sanità digitale

Verso una Sanità data-based: telemedicina e formazione i pilastri



Indirizzo copiato

Per realizzare il pieno potenziale della telemedicina e mantenere sostenibile il sistema sanitario nazionale, servono nuovi modelli di gestione clinica e di programmazione delle figure professionali. Ecco come fare

Pubblicato il 25 ott 2023

Gabriella Borghi

Cefriel – Esperta in progettazione e gestione progetti di sanità digitale

Loredana Luzzi

Direttore Generale Università degli Studi di Brescia e componente direttivo AisdeT



L’IA è al centro della trasformazione digitale della sanità: le tre sfide principali

Lo scorso 13 settembre alle ore 14 si è conclusa la gara bandita da ARIA[1] per conto di Agenas e di quasi tutte le Regioni e Province Autonome italiane[2] volta alla realizzazione della piattaforma regionale di telemedicina e quindi dell’intero impianto tecnologico prefigurato nel PNRR (Missione 6 Componente 1 Investimento 1.2 Casa come primo luogo di cura e telemedicina, sub investimento 1.2.3 Telemedicina per un miglior supporto ai pazienti cronici).

Verso una sanbità basata sui dati e l’integrazione dei sistemi

È iniziata la fase di valutazione e di aggiudicazione per cui non era indicata una scadenza.

Il 2 marzo si era conclusa la procedura (gestita da Agenas) per la Piattaforma Nazionale di Telemedicina (PNT) con l’aggiudicazione al Raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) realizzato da Engineering e Almaviva. Ritenuto a livello ministeriale un progetto strategico per il paese con l’obiettivo di realizzare una governance ed un controllo centralizzato dei processi di Telemedicina svolti a livello regionale.

Tutto ciò in linea con quanto indicato nel PNRR per avere finalmente una Sanità che programma l’erogazione dei servizi sulla base dei dati e con l’integrazione e l’interoperabilità fra sistemi. Una sanità più digitale e sicura che possa essere più vicina e rispondere alle esigenze di cura dei cittadini. A luglio 2023 è stata poi costituita la società di progetto PNT Italia[3] per attuare il contrato di concessione, con durata decennale – fino al 2033 – per la realizzazione e gestione della Piattaforma nazionale di Telemedicina.

Ora ci sono le condizioni per poter disporre, entro tempistiche note, di piattaforme tecnologiche per la telemedicina che però devono, per poter essere pienamente operative, essere collocate in un contesto socio-assistenziale definito e conosciuto affinché siano chiare le procedure/modalità d’uso delle stesse.

Il percorso e la successione degli atti

Vediamo il percorso e la successione degli atti: regione Lombardia, individuata nel 2022 come capofila per implementare la piattaforma regionale di telemedicina, con DGR XII/180 del 27/4/2023[4], ha approvato la convenzione con AGENAS che disciplina gli aspetti operativi, organizzativi e normativi di tale collaborazione e prevede che Regione, per il tramite di ARIA SPA, gestisca la procedura di selezione di soggetti qualificati a fornire i servizi minimi di Telemedicina a cui le Regioni interessate dovranno poi rivolgersi. L’iter è proseguito con la DGRXII/474[5] del 19 giugno scorso che ha individuato la “Strategia di gara” per le Infrastrutture Regionali di Telemedicina e posto in evidenza gli aspetti per l’affidamento della realizzazione delle diverse Infrastrutture che devono garantire “la fornitura dei servizi software necessari alla messa in atto e all’implementazione di un’architettura digitale integrata a disposizione degli operatori sociosanitari e dei cittadini, che garantisca l’erogazione dei servizi di Televisita, Teleassistenza, Teleconsulto e Telemonitoraggio, all’interno della singola regione provincia autonoma secondo le Linee di indirizzo riportate nel DM 30 set 2022”.

In particolare:

  • la gara si configura come una procedura aperta ai sensi dell’art. 60 del D.Lgs. n. 50/2016, suddivisa in due lotti;
  • la durata dell’Accordo Quadro è di 27 mesi dalla data della stipula;
  • la durata di ciascun Contratto Applicativo stipulato dalle Amministrazioni Contraenti non potrà superare i 48 (quarantotto) mesi;
  • il valore massimo stimato complessivo dell’appalto è pari a 260.300.041,00 € al netto di Iva e/o di altre imposte e contributi di legge.

