Sanità

Un motore di ricerca e valutazione delle prestazioni sanitarie: ecco come realizzarlo

Architettura federata, linked open data, multicanalità sono alcuni dei requisiti di un motore di ricerca e valutazione delle prestazioni sanitarie su base regionale. Cosa cercano online i pazienti, come viene valutata la qualità dell’informazione, quali sono i vantaggi di una piattaforma di benchmarking sui servizi

Pubblicato il 31 Mag 2021

Luigi Lella

ISEM - Institute for Scientific Methodology, Palermo

Ignazio Licata

ISEM - Institute for Scientific Methodology, Palermo

Christian Pristipino

Unità di cardiologia interventistica e di emergenza - S.Filippo Neri - ASL Roma 1

sanità digitale

Quali contenuti, funzionalità, struttura ed architettura dovrebbe avere un motore di ricerca di prestazioni clinico-sanitarie manutenuto dalle pubbliche amministrazioni regionali (ASL, USL, Organizzazioni Ospedaliere e Policlinici pubblici)?

Secondo recenti studi, la ricerca ed il consumo di informazione clinico-sanitaria in rete negli ultimi anni sta notevolmente aumentando, ad opera non solo di pazienti e loro familiari, ma anche di chi si occupa di gestione della sanità pubblica [1]. Si stima che circa il 16 % di chi ricerca informazioni di carattere clinico-sanitario sia costituito da utenti che vogliono approfondire tematiche mediche, il 30% da persone che cercano fonti informative per comparare i centri erogatori di prestazioni sanitarie, il 26% da utenti del sistema sanitario alla ricerca di altri pazienti che abbiano sperimentato simili problematiche o criticità [2].

Si sta assistendo ad un crescente bisogno di empowerment da parte dei pazienti: le loro decisioni non si basano più sulle informazioni fornite dal sistema sanitario (in primis dai loro MMG o PLS), ma anche su altre fonti informative che li aiutino a comprendere maggiormente la natura dei loro problemi di salute, assieme alle tecnologie ed ai trattamenti innovativi in grado di risolverli. Tutto questo per consentire loro di partecipare attivamente al processo decisionale del trattamento da erogare.

Motore di ricerca e sanità: cosa si cerca online e perché

È importante sottolineare il carattere di apomediazione dell’attività di ricerca delle informazioni mediche, che non si limita alla sola lettura dell’informazione messa a disposizione dal sistema sanitario, ma si realizza nella ricerca diretta delle fonti informative bypassando eventuali intermediari [3]. Indubbiamente i social network e tutti gli altri canali offerti dalla cosiddetta Medicina 2.0 e dal Web 2.0 rappresentano attualmente le principali fonti informative utilizzate dagli utenti di rete [4]. I social networks permetteranno sempre più in futuro agli utenti di rete di rimanere aggiornati su tematiche inerenti i trattamenti medici e le attività di prevenzione [5].

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Tra gli argomenti maggiormente ricercati vi sono quelli correlati alla prevenzione e al trattamento dei tumori. È stato stimato che il 24,1% delle ricerche effettuate riguarda i trattamenti, e circa l’11,5% delle ricerche riguarda i centri erogatori delle prestazioni individuate [6].

Nonostante il crescente utilizzo dei social network però, secondo una recente ricerca [7], gli utenti di rete considerano ancora maggiormente affidabili le informazioni reperite tramite ricerche dirette sul web o quelle suggerite da parenti e amici. Altre ricerche sembrano confermare che in generale Facebook e Twitter vengono considerate fonti informative meno affidabili di altre disponibili sul web come Wikipedia [8][9].

Il problema dell’affidabilità dell’informazione medico-clinica reperita in rete è stato sottolineato recentemente da vari ricercatori [10], secondo i quali il livello medio della qualità percepita si attesta attorno alla categoria “buono”, ma nessuna fonte informativa viene considerata come “eccellente”. È interessante notare come la qualità percepita sia molto influenzata dall’accessibilità dell’informazione che spesso non rispetta gli standard minimi raccomandati.

