Sanità 4.0

Oltre il sovranismo digitale sanitario: servono open data per un nuovo ecosistema

La non condivisione dei dati della propria struttura clinica o amministrativa genera una sorta di sovranismo digitale sanitario: occorre superarlo e incentivare pratiche di open data management. Ecco come

11 Ott 2022
Claudio Lanfranco

Oncologo - Senior Consultant Istituto di Candiolo IRCCS

sanità digitale - Intelligenza Artificiale - fascicolo sanitario elettronico - dispositivi medici

L’adeguamento al mondo che cambia richiede innovazione e la sanità non fa eccezione. La tecnologia fornisce strumenti nuovi ma è necessaria un’evoluzione generale e costante dell’ecosistema sanitario, basata su convenzioni eticamente sostenibili ed accettate.

A tutti i livelli, è diffusa la ritrosia alla condivisione dei dati che nascono come sottoprodotto delle attività cliniche e amministrative e la difesa dell’accesso agli archivi. Queste spinte alla chiusura, che hanno motivazioni complesse e in buona parte giustificabili, originano una sorta di “sovranismo digitale”, inteso come chiusura entro i propri confini operativi dei repository di dati e degli strumenti per la loro archiviazione ed utilizzo.

Dati sanitari, perché sono cruciali per la ricerca: le norme vigenti e le proposte per usarli meglio

Come creare un ecosistema sanitario collaborativo

È proprio l’importanza dei dati condivisi alla base di queste spinte: perché lavorare per produrre dati da far utilizzare ad altri che se avvantaggino, con annesso giudizio sulle attività svolte in precedenza? Questo limita certamente le potenzialità di un ecosistema sanitario connesso e collaborativo, in continua evoluzione.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

La risposta deve essere il riconoscimento del valore sia dei dati, il cui proprietario è l’individuo che li origina, sia di chi li registra, li archivia e li elabora.

L’importanza dei dati a fini di gestione quotidiana nonché di clinica, amministrazione, programmazione, ricerca scientifica, definizione di strategie commerciali e di politica sanitaria è ormai considerata fondamentale. Devono esserci forme riconosciute di controvalore loro attribuibili, eventualmente supportate da blockchain o altre forme di “pagamento”.

Risolto questo principio, è però necessaria una modalità di comunicazione, interscambio con un linguaggio concettuale comune che consenta di mantenere l’importanza, la qualità e validità delle informazioni. Lo scambio deve essere paritetico, mantenendo l’indipendenza dei sistemi (peer to peer) e non gerarchico (client-server).

I linguaggi tecnologici comuni ci sono (HL7 FHIR DICOM) così come esistono organizzazioni semantiche (LOINC) e classificazioni di uso clinico consolidato (ICD SNOMED) e potenti strumenti capaci di tradurre linguaggi e classificazioni.

Le applicazioni di utilizzo quotidiano possono, dal punto di vista tecnologico, scambiare informazioni: o perché sono nativamente adeguate all’interscambio o perché possono utilizzare sistemi “ponte”, middleware, che mettono in comunicazione applicazioni diverse.

Valore e qualità dell’analisi dei dati

Le potenzialità del sistema basato sull’uso dei dati dipendono da molti fattori e da questi deriva il valore dei dati e delle tecnologie per estrarne informazioni utili.

A monte della tecnologia, il valore informativo dei dati è fornito sicuramente dalla loro numerosità sulla quale si basa la potenzialità peculiare dell’uso dei Big Data. Viene, però, spesso vista in secondo piano la qualità dei dati che è invece una variabile fondamentale.

I dati devono essere:

  • veritieri
  • completi e dettagliati
  • ordinati e classificati
  • disponibili
  • protetti

Chi origina i dati può farlo in modi diversi, ma se le informazioni vengono registrate in modo impreciso ed incompleto, l’efficienza successiva delle attività basate su queste rilevazioni ne viene irrimediabilmente compromessa.

L’attenzione alla realtà virtuale e alla costruzione di avatar deve sempre tenere presente che realtà virtuale è semanticamente un ossimoro: ciò che è virtuale può corrispondere alla realtà ma è “virtuale”, cioè non “reale” per definizione ed è fondamentale che sia sempre possibile avere la percezione e la consapevolezza di questo.

Se la costruzione della realtà virtuale si basa su dati insufficienti o di qualità scadente, ci troveremo di fronte ad un gigante con i piedi d’argilla o un Golem interamente di argilla.

La cultura organizzativa e i vantaggi del cambiamento

La tecnologia consente di non avere ostacoli, ma il sistema può funzionare solo se supportato da una cultura organizzativa.