Tali indicazioni vengono sviluppate nel bando, pubblicato sul sito di ARIA[6] e in particolare il capitolato tecnico ne precisa i contenuti e i servizi di supporto inclusi (riquadro a sinistra nella Figura1), ma anche quelli esclusi, fra cui i dispositivi e i relativi servizi logistici, nonché la fornitura di postazioni di lavoro per la Telemedicina, come indicato nella Figura seguente.

Ovviamente è previsto che l’Infrastruttura Regionale di Telemedicina debba utilizzare e interoperare con l’Infrastruttura Nazionale di Telemedicina, in particolare per i Servizi Abilitanti, e con gli altri Servizi e Sistemi Centrali (SPID/CIE, ANA, TS, PagoPA, FSE, etc).  In tal senso si sottolinea il rilievo dell’integrazione con il Fascicolo Sanitario Elettronico, pure oggetto di finanziamento del PNRR (M6 Componente2- sub Investimento 1.3.1 Rafforzamento dell’infrastruttura tecnologica e degli strumenti per la raccolta, l’elaborazione, l’analisi dei dati e la simulazione FSE), il cui percorso attuativo è tuttora in salita in relazione agli aspetti di trattamento dei dati personali evidenziati dal Garante.  

Gli aspetti del capitolato dai risvolti clinico-operativi

Nel capitolato tecnico di ARIA sono tre, a nostro avviso, gli aspetti da sottolineare dai risvolti più clinico-operativi; mentre per gli aspetti più tecnologici si rinvia alle considerazioni di Paolo Colli Franzone nel suo articolo “Infrastruttura regionale di Telemedicina: la gara”[7].

Come primo aspetto si riporta il contenuto del capitolo relativo all’oggetto di fornitura che prevede più espressamente, rispetto alla precedente Figura1, i servizi che “non sono inclusi in questa procedura”:

  • la fornitura dei dispositivi medicali per il telemonitoraggio di livello 1;
  • il servizio di logistica dedicato alla distribuzione, messa in funzione e sanificazione degli stessi DM per il telemonitoraggio di livello 1;
  • la fornitura di postazioni di Lavoro di Telemedicina dedicate da collocare presso le Strutture del SSR e presso gli studi dei Medici di Medicina Generale;
  • i servizi professionali di PMO (Project Management Office) e Change Management presso le singole aziende sanitarie.

Il paradigma della Clinical Collaboration

Come secondo aspetto si segnala il richiamo al paradigma della Clinical Collaboration.

Un sistema di Clinical Collaboration “deve mettere a disposizione dei servizi digitali che consentano agli operatori sociosanitari di comunicare tra loro in modo semplice ed efficace, di condividere informazioni e dati rilevanti per lo studio di un caso clinico o per lo svolgimento di attività scientifiche, di definire e implementare autonomamente nuovi processi clinici strutturati e condivisi che possano facilitare l’attuazione organizzata di percorsi di collaborazione professionale.” Auspicando che si trovino modalità di semplice e facile uso da parte di operatori e pazienti, che vadano oltre la loro profilazione e l’individuazione dei rispettivi ruoli, l’attenzione a questo aspetto è sicuramente di interesse e utilità. Potrebbero forse agire in tal senso in particolare i Servizi di programmazione (checklist di eleggibilità, programmazione del servizio di telemedicina e gestione dei piani di cura) indicati come “Servizi funzionali comuni dell’Infrastruttura” presenti nella Figura2 seguente.

Fonte: capitolato tecnico di gara

Terzo aspetto su cui porre attenzione è la presenza per ognuno dei servizi minimi di telemedicina previsti di una flowchart del servizio che consente di visualizzare il percorso del servizio stesso. Peccato che la flowchart indicata, ad esempio per la televisita nel DM del 29/4/2022 “Modello digitale per l’attuazione dell’assistenza domiciliare” sia diversa da questa presente nel capitolato. Speriamo possa esserci poi una convergenza in fase attuativa onde evitare passi divergenti che comprometterebbero la messa in atto di analoghi servizi a livello di ospedale e di territorio.

L’impatto sulle reti clinico-assistenziali

A fronte di questo rilevante impianto tecnologico e dei nuovi modelli strutturali per il territorio, indicati nel DM 77/2022 ci si chiede quale sia l’effettiva conoscenza e consapevolezza da parte dei gestori dei percorsi clinico assistenziali rispetto all’impatto nei confronti dei modelli clinici di intervento in uso, in particolare, per i pazienti cronici nei diversi contesti regionali e come si prevede possano evolvere con l’utilizzo di questa piattaforma di telemedicina.

