gli indicatori

Programma Nazionale Esiti: perché è la chiave di volta per la sanità digitale

Il programma nazionale esiti contiene indicatori molto interessanti se analizzati alla luce della telemedicina in arrivo con il PNRR. Vedremo perché le regioni e le aziende sanitarie dovrebbero analizzare con cura questi dati nella costruzione dei percorsi di telemonitoraggio, televista, teleassistenza e teleconsulto

Pubblicato il 09 Dic 2022

Sergio Pillon

Coordinatore della Trasformazione Digitale, ASL di Frosinone

Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0

È stato appena pubblicato da AGENAS, DEP Lazio ed ISS il PNE, il programma nazionale esiti 2022, con i dati del 2021. Come dice il sottotitolo sul sito dedicato, “…il PNE non produce classifiche, graduatorie, giudizi”. Tutti però andiamo a cercare chi è tra i migliori e chi è tra i peggiori: la maggior parte degli articoli usciti sulla presentazione del documento mostra, ad esempio, come il centro-sud sia “risalito nelle classifiche”.

A parte le considerazioni legate alle distorsioni introdotte dal Covid (calo di moltissimi ricoveri, i pazienti non volevano o non potevano andare in ospedale) permangono molti indicatori “negativi” che segnalano aree di possibile miglioramento. Sono indicatori molto interessanti se analizzati alla luce della telemedicina in arrivo con il PNRR.

Il FSE 2.0 pilastro della sanità post-covid, ma senza competenze digitali non sarà vera svolta

Vedremo perché le regioni, anzi ancor di più le singole aziende sanitarie, dovrebbero analizzare con cura questi dati, soprattutto oggi, nella fase di costruzione dei percorsi di telemonitoraggio, televista, teleassistenza e teleconsulto, e dei servizi clinici legati al FSE, che possono modificare i Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali (PDTA) e gli esiti in modo decisivo, anche nel breve/medio termine.

Equità delle cure e digitalizzazione

Prendiamo il primo indicatore generale, quello definito “equità”. “Tale sezione non ospita nuove misure create ad hoc per la valutazione dell’equità, ma ripropone un’analisi stratificata di alcuni indicatori esistenti per i quali la letteratura medico-scientifica riporta significative differenze nell’accesso ai servizi e nell’erogazione delle prestazioni (ad esempio in termini di ridotta tempestività di accesso alle cure, di inappropriatezza clinica e di ospedalizzazione evitabile). Una criticità a tutt’oggi esistente riguarda la possibilità di rilevare attraverso le SDO lo status socio-economico dei pazienti, a causa di problemi legati alla qualità della variabile “titolo di studio” (utilizzata come proxy), in termini di mancata o errata valorizzazione. Nonostante si tratti di una variabile a compilazione obbligatoria, essa risulta spesso mal codificata o assente, con una frequenza particolarmente elevata della modalità di risposta “titolo di studio non dichiarato” (28% in media nel 2021) e, in alcune regioni, della modalità “nessun titolo di studio” (ad esempio, 37% in Emilia-Romagna e 33% nella P.A. Bolzano)”.

WHITEPAPER
Sensori intelligenti e Sanità: quali tipologie a supporto delle terapie farmacologiche?
Sanità
Smart health

Questo recita il PNE ma consideriamo il Fascicolo Sanitario Elettronico: siamo sicuri che la fonte “titolo di studio” debba essere esclusivamente quella del compilatore della scheda di dimissione ospedaliera, la SDO? Possibile che nel 2022 non sia possibile incrociare i dati delle SDO con altre fonti di dati? E lo stesso FSE siamo sicuri che alla luce di quanto esposto sul tema equità non debba diventare il fascicolo sociosanitario elettronico, aggiungendo aspetti sociali, definiti dalla stessa AGENAS, in accordo con ISS e Ministero della salute come determinanti per la salute? Il digitale serve proprio a questo a “misurare” le persone, a rendere le cure personalizzate, non solo sulla base della patologia ma , secondo il concetto di equità e non di uguaglianza.

