gli auspici

Il 2023 sarà l’anno della sanità digitale? Ecco cosa serve per farcela

La “digitalizzazione” della sanità è spesso solo di facciata: le prestazioni eseguite in “tele” conservano la stessa macchinosità di quelle eseguita nell’era analogica. Eppure le linee guida per fare bene ci sono. Servono però dei percorsi che abbiano il digitale nel DNA. Non è semplice, ma neanche impossibile

Pubblicato il 11 Gen 2023

Sergio Pillon

vicepresidente AiSDeT, associazione italiana della sanità digitale e telemedicina

sanità digitale

Anno nuovo, governo nuovo, si avvicinano le scadenze del PNRR, il digitale langue e abbiamo un Sistema Sanitario Nazionale sempre più in crisi. Questi sono gli elementi chiave da cui partire per ragionare su cosa vorremmo dal 2023, anzi, piuttosto, su “cosa vorremmo nel 2023” .

Quali sono i cambiamenti di base, plausibili, raggiungibili, che possono portare ad avvicinare le soluzioni ai problemi che tutti noi, addetti ai lavori e non, ben conosciamo? La digitalizzazione può aiutare? Sì ma come?

PNRR, un grande passo verso la Sanità digitale: obiettivi e sfide

La ricetta elettronica: emblema di una digitalizzazione solo di facciata

Iniziamo dalla base, dai fondamentali, come dicevano una volta gli allenatori del calcio: la ricetta elettronica. La possiamo chiamare, con sfumature relative al diverso significato operativo, prescrizione elettronica, ricetta dematerializzata… come preferite; ma per il medico ed il paziente nel SSN è sempre la stessa cosa: è un assegno che impegna lo Stato all’esecuzione di una prestazione o alla fornitura di un farmaco o di un dispositivo, sostenendo il SSN tutte o la maggior parte delle spese. Il medico prescrive, il paziente riceve, la regione (lo Stato) paga.

INFOGRAFICA
Come sfruttare al meglio i fondi del PNRR per rinnovare gli impianti idrici
IoT
Manifatturiero/Produzione

Semplice, certamente, fino a quando vivevamo in un mondo analogico. Scanner ottici, fustelle, numeri unici e codici a barre da digitare nei gestionali, una burocrazia bizantina che si è pian piano “digitalizzata” e lo metto deliberatamente tra virgolette, perché quello che è accaduto è che si è semplicemente cambiato il gestionale, senza cambiare veramente il processo.

Il medico scrive nel PC quello che faceva a penna (almeno può fare copia/incolla o ripetere ricette già fatte con un clic), poi viene compilato un documento PDF, qualcuno (il medico, il farmacista, il paziente) lo stampa e poi…se si tratta di un farmaco ci si “appiccicano” le fustelle adesive staccate dalle confezioni, se si tratta di una visita in ambulatorio quasi sempre bisogna portare la ricetta stampata quando si va per la visita o per l’esame strumentale. Poi l’ambulatorio ci deve mettere un bel timbro di “eseguito” e deve rimandare la ricetta, debitamente firmata sotto il timbro (qualche volta anche controfirmata dal paziente) in modo che possa venire accettata dei sistemi regionali. Dimenticavo, “signora si ricordi il giorno dell’appuntamento di venire in anticipo, dovrà passare al CUP per registrare la ricetta e pagare il ticket, tenga presente che dovrà fare un po’ di fila…”.

Le anomalie della ricetta bianca dematerializzata

Il sistema varia di regione in regione, e, come se non fosse già questo abbastanza ridicolo, le prestazioni eseguite in “TELE” conservano la stessa macchinosità. Ma non finisce qui: i farmaci prescrivibili non sono solo quelli a carico del SSN, sono anche quelli, cosiddetti, di fascia C, a carico totale del paziente. Per capirci, molti ansiolitici, antidolorifici per patologie non croniche, spray, sciroppi, sono prescrivibili con ricetta cosiddetta bianca. Non tutte le regioni hanno attivato la ricetta bianca dematerializzata, oggi si inviano per Whatsapp improbabili foto di ricette ai cellulari dei pazienti, che sperano in farmacisti caritatevoli che, in violazione della legge, forniscano il farmaco. Digitalizzato? Dematerializzato? Mamifacciailpiacere, citando l’intramontabile Totò. Anche in questo caso servono regole nazionali e tempi certi nazionali. La ricetta bianca è prevista per legge ma l’applicazione su scala nazionale è in ritardo. Sempre sulla prescrizione, la “ricetta”, bisogna evidenziare un ultimo “vulnus”: per i medici che non sono nel SSN la ricetta dematerializzata a carico del paziente, una ricetta bianca, non è fattibile, in quanto, anche dove la ricetta bianca è presente, sono state utilizzate le stesse credenziali del SSN. Di conseguenza una televisita privata si deve concludere sempre senza prescrizione, per cui anche molti servizi privati di telemedicina non possono prescrivere, se non con le solite, improbali ricette scannerizzate. Certamente potrebbe essere prodotto un documento con un referto o una ricetta firmata digitalmente ma poi come darlo al farmacista o alla compagnia di assicurazione? Stampato? E come si verifica la firma elettronica sul documento digitale stampato? La soluzione per il 2023? Una profonda, profondissima revisione del sistema della prescrizione/erogazione, una revisione che detti regole nazionali e tempi certi di applicazione.