L’Accordo Stato-Regioni e province autonome del 24/1/2018 (Rep. Atti 14/CSR) “Linee guida per la revisione delle Reti cliniche – Le reti tempo dipendenti”, seppur in attuazione del DM 70/2015, avrebbe potuto costituire un utile punto d’inizio. Ma il Covid prima e il DM 77/22 ora evidenziano che non solo è necessario proseguire tale evoluzione, ma che è significativamente cambiato lo scenario di riferimento dal 2015.

La notizia che a giugno 2023 è stato istituito, con Decreto, un tavolo ministeriale per l’aggiornamento dei due DM 70 e 77 per rafforzare l’integrazione tra l’ospedale e il territorio non sembra però poter portare a breve reali soluzioni perché il gruppo di lavoro già numeroso, era così sbilanciato sull’ospedale che il 4 luglio è stato rivisto portandone a 76 i componenti (comprensivi ora di rappresentati anche di farmacisti e professioni sanitarie).  Sono stati quindi costituiti 5 tavoli tematici (Società Scientifiche Cliniche Università e Ricerca; Federazioni Ordini e Collegi; Organizzazioni sindacali medici; Organizzazioni sindacali del comparto; Integrazione Pubblico Privata Sistema Reti e Percorsi) che dovrebbero concludere i lavori entro il 31 ottobre con la possibilità di attivare audizioni con ulteriori esperti e soggetti terzi.

Il tema delle Reti cliniche sembra quindi diventare marginale in tale contesto di gruppi di lavoro, anche se, a seguito dell’Accodo citato del 2018, diverse Regioni avevano iniziato ad approfondirne le possibili attuazioni.

Ad esempio, in Regione Lombardia la DGR N° XI/913 del 3/12/2018 “Determinazioni in merito all’organizzazione dell’offerta sociosanitaria: approvazione delle linee guida per l’attivazione e il consolidamento delle Reti clinico-assistenziali regionali” arrivava ad individuare la costituzione di 28 Reti clinico-assistenziali (da quella cardiologica a quella urologica).

Per ciascuna di esse veniva indicato un Ente attuatore, fornendo anche in allegato al provvedimento le “Linee guida per l’attivazione e il consolidamento delle Reti clinico-assistenziali”, mettendo in luce il significato del passaggio dalle reti di patologia alle reti clinico-assistenziali con richiamo al Piano nazionale della cronicità, ma non all’accordo Stato-Regioni sulle Reti.

Analogamente a fronte di obiettivi condivisibili di attivazione e implementazione delle reti nei tre ambiti integrati come quelli gestionale, clinico/professionale e quello di informazione-comunicazione al cittadino, nessun riferimento viene fatto rispetto al ruolo strategico delle tecnologie digitali e della telemedicina per il raggiungimento di tali obiettivi.

Basandosi anche sulla lunga esperienza lombarda relativamente ad  alcune reti, si pensi ad esempio a quella oncologica, le linee guida prefigurano i diversi aspetti che devono essere presidiati, a partire dal governo (si veda riquadro), ma anche dal monitoraggio e valutazione per cui le Commissioni Tecniche delle singole reti definiscono Indicatori “considerando esperienze ed indicatori già condivisi nel Nuovo Sistema di Garanzia coordinato dal Ministro della Salute, nel Piano Nazionale Esiti (PNE) coordinato da AGENAS e in progetti attivi tra Regioni, quale il Network delle Regioni coordinato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.”

Modello organizzativo della Rete clinico-assistenziale

Ogni rete clinico-assistenziale è una aggregazione di strutture e di figure professionali, il cui governo, ai fini di un efficace funzionamento, si articola su due livelli integrati:

A) Governo Regionale coordinato da una Cabina di Regia, la quale, in merito a specifici temi, può avvalersi del contributo scientifico di Commissioni Tecniche costituite ad hoc.

B) Ambito territoriale ognuno con un proprio Coordinamento (Dipartimento aziendale/interaziendale) quale insieme funzionale dei nodi erogativi, ossia di tutti i soggetti che partecipano alla rete stessa e delle Associazioni di Volontariato coinvolte nel percorso assistenziale che operano nel territorio di una o più ASST.

L’importanza del “Piano di Rete”

Ma viene considerata, oltre alla necessità di garantire l’appropriata presa in carico, quella di assicurare la continuità delle cure tra i diversi professionisti intra ed extra ospedalieri, attraverso strumenti come il lavoro in team, l’elaborazione ed implementazione di percorsi di presa in carico condivisi perché un approccio multidisciplinare/multiprofessionale puòconsentire risultati migliori nel trattamento di molte patologie.