Non vogliamo dare a tutti la stessa bicicletta, per qualcuno inutile, per altri troppo alta, per altri troppo bassa, vogliamo dare un mezzo di spostamento, una sedia a rotelle, un deambulatore, una bicicletta con le rotelline o una elettrica. Questo è quello che consente, in modo semplice ed economico l’introduzione del digitale nelle cure.

Differenze di genere nel ricorso ai servizi sanitari

Passiamo al genere, tra gli indicatori di equità rilevato in tutte le cartelle; secondo il PNE “L’analisi ha evidenziato significative differenze di genere nel ricorso ai servizi sanitari e nei percorsi assistenziali. Con riferimento all’area cardiovascolare, analogamente a quanto già evidenziato nella passata edizione, si è registrata anche nel 2021 una minore tempestività di accesso all’angioplastica coronarica nelle donne con STEMI rispetto agli uomini (p<0.001).

La Figura 66 riporta la distribuzione dei rischi relativi (RR) di accesso alla PTCA entro 90 minuti dall’arrivo in ospedale nelle diverse regioni italiane, da cui emerge una marcata differenza di genere a svantaggio delle donne, con valori significativamente inferiori all’unità nella gran parte delle strutture presenti sul territorio nazionale”. Vediamo tra i migliori la Puglia (apparentemente anche la Sicilia ma con un range di variabilità dei dati che li rende poco affidabili nell’insieme). Il PNE da una spiegazione per questo considerando la diversa presentazione dei sintomi nelle donne rispetto agli uomini, che possono presentare infarti con sintomatologia atipica, ma i sintomi delle pugliesi non credo differiscano dai sintomi delle milanesi per cui, a mio parere, è la differenza dei dati è soprattutto legata ad una questione di organizzazione territoriale. La Puglia nella telecardiologia territoriale è l’avanguardia in Italia e probabilmente si riflette nel PNE.

Più televisite per le pazienti in condizioni sociali svantaggiate

Tra gli indicatori di equità notiamo che nelle pazienti straniere, dopo un taglio cesareo, “emerge un rischio di riammissione durante il puerperio (a 42 giorni dal parto) significativamente più elevato per le donne immigrate che siano state previamente sottoposte a un TC, rispetto alle italiane/PSA (paesi sviluppati)”. Come non immaginare che le condizioni socio-sanitarie, e la mancanza di un medico curante, condizioni che potrebbero essere compensate attraverso televisite fatte via smartphone, giochino un ruolo importante nell’evoluzione di complicanze? Anche la pazienti extracomunitarie e le pazienti in condizioni sociali più svantaggiate (purtroppo lo svantaggio sociale non è un dato che non emerge dalle SDO) usano lo smartphone. Campagne post partum fatte con le televisite in paesi come India e altri paesi asiatici hanno dimostrato nel settore materno-infantile grandissimo successo nella prevenzione delle complicanze post partum, per madri e bambini e lo dice anche il PNE “È possibile ipotizzare che il maggior rischio di riospedalizzazione durante il puerperio a carico delle donne immigrate sia attribuibile a complicanze derivanti almeno in parte dalle precarie condizioni di vita e dalla minore presenza di tutele sociali e lavorative (precarietà abitativa, assenza di reti parentali, rientro anticipato al lavoro ecc.)”.

Anche i servizi sociali potrebbero predisporre colloqui con tecnologie analoghe a quelle delle televisite, le avevano definite nelle linee di indirizzo del 2014 “Teleassistenza sanitaria o teleassistenza socio-sanitaria”, poi sono inspiegabilmente scomparse nelle versioni successive che dedicano il Tele- solo alle professioni sanitarie. Come chiedono oggi tutte le forze sociali è ora di ripensare anche ad una assistenza sociale che includa il “tele” nel proprio DNA.

Sul tema della fragilità sociale ma vi sembra possibile che oggi, nell’era del Big Data non si riescano ad incrociare dati ben noti a SOGEI e di conseguenza al MEF via codice fiscale con i dati dell’assistenza territoriale e socio-sanitaria?

