telemedicina

La certificazione telematica di malattia dopo una televisita: un paradosso da risolvere



Indirizzo copiato

Medici e avvocati si sono confrontati con l’evoluzione della telemedicina e il suo impatto sulla pratica medica, specialmente per quanto riguarda le certificazioni di malattia. Ecco i punti critici e gli aspetti operativi, dal momento che il medico che emette una ricetta elettronica dopo una televisita rischia l’accusa di falsa certificazione

Pubblicato il 27 mar 2024

Ombretta Papa

componente della Commissione Sanità Digitale dell’Ordine dei Medici di Roma

Sergio Pillon

Coordinatore della Trasformazione Digitale, ASL di Frosinone



La certificazione telematica di malattia: come funziona dopo una televisita in telemedicina

Il successo o l’insuccesso della digitalizzazione passano attraverso quelle che sembrano, solo apparentemente, piccole cose: tra queste, ad esempio, il fatto che la televisita che può produrre una prescrizione di farmaci o analisi attraverso la ricetta dematerializzata e perfino un referto, non permette di redigere un certificato telematico di malattia. Un paradosso da superare .

#INSIEMESIRIPARTE | I vantaggi della ricetta dematerializzata

Telemedicina: il valore legale della televisita

La telemedicina rappresenta una frontiera innovativa per l’assistenza sanitaria, promettendo accessibilità e comodità ma sollevando questioni sulla valutazione clinica a distanza e la validità legale delle certificazioni di malattia. I medici sono chiamati a sviluppare nuove competenze comunicative e osservative per cogliere segnali e sintomi attraverso lo schermo, affrontando al contempo sfide legali ed etiche significative per garantire privacy e sicurezza dei dati sanitari.

In questo contesto, il valore legale della televisita assume un ruolo critico, con la necessità di bilanciare l’innovazione tecnologica con il “fattore umano” essenziale nella guida e nel governo dei processi tecnologici. “La telemedicina non può e non deve sostituire l’interazione diretta tra medico e paziente, ma agire come supporto alle decisioni cliniche e alla gestione del sistema sanitario” .

Apparentemente, il codice deontologico non sembra permettere “sic et simpliciter” una certificazione malattia dopo una televisita.

E comunque il tema, caldo nell’evoluzione digitale del SSN, potrebbe essere controverso in caso di problematiche medico legali ha ricordato l’avvocata Laila Perciballi, membro della commissione Responsabilità mediche COA Roma e Garante delle persone anziane di Roma Capitale.

Dal Ministro della Salute nessuna risposta alle richieste di chiarimenti

Già da molti mesi è stata inviata all’attenzione del Ministro della Salute, Orazio Schillaci, una lettera da parte di AiSDeT che raccoglieva il “grido di dolore” dei medici digitalizzati e l’incongruenza di una televisita che, da una parte, può generare una prescrizione di farmaci o analisi attraverso la ricetta dematerializzata ed anche un referto, dall’altra, non consente di redigere un certificato telematico di malattia.

Inoltre, il “certificato telematico di malattia” al di fuori dell’INPS non ha alcun valore legale, se è necessario per documentare la malattia ai fini assicurativi o medico legali deve essere cartaceo o digitale, in questo caso firmato digitalmente secondo le indicazioni di legge.

Nessuna risposta è giunta ad Aisdet dal Ministro o dal Ministero della Salute. Secondo le linee guida sulla telemedicina pubblicate in Gazzetta Ufficiale lo specialista, al termine delle televisite, ha l’obbligo di produrre un referto.
E veniamo al medico di famiglia. Nel referto debbono essere incluse, a norma di legge, diagnosi e prognosi. Però lo specialista non le può inserire nel certificato telematico di malattia, che, secondo la Legge Brunetta che lo ha istituito, deve essere prodotto solo dopo constatazione in presenza da parte del medico.

Il dilemma sulla certificazioni a distanza

“Si affronta il dilemma dei profili di responsabilità amministrativa e la divergenza di interpretazioni legali sulla fede privilegiata delle certificazioni a distanza. È fondamentale un approccio equilibrato che assicuri efficacia, etica e conformità legale nelle certificazioni di malattia a distanza, possibilmente guidato da un intervento normativo che definisca chiaramente le circostanze e le condizioni per cui è possibile rilasciare una valida certificazione anche a distanza”, ha affermato Gianmarco Poli, docente di diritto processuale amministrativo presso l’università Luiss Guido Carli.

I documenti esaminati evidenziano come la telemedicina sia radicata e venga utilizzata con successo in Italia, come dimostra la piattaforma dottorCOVID della Regione Lazio, usata durante la pandemia COVID-19.

“Tuttavia, il sistema di certificazione di malattia telematica dell’INPS e l’uso dell’intelligenza artificiale presentano ancora limitazioni nella valutazione clinica, oltre a problemi tecnologici, rischi di frode e preoccupazioni per la privacy, ma non si ravvedono elementi ostativi all’implementazione delle modalità di visita con la televisita che non si riduce ad una semplice telefonata”, ha concluso Roberto De Simone, già medico legale INPS, CTU presso il tribunale di Roma.