Il Piano di Rete iniziale, da aggiornare poi annualmente, identifica tutte le strutture presenti nel territorio attive in interventi di prevenzione, cura e riabilitazione e questa analisi riguarda le risorse umane e tecnologiche disponibili in ambito ospedaliero e territoriale.

La Rete clinico assistenziale deve poter contemplare un’analisi della domanda da parte dei cittadini e sui Punti di Accesso in grado di intercettarla prendendo in carico tempestivamente il singolo caso. Il documento pone rilievo anche al ruolo delle associazioni di volontariato e dei pazienti, ed agli aspetti di Ricerca, parte integrante della rete. Si pone attenzione, infine, alla Formazione per garantire il potenziamento delle competenze ed abilità degli operatori della rete clinico assistenziale.

A fronte di questo impianto generale vengono date, con ulteriori provvedimenti, indicazioni sulle singole reti, come ad esempio con la DGR n° XI/3522 del 05/08/2020 “Indicazioni e requisiti per l’ulteriore efficientamento organizzativo della Rete cardiovascolare regionale” che fra l’altro approva dei documenti tecnici fra cui la “Classificazione e requisiti delle strutture territoriali e ospedaliere coinvolte nella cura del paziente con scompenso cardiaco acuto, cronico ed avanzato” che prevede nell’allegato b) “Il monitoraggio remoto dei pazienti con SC: modalità “stand alone” e dai dispositivi impiantabili”.

Viene quindi evidenziato il ruolo del monitoraggio remoto nel follow-up clinico di dispositivi cardiaci impiantabili (CIED), i benefici clinici ed economici di tale monitoraggio, la necessità di un riconoscimento tariffario, già presente in altre Regioni, e i modelli organizzativi possibili con il ruolo centrale della figura infermieristica. Ma anche nella descrizione del percorso del paziente all’interno della rete cardiologica si indica solo la possibilità, tramite strumenti di telemedicina, di gestione territoriale del paziente, forse sottovalutando le significative esperienze di utilizzo di strumenti di telemedicina nei Percorsi di Telesorveglianza domiciliare attivi dal 2006 e attuati a regime dal 2012 in diverse realtà ospedaliere lombarde (Percorsi di Nuove Reti Sanitarie).  

Formazione e reclutamento

In questo contesto appare rilevante il tema della formazione e del reclutamento delle figure professionali che dovranno utilizzare la/le piattaforme di telemedicina per erogare le prestazioni ed i servizi ai pazienti.

I dati OECD ci dicono che in Italia abbiamo un numero di 4 medici per 1000 abitanti in linea con il dato dei 27 Paesi dell’Europa, mentre abbiamo un numero nettamente inferiore di infermieri, per 1000 abitanti:nei 37 Paesi OCED iinfatti l dato è di 8,3 infermieri, per mille abitanti, in Italia siamo fermi a 6,3.

Un ulteriore dato interessante è rappresentato dal rapporto fra medici e infermieri. Come si vede dalla tabella il nostro rapporto è di 1,5 infermiere ogni medico mentre la media paesi OECD è di 2,6 ed in Finlandia, ad esempio è di 4,4.

Un altro tema è quello del numero complessivo dei “lavoratori della salute” per mille abitanti, anche in questo caso il nostro Paese si trova in fondo alla classifica con 10,7 “Health workers” ogni 1000 abitanti mentre la media è di 14,7 e se guardiamo ad un Paese a noi vicino, come la Svizzera impallidiamo.

Cosa è successo, cosa sta succedendo, cosa accadrà

Pper decenni il nostro sistema sanitario non ha investito nel reclutamento di nuovo personale e che quando abbiamo “aperto” nel post pandemia, ci siamo resi conto di avere pochi professionisti formati.

Ma in Italia mancano i medici? A vedere i dati si direbbe di no, inoltre sembra che l’aver aumentato così significativamente il numero delle borse per le scuole di specializzazione medica abbia comportato l’effetto di avere borse non assegnate.

A livello nazionale già nel 2023 si prospetta un differenziale di circa 32 mila posti tra stima delle uscite per quiescenza (113.000) dei medici attivi nel 2020 e posti di iscrizione al Corso di laurea in Medicina e Chirurgia (145.000). Nel 2023 sono circa 20/25 mila i medici, tra specialisti e MMG che vanno in pensione.

