direttiva omnibus

Tutela dei consumatori digitali, l’informazione è tutto: il nuovo Codice del consumo attinge dal Gdpr

L’introduzione dei requisiti di trasparenza e di accessibilità imposti ai professionisti delle vendite online costituisce un ulteriore punto di contatto tra la normativa in materia di data protection e quella in materia consumerista

Pubblicato il 07 Apr 2023

Sergio Aracu

Founding Partner di Area Legale S.r.l.

Raffaella Grisafi

Presidente Operativo dell'Osservatorio Imprese e Consumatori -OIC

ecommerce

Il recepimento della direttiva (UE) “Omnibus” n. 2019/2161 si cala appieno nella ventata di digitalizzazione che sta interessando ogni settore della vita economica e sociale e sta inevitabilmente impegnando il legislatore che finalmente, nel marzo 2023, ha recepito il pacchetto di norme dedicate al più diffuso dei consumatori, quello digitale.

Le novità interessano diverse norme del Codice del consumo. Tra i tanti aspetti innovativi introdotti dalla riforma intendiamo qui andare ad approfondire quello relativo ai requisiti di trasparenza e di accessibilità imposti ai professionisti.

Tanti nuovi diritti per i consumatori online: ecco il decreto a lungo atteso

I requisiti di trasparenza e di accessibilità imposti ai professionisti

L’introduzione di tali requisiti costituisce infatti un ulteriore punto di contatto tra la normativa in materia di data protection e quella in materia consumerista, che va ad aggiungersi ai principi di liceità e correttezza nella gestione della fase di contatto con finalità di marketing (e si vedano a riguardo gli ultimi provvedimenti di AGCM che erogano sanzioni rispetto a comportamenti direttamente collegati al trattamento di dati personali) nonché alla c.d. data monetization.

Questo ultimo importante ambito, già introdotto con l’art. 135 octies, viene ribadito nel Codice del Consumo dal novellato Art. 46, che al comma 1bis individua, nuovamente, come possibili elementi di prezzo, i dati personali del consumatore/interessato.

Altro indice di avvicinamento formale, oltre che sostanziale, tra le due discipline, è costituito dall’inserimento, all’interno del Capo I del Codice del Consumo, della definizione di Dato Personale quale (…) definito dall’articolo 4, punto 1), del regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016 – art. 45, comma 1, punto “d-bis”.

Altrettanto importante è l’ulteriore esplicito richiamo al GDPR ed alle logiche di processo decisionale automatizzato, rispetto alla formazione del prezzo.

Il novellato art. 49, infatti, introduce, tra le informazioni obbligatorie da erogare rispetto alle modalità di formazione del prezzo, la necessità di informare il consumatore ove il prezzo sia stato personalizzato sulla base di un processo decisionale automatizzato, lasciando ferme le garanzie di cui all’articolo 22 del GDPR.

Ancora rispetto al prezzo, specie ove elemento determinante di decisione all’acquisto (come nel caso dei prezzi a ribasso), diviene centrale il mettere in condizione il consumatore di essere informato rispetto all’effettivo scostamento rispetto al prezzo precedente. Di nuovo, in modo accessibile ed intellegibile.

E la presentazione, anzi l’informazione è tutto anche in questa versione digitale del Codice del consumo ove in alcuni passaggi, viene confermata quale parametro generale di comportamento: si veda l’art. 22 (questa volta del Codice del consumo) sulle omissioni ingannevoli ove essa diviene “rilevante” qualora riguardi i parametri principali che hanno determinato la classificazione dei prodotti presentati al consumatore come risultato della sua ricerca.

Pratiche commerciali e vulnerabilità dei consumatori

Usi e costumi della rete, insomma, che vengono decifrati dal legislatore: non si deve dimenticare che questo Codice è stato progettato secondo la logica cronologica dell’atto di acquisto e che, alla luce del recepimento in commento, amplia il suo perimetro oggettivo attirando prodotti, servizi ed attività tipiche dell’online (ricerche, recensioni, contenuti digitali), tipizzando prassi di mercato da tempo al centro dell’attenzione di operatori e giuristi.

La tecnica legislativa si conferma la stessa: intervenire sulle condotte degli operatori mappando pratiche commerciali scorrette in quelle fasi in cui il consumatore è maggiormente vulnerabile.

In tal senso la fase più pericolosa si conferma essere quella precontrattuale, influenzata da informazioni ingannevoli, non veritiere o difficili da raggiungere.

Come visto, proprio su tale fase incide maggiormente la riforma, posto che le nuove norme impongono precise misure per garantire la veridicità e l’autenticità delle recensioni pubblicate da altri utenti.

Non solo. Si passa ulteriormente dal concetto di ‘informazione formale’ al concetto di ‘effettiva conoscibilità ed comprensibilità’. In una parola (tanto cara a chi si occupa di tutela e data protection): intellegibilità.

