innovazione in sanità

L’Italia è pronta per una nuova primavera della sanità digitale? I nodi da affrontare

Le iniziative finora avviate per la Sanità digitale sono basate su strumenti e tecnologie molto diverse e circoscritte al supporto a singole attività di cura e assistenza. Ora occorre portarle “a sistema” con una governance centrale chiara ed esecutori pronti a recepire le giuste direttive. Gli ambiti su cui intervenire

Pubblicato il 11 Apr 2023

Giacomo Bandini

Competere

Operating,Room,Doctor,Or,Surgeon,Anatomy,On,Advanced,Robotic,Surgery

Anche il settore sanitario, nonostante sia ancora più soggetto rispetto ad altri a resistenze o gap strutturali[1], sta proseguendo il suo processo di innovazione e di digitalizzazione progressive. I trend legati alla rivoluzione digitale hanno, infatti, trovato applicazione anche nel mondo della salute.

Diversi e significativi sono stati i benefici per la gestione dell’erogazione delle prestazioni sanitarie e per il miglioramento dello stato di salute della popolazione, in un contesto di riduzione dei costi unitari e di contenimento degli investimenti richiesti al sistema sanitario nel suo complesso[2].

La trasformazione digitale rappresenta dunque per il sistema salute una straordinaria opportunità per promuovere nuovi modelli di cura e assistenza sostenibili, nonché per migliorare l’accesso dei pazienti ai servizi e semplificare numerose delle attività che i professionisti svolgono quotidianamente. Il tutto permettendo un livello di interconnessione ai processi di cambiamento in atto (contenimento e controllo delle risorse, fenomeni demografici, affermazione di nuove emergenze sanitarie connesse al fenomeno della globalizzazione, ricerca, ecc.) in continua evoluzione.

Le varie policy implementate negli ultimi anni, con il ruolo pivotale assunto ormai dal PNRR, hanno rappresentato la risposta delle istituzioni ad uno scenario in continua evoluzione, dove sono note le vulnerabilità e i benefici ottenibili grazie ad investimenti mirati e strutturali allo stesso tempo. Se fino ad ora le soluzioni realizzate si sono basate su strumenti e tecnologie molto differenti (dalla più obsoleta a quelle più avanzate) e sono state in gran parte circoscritte al supporto a singole attività di cura ed assistenza, indipendentemente dal contesto complessivo del percorso di cura del paziente, è ora necessario portare “a sistema” le singole iniziative con una governance centrale chiara e degli esecutori pronti a recepire le giuste direttive.

I driver che guidano la digitalizzazione del sistema sanitario

Indipendentemente dal tipo di sistema sanitario, negli ultimi anni sono stati osservati cambiamenti sistemici che guardano anche ai modelli 4.0. Essi coinvolgono sia l’organizzazione dei processi in modo automatizzato e interconnesso nelle componenti uomo-macchina, l’utilizzo e la valorizzazione dei dati disponibili, e la capacità di stabilire dei canali di contatto con cittadini sempre più digitalizzati, anche nelle fasce di popolazione più anziane. I cambiamenti nella disponibilità della tecnologia, le evoluzioni delle abitudini dei consumatori, le crescenti esigenze di prevenzione e l’aumento del flusso delle informazioni sono i driver principali che guidano il processo di digitalizzazione del sistema sanitario.

Come sottolineato da vari autori[3], tra i vari fattori di accelerazione digitale va annoverata l’emergenza Covid-19 che ha portato una duplice consapevolezza in tutti gli attori dell’arena sanitaria. Da un lato, la consapevolezza dei limiti sistemici in termini di investimenti, di adeguatezza tecnologica e di digitalizzazione organizzativa. Dall’altro, ha accelerato alcuni processi in atto da almeno un decennio. Questo è emerso anche dal maggiore ricorso a soluzioni avanzate per l’accesso alle prestazioni sanitarie, l’utilizzo di strumenti di telemedicina e un’attenzione particolare a nuove soluzioni disegnate per il professionista e il paziente.