Patrizio Rossi, sovrintendente sanitario centrale INAIL, ha mostrato come l’ente stia facendo passi da gigante nella gestione delle certificazioni digitali. In INAIL, per esempio, ora è possibile certificare “per atti”, accettando un documento trasmesso per via digitale dal richiedente una valutazione.

La presa d’atto che il digitale ormai è un processo attivo e sempre più indispensabile ha fatto sì che l’ente stia pian piano rivedendo la parte “in presenza” aumentando sempre di più quella “a distanza”.

La pratica medica nell’era della telemedicina

La domanda che ci poniamo è se ci sono problemi (legali, tecnici, clinici, organizzativi,
deontologici, politici) insormontabili nell’adattare la nostra pratica medica a un’era di
crescente digitalizzazione
. E ci chiediamo se la politica sta attivamente cercando di affrontarli e superarli.

La certificazione “per atti”, tradotta nella pratica comune, consentirebbe a un medico di famiglia l’emissione di un certificato telematico di malattia per un paziente, per esempio, dimesso dopo un piccolo intervento eseguito in una struttura privata (che ricordiamo oggi non può emettere il certificato telematico di malattia).

Oggi, secondo quanto chiaramente indicato sul sito INPS, “Il certificato telematico di malattia può essere rilasciato dal medico curante, che provvede a trasmetterlo telematicamente all’INPS. Il lavoratore è tenuto a segnalare tempestivamente al datore di lavoro la propria assenza e il corretto indirizzo di reperibilità durante l’evento di malattia, secondo quanto stabilito dal proprio contratto di lavoro. (…) In caso di impossibilità di accesso al servizio telematico, il medico può redigere il certificato in modalità cartacea, e il lavoratore deve trasmettere copia del certificato alla propria azienda e, se assicurato INPS, l’originale all’Istituto previdenziale entro due giorni dalla data del rilascio”.

Sarebbe una beffa per il cittadino, che dovrebbe trasmettere per posta raccomandata tutte le certificazioni redatte su carta dopo una televisita.

L’ingegnere Raffaele Nudi ha ben chiarito come non esistono problematiche tecnologiche, anzi l’integrazione tra le piattaforme potrebbe rendere la certificazione telematica molto più semplice per i medici certificatori, potendo completare in modo semiautomatico tutti gli aspetti burocratici del processo, lasciando al medico solo l’inserimento della diagnosi e della prognosi, questo se solo le varie piattaforme utilizzassero un linguaggio comune.

Il pareri dei sindacati

Hanno espresso la loro opinione le rappresentanze sindacali dei medici di famiglia, Pierluigi Bartoletti, vicesegretario nazionale vicario della Federazione Italiana Medici di
Medicina Generale, FIMMG, Giuseppe Lanna, vicepresidente del Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani, SNAMI Lazio e Marina Pace, vicesegretario del sindacato medici italiani, SMI Lazio.

Le proposte

Tutti sono concordi nell’affermare quanto sia anacronistico escludere dalla televisita la
certificazione telematica, soprattutto per patologie non “oggettivabili” con una visita, per esempio emicrania, gastroenterite, vertigini, iperpiressia e molto altro.

Sono emerse alcune proposte:

  • la valutazione se certificare telematicamente le malattie dopo una televisita dovrebbe essere, così come indicato nelle indicazioni per l’utilizzo della telemedicina pubblicate in gazzetta ufficiale, a giudizio, come definito in GU, “insindacabile” del medico;
  • inoltre, dovrebbe essere possibile redigere una certificazione telematica di malattia per tutti i medici regolarmente iscritti negli ordini professionali ed abilitati all’esercizio della professione, in modo da evitare un inutile sovraccarico dei MMG ed una burocratizzazione inutile per il cittadino;
  • si è espressa l’ipotesi che per diagnosi di uno due giorni possa essere sufficiente una autocertificazione da parte del lavoratore;
  • i moduli INPS e della ricetta dematerializzata devono essere modificati: in primis oggi prevedono solo la visita in presenza o al domicilio, escludendo la televisita, esponendo il medico che fa una ricetta elettronica dopo una televisita, oggi già possibile, all’accusa di falsa certificazione;
  • sin da oggi, i moduli dovrebbero essere resi più semplici da compilare, a giudizio dei medici di famiglia appare evidente come si sia seguita una logica burocratica e non una logica clinica nella redazione dei moduli digitali da compilare sul portale INPS;
  • deve essere resa possibile la certificazione telematica “per atti”, il certificare a valle di un certificato di altro professionista prodotto dal paziente.
  • infine, è necessario un chiarimento sul codice deontologico da parte della FNOMCEO su questo tema così “caldo”.

Conclusioni

È necessario un dialogo costruttivo tra professionisti, istituzioni e legislatori, ed un impegno comune per definire linee guida chiare e protocolli sicuri, essenziale per navigare queste acque incerte. Occorre garantire che la telemedicina non solo sia possibile, ma diventi un valore aggiunto per la salute pubblica.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4