Infatti, i dati sono “i mattoni di un castello”, ma ci vogliono un progetto e del lavoro per realizzarlo.

Gli algoritmi danno ai dati potere informativo, cosicché diventino informazioni. I dati sono numeri che trasformati da “metadati” e algoritmi diventano informazioni.

Oltre agli ostacoli per il cambiamento, esistono anche fattori propulsori alla cultura degli open data in sanità:

  • La riduzione globale e diffusa delle attività, perché ogni informazione deve essere registrata una sola volta, in modo accurato e veritiero. Questa prima registrazione deve essere riconosciuta, ovvero premiata/retribuita ad ogni passaggio successivo.
  • La fonte del dato: in sanità, il cittadino paziente ha la disponibilità del dato per migliorare la propria salute; possiede inoltre il valore informativo del dato, di cui può mantenere l’esclusività avvalendosi delle regole di tutela oppure che può cedere come dono liberale ai fini della ricerca oppure per ricevere benefit di varia natura. La cessione può essere controllata, mirata nell’uso e limitata temporalmente.
  • Potenziamento estremo della qualità dell’assistenza, perché basata su informazioni di prima mano, veritiere, complete ed immediatamente disponibili.
  • Possibilità di uso dei dati parallelo, non coordinato ma soprattutto in ambiti multidisciplinari e multiprofessionali strutturati e coordinati come board clinici, attività territoriali, assistenza sociale e molto altro.
  • Produzione di beni informativi secondari, diversi dal motivo per cui l’informazione è stata raccolta che possono essere utilizzati per gestione e ricerca. Questo è il principio dei Big Data e dell’Intelligenza artificiale dove “non si butta via niente” perché potrebbe servire.
  • L’uso dei cloud e di strumenti di machine learning e di deep learning disponibili spesso a consumo, quindi senza alcun costo e che possono essere ripagate dal valore dei dati scambiabili.
  • La normativa nazionale sul fascicolo sanitario elettronico è piuttosto precisa ed articolata e nel periodo COVID19 ha visto una accelerazione del suo utilizzo, nonostante le difficoltà delle differenze regionali; a questo proposito va detto che nel 2022 è stato pubblicato il decreto attuativo della procedura di subentro di una Anagrafe Nazionale degli Assistiti all’Anagrafe delle ASL e delle regioni.

I nodi da sciogliere

Per andare oltre il sovranismo digitale in sanità, occorre sciogliere i seguenti nodi:

  • Concorrenza, commerciale e individuale

La competizione commerciale o di ruolo delle organizzazioni, delle imprese, dei singoli operatori e cittadini spesso produce atteggiamenti per i quali non si vuole concedere nulla ai concorrenti, tra cui le informazioni utilizzabili in qualsiasi forma.

Di là da principi etici, a questo proposito, agire in modo coordinato, secondo regole precise ed accettate è una risorsa fondamentale per tutti gli attori del sistema.

  • Il cittadino come origine, proprietario e depositario dei dati

La figura del cittadino/paziente deve essere centrale perché inizio e fine del trattamento dei dati. Gli archivi più dettagliati sono quelli originati e detenuti dai singoli pazienti ed essi stessi sono i primi a riconoscere l’importanza delle informazioni relative alla propria salute.

La disponibilità a cedere le informazioni originate dalla propria storia personale certamente non manca, a patto che sia garantita una adeguata tutela della riservatezza, della “privacy”, come la tecnologia dimostra di saper fare piuttosto bene con le informazioni bancarie.

Sarebbe giusto ed opportuno riconoscerne il valore, fornendo prestazioni più efficaci, un ambiente più sicuro e protetto e, quando possibile, un “quid” in forme da elaborare creativamente.

  • La privacy

Le regole di privacy sono stabilite a livello europeo. L’attuazione nazionale in Italia ha aggiunto elementi di complessità, ad esempio sull’uso a fini di ricerca e benessere pubblico che dovranno in qualche modo essere migliorati. L’impianto è comunque solido come dimostrano le regole per una iniziativa in ambito UE presentata nella primavera 2022: lo spazio europeo dei dati sanitari.

Le tecnologie disponibili su smartphone

Il processo di acquisizione culturale rende possibili utilizzi personali di informazioni sanitarie. L’attenzione è focalizzata su soggetti capaci di dotarsi di strumenti tecnologici complessi: Sistemi sanitari nazionali, Ospedali, Reti assistenziali e di ricerca.