Motore di ricerca e sanità: come viene valutata e come cambia la qualità dell’informazione

Per valutare la qualità dell’informazione medico-clinica in rete in genere si utilizzano questionari e scale valutative come il DISCERN e l’HONCode. DISCERN è composto da 15 item più una domanda sulla valutazione complessiva della qualità dell’informazione [11]. HONcode è invece un questionario a 8 item che valuta i seguenti aspetti della qualità dell’informazione: autorità, complementarità, privacy, attribuzione, giustificabilità, trasparenza, informativa finanziaria, politica pubblicitaria [12].

Sulla base di queste scale è stato dimostrato che la qualità dell’informazione medico-clinica in rete tende a diminuire nel corso del tempo ed è per questo motivo che motori di ricerca come Google in un determinato arco temporale tendono a spostare verso il basso tali contenuti nella lista dei risultati della ricerca [13].

A fronte di queste evidenze si rende necessario, soprattutto da parte delle pubbliche amministrazioni, garantire la gestione e la pubblicazione di fonti informative caratterizzate da opportuni livelli di qualità ed affidabilità.

Fonti informative che siano in primis certificate, tenute in costante aggiornamento e rese gratuitamente disponibili in formato aperto, garantendo l’accesso non solo ai bot dei più comuni motori di ricerca, ma anche ad agenti intelligenti che utilizzino basi di conoscenza basate sul paradigma dei linked open data [14][15].

Le pubbliche amministrazioni per ottemperare al loro mandato istituzionale devono infatti non solo erogare adeguati servizi informativi ai cittadini, ma devono altresì aumentare nel tempo la trasparenza e l’efficienza nella gestione delle risorse pubbliche.

Motore di ricerca e sanità: quali requisiti dovrebbe avere una piattaforma affidabile

La realizzazione di una piattaforma dove pubblicare i dati dei servizi erogati relativi a costi, modalità di espletamento e livelli di qualità definiti attraverso criteri oggettivi e scientificamente validi permetterebbe non solo di informare adeguatamente la cittadinanza, ma anche di stabilire una sorta di benchmark di riferimento per le aziende e le istituzioni operanti nel settore da utilizzare per il miglioramento continuo dei servizi.

La pubblicazione dei dati sui servizi clinico sanitari erogati in formato aperto e georeferenziato permetterebbe anche lo sfruttamento di tali dati per realizzare ulteriori servizi di ricerca e informativi, sostenendo le attività delle imprese private.

Si riporta nello specifico un elenco minimo delle caratteristiche generali che dovrebbe contraddistinguere tale piattaforma.

