procurement

Gara a procedura aperta per i servizi cloud nella PA: tutto quello che c’è da sapere



Indirizzo copiato

L’obiettivo dell’Accordo Quadro è fornire servizi professionali tecnici e di supporto per l’adozione del cloud da parte delle Pubbliche Amministrazioni, l’iniziativa ha un valore di circa 300 milioni di euro ed è divisa in 10 lotti geografici

Pubblicato il 29 giu 2023

Maurizio Carmignani

Founder & CEO – Management Consultant, Trainer & Startup Advisor



Cloud,Technologies,For,Download,,Servers,And,Service.,Big,Data,Storage.

Nell’ambito della strategia di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione (PA) basata sul principio “Cloud First”, Consip ha indetto una gara a procedura aperta per l’adozione di servizi cloud professionali nella PA per la conclusione di un Accordo Quadro per l’erogazione di servizi professionali tecnici e di supporto all’adozione del cloud e PMO.

L’iniziativa, suddivisa in 10 lotti geografici e del valore di circa 300 milioni di euro, riguarda i servizi professionali nel campo del cloud. L’obiettivo è supportare le pubbliche amministrazioni nella definizione del modello di implementazione più adatto e nel processo di transizione. Tra i vantaggi dell’iniziativa vi è la possibilità per le PA di utilizzare servizi modulari, che possono essere acquistati in base al livello e alla complessità degli obiettivi di digitalizzazione dell’amministrazione.

La strategia di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione

La strategia di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione (PA) si basa sul principio “Cloud First”: quando le pubbliche amministrazioni definiscono nuovi progetti o sviluppano nuovi servizi, devono valutare prioritariamente l’adozione del cloud come opzione tecnologica, considerando il rischio di dipendenza da un singolo fornitore.

Unitamente devono valutare se utilizzare un cloud pubblico, privato o ibrido, in base alla natura dei dati trattati e ai requisiti di sicurezza. Questo principio richiede a tutte le PP.AA di effettuare una valutazione sull’adozione del cloud, che rappresenta una delle più grandi innovazioni tecnologiche degli ultimi anni e sta trasformando i sistemi informativi a livello globale.

I benefici del cloud

Studi internazionali hanno dimostrato che il cloud è il principale fattore abilitante per diversi benefici:

  • Generare valore per gli utenti finali: il cloud consente l’utilizzo di tecnologie innovative (come intelligenza artificiale, machine learning, big data, IoT) che sono difficilmente accessibili con le infrastrutture tradizionali. Ciò porta a un miglioramento dei processi di erogazione dei servizi esistenti e alla possibilità di introdurre nuovi servizi innovativi, con una razionalizzazione della spesa IT.
  • Introdurre modelli operativi innovativi: l’adozione di nuovi modelli di sviluppo software (come DevOps) favorisce l’innovazione e la modernizzazione dei modelli operativi attuali. Questo si traduce in una significativa riduzione dei tempi di attesa per la configurazione dell’infrastruttura durante il ciclo di vita del software e permette di riorientare le risorse verso il miglioramento della qualità dei servizi.
  • Ottimizzare l’infrastruttura: l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) stima una riduzione dei costi legati all’infrastruttura per la PA fino al 70% grazie alla dismissione dei data center e alla migrazione verso il cloud. Ciò consente una gestione ottimizzata della domanda rispetto alle risorse infrastrutturali e una maggiore trasparenza dei costi attraverso il monitoraggio dei consumi delle risorse.

Le direzioni strategiche della trasformazione digitale della PA

AgID (Agenzia per l’Italia Digitale) e il Dipartimento per la Trasformazione Digitale (DTD) hanno lavorato su mandato del governo per fornire le direzioni strategiche della trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione e facilitare l’adozione del cloud. A tale scopo, è stato definito il modello strategico Cloud della PA, successivamente evoluto nella Strategia Cloud Italia. La strategia si compone di tre linee guida strategiche:

  • Classificazione dei dati e dei servizi: determina la tipologia di dati posseduti dalle PA in base al potenziale danno che la loro compromissione potrebbe causare al Paese.
  • Qualificazione dei servizi cloud: definisce e cataloga le infrastrutture e i servizi che soddisfano i requisiti di sicurezza, affidabilità e scalabilità per la PA.
  • Polo Strategico Nazionale: è un’infrastruttura distribuita sul territorio nazionale progettata per garantire continuità operativa e tolleranza ai guasti per i servizi strategici e critici della PA.

Il Programma nazionale di abilitazione al cloud

AgID e DTD hanno anche avviato il Programma nazionale di abilitazione al cloud, che consiste in progetti specifici per consentire alle PA di migrare le loro infrastrutture e applicazioni esistenti verso i servizi e le infrastrutture qualificate secondo la Strategia Cloud Italia. Il programma include un framework di strumenti e metodologie di abilitazione al cloud chiamato “Cloud Enablement”.

