Piano nazionale

Procurement innovativo, tutti i compiti della nuova Cabina di Regia

L’evoluzione dell’eProcurement, anche in chiave di adeguamento alle norme europee, dalle norme sulla digitalizzazione previste dal Codice degli Appalti, al piano nazionale al quale lavora la Cabina di Regima: ecco le istituzioni coinvolte, la mission e le principali sfide

27 Mar 2017
Virginia Alongi

avvocato, Studio Prosperetti & Associati

acquistipa

Tra le priorità in materia di Codice degli Appalti, visto l’espresso mandato del legislatore europeo, vi è quella di dare piena e completa attuazione al processo di digitalizzazione, tra l’altro, delle procedure di approvvigionamento di beni e servizi delle Pubbliche Amministrazioni.  L’obiettivo non è da poco nella misura in cui l’e-procurement, così come da ultimo concepito, lungi dall’essere un mero strumento operativo, costituisce l’imperdibile opportunità di tradurre i principi, primi tra tutti di imparzialità e trasparenza, in vera e concreta garanzia di accesso al mercato di tutti gli operatori economici che, conseguentemente, possono concorrervi liberamente.

Come ormai noto, molteplici e diverse sono le disposizioni normative che prevedono, a vari livelli e secondo specifiche modalità, la digitalizzazione delle fasi di acquisto e negoziazione di beni, servizi e lavori pubblici e della conseguente fase esecutiva. Nell’economia del presente contributo, basti far riferimento all’articolo 44 del Codice, rubricato “Digitalizzazione delle procedure”, in base al quale entro un anno dalla data di entrata in vigore della legge (quindi, entro il aprile 2017) devono essere definite con decreto del Ministro per la semplificazione, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentita l’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) nonché dell’Autorità garante della privacy per i profili di competenza, le modalità di digitalizzazione delle procedure di tutti i contratti pubblici, anche attraverso l’interconnessione per interoperabilità dei dati delle pubbliche amministrazioni.

Nel quadro normativo in esame, ampiamente stratificato e non scevro di contraddizioni, considerate anche le varie leggi di stabilità e i provvedimenti di spending review che si sono succeduti a partire dagli anni 2000, si inserisce l’art. 212 del Codice che, proprio al fine di governare in maniera uniforme ed unitaria il settore degli appalti pubblici,  ha previsto l’istituzione di una Cabina di Regia in seno alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Alla Cabina, istituita con Dpcm 10 agosto 2016 recante “Composizione e modalità di funzionamento della Cabina di regia”, – G.U. del 31 agosto 2016, n. 293 -, sono state attribuite funzioni di indirizzo e di coordinamento allo scopo, appunto, di dare attuazione al nuovo Codice Appalti, attraverso il coordinamento dell’operato di tutti i soggetti coinvolti al fine di perseguire unitarietà e correttezza giuridica, anche in relazione all’impatto del nuovo Codice sul contesto nazionale ed europeo. Molteplici, dunque, i compiti cui è chiamata a rispondere la Cabina tra i quali quelli di:

  • effettuare una ricognizione sullo stato di attuazione del codice e delle difficoltà pratico/operative riscontrate dalle stazioni appaltanti e ciò in un’ottica correttiva e di miglioramento;
  • predisporre un piano di azione per l’adozione coordinata di decreti e linee guida, nonché́ della loro raccolta in testi unici integrati, organici e omogenei, al fine di assicurarne tempestività̀ e coerenza;
  • esaminare le proposte di modifiche normative al fine di valutarne l’impatto sulla legislazione vigente, anche attraverso il supporto alla competente struttura della Presidenza del Consiglio dei ministri;
  • promuovere accordi, protocolli di intesa, convenzioni, anche con associazioni private per agevolare la bancabilità̀ delle opere pubbliche.

Alla Cabina di regia, poi, ai sensi del comma 1, lett. d) dell’art. 212 del Codice, è stato affidato il compito di “promuovere la realizzazione, in collaborazione con i soggetti competenti, di un piano nazionale in tema di procedure telematiche di acquisto, al fine della diffusione dell’utilizzo degli strumenti informatici e della digitalizzazione delle fasi del processo di acquisto”. L’idea di predisporre un vero e proprio piano di e-procurement costituisce un traguardo ambizioso che si inserisce in un contesto solcato dalla tradizione europea, in questo senso già notevolmente avanzato. Si pensi alle esperienze di altri paesi maturate già da tempo nell’ambito del progetto PEPPOL (Pan-European Public Procurement Online),  a cui l’Italia ha aderito, finalizzato all’abbattimento delle barriere tecnologiche, attraverso piattaforme digitali interoperabili per favorire la concorrenza nel mercato.

In tale prospettiva, è auspicabile che il modus operandi della Cabina sia ampio, di respiro europeo e votato ai requisiti che i sistemi di acquisto e negoziazione, per essere digitali, devono possedere e cioè: standardizzazione, trasparenza, interoperabilità, semplicità e concorrenza. La Cabina, composta da diverse figure istituzionali (il capo del Dipartimento per gli Affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei ministri, il capo dell’Ufficio legislativo del MIT, il ministero dei Trasporti, un rappresentante del Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei ministri,  due rappresentanti del MEF, il ministero delle Finanze, un rappresentante ANAC, autorità anticorruzione, tre rappresentanti delle regioni e province autonome, tre rappresentanti delle autonomie locali,  un rappresentante AGID, un rappresentante CONSIP), potrà essere altresì rafforzata, su nomina presidenziale, di un numero massimo di dieci esperti in materia di appalti e concessioni, e potrà confrontarsi, per lo svolgimento di specifici compiti, anche con rappresentanti di altri organismi pubblici o privati operanti nei settori appalti e concessioni. (art. 1, commi 3 e 4 del Dpcm).

La Cabina si riunisce secondo il calendario stabilito dal Presidente al fine verificare gli adempimenti di cui al richiamato art. 212, comma 1, del D.lgs. 50/2016 con particolare riferimento allo stato di attuazione dello stesso nonché per la predisposizione delle proposte di modifica e correzione e per la segnalazione all’ANAC di eventuali specifiche violazioni da parte di operatori economici o stazioni appaltanti relative all’applicazione del Codice stesso. Con l’ausilio, eventualmente, di ANAC, spetta altresì alla Cabina il compito di predisporre e presentare alla Commissione europea una relazione di controllo contenente, se del caso, informazioni sulle cause più frequenti di non corretta applicazione o di incertezza giuridica, compresi possibili problemi strutturali o ricorrenti nell’applicazione delle norme, sul livello di partecipazione delle microimprese e delle piccole e medie imprese agli appalti pubblici e sulla prevenzione, l’accertamento e l’adeguata segnalazione di casi di frode, corruzione, conflitto di interessi e altre irregolarità gravi in materia di appalti e di concessioni.

La dotazione strutturale della Cabina, per l’assolvimento dei compiti e delle funzioni assegnatele dal legislatore, è integrata dal supporto logistico informativo ed informatico da un’apposita segreteria che fa capo alla Presidenza del Consiglio. Per quanto riguarda il ruolo della Cabina di Regia nella redazione del piano nazionale in tema di procedure telematiche di acquisto, sarà fondamentale che la libertà di accesso alle informazioni e il relativo controllo sistematico costituirà un modello per perseguire l’efficienza, la trasparenza, l’efficacia, nonché l’economicità dell’azione pubblica, ivi inclusa la performance dell’Amministrazione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link