Nuovi percorsi diagnostico terapeutici assistenziali con il digitale nel DNA

Passiamo al secondo punto decisivo per un 2023 digitale: i medici e gli altri operatori sanitari eseguono visite, consulti, assistenza, ma queste cose hanno nomi differenti per indicare cose analoghe.

Lo screening, la riabilitazione, sono interazioni verbali e fisiche operatore sanitario/paziente, qualche volta con l’interposizione di strumenti, dispositivi medici, dal pulssossimetro, l’ecografo all’elettrocardiografo e molto altro. Se ci mettiamo davanti il prefisso “tele” abbiamo quanto descritto nella gazzetta ufficiale serie generale n.256 del 2 novembre 2022 “Linee guida per i servizi di telemedicina – requisiti funzionali e livelli di servizio.” Nell’incipit si dice chiaramente che “Affinché un assistito possa usufruire dei servizi di telemedicina implementati a livello regionale, quest’ultimo deve risultare eleggibile dal punto di vista clinico, tecnologico, culturale e di autonomia o disponibilità di un caregiver , qualora necessario, nella fruizione dei servizi di telemedicina”. Questa frase è importante perché definisce la base per la telemedicina e, quella trattata nel documento, viene definita chiaramente. Sappiamo che il termine telemedicina non vuol dire molto, la telemedicina è definita dagli atti sanitari compiuti con il tele davanti. In questo decreto viene chiaramente detto che  “i servizi minimi che la infrastruttura regionale di telemedicina deve erogare sono i seguenti:

  1. televisita;
  2. teleconsulto/teleconsulenza;
  3. telemonitoraggio;
  4. teleassistenza”.

Come si farà nel 2023 a rendere questi servizi realmente erogati? Come fare in un SSN con carenze sempre maggiori di personale ad aggiungere questi servizi? Il modello deve essere quello della semplificazione dell’erogazione delle prestazioni sanitarie e man mano che l’infrastruttura di telemedicina verrà acquisita ed installata nelle ASL dovranno crescere di pari passo la domanda e l’offerta. Bene, sembra facile ma non lo è. Una soluzione possibile, che sta portando avanti il DG della ASL Frosinone, Angelo Aliquò, è la realizzazione di “nuovi” percorsi diagnostico terapeutici assistenziali, PDTA, che abbiano il “tele” incorporato nel DNA.

Dunque, televista, teleconsulto, telemonitoraggio, teleassistenza, telescreening e teleriabilitazione nativi nel PDTA della BPCO, delle patologie cardiovascolari, del diabete, ma anche per il tumore della mammella, per il melanoma e in genere tutti i percorsi. Certamente sappiamo che i percorsi possono rimare semplici “pezzi di carta” se poi non c’è una forte pressione del management perché vengano resi operativi ma in questo caso costringono anche l’azienda a ripensare tutto il modello organizzativo, dalla casa della comunità all’ospedale della comunità, alla COT per la gestione delle transizioni assistenziali, al servizio 116117, ambulatorio, MMG, ospedale, distretto.

Conclusioni

Naturalmente servono piattaforme, connettività, infrastruttura informatica di supporto robusta. Le regole nazionali esistono, la piattaforma cloud nazionale è operativa, i fondi per le ASL e le AO per l’infrastruttura e le connessioni sono in arrivo. Nel 2023 cosa vorremmo? Documenti di indirizzo sui PDTA digitali, con il tele all’interno.

L’AGENAS ha pubblicato alcuni eccellenti documenti di indirizzo, ad esempio il PDTA della Sclerosi Multipla che contiene addirittura una scheda per le valutazioni delle competenze informatiche del paziente. Ma non è solo l’AGENAS l’attore: la “palla” sta anche nel campo delle società scientifiche. Vorremmo documenti di posizionamento sul chi, quando, dove, perché e come inserire il tele all’interno dei percorsi. Su tutto? No, ma almeno per l’oncologia, il diabete, la cardiologia, la neurologia e la pneumologia, al centro della trasformazione digitale della gestione dei pazienti. Vorremmo quindi, caro nuovo anno, due cose, solo due: la revisione del sistema della prescrizione/erogazione, una revisione che detti regole nazionali e tempi certi di applicazione e documenti di indirizzo sui PDTA digitali, con il tele all’interno. AGENAS, AIFA e Ministero della salute potrebbero essere la guida per arrivare al risultato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4