I finanziamenti del PNRR

Le amministrazioni che devono effettuare la migrazione possono beneficiare dei finanziamenti previsti nel PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) per un totale di 1,9 miliardi di euro, attraverso gli investimenti “Infrastrutture digitali” e “Abilitazione e facilitazione migrazione al cloud” destinati alle varie entità pubbliche come PA centrali, ASL, aziende ospedaliere, comuni, scuole, ecc.

Questa iniziativa rientra nella seconda edizione delle acquisizioni di beni e servizi strategici, come previsto da AgID per l’attuazione del Piano Triennale che impone a tutte le Pubbliche Amministrazioni di rispettare le direzioni strategiche e operative per la trasformazione digitale. L’Agenzia per l’Italia Digitale guida le amministrazioni nel processo di adeguamento alle indicazioni del piano e alle versioni successive tramite coordinamento e monitoraggio.

Si pone grande importanza sulla realizzazione delle azioni previste e sul monitoraggio dei risultati raggiunti, con un’attenzione ampliata al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che rappresenta un’opportunità unica per accelerare la fase di esecuzione della trasformazione digitale della PA. Il PNRR fornisce un quadro completo dei diversi ambiti di intervento, indicando obiettivi e linee guida. I servizi oggetto di questa acquisizione sono parte integrante del modello strategico di evoluzione digitale che le amministrazioni dovranno adottare.

In conformità con il Piano Triennale e la Strategia Cloud Italia, sono previste misure di governance centralizzata per indirizzare e gestire la trasformazione digitale della PA italiana. Le attività di direzione strategica coinvolgeranno entità istituzionali, mentre per le attività di direzione tecnica saranno coinvolti anche fornitori selezionati nell’ambito di questa acquisizione.

Il processo di migrazione al cloud

Il processo di migrazione al cloud è complesso e richiede sia aspetti tecnologici che organizzativi. Le gare strategiche seguono un approccio articolato in diverse fasi:

  • Fase di Assessment. Viene stilata una lista degli applicativi e dei servizi attualmente utilizzati e vengono prioritizzati in base a categorie specifiche per identificare gli applicativi prioritari per la migrazione al cloud.
  • Fase di Strategia di Migrazione. Vengono approfonditi gli aspetti tecnologici e funzionali degli applicativi identificati e si definiscono le strategie di migrazione più adatte per ciascun applicativo.
  • Fase di Studio di Fattibilità. Si valutano i costi e i benefici delle strategie di migrazione identificate e si valutano le competenze necessarie per la migrazione. Si pianifica la migrazione attraverso una roadmap.
  • Fase di Migrazione. Si esegue la migrazione operativa dell’applicazione o del sistema nell’ambito dei servizi tecnologici forniti dai Fornitori Aggiudicatari.
  • Fase di PMO. Si verifica e monitora l’impatto generato dalla migrazione e si fornisce supporto nell’organizzazione, pianificazione, controllo e coordinamento delle attività progettuali di migrazione.

La roadmap descritta è un percorso unitario di analisi, definizione strategica ed implementazione per la migrazione al cloud dei sistemi informativi dell’amministrazione, seguendo una logica iterativa ed incrementale.

Il bando di gara

La gara prevede la suddivisione dei servizi in lotti “di supporto” (lotti 1-5) e lotti di “servizi tecnologici” (lotti 6-10). La procedura di gara fa parte di un quadro più ampio che include altre gare strategiche pubblicate da Consip e l’acquisizione di forniture e servizi tramite strumenti e convenzioni Consip.

I servizi di supporto (lotti 1-5) sono dedicati all’accompagnamento delle PA nell’adozione del paradigma cloud, mentre i servizi tecnologici (lotti 6-10) riguardano l’implementazione e la configurazione degli ambienti per soddisfare le esigenze delle amministrazioni.

I servizi di PMO sono finalizzati a fornire all’amministrazione beneficiaria il supporto necessario per il controllo e la gestione dei fornitori selezionati per la migrazione verso infrastrutture e servizi cloud qualificati.

È importante notare che i servizi tecnologici (lotti 6-10) non includono l’infrastruttura del Polo Strategico Nazionale come ambiente target per la migrazione, ma si concentrano su altre soluzioni cloud qualificate.

L’iniziativa mira ad accelerare il processo di procurement delle Pubbliche Amministrazioni per i servizi professionali di supporto all’adozione del cloud. Si basa sulla metodologia e sugli strumenti definiti nel Programma nazionale di abilitazione al cloud. I servizi di supporto all’adozione del cloud, compresi nei Lotti 1-5, offriranno alle PA assistenza nel valutare la propria infrastruttura e le applicazioni esistenti, definire le strategie di migrazione in cloud e monitorare l’intero processo, inclusa la gestione del progetto (PMO). Inoltre, questi servizi includono il supporto nella definizione dei requisiti per l’acquisizione di servizi IaaS, PaaS e SaaS.