  • Architettura federata: un sistema di basi di dati federato [16] che mappi sistemi di basi di dati autonomi multipli, realizzati e tenuti in costante aggiornamento da parte delle PPAA periferiche sanitarie in una singola base di dati federata, che consenta in futuro al cittadino di ricercare informazioni su servizi clinico-sanitari su tutto il territorio nazionale;
  • Linked open data: le basi di conoscenza manutenute dalle PPAA devono basarsi sul paradigma del LOD cloud [17], ovvero devono assumere la struttura di open dataset collegati ad ontologie e ad altri open dataset, per consentire un’agevole ed efficace ricerca delle informazioni sui servizi erogati dalle strutture cliniche. Vanno predisposte soluzioni in grado di garantire la certificabilità e la non alterabilità del dato pubblicato. Soluzioni basate ad esempio sulla tecnologia blockchain potrebbero essere in grado di raggiungere questo risultato [18].
  • Internazionalizzazione, accessibilità ed usabilità: dati, informazioni e interfacce utente (GUI) devono essere predisposti in modalità multilingua per garantire non solo un adeguato livello di accessibilità delle informazioni, ma anche per supportare la futura ricerca di servizi digitali transfrontalieri da parte di cittadini comunitari non residenti sul territorio nazionale [19]. Relativamente alle GUI vanno garantiti i livelli minimi di accessibilità ed usabilità del WCAG 2.1 [20];
  • Multicanalità: è opportuno separare contenuti e funzionalità della piattaforma dalle modalità di erogazione e visualizzazione, in modo da consentire la fruizione del servizio informativo su più canali (portali, app, chatbot [21]) e da vari tipi di dispositivi (pc, tablet, smartphone etc.). Questa scelta aiuta a garantire la coerenza dell’informazione veicolata dai differenti canali di comunicazione attivati per il cittadino, migliorando la customer experience e creando anche i presupposti per la realizzazione di nuovi servizi “phygital”, che facciano convergere realtà digitale e realtà fisica [22]. Un esempio potrebbe essere quello di un’app che interagisce con l’ambiente fisico della struttura clinico-sanitaria, che all’accesso dell’assistito gli ricordi l’ora dell’appuntamento, inviando contestualmente all’HIS un trigger per l’aggiornamento della lista delle visite ambulatoriali giornaliere programmate e dei tempi di attesa stimati, che guidi l’assistito a pochi minuti dall’inizio della visita in un percorso di realtà aumentata fino all’ambulatorio di destinazione, che ricordi all’assistito in caso di necessità le fasi preparatorie della visita a cui si deve sottoporre.
  • Rispetto della privacy: i cittadini devono essere adeguatamente informati e tutelati relativamente al trattamento dei loro dati, in ottemperanza al GDPR ed alle normative nazionali sulla privacy [23], se i dati vengono utilizzati per l’aggiornamento degli indicatori di qualità dei servizi erogati dalle strutture clinico sanitarie. In linea di massima però è possibile escludere l’utilizzo di dati sensibili e personali specie nella rilevazione della customer satisfaction [24];
  • Informazioni sui servizi clinico-sanitari: il cittadino deve innanzitutto avere un quadro completo sui servizi disponibili a livello regionale, con un servizio di geolocalizzazione e con ulteriori servizi che lo aiutino a raggiungere facilmente il punto di erogazione. Vanno inoltre specificate le modalità di erogazione del servizio (come prestazione erogabile dal SSN/SSR, in intramoenia, in extramoenia, con accesso diretto all’ambulatorio o sfruttando servizi di telemedicina etc.), i costi, i tempi di attesa per la presa in carico (ad es. informazioni sulle relative liste di attesa), le modalità di preparazione a visite ed interventi, i livelli di qualità percepita dagli utenti (in primis attraverso la rilevazione della customer satisfaction) e possibilmente ulteriori informazioni relative a outcome, tempi di recupero funzionale, durata dell’eventuale follow up etc. I requisiti funzionali e contenutistici completi andrebbero esplicitati in fase progettuale coinvolgendo i vari stakeholders a cominciare dal cittadino/assistito, seguendo opportune metodologie progettuali come quella definita dall’AgID [25];
  • Valutazione comparativa dei servizi clinico-sanitari: la piattaforma deve consentire un’agevole valutazione dei servizi clinico sanitari disponibili a livello regionale, consentendo un ordinamento della lista dei risultati basato su criteri impostati dall’utente del motore di ricerca (ad es. costi, tempi di presa in carico, tempi di recupero funzionale, livello di qualità globale, qualità degli ambienti, qualità dell’accoglienza, qualità delle professionalità). La stessa lista di risultati deve essere resa esportabile in formato aperto [26];
  • Funzionalità di Medicina di precisione o personalizzata: se disponibili, la piattaforma deve garantire anche l’accesso a funzionalità predittive che, a fronte dell’inserimento di ulteriori dati personali e sanitari da parte dell’utente del motore di ricerca e nel rispetto delle normative sul trattamento di tali dati, consentano di avere una stima più precisa relativamente ad outcome, rischi e tempi di recupero funzionale [27][28][29][30].

I vantaggi di una piattaforma di benchmarking nella sanità

Un servizio digitale online di questo tipo può finalmente garantire al cittadino un’adeguata informazione relativamente all’offerta di servizi clinico-sanitari presenti a livello regionale e in futuro anche nazionale, evitando overload informativi, perdita o incompletezza delle informazioni e soprattutto certificando la qualità del dato.

Per essere però realmente efficace ed affidabile la sua realizzazione deve basarsi su alcuni presupposti di seguito riportati.

Come sottolineato al punto 6, l’elenco esatto di contenuti e funzionalità del servizio digitale online deve risultare da una precisa attività progettuale che coinvolga tutti i principali stakeholder a cominciare dal cittadino, fruitore della piattaforma informativa. Nel rispetto delle linee guida predisposte dall’AGID, il servizio va progettato attorno al cittadino, cercando di venire incontro a tutte le sue esigenze e permettendogli di reperire tutte le informazioni di cui ha bisogno nel minor tempo possibile e nella maniera più agevole possibile.

È di fondamentale importanza non solo la standardizzazione dei dati e degli indicatori riportati dalla piattaforma, ma assicurare anche la qualità del dato alla fonte per il quale va effettuato un costante controllo della qualità.

