L'approfondimento

Fascicolo Sanitario Elettronico: arrivano i fondi del PNRR ma manca l’educazione allo strumento

Il PNRR prevede risorse per incrementare l’utilizzo del Fascicolo Sanitario Elettronico e integrarlo ad una nuova piattaforma per la telemedicina: i dettagli, la roadmap, la nuova governance, la mancanza di un piano strategico, l’importanza di investire in alfabetizzazione digitale

15 Feb 2022
Giacomo Bandini

Competere

fse - fascicolo sanitario elettronico - FSE 2.0

Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) è una realtà in tutte le Regioni e una base imprescindibile per il futuro della sanità digitale. Tuttavia, il suo utilizzo è ancora molto frammentato.

Pnrr e fascicolo sanitario elettronico

Per questo, su 8,6 miliardi di euro dedicati all’innovazione e la digitalizzazione del Sistema Sanitario Nazionale, il PNRR prevede 1,3 miliardi di euro dedicati al Fascicolo Sanitario Elettronico.

WHITEPAPER
Sensori intelligenti e Sanità: quali tipologie a supporto delle terapie farmacologiche?
Sanità
Smart health

Nel dettaglio:

• 200 milioni di euro per realizzare una central repository dei dati, la digitalizzazione dei documenti e la creazione di servizi e interfacce del nuovo sistema FSE;

• 610,4 milioni di euro per sostenere e incrementare l’utilizzo del FSE a livello regionale;

• 570 milioni di euro per sviluppare e mantenere l’infrastruttura dedicata.

Nel percorso di attuazione, è prevista anche la costruzione di una piattaforma nazionale per la telemedicina con la quale il nuovo FSE dovrebbe integrarsi, secondo i documenti del Ministero per l’Innovazione e la Transizione Digitale.

I due progetti, dall’investimento complessivo di 2,3 miliardi di euro, procederanno in parallelo per poi convergere nelle tempistiche di realizzazione.

Ma è sufficiente investire in infrastrutture e interfacce digitali quando lo strumento è poco conosciuto?

Sanità digitale: le tre priorità per il 2022

Fascicolo Sanitario Elettronico: i dati su attivazione e utilizzo

La storia del FSE è stata a oggi costellata da luci e ombre, come risulta dai dati forniti dal sito ufficiale.

Riguardo l’attivazione dello strumento, ormai in uso in tutte le regioni, incluse le province autonome, i numeri sembrano sorridere alle iniziative finora portate avanti, con oltre 57 milioni di fascicoli sanitari elettronici attivati.

I dati negativi riguardano, invece, il versante dell’utilizzo attivo. Al quarto trimestre del 2021, in ben sei regioni l’utilizzo da parte dei medici è pari allo 0%, mentre in regioni di dimensioni importanti quali Piemonte, Toscana e Lazio non si va oltre il 16%.

Un secondo indicatore, fornito dalla piattaforma di monitoraggio di Agid, è il numero di medici che alimentano il FSE con il Profilo Sanitario Sintetico del paziente: solamente in quattro regioni questo dato è disponibile e le percentuali sono in tutti i casi, tranne uno, abbondantemente sotto il 50%.

Fascicolo Sanitario Elettronico: la roadmap del Governo

La roadmap del governo per la sanità digitale si incentrerà su alcuni momenti fondamentali che prevedono:

• L’assegnazione ad un progetto in PPP della piattaforma nazionale per la telemedicina (marzo)

• Il lancio delle linee guida per l’interoperabilità per il FSE (marzo)

L’attuazione del FSE in tutte le regioni (giugno) con adeguamento ai decreti e alle linee guida

• La pubblicazione di gare regionali per costruire piattaforme verticali di telemedicina sul territorio (giugno).

Fascicolo Sanitario Elettronico: la mancanza di un piano strategico

Ad Agenas, con il supporto del MITD e di Sogei, è stato affidato il nuovo ruolo di Agenzia per la sanità digitale, come previsto dal DL Sostegni-ter. Questa nuova governance prevede la produzione di linee guide periodiche per delineare le regole tecniche e garantire l’interoperabilità del FSE a livello regionale, nazionale ed europeo.

Inoltre, la stessa Agenas è chiamata alla gestione del progetto della piattaforma nazionale per la telemedicina con l’emissione di una manifestazione d’interessi per partnership pubblico-privata volta alla costruzione e il mantenimento dell’infrastruttura base.

Se gli ambiti di intervento sono stati definiti abbastanza nettamente dal governo, meno chiaro risulta essere il ruolo delle regioni. A loro è affidata la realizzazione sia delle piattaforme verticali per la telemedicina, sia l’attuazione del FSE grazie anche ai fondi dedicati dal PNRR.

Tuttavia, senza un piano strategico che definisca meglio i ruoli, le modalità e deadline precise –tenendo anche conto le capacità progettuali diverse da regione a regione – il rischio è quello di accentuare le divisioni preesistenti. Esistono già dei “campioni” nazionali della sanità, e in particolare della sanità digitale, che sono in grado di implementare e investire autonomamente nella telemedicina e nella riorganizzazione territoriale del SNR.

Altre realtà regionali viaggiano a velocità più ridotte sia per carenza di risorse (fino ad oggi) sia per il mancato supporto di policy a sostegno dell’innovazione nel settore sanitario. Senza considerare, come testimoniano i numeri, che i dati messi disposizione del FSE sono ancora molto pochi.

Conclusioni

È quindi sufficiente investire risorse per l’adeguamento infrastrutturale e la creazione di nuove interfacce digitali? Se si guarda alla storia recente del FSE, no.

A prescindere dal grado di facilità nell’accesso e nell’utilizzo delle piattaforme regionali, uno dei maggiori problemi è la scarsa conoscenza dello strumento tra i cittadini e i medici.

Sono ancora poche le regioni in cui gli utenti si interfacciano in modo soddisfacente al FSE: in ben otto, il monitoraggio rivela uno 0% di utilizzo negli ultimi 90 giorni dell’ultimo trimestre 2021, nelle altre la media è ben al di sotto del 40% degli accessi.

A ciò si deve aggiungere la scarsa conoscenza generale del FSE che, secondo i dati dell’Osservatorio Sanità Digitale della School of Management del Politecnico di Milano, appartiene solamente al 38% della popolazione. Allo stesso modo l’utilizzo da parte dei medici, con riferimento particolare alla medicina generale, rimane piuttosto altalenante e variabile da regione a regione.

In questa direzione, allora, si dovrebbe agire con maggiore efficacia, cercando di incentivare i professionisti sanitari all’utilizzo più consistente del FSE e, in generale, all’utilizzo delle piattaforme digitali per la telemedicina che già prevedano integrazioni con il SSN. Da questo punto di vista, peraltro, negli ultimi anni si sono registrati significativi miglioramenti anche nella medicina generale.

Inoltre, una parte delle risorse potrebbe essere dedicata a progetti di educazione digitale con il duplice obiettivo di formare i medici e gli operatori sanitari, ma anche di sensibilizzare gli utenti all’utilizzo del FSE e degli altri tool digitali.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3