Figura 1 – Percentuale di cittadini che usano internet o applicazioni web per motivi sanitari in Italia

Fonte: rielaborazione su dati Eurostat

L’incremento nell’uso di sistemi precedentemente ancora poco esplorati o implementati emerge anche se si guarda ai progetti 4.0 portati avanti dai vari soggetti dell’ecosistema sanitario per fronteggiare l’emergenza Covid e le sue conseguenze. Nei mesi cruciali per le sorti della pandemia, infatti, le potenzialità, il valore e la necessità di dare un impulso a modelli di presa in carico sempre più connessi e vicini al paziente sono diventati ancora più evidenti.

Nello specifico, la situazione emergenziale ha reso necessaria la presenza di soluzioni in grado di connettere con rapidità gli operatori sanitari e i cittadini, oltre a tutti gli stakeholder del sistema; d’altra parte, la possibilità di fornire assistenza in remoto, grazie a innovazioni cliniche e tecnologie digitali connesse, ha permesso di sconfiggere la barriera della distanza tra gli operatori e i pazienti, contribuendo ad aumentarne la protezione e a ridurre il rischio di trasmissione del virus.

Figura 2 – Tipologia di prestazioni di telemedicina e distribuzione per tipologia di ente (2020-2022)

Fonte: rielaborazione su dati ALTEMS 2022

Software e hardware in sanità, tra luci e ombre

Le tecnologie ICT applicate alla sanità sono note come sanità elettronica o e-health[4] e ricomprendono le applicazioni dell’ICT nella vasta gamma di funzioni proprie di un sistema sanitario” che riguardano medici, manager ospedalieri, infermieri, specialisti di gestione dei dati, amministratori della previdenza sociale fino ad arrivare ai pazienti attraverso la prevenzione delle malattie o una migliore gestione delle stesse. A questa definizione qui viene affiancata anche quella del cosiddetto paradigma 4.0, se non altro perché il livello tecnologico dei servizi sanitari si è ampliato negli anni con l’introduzione di nuove soluzioni.

Una prima valutazione sul cambiamento in corso e sull’adozione da parte del settore sanitario di soluzioni digitali e tecnologicamente più avanzate (siano esse software o hardware) passa per gli investimenti affrontati negli ultimi anni. Siano essi guidati dal legislatore o conseguenza di necessità elaborate internamente alle organizzazioni sanitarie.

Non sono molte le indagini puntuali effettuate su questa tipologia di investimenti, ma è possibile estrapolare alcune informazioni e analisi di scenario utili a comprendere lo stato dell’arte o alcuni dei trend principali del settore. In particolare, questo esercizio può essere utile per meglio analizzare eventuali carenze o punti di forza su cui basare alcune indicazioni di policy.

Sotto il profilo dell’installazione hardware e dello sviluppo/adozione software nel settore sanitario non esistono dati puntuali sulla qualità delle soluzioni presenti[5]. Non è, quindi, sempre possibile conoscere se si tratti di tecnologie 4.0. oppure appartenenti ad altre tipologie. Tuttavia, anche secondo alcuni studi mirati è possibile considerare la telemedicina e la diagnostica all’interno del paradigma 4.0 in senso ampio[6].

Figura 3 – Spesa per beni e servizi ICT di ASL e Ospedali pubblici (2019-2022) per voce di costo (Asse dx singole voci – Asse sx SW-HW isolati)

Fonte: rielaborazione su dai NetConsulting cube

È possibile provare a fornire qualche analisi da questo semplice schema quantitativo. Esaminando la spesa tecnologica di ASL e Ospedali per tipologia di acquisto salta subito all’occhio la voce di maggiore incidenza della spesa: quella relativa alla manutenzione hardware e software dei sistemi. Questo dato può implicare diversi aspetti da tenere in considerazione per provare a giudicare il grado di maturità tecnologica in modo grezzo. In primo luogo, che molti degli interventi o acquisti effettuati negli anni precedenti sono stati fatto in modo programmato di lungo termine e che quindi necessitino di costanti aggiornamenti. In secondo luogo che si tratti – perlomeno in ambito hardware – di apparati con una certa longevità.

Allo stesso tempo, con l’avvento dell’emergenza Covid-19, si registra un calo progressivo degli investimenti per questa voce nel periodo considerato, passando dal 48% del 2019 al 41% del 2022.