I risultati di ricerca presentati sui marketplace online, infatti, devono essere pubblicati in maniera tale da non essere semplicemente illustrati. Devono invece essere spiegati in modo tale da permettere al consumatore digitale di comprendere la logica di elaborazione.

Si va oltre, quindi la mera presa d’atto del risultato da parte del consumatore, perché essa può falsare il valore dell’affidabilità dell’informazione stessa (in tal senso, occorre presentare i risultati di ricerca dettagliando come sono stati classificati i prodotti offerti dai vari venditori).

Il concetto di accessibilità alle informazioni

Anche il concetto stesso di accessibilità viene introdotto in maniera ferma e decisa.

Non vi è spazio per una delle modalità di utilizzo dei dark patterns più insidiosa, cioè quella di rendere complesso, per l’interessato/consumatore, riuscire ad accedere alle informazioni.

Già questi pochi spunti (in realtà sono ulteriori le modifiche apportate, si pensi a quelle sulle clausole vessatorie o sulle sanzioni) bastano a descrivere un nuovo livello della tutela del consumatore dove, come già detto, l’informazione rimane la chiave centrale ma sfuma verso nuove accezioni.

È inevitabile infatti che in questo contesto non si ponga più una questione di mera trasparenza ma si imponga un tema di accessibilità operativa con percorsi informativi talora preimpostati dalla norma a precisi parametri di usabilità (si pensi alle informazioni rilevanti dell’art. 22 che devono essere raggiungibili dalla pagina dei risultati di ricerca).

Ciò muta l’impatto organizzativo richiesto al professionista (ed all’intera filiera di soggetti di cui si serve nell’ambiente digitale) e lo stesso livello di diligenza richiesto attirerà in sede ermeneutica nuove riflessioni perché domani non basterà dimostrare di aver informato ma occorrerà provare di averlo fatto efficacemente.

L’accountability del venditore

In questa valutazione la differenza la farà la accountability a cui ci ha abituati il GDPR, visto che in questa migrazione della protezione verso il digitale il venditore dovrà essere in grado di dimostrare che ha fatto di tutto per mettere in grado il consumatore di accedere alle informazioni e comprenderle.

Del resto, il consumatore che siamo chiamati a proteggere è quello stesso interessato cui sono dovute le informazioni sul trattamento dei dati, destinatario nel digitale di un doppio flusso informativo poiché non vi è transazione commerciale sul digitale che non comporti un trattamento dei dati, è ormai pacifico.

In tal senso le modalità di erogazione dell’informativa richieste dal GDPR e dalle Linee Guida EDPB, potrebbero fungere da best practices per ripensare l’informativa negoziale, sotto il profilo del linguaggio e della conoscibilità.

Bello sarebbe, un giorno, poter addivenire ad una mitigazione del bombardamento di informazioni cui sono sottoposti i consumatori/interessati (soprattutto, ma non solo, in ambito di prodotti finanziari) con la possibilità di razionalizzare le incombenze informative riunendole in documenti organici, intellegibili, snelli.

Lo stesso richiamo, sopra da noi operato, rispetto alla duplicazione di informazioni – ad esempio sulla presenza di processi decisionali automatizzati nella formazione del prezzo, sulla identità e caratteristiche del professionista diverso dal fornitore, sulle incombenze informative in ambito di prodotti finanziari, e molto altro – potrebbe rivelarsi controproducente nel raggiungimento dell’obiettivo di assicurare una informazione intellegibile. Detto ciò, ciascuno di noi tiene ben saldo il criterio di autonomia che caratterizza ciascuna informativa, ma pur consapevoli delle diverse fonti e finalità, tuttavia viene da domandarsi se non sia auspicabile un maggior raccordo normativo per ottimizzare gli sforzi di tutti.

In alcuni ambiti, il consumatore si trova a dover (teoricamente) leggere e comprendere una informativa negoziale, una informativa in materia di protezione dati personali, una informativa resa sulla base della normativa settoriale (se si tratta di settori specifici) che, per buona parte, riportano indicazioni che potrebbero tranquillamente essere armonizzate e de-duplicate, ovvero riorganizzate.

Conclusioni

L’approccio del GDPR potrebbe essere in tal senso fonte di ricchezza per il Codice del consumo sia sotto gli aspetti di cui all’art. 12 – informazioni concise, trasparenti, intellegibili e facilmente accessibili – che sotto l’aspetto dell’accountability, visto che il Codice del consumo, sebbene abbia fatto della trasparenza la sua leva più potente di protezione, talora ha limitato la sua efficacia proprio per non aver preteso un controllo reale di efficienza della stessa.

A costo di andare un po’ off-topic, l’avvicinamento delle due discipline rende, a parere di chi scrive, sempre più urgente una maggiore sinergia e coordinamento tra Autorità e soprattutto uno sforzo del legislatore che, nell’era digitale, non deve limitarsi semplicemente a recepire settorialmente ma deve adattare in maniera più armonica, le norme. Un legislatore capace di correre veloce e guardare lontano conscio che, in questo millennio, oggi è già domani.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2