Per quanto riguarda i servizi tecnologici (Lotti 6-10) di questa iniziativa, verrà fornito supporto alle PA nell’esecuzione delle seguenti strategie di migrazione:

  • Re-purchase. La strategia prevede la sostituzione di un’applicazione installata e gestita internamente con la corrispondente versione fornita come servizio (SaaS) consultando il catalogo dei servizi SaaS qualificati da AgID. Sarà offerto supporto principalmente nella migrazione dei dati e nella configurazione iniziale.
  • Re-host. La strategia, nota anche come Lift & Shift, comporta la migrazione completa del servizio, comprese l’infrastruttura, l’architettura, i dati e il traffico, verso un ambiente di hosting cloud senza apportare modifiche al nucleo dell’applicazione. Sarà fornito supporto nell’installazione, configurazione, distribuzione, convalida e transizione fino al rilascio in produzione.

Gli accordi quadro

Gli Accordi Quadro funzionano attraverso due fasi procedimentali per ogni lotto. La prima fase si conclude con l’aggiudicazione dell’Accordo Quadro da parte di Consip S.p.A., mentre la seconda fase consiste nell’affidamento di ciascun Contratto Esecutivo da parte delle singole Amministrazioni contraenti.

Nella seconda fase, l’affidamento dei Contratti Esecutivi avviene in conformità all’art. 54, comma 3, del Codice, seguendo i termini e le condizioni dell’Accordo Quadro. Le Amministrazioni affidano i Contratti Esecutivi alle stesse condizioni economiche e tecniche stabilite nell’Accordo Quadro, per tutta la sua durata.

L’affidamento di ogni Contratto Esecutivo avviene come segue:

  • L’Amministrazione trasmette al fornitore il “Piano dei fabbisogni” tramite PEC e contemporaneamente alla Consip S.p.A. tramite posta elettronica.
  • Il “Piano dei fabbisogni” contiene indicazioni progettuali, quantità, modalità tecniche e operative per l’erogazione dei servizi, corrispettivi unitari da applicare e altre informazioni ritenute utili dall’Amministrazione.

Il “Piano dei fabbisogni” include l’importo contrattuale, le quantità previste, la data di attivazione dei servizi, i luoghi di esecuzione, e la durata del Contratto Esecutivo e dei servizi.

I Piani dei fabbisogni e i Piani progetto sono applicabili a tutti i lotti e forniscono le specifiche per l’acquisizione dei servizi.

Il Fornitore si impegna a fornire il supporto richiesto dall’Amministrazione nella preparazione e nell’aggiornamento del Piano dei fabbisogni. Inoltre, il Fornitore può condurre riunioni preliminari con il personale tecnico dell’Amministrazione per definire le modalità di erogazione e attivazione dei servizi presso i siti dell’Amministrazione. La trasmissione del Piano dei fabbisogni al Fornitore non obbliga l’Amministrazione a stipulare il Contratto Esecutivo con lo stesso Fornitore.

Il Fornitore elabora un “Piano Operativo” in base al Piano dei Fabbisogni dell’Amministrazione, che include dettagli e proposte tecniche ed economiche conformi alle modalità e ai corrispettivi previsti nell’Accordo Quadro.

Entro un massimo di 15 giorni lavorativi dalla ricezione del Piano dei Fabbisogni, a meno di accordi diversi con l’Amministrazione, il Fornitore deve inviare il Piano Operativo tramite PEC all’Amministrazione richiedente, con copia a Consip S.p.A. e/o altri soggetti indicati da essa. In caso di ritardo oltre questo termine, l’Amministrazione può segnalare l’evento a Consip S.p.A., che potrà applicare le penali previste nell’Accordo Quadro.

Conclusioni

I lotti 1-5 comprendono i servizi per l’identificazione della strategia di adozione del cloud. Questi servizi includono l’assessment e la definizione degli applicativi da migrare, la valutazione della strategia di migrazione, lo studio di fattibilità e il supporto al monitoraggio e controllo dei risultati.

I lotti 6-10 comprendono i servizi di migrazione al cloud. Questi servizi includono il disegno della soluzione e l’architettura degli ambienti cloud, la configurazione degli ambienti e il trasferimento dei dati, la definizione delle policy di sicurezza, il monitoraggio degli ambienti e la pianificazione della capacità, nonché il supporto e l’affiancamento durante il processo di migrazione.

Per ogni lotto, la gara prevede l’assegnazione di un Accordo Quadro della durata di 24 mesi ad un singolo fornitore. Le amministrazioni potranno poi stipulare contratti esecutivi con lo stesso fornitore per un massimo di 24 mesi. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato alle ore 15 del 5 settembre 2023.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3