La crescita degli investimenti nei comparti hardware e software

Ecco che emerge un altro trend interessante. La crescita degli investimenti nei comparti hardware e software. Come ipotizza anche la ricerca Altems, questi trend potrebbero essere dovuti al fatto che “nel 2020 per rispondere all’emergenza è possibile che le aziende abbiano proceduto con estensioni di progetti all’interno dei contratti già esistenti (si pensi all’attivazione delle visite in remoto, che in alcuni casi sono state attivate come estensione delle cartelle cliniche), a partire dal 2021 è evidente lo spostamento di parte della spesa verso l’acquisto di licenze, di servizi di sviluppo e di hardware che fa pensare a progetti in piattaforme e soluzioni in gran parte nuove, a testimonianza di come l’esigenza di intraprendere un processo di digitalizzazione si stia progressivamente concretizzando in progettualità[7]. Questo è sicuramente un aspetto positivo e fa parte anche di un macro-trend più complesso facente capo al PNRR e alle indicazioni date dal legislatore agli enti esecutori.

Figura 4 – Adeguatezza tecnologica del parco HW istallato (anno 2019)

Fonte: rielaborazione I-Com[8] su dati Confindustria Dispositivi Medici 2019

L’Italia presenta medie superiori ad altri paesi comparabili in ambito OCSE per quanto riguarda il tasso di apparecchi dispositivi medici per abitante. Tuttavia, secondo i dati forniti da Confindustria Dispositivi Medici relativi al grado di adeguatezza tecnologica del parco installato del SSN il 50% dei macchinari disponibili nell’anno 2019 aveva oltrepassato il periodo di adeguatezza tecnologica, e necessitava pertanto di revisione o sostituzione. Anche in questo modo, forse, è possibile spiegare parzialmente l’aumento di spesa hardware mostrato precedentemente. In ogni caso, è chiaro che la dotazione attuale non sia sufficiente. Tanto che è sempre la Corte dei Conti a sottolineare che servirebbe un investimento di 32 miliardi di euro per mettere a punto la dotazione tecnologica del SSN. Di questi, oltre 1,5 miliardi andrebbero allocati per apparecchiature elettromedicali di alta e media tecnologia.

Senza competenze e organizzazione non si va da nessuna parte

Spesso, anche a livello legislativo, le policy adottate per incentivare l’innovazione e l’adozione di soluzioni tecnologicamente avanzate (sia in ambito pubblico sia in ambito privato) hanno riguardato prevalentemente gli investimenti in beni strumentali materiali e/o immateriali. Va considerato che la transizione digitale, al pari del cambiamento tecnologico nella sua accezione più ampia, ricomprende anche la dimensione organizzativa e la componente umana[9].

Come sottolineato recentemente da Capogna (2020), la trasformazione digitale calata nel settore sanitario ricomprende diverse aree che possono essere schematizzate come segue:

  1. Digitalizzazione (digitalizing), attraverso cui l’organizzazione inizia a utilizzare le soluzioni tecnologiche disponibili (digitalizzazione dei documenti, dematerializzazione, introduzione di portali online, ecc.);
  2. Trasformazione dei processi organizzativi interni ed esterni (digital process), rivedendoli alla luce di tecniche digitali, con l’intento di renderli più efficienti, snelli e agili;
  3. Trasformazione del business organizzativo (digital business transformation) con cui si intende l’introduzione di nuovi servizi volti ad ampliare l’offerta per dipendenti e clienti, perseguendo la logica della personalizzazione, dell’assistenza e della fidelizzazione delle relazioni (telemedicina, tele-assistenza, App, ecc.)[10].

Se queste trasformazioni costituiscono la base della nuova dell’eHealth, allora, diventa necessario intervenire su una molteplicità di dimensioni cruciali dell’agire organizzativo: efficientamento dei processi; ingaggio delle persone (dipendenti, collaboratori, utenti, stakeholders, shareholders); moltiplicazione delle opportunità; creazione, mantenimento e valorizzazione di networking diversificati; sviluppo di nuove soluzioni (prodotti, servizi).

La componente umana gioca un ruolo fondamentale in tutti questi processi, soprattutto nella sanità dove ancora viene valorizzato il rapporto medico-paziente. In generale, l’Italia non è tra i paesi europei dove le professioni (di vario tipo e incluse quelle altamente professionali come la sanità) spiccano maggiormente per l’impatto del digitale.