Per esempio, da anni, la Società Italiana di Cardiologia Interventistica raccoglie i dati di attività dei laboratori italiani secondo un suo schema nazionale, su base volontaria, che vede la partecipazione di oltre il 99% dei laboratori italiani. Il rapporto viene poi reso disponibile al GISE e pubblicato sul giornale italiano di cardiologia l’anno successivo [31]. Altro esempio di successo è dato dal PRogramma REgionale VALutazione Esiti [32] che annualmente viene svolto dalla Regione Lazio per indirizzare la politica sanitaria e il controllo di quantità/qualità delle prestazioni, obbligando i centri a fornire dati non solo sul volume delle attività, ma anche in merito agli outcome in base a dati ufficiali con valore legale (le cartelle SDO).

È infine importante raccogliere il feedback del cittadino/assistito attraverso opportune form di customer satisfaction che valutino i servizi clinico-sanitari sotto molteplici punti di vista e come differenza tra ciò che l’utente si aspetta di ricevere e quanto pensa di aver ricevuto seguendo la metodologia SERVQUAL [33][34]. Altri indicatori di qualità dei servizi possono provenire dai dati regionali sulle liste di attesa, dai flussi ministeriali o direttamente dai dossier sanitari elettronici ospedalieri e territoriali [35].

Il sistema di indicatori per la valutazione della qualità dei servizi andrebbe messo gratuitamente e liberamente a disposizione nel LOD cloud con i relativi aggiornamenti.

L’impatto previsto di una piattaforma realizzata secondo questi criteri non è solo quello di migliorare a breve termine il servizio informativo rivolto al cittadino, ma anche quello a lungo termine di uniformare i livelli di qualità dei servizi erogati e di favorire la nascita di ulteriori servizi informativi creati dalle aziende private basati sulle basi di conoscenza sviluppate.

_______________________________________________________________________

Bibliografia

[1] Pew Research Center. The Internet and Health, 2013. ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: http://www.pewinternet.org/2013/02/12/the-internet-and-health

[2] Deering, M.J. And Harris, J., Consumer health information seeking and hypothesis testing. Journal of the American Medical Informatics Association: JAMIA 2008, 15, 484-495.

[3] Griffin R.J., Dunwoody, S. and Neuwirth, K., Proposed model of the relationship of risk information seeking and processing to the development of preventive behaviors. Environmental Research 1999, 80, 230-245.

[4] Eysenbach, G., Medicine 2.0: social networking, collaboration, participation, apomediation and openness. Journal of Medical Internet Research 2008, 10, 1-11.

[5] Prasad, B., Social media, health care and social networking. Gastrointestinal Endoscopy 2013, 77, 492-495.

[6] Park, H. and Park M.S., Cancer information-seeking behaviors and information needs among Korean Americans in the online community. Journal of Community Health 2013, 39, 213-22.

[7] Van de Belt, T.H., Engelen, L.J., Berben, S.A., Teerenstra, S., Samsom, M. and Schoonhoven, L., Internet and social media for health related information and communication in health care: preferences of the Dutch general population. Journal of Medical Internet Research 2013, 15, 1-11.

[8] Rutsaert, P., Pieniak, Z., Regan, A., McConnon, A. and Verbeke, W. Consumer interest in receiving information through social media about the risk of pesticide residues. Food Control 2013, 34, 386-392.

[9] Zhao Y. and Zhang J., Consumer health information seeking in social media: a literature review, Health Information & Libraries Journal 2017, 34, pp.268-283

[10] Daraz L., Morrow A.S., Ponce O.J., Beuschel B., Farah M.H., Katabi A., Alsawas M., Majzoub A., Benkhadra R., Seisa M., Ding J., Prokop L. and Murad H., Can patients trust online health information? A meta-narrative systematic review addressing the quality of health information on the Internet. J.Gen.Inter.Med 2019, 34(9):1884-91.

[11] Chang D.T.S, Abouassaly, R., Lawrentschuk N., Quality of health information on the Internet for urolithiasis on the Google Search Engine, Adv. Urol. 2016, 1-5

[12]Fahy, E., Hardikar, R., Fox A., Mackay, S., Quality of patient health information on the internet: reviewing a complex and evolving landscape. Australas. Med. J. 2014, 7, 24-28.

