e Francia rappresentata da STMicroelectronics è un esempio tangibile dei benefici derivanti dalla complementarietà delle competenze e delle capacità industriali europee. Questo approccio collaborativo ha generato sinergie positive, promuovendo la crescita economica, la creazione di posti di lavoro qualificati e la competitività dell’industria dei semiconduttori sia a livello europeo che globale.

In conclusione, queste imprese sono passate da piccole realtà locali a grandi società che operano su diversi mercati e sono in grado di competere a parità di condizioni con le principali aziende mondiali del settore. Si tratta di una storia di imprese e imprenditori che sono stati in grado di cogliere le tendenze globali senza essere travolti da esse, ma piuttosto sfruttandole come opportunità di crescita e di sviluppo industriale.

Le proposte di policy

Alla luce del contesto precedentemente delineato, l’elaborato identifica alcune politiche che il governo italiano potrebbe adottare per tutelare e promuovere l’industria italiana dei semiconduttori. Queste politiche includono:

  • Investimenti in ricerca e sviluppo, mediante incentivi, sgravi fiscali e la creazione di un fondo dedicato al supporto di startup innovative, piccole e medie imprese (PMI) e laboratori di ricerca, sul modello del piano francese Electronique 2030;
  • Promozione di forza lavoro qualificata, mediante meccanismi di agevolazione fiscale per le aziende che assumono personale altamente qualificato e l’istituzione di graduate programs specifici;
  • Sostegno all’export, tramite l’organizzazione di missioni commerciali all’estero e la partecipazione a fiere internazionali;
  • Snellimento della burocrazia, per accelerare i tempi di execution e favorire così l’attrattività dell’ecosistema nazionale in un contesto globale altamente specializzato;
  • Attrazione degli investimenti esteri, con misure ad hoc che favoriscano la generazione di valore aggiunto e occupazione diretta, nonché opportunità di knowledge spillovers e trasferimento tecnologico.

Infine, il paper stesso suggerisce la sistematizzazione di queste misure all’interno di un piano nazionale per la microelettronica, che appare simile al Chips Act italiano annunciato da Giorgia Meloni a inizio luglio.


Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3