telemedicina

Prevenire le dipendenze da sostanze e gioco d’azzardo col digitale: un nuovo approccio



Indirizzo copiato

Preaddiction e Chronic Care Model sono le chiavi per individuare precocemente i rischi e garantire una gestione a lungo termine dei disturbi da uso di sostanze. Terapie digitali e interventi innovativi potrebbero cambiare l’assistenza sanitaria e migliorare la vita dei pazienti. Ma ci sono degli ostacoli da superare

Pubblicato il 21 lug 2023

Roberto Mollica

Libero professionista per l’innovazione tecnologica e la trasformazione digitale Co-fondatore IMIS



telemedicina - ricetta bianca elettronica
Photo by National Cancer Institute on Unsplash

coloro i quali vogliono approfondire l’argomento dei disturbi da uso di sostanze (SUD, Substance Use Disorders) posso far riferimento a: “Substance use disorders: a comprehensive update of classification, epidemiology, neurobiology, clinical aspects, treatment and prevention”, un corposo articolo pubblicato su World Psichiatry da Nora Volkow e Carlos Blanco, rispettivamente Direttore del National Institute on Drug Abuse (NIDA) presso il National Institutes of Health e Direttore della rispettiva Division of Epidemiology, Services and Prevention Research.

Tra i vari argomenti affrontati alcuni appaiono di particolare interesse per il loro potenziale sviluppo digitale e successiva applicazione nel mondo reale: in particolare la condizione definita come “Preaddiction” e l’approccio secondo il “Chronic Care Model”, le cui specifiche rientrano ampiamente nel concetto di Population Health Management (PHM). Oltre a questi, un paragrafo è dedicato agli interventi digitali, che, a loro volta, sono centrali nell’adozione operativa del PHM.

Ma andiamo con ordine.

La condizione di preaddiction

Preaddiction è una condizione mutuata da prediabete e proposta dalla stessa Volkow con altri due esperti (McLellan e Koob) nel 2022 per favorire l’identificazione dello stato di malattia in fase precoce, corrispondente allo stadio lieve o moderato secondo la classificazione DSM5: infatti, è stato osservato che, per quanto riguarda il diabete, il suo riconoscimento in “early stage” ha aumentato la penetrazione degli interventi e trattamenti per i soggetti affetti da questa patologia, riducendo l’evoluzione verso livelli più gravi (e gravosi) di malattia e migliorando la qualità e l’aspettativa di vita.

Nel loro articolo gli autori definiscono il termine Preaddiction come “missing concept” da adottare nell’approccio clinico e sindemico del disturbo.

Nonostante questo abbia sollevato discussioni e polemiche in US, il principio e la logica traslazionale della proposta rappresenta un vantaggio per intercettare precocemente quei soggetti che, verosimilmente, sono a rischio di evoluzione del disturbo: trattandosi di soggetti giovani e appartenenti a generazioni già digitalizzate, l’utilizzo di soluzioni per lo screening tramite app o altre modalità tecnologiche di diffusione consentirebbe il raggiungimento di fasce di popolazione numericamente più ampie e stadiarne lo stato della condizione rispetto a SUD.

I vantaggi di un’offerta terapeutica web-based

Ma fermarsi allo screening digitale senza dare seguito a un percorso (PDTA?) digitale è un’opera incompiuta. Infatti, come riporta l’esperienza di uno studio condotto in Svizzera, un’offerta terapeutica web-based ha consentito il contatto con, e il trattamento di, una popolazione che differisce da quella abitualmente in contatto con i centri territoriali tradizionali per le modalità di consumo e le caratteristiche sociodemografiche.

Questo sostiene di concludere che lo sviluppo di percorsi (PDTA?) digitali alternativi ma integrati a, e convergenti con, quelli attuali aumenta la probabilità di interagire con una popolazione la cui domanda non incontra una offerta disponibile.

In questi anni molte soluzioni digitali sono già state sperimentate con valutazione favorevole, ma rimane una certa diffidenza nella loro applicazione pratica: l’articolo citato in apertura di questo documento, nel paragrafo dedicato agli interventi digitali, riporta casi di successo per le fasi di screening e assesment, trattamento e recovery, sia come soluzioni stand-alone sia integrate (meglio convergenti) con i trattamenti abituali in presenza. Tra queste è utile citare e ricomprendere anche le terapie digitali propriamente dette (DTx), già adottate in alcuni stati europei attraverso specifiche regolamentazioni nazionali.

I freni all’adozione di risorse digitali

Non molti anni fa un gruppo francese ha coniato il termine e-addictology, identificando e raggruppando per classi omogenee le risorse digitali la cui applicazione aveva dimostrato di migliorare l’assessment e gli interventi in SUD e DGA: questa overview, pur descrivendo e dettagliando le risorse strumentali e gli sviluppi possibili, non tiene conto del valore aggiunto derivante della reciproca convergenza delle soluzioni stesse in ottica ecosistemica.