[13] Strzelecki A., Google Medical Update: why is the search engine decreasing visibility of health and medical information websites ?, Int. J. Environ.Res.Public Health, 2020, 17, 1160.

[14] S.C. Necula, Semantic web applications:current trends in datasets, tools and technologies development for linked open data, 2020, Informatica Economica vol 24, no.4.

[15] K. Munir, M.S. Anjum, The use of ontologies for effective knowledge modelling ad information retrieval, 2018, Applied Computing and Informatics 14, 116-126.

[16] N. Masood, B. Eaglestone, Component and federation concept models in a federated database system, 2003, Malaysian Journal of Computer Science, Vol.16 no.2, pp. 47-57

[17] A. Assaf, R. Troncy, A Senart, What’s up LOD Cloud ? Observing the State of Linked Open Data Cloud Metadata, 2015, Springer International Publishing Switzerland, F. Gandon et al. (Eds.): ESWC 2015, LNCS 9341, pp. 247-254

[18] B.Koteska, E. Karafiloski, A.Mishev, Blockchain implementation quality challenges: a literature review, 2017, Proc. of SQAMIA 2017

[19] My health@EU, Electronic cross-border health services in the EU, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: https://ec.europa.eu/health/sites/health/files/ehealth/docs/myhealth_qa _en.pdf

[20] Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) 2.1, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: https://www.w3.org/Translations/WCAG21-it/

[21] T. Nadarzynski, O. Miles, A. Cowie, D. Ridge, Acceptability of artificial intelligence (AI)-led chatbot services in healthcare: a mixed-methods study, 2019, Digital Health, vol.5, pp.1-12

[22] R.N. Bolton, J.R. McColl-Kennedy, L. Cheung, A. Gallan, C. Orsingher, L. Witell, M. Zaki, Customer experience challenges: bringing together digital, physical and social realms, 2018, Journal of Service Management, vol. 29 no. 5, pp. 776-808.

[23] Garante per la Protezione dei Dati Personali, Il testo del regolamento, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: https://www.garanteprivacy.it/il-testo-del-regolamento

[24] Garante per la Protezione dei Dati Personali, Linee guida in tema di trattamento di dati per lo svolgimento di indagini di customer satisfaction in ambito sanitario – 5 maggio 2011, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1812910

[25] Designers Italia, Linee guida per orientare la progettazione di servizi e ambienti digitali partendo dalle effettive esigenze degli utenti, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: https://designers.italia.it/linee-guida/

[26] Formez PA, Formati aperti, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: http://egov.formez.it/sites/all/files/open_data_-_formati_aperti.pdf

[27] L.Lella, I.Licata, G.Minati, C. Pristipino, A.G. De Belvis, R. Pastorino, Predictive AI models for the personalized medicine, 2019, Proc. HealthInf 2019, pp. 396-401

[28] L.Lella, L.Gentile, C. Pristipino, D. Toni, Predictive clustering learning algorithms for stroke patients discharge planning, 2021, Proc. HealthInf 2021, pp.296-303

[29] L.Lella, I.Licata, Length of hospital stay prediction through unorganised Turing machines, 2018, Proc. HealthInf 2018, pp.402-407

[30] L.Lella, A. Di Giorgio, A.F. Dragoni, Length of stay prediction and analysis through a growing neural gas model, 2015, AI-AM/NetMed@AIME 2015

[31] https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://gise.it/Uploads/EasyCms/GICI_2019_88178.pdf&ved=2ahUKEwiw-6S5naDwAhWp3eAKHUzECZEQFjADegQIDxAC&usg=AOvVaw1Jj-oqKfHaVJMD2cVZaNUs.

[32] https://www.dep.lazio.it/prevale2020/index.php

[33] A. Parasuraman, Refinement ad reassessment of the SERVQUAL scale, 1991, J.Retail, 67, 420-450

[34] A.Allahham, Determinants of Customer Satisfaction in Healthcare Services, Int. J. of Business and Management Invention, vol 2, issue 12, pp. 59-63

[35] Garante per la Protezione dei Dati Personali, Linee guida in tema di fascicolo sanitario elettronico e di dossier sanitario, 2019, ultimo accesso il giorno 20/04/2021 all’indirizzo: https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1634116

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4