Infine, sempre nel confronto con le fasce più deboli, semplificate dai migranti, “Dagli indicatori di ospedalizzazione evitabile, emerge nel 2021 un quadro regionale eterogeneo, con una tendenza da parte della popolazione proveniente da paesi poveri a presentare tassi superiori a quelli della popolazione italiana in molti contesti regionali per infezioni del tratto urinario, complicanze del diabete a medio e lungo termine e ipertensione arteriosa.” Estendendo il dato per le categorie sociali fragili potremmo avere ben altri esiti nel PNE, Big Data… ricordate queste parole?

FSE e telemedicina “cuore” della nuova sanità comunitaria: come farla davvero

Ricoveri evitabili e digitalizzazione

Analizziamo quello che è da sempre stato uno dei cavalli di battaglia del telemonitoraggio, la possibilità di evitare il ricovero, in particolare in alcune patologie, di cui la principale causa di ricoveri evitabili è, secondo il PNE, lo scompenso cardiaco. Anche qui vediamo, a mio parere, l’effetto della Telecardiologia in Puglia, che è una delle regioni con i minori tassi di ospedalizzazione inappropriata per scompenso.

La BPCO è un secondo gruppo a cui è riservato il telemonitoraggio nel PNRR, ed è evidente il perché anche dal PNE. “La seconda condizione a maggior impatto da considerare ai fini della valutazione dell’ospedalizzazione evitabile è rappresentata dalla broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO): nel 2021, si sono registrati 50.179 ricoveri, con un tasso medio di ospedalizzazione stabile rispetto al 2020 (intorno all’1,01‰). È comunque ancora evidente una discreta variabilità inter e intra-regionale (Figura 62). In particolare, restano critici i dati relativi a Emilia-Romagna, Basilicata, Valle d’Aosta e Puglia, con valori mediani superiori a 1,3‰” . Qui la Puglia si dimostra molto meno efficiente, sarebbe interessante analizzare il dato, alla luce dei percorsi digitali.

Saranno comunque i prossimi PNE a dirci chi ha lavorato bene con il digitale e chi non è stato capace di incidere in modo decisivo.

Proprio sul diabete, la terza area prioritaria prevista per la telemedicina nel PNRR, si parla di carenza di reti territoriali come causa dei risultati scarsi per alcune regioni/aziende sanitarie. “Per quanto riguarda le complicanze del diabete a breve e lungo termine, nel 2021 sono stati registrati 15.205 ricoveri, con un tasso medio di ospedalizzazione stabile rispetto al 2020 (pari a 0,3‰). La Figura 64 mostra come in diverse regioni il tasso sia più elevato rispetto al dato nazionale, con pattern simili a quelli evidenziati negli anni precedenti; questo potrebbe in parte dipendere da una diversa prevalenza della condizione diabetica tra le regioni italiane, ma anche risentire (soprattutto in termini di variabilità intra-regionale) di possibili ritardi nell’implementazione delle reti diabetologiche a livello territoriale”

Nei dati di dettaglio, ad esempio, in Calabria è evidente che qualcosa non va in una ASL, Crotone, che rispetto alle altre presenta dati di ben altro segno rispetto a Catanzaro che è al di sotto della media nazionale. Capire cosa succede e digitalizzare per capire meglio e reagire prontamente, questi solo elementi chiave. Se avessimo già un FSE efficiente sarebbe facile approfondire i dati, per dare alle direzioni generali gli strumenti di correzione.

In conclusione, leggo nel PNE un enorme spazio per il digitale, per il FSE per la telemedicina. Abbiamo analizzato il territorio con il telemonitoraggio, ma pensate anche alla teleassistenza territoriale per ridurre i ricoveri impropri, alle reti dell’emergenza (teleconsulto, telerefertazione, televisita), alle reti tra le case della comunità e gli specialisti territoriali, ai PDTA potenziati dal digitale, al teleconsulto tra MMG e specialisti, il Teleconsulto intraospedaliero.

Il PNE dovrebbe essere obbligatorio come una delle basi chiave per la progettazione degli interventi di digitalizzazione delle aziende sanitarie: lo chiamiamo anche governo clinico dell’innovazione digitale.

INFOGRAFICA
Come sfruttare al meglio i fondi del PNRR per rinnovare gli impianti idrici
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4