Anche un gruppo di studio europeo ha sostenuto positivamente la previsione dell’adozione di soluzioni innovative ma ha evidenziato, tra i vari limiti, quelli derivati dall’infrastruttura tecnologica e la mancanza di literacy (e conseguente digital mindset) tra i professionisti. Di questo ne avevo già scritto anni fa su queste pagine e posso constatare che a livello nazionale la situazione è migliorata, ma di poco: certo, qualcosa è meglio di niente, e la creazione di esperienze sul territorio nazionale è sicuramente una azione opportuna e auspicata, e da sostenere.

Dal punto di vista strategico, Preaddiction si integra perfettamente con il modello di PHM in ottica del concetto di anticipare il ricorso al “Chronic Health Model”: SUDs (e DGA – Disturbo da Gioco d’Azzardo) sono considerate malattie croniche ad andamento recidivante, e quindi, in quanto tali, sono ottime candidate a essere ricomprese in entrambi i modelli, e suscettibili all’applicazione di tecnologie e soluzioni digitali per essere gestite in modalità più fluida (agile). Ad esempio, in ambito psichiatrico più ampio, quella che viene definita come “fenotipizzazione digitale”, cioè la possibilità di raccogliere dati con finalità cliniche attraverso indossabili e app, consente l’acquisizione di elementi (RWD – Real World Data) contingenti alla situazione istantanea specifica (EMA – Ecological Momentary Assesment).

L’importanza di piattaforme di IA sicure, condivise e integrate

Da queste due condizioni “generative” ne derivano altre due “operative” tra loro interdipendenti: le evidenze basate su mondo reale (RWE – Real World Evidence) e la possibilità di intervenire in modo tempestivo (EMI – Ecological Momentary Interventions).

La gestione di queste due fonti dati e la loro trasformazione reiterata in informazioni cliniche deve essere sostenuta da piattaforme sicure, condivise e integrate, e dotate di algoritmi dedicati con funzioni di intelligenza artificiale e machine learning.

Forse potrebbe essere utile iniziare a discutere, a livello nazionale, della programmazione di un sistema centralizzato e abilitato alla convergenza di dati, protetti ai sensi del GDPR, per formulare un ecosistema di valutazione basato sugli outcome sanitari ed economici: a questo proposito, il contributo dei pazienti e dei loro caregiver (PREMS e PROMs), secondo metriche pubblicate, aumenterebbe, rinforzandola, l’attendibilità della stessa valutazione, oltre a conferire empowerment a questi fondamentali stakeholders.

Gli ostacoli alla realizzazione di una piattaforma di telemedicina per SUD e DGA

L’ambizioso obiettivo è quello di progettare e realizzare una piattaforma di telemedicina dedicata a SUD e DGA, a favore dello sviluppo di PDTA digitali, ma gli ostacoli alla realizzazione sono molteplici:

  • Latenza di orientamento del personale verso i vantaggi operativi derivati dall’adozione di soluzioni digitali nella propria pratica clinica professionale
  • Latenza di consapevolezza da parte delle Direzioni Strategiche Aziendali nella valutazione tra spesa e investimento nel settore (BIA – Budget Impact Analysis e CEA – Cost Effectiveness Analysis)
  • Difficoltà burocratiche per utilizzare fondi dedicati, vincolati e specifici
  • Scarsa applicazione di concetti e sviluppo di progetti basati su VBHC e loro monitoraggio con BSC e RoI
  • Competitività intesa come minaccia personale invece di identificazione di risorse interne da capitalizzare
  • Rischio di resistenza “formale” da parte di servizi aziendali (Ingegneria Clinica, DPO, ecc.)
  • Ultimi, ma non meno importanti, lo stigma e il pregiudizio personale e sociale tutt’ora ampiamente presente nei confronti di queste popolazioni che non tutti riconoscono come soggetti affetti da un disturbo, ma che la medicina, invece, ha ampiamente sdoganato.

Conclusioni

In conclusione, a fronte della nota scarsità di risorse professionali, che per definizione sono finite, sarebbe ora di chiedersi anche come favorire l’ottimizzazione delle risorse già disponibili: secondo una stima personale, ma basata su esperienze dirette, almeno il 25% del tempo di lavoro è dedicato ad attività di supporto che non producono valore. In altri termini, un professionista su quattro presenti in servizio è impegnato all’assolvimento di pratiche a supporto che, se ingegnerizzate, libererebbero risorse da dedicare all’assistenza diretta. Per ottenere questo parziale ma importante risultato basterebbe rimuovere (o meglio, gestire) alcuni degli ostacoli elencati in precedenza e, finalmente, vivere l’innovazione come fattore abilitante all’esecuzione di progetti di miglioramento, sia strategici sia operativi.

Poi c’è un altro problema da risolvere: la contraddizione tra la formalizzazione di un PDTA statico e la personalizzazione dinamica delle cure, ma questo è competenza di approccio TRIZ magari risolvibile con un PDTA adattativo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2