Figura 5 – Individui che hanno le competenze per poter utilizzare software o soluzioni ICT più complesse di quelle base (anno 2018)

Fonte: rielaborazione su dati Eurostat

In una prospettiva di cambiamento e di evoluzione tecnologica, la Figura 5 indica sostanzialmente l’inadeguatezza delle competenze digitali delle risorse umane italiane rispetto agli altri paesi europei. L’Italia infatti sconta un gap di 7 punti percentuali con la media UE27sotto la voce statistica che valuta il livello di competenze per l’utilizzo di software o soluzioni ICT complesse durante lo svolgimento del loro lavoro.

Allo stesso modo, risulta piuttosto modesto l’accesso online ai servizi pubblici che gli italiani hanno avuto nell’anno 2021 (Figura 8). Il trend è certamente stato crescente (+10% circa rispetto al 2020) in conseguenza dell’emergenza Covid-19 e del rilancio di alcuni portali di accesso vista l’impossibilità di interagire fisicamente con gli utenti. L’Italia è comunque all’ultima posizione nell’Union Europea tra il totale della popolazione e anche tra i più frequenti utilizzatori di Internet non brilla particolarmente.

Figura 6 – Interazioni online con i servizi pubblici (anno 2021)

Senza necessità di approfondire le considerazioni nell’ambito delle tecnologie più complesse e sofisticate risulta abbastanza chiaro che anche le professioni sanitarie scontano una scarsa propensione al digitale. Tutto l’impianto previsto dal PNRR e dai futuri investimenti tecnologici della Missione 6 potrebbero non avere la medesima efficacia senza un efficace intervento sulle competenze. In particolare, come sottolineato anche dall’OECD[11], le barriere più rilevanti su cui intervenire sono:

  1. La fiducia e la percezione della tecnologia sanitaria digitale tra gli operatori sanitari;
  2. Il mix di competenze necessarie tra operatori sanitari e altra forza lavoro del settore sanitario;
  3. I modelli e l’organizzazione del lavoro esistenti e il relativo inquadramento giuridico ed economico.

L’assenza di un inquadramento chiaro ad esempio per i LEA digitali è un aspetto da non sottovalutare quando si pensa alle prestazioni erogate e ad una maggiore intensità tecnologica impressa alle medesime. Si veda per esempio il caso della telemedicina dove non esiste, al momento, un piano di tariffe definito. Stimolare la domanda per prestazioni digitali, anche da parte degli utenti stessi, è una leva importante che non deve essere sottovalutata. In un paese rigidamente legato ai processi regolatori come l’Italia, questo aspetto deve necessariamente passare per un inquadramento legislativo specifico.

La formazione degli operatori sanitari

Sul mix di skill necessarie agli operatori sanitari l’intervento potrebbe essere duplice. Intervenire a livello di formazione secondaria e terziaria (financo specialistica) è imprescindibile. Mentre dovrebbero essere implementati programmi di formazione personalizzati obbligatori sulle competenze digitali per gli operatori sanitari. Questi programmi dovrebbero mirare alla formazione operatori sanitari in base alla loro professione, le loro esigenze di competenze digitali e la loro frequenza di utilizzo della tecnologia digitale. In questa direzione è stata dedicata una parte dei fondi della Missione 6, ma sembra che in gran parte verranno utilizzati una tantum per la popolazione del Fascicolo Sanitario, diminuendo l’efficacia dell’investimento. Non è da escludere anche il coinvolgimento dei privati in un’ottica di partnership aperta per il travaso di conoscenze e l’evoluzione di nuove soluzioni e metodologie.

Conclusioni

Infine, si parla spesso di “mettere il paziente al centro” e molto meno del ruolo dei professionisti sanitari. Nel caso dei processi di digitalizzazione, rendere gli operatori co-sviluppatori di soluzioni di e-health, telemedicina e utilizzo di tecnologie 4.0 potrebbe essere uno stimolo ulteriore all’acquisizione di nuove competenze. Il ruolo degli utilizzatori finali delle soluzioni digitali è essenziale per accelerarne l’adozione e creare anche domanda di competenze. Coinvolgerli nei processi di organizzazione, di ideazione e progettazione dei nuovi percorsi digitali dedicati alla loro missione sanitaria significa renderli partecipi di una sfida che vorranno vincere.