In realtà una forte spinta alla gestione digitale delle informazioni sanitarie potrebbe venire, nell’immediato futuro, da soluzioni prettamente individuali.

Gli smartphone dei quali sono dotati ormai una gran parte delle persone che vivono in ambienti dotati di forme più o meno avanzate di assistenza sanitaria (purtroppo solo una parte dell’umanità), soprattutto nel mondo occidentale si basano su sistemi operativi IOs o Android.

Il mondo Apple ha messo a punto una applicazione fornita nativamente agli utenti dei suoi dispositivi: Apple Health che riunisce tutti i dati di significato sanitario degli utilizzatori dei dispositivi IOs. Apple Health contiene anche una sorta di “fascicolo sanitario” ed è in grado di scambiare informazioni secondo gli standard HL7 e FHIR. Possono accedere alle informazioni anche i professionisti sanitari consultati, familiari o caregiver. Nella schermata iniziale possono comparire informazioni essenziali in caso di emergenza.

Anche in ambiente Android, cioè Google, è diventata recentemente disponibile una applicazione open source CommonHealth, realizzata da Cornell Tech, UC San Francisco (UCSF), Sage Bionetworks, Open mHealth e The Commons Project che consente di raccogliere e condividere i dati delle loro cartelle cliniche elettroniche con le applicazioni e le istituzioni sanitarie.

Anche CommonHealth è compatibile con gli standard di interoperabilità dei dati, come HL7 FHIR, per offrire funzionalità analoghe a quelle di Apple Health agli utenti di telefoni android.

Interoperabilità: gli standard HL7 e FHIR

La chiave di volta della governance del sistema è la comprensibilità e la trasferibilità delle informazioni, cioè l’interoperabilità. Gli ostacoli linguistici nazionali sono ormai ampiamente superati dai traduttori. La trasformazione di espressioni verbali in testo e la digitalizzazione dei testi si possono avvalere di applicazioni di riconoscimento vocale o di immagini.

Gli standard informatici sulla archiviazione e trasferimento di dati sanitari sono piuttosto consolidati e diffusi come i già citati HL7 e FHIR.

HL7 è stata fondata nel 1987 e riconosciuta dall’ANSI e riunisce organizzazioni affiliate da oltre quaranta paesi. I documenti del Fascicolo Sanitario elettronico devono seguire lo standard HL7.

Lo standard prevede una architettura dei documenti, ora alla versione 2, CDA2, Clinical Document Architecture, che comprende una intestazione identificativa del documento (Header) e un corpo (body) gestiti secondo formato XML (chiave-valore con tag attribuiti al documento che ne consentono l’identificazione e classificazione).

Il CDA2 può avere tre livelli: Intestazione e corpo in forma testuale al primo, intestazione e sezioni di testo al secondo mentre al terzo livello vi sono accanto e all’interno delle sezioni testuali dati strutturati o “entry”.

All’interno dei documenti HL7 è previsto l’uso di LOINC, acronimo di Logical Observation Identifiers Names and Codes, che è uno standard internazionale di transcodifica e descrizione di osservazioni cliniche e di laboratorio identificandole univocamente.

FHIR rappresenta un’evoluzione dello standard HL7 al quale si affianca, gestito dalla stessa organizzazione. FHIR si distingue da HL7 che tende ad accumulare dati in modo piuttosto complesso secondo una formattazione XML, in quanto ha una organizzazione interna delle informazioni archiviate come “risorse” e “relazioni” con caratteristiche descrittive precise (identità, tempo, spazio, ruolo) gestite con una applicazione REST – Representational state transfer.

Un altro standard ormai universalmente diffuso e che non necessita di descrizioni e quello della gestione delle immagini cioè DICOM. Su quest’ultimo standard non ci sono particolari considerazioni in quanto è sufficientemente diffuso ed accettato. A fini clinici ed amministrativi vi sono poi moltissime classificazioni da considerarsi quasi standard, gestibili facilmente in modo informatico (ICD, SNOMED, scale di valutazione di performance).

Conclusioni

La tecnologia supporterà percorsi e ruoli nuovi: dovrà nascere un nuovo ecosistema sanitario dove sia stabilita e riconosciuta a priori una chiara strategia di gestione dei dati con valenza generale.

Silos o sovranismi (che forse dovranno coesistere con il nuovo ecosistema) dovranno essere affiancati da regole, tecnologie e, soprattutto, da una nuova e diffusa cultura di interoperabilità dedicata al potenziamento collettivo.

WHITEPAPER
Valorizza i dati del tuo cloud e scopri i benefici per la tua azienda!
Big Data
Cloud
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3