Lo scarso appeal delle professioni sanitarie è un altro punto di riflessione necessario.

Se si dà uno sguardo ai dati di iscrizione per accedere alle le selezioni del 14 settembre scorso per immatricolarsi in uno dei corsi di laurea delle professioni sanitarie possiamo constatare che, a fronte dell’aumento del numero dei posti disponibili, corrisponde una diminuzione del totale del numero degli aspiranti. Aumentano i posti ma diminuiscono i candidati.. Il dato è interessante sia con riferimento alle singole professioni, sia con riferimento alle regioni. Per quanto riguarda le regioni la cosa che colpisce sono le percentuali con il segno meno davanti nelle regioni del nord (Piemonte -7%; Lombardia – 8,5%; Emilia …) ed un incremento nelle regioni del sud, come ad esempio il Molise e la Calabria che hanno aumentato l’offerta di posti o istituito per la prima volta alcuni corsi di laurea.

Stiamo programmando bene?

  • Abbiamo aumentato le borse di studio nelle scuole di specializzazione medica da 7.500 posti annui nel 2008 a 14.000 nel 2023;
  • I pensionamenti attesi di specialisti nel decennio 2022-2031 sono circa 10.000 all’anno (5.000 dal SSN) anche se negli anni è aumentata l’età per il pensionamento di vecchiaia;
  • Le effettive immatricolazioni ai posti dei numeri programmati per i corsi di laurea delle professioni sanitarie, in particolare infermieristica, negli ultimi anni sono in diminuzione con alcuni posti addirittura non assegnati.
  • Le professioni sanitarie non sono «appetibili» ed il tasso di chi conclude il percorso del ciclo unico di medicina e chirurgia è oltre il 94% mentre per le professioni sanitarie solo il 75% riesce a finire gli studi.
  • Quindi pensioniamo più infermieri di quanti ne formiamo (14.000). Mancano circa 65.000, qualcuno dice oltre 70.000, infermieri rispetto ai bisogni.

Conclusioni

Il nostro Paese sta da alcuni anni incrementando in modo significativo l’offerta formativa per le professioni mediche e meno per le professioni infermieristiche, forse, in considerazione degli strumenti ora disponibili –vedi le piattaforme per l’erogazione dei servizi attraverso la telemedicina– potrebbe essere più adeguato investire sulle professioni sanitarie tutte ed anche su quelle tecniche.

E che dire delle numerose attività amministrative che il nostro sistema riserva a medici ed infermieri e che, forse più efficacemente potrebbero essere svolte da altro personale? Ma dire agli “stakeholder” e agli amministratori che in sanità abbiamo bisogno di profili amministrativi è un tabù: speriamo che il programma 110 e lode e le iniziative che le università stanno mettendo a punto siano offerte adeguate per formare professionisti esperti per la gestione della pubblica amministrazione e delle aziende sanitarie e che questo gap possa essere colmato!


[1] “ARIA_2023_807 – Procedura aperta, ai sensi dell’art. 60 del D.lgs. n. 50/2016, per la stipula di un Accordo Quadro per l’affidamento del servizio di Infrastruttura Regionale di Telemedicina” – Valore economico € 279.360.588,00

[2] Non hanno aderito solo Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano e Regione Basilicata.

[3] https://digitalhealthitalia.com/pnt-italia-la-nuova-societa-che-realizzera-la-piattaforma-nazionale-di-telemedicina/#:~:text=La%20prima%20fase%2C%20attualmente%20in,e%20finir%C3%A0%20entro%20novembre%202025.

[4] “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – Missione 6, Componente 1, sub-Investimento 1.2.3, Investimento 1.2.3.2. – Convenzione servizi di telemedicina”

[5] “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – Missione 6, Componente 1, sub-Investimento 1.2.3, Investimento 1.2.3.2. – Incarico per lo svolgimento della procedura di gara per l’affidamento dell’infrastruttura regionale di telemedicina e successive determinazioni in ordine alla DGR XII/180 del 27/04/2023”

[6] https://www.ariaspa.it/wps/portal/Aria/Home/bandi-convenzioni/bandi-di-gara/avvisi-sui-bandi/DettaglioAvvisoGare/ARIA_2023_800_899/avv-22-giu-aria-2023-807/avv-22-giu-aria-2023-807

[7] https://www.healthtech360.it/telemedicina/infrastruttura-regionale-telemedicina-gara/

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2