Bibliografia

Aceto P., Persico V. e Pescapè A., Industry 4.0 and Health: Internet of Things, Big Data, and Cloud Computing for Healthcare 4.0, Department of Electrical Engineering and Information Technology, University of Napoli Federico II, 2020

Barro R. J., e Lee J.W., International Measures of Schooling Years and Schooling Quality, in American Economic Review, maggio 1996, pp. 218–23

Capogna S., Sanità digitale tra organizzazione e innovazione. Un caso di studio, in Salute e Società, XIX, 1/2020, pp. 39-40

Cicchetti A., Di Brino E. (a cura di), Analisi dei modelli organizzativi di risposta al Covid-19 in Italia, ALTEMS Instant Report, 2022, pp. 43-47

Corte dei Conti “LA GESTIONE DEI SERVIZI INFORMATICI NEL SISTEMA SANITARIO DELLA REGIONE LAZIO NEGLI ANNI 2018 – 2019”, DELIBERAZIONE N. 70/2021/GEST

Eng, T.R. The e-Health landscape: a terrain map of emerging Information and Communication Technologies in health and health care, The Robert Wood Johnson Foundation Princeton, NJ, 2001, pp. 43-56

Mazzoni E. (a cura di), Salute e competitività. Strategie ed investimenti per vincere le sfide del recovery e della crescita, I-Com Edizioni, Roma, 2022, pp. 58-61

Negreiro M., The rise of digital health technologies during the pandemic, European Parliamentary Research Service Briefing, 2021, pp. 2-10; OECD, Health at a Glance 2021: OECD Indicators, OECD Publishing, Parigi, 2021

Socha-Dietrich K., Empowering the health workforce to make the most of the digital revolution, OECD Health Working Papers No. 129, 2022, pp. 14-16

  1. Socha-Dietrich K., Empowering the health workforce to make the most of the digital revolution, OECD Health Working Papers No. 129, 2022, pp. 14-16.
  2. Come emerge anche dal Referto al Parlamento sulla gestione finanziaria dei servizi sanitari regionali della Corte dei Conti “sul versante investimenti, a causa dell’insufficiente volume di risorse assegnate, il valore della dotazione di capitale del SSN registra un calo riferito al periodo 2013-2019 pari all’8,2% (da 84 a 79 miliardi di euro)”.
  3. Negreiro M., The rise of digital health technologies during the pandemic, European Parliamentary Research Service Briefing, 2021, pp. 2-10; OECD, Health at a Glance 2021: OECD Indicators, OECD Publishing, Parigi, 2021.
  4. Eng, T.R. The e-Health landscape: a terrain map of emerging Information and Communication Technologies in health and health care, The Robert Wood Johnson Foundation Princeton, NJ, 2001, pp. 43-56.
  5. Non esistono analisi qualitative specifiche sui servizi/prodotti in quanto tali, bensì analisi quantitative per voci di spesa. Ad es. per la Regione Lazio si veda anche Corte dei Conti “LA GESTIONE DEI SERVIZI INFORMATICI NEL SISTEMASANITARIO DELLA REGIONE LAZIO NEGLI ANNI 2018 – 2019”, DELIBERAZIONE N. 70/2021/GEST.
  6. Aceto P., Persico V. e Pescapè A., Industry 4.0 and Health: Internet of Things, Big Data, and Cloud Computing for Healthcare 4.0, Department of Electrical Engineering and Information Technology, University of Napoli Federico II, 2020.
  7. Cicchetti A., Di Brino E. (a cura di), Analisi dei modelli organizzativi di risposta al Covid-19 in Italia, ALTEMS Instant Report, 2022, pp. 43-47.
  8. Mazzoni E. (a cura di), Salute e competitività. Strategie ed investimenti per vincere le sfide del recovery e della crescita, I-Com Edizioni, Roma, 2022, pp. 58-61.
  9. Barro R. J., e Lee J.W., International Measures of Schooling Years and Schooling Quality, in American Economic Review, maggio 1996, pp. 218–23.
  10. Capogna S., Sanità digitale tra organizzazione e innovazione. Un caso di studio, in Salute e Società, XIX, 1/2020, pp. 39-40.
  11. Socha­Dietrich, K., Empowering the health workforce. Strategies to make the most of the digital revolution, OECD Report, 2022, pp. 34-35.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2