i dati

Educational Technology: cosa sono, quanto sono diffuse e i vantaggi

Con l’uso delle Education Technologies il processo didattico diventa più inclusivo, si tende sempre di più a personalizzare il percorso educativo e a garantire a tutti le stesse opportunità di apprendimento, rispettare le esigenze di ciascuno. Ecco cosa sono, quanto sono diffuse e i benefici

Pubblicato il 22 Dic 2022

Camillo Loro

Ricercatore Senior dell’Osservatorio Digital B2b del Politecnico di Milano

scola education digitale educazione

Il tema dell’Education Technology o EdTech non è proprio nuovissimo, anche se nel tempo è stato declinato in modi e con obiettivi molto diversi. Se ne comincia a parlare negli anni ’50, quando gran parte delle riflessioni su queste tematiche si concentra negli Stati Uniti e il focus è sulla tensione forte tra gli aspetti più pedagogico-educativi e gli aspetti legati alla tecnologia. In questo contesto, la tecnologia viene vista come un supporto per disegnare il processo di apprendimento/insegnamento e valutarlo, massimizzandone sia l’efficacia sia l’efficienza.

Edtech, nuove opportunità per startup in Italia e in Ue: lo stato dell’arte e le prospettive

Tra gli anni ’70 e gli anni ’80, si inizia a parlare di EdTech come un processo integrato che coinvolge persone, procedure, idee, tecnologia in tutte le fasi dell’apprendimento.

Negli anni ’90, vengono definite le fasi del processo di apprendimento che possono essere mediate da tecnologie: il design, lo sviluppo, l’utilizzo, la gestione e la valutazione del percorso formativo.

Successivamente ci si sposta verso una concezione secondo la quale il supporto della tecnologia avviene principalmente attraverso gli hardware, andandone un po’ a restringere il campo di azione. Negli anni più recenti l’EdTech è considerata come l’insieme di hardware e software che rafforzano il messaggio da parte del docente e migliorano il risultato dei discenti, fino a spingersi verso il sentiment secondo il quale la tecnologia rappresenti un insieme di strumenti che possano supportare nel modo migliore lo sviluppo di nuove conoscenze e abilità dell’individuo.

Una definizione di EdTech

L’Osservatorio EdTech definisce l’Educational Technology come l’insieme delle soluzioni a supporto del processo educativo, volto a massimizzare la qualità dell’esperienza di apprendimento e abilitato da tecnologie hardware a software che ne mediano e ne innovano (i) il canale di trasmissione, (ii) la modalità di creazione e organizzazione dei contenuti, (iii) l’interazione docente-discente, discente-discente e docente-docente, (iv) il design dell’ambiente di apprendimento e (v) la modalità di valutazione, a tutti i livelli educativi.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Sono molte, oggi, le realtà nazionali che forniscono servizi e tecnologie a supporto di una didattica innovativa a una vasta platea di scuole, che ne sfruttano le potenzialità. Le aziende dell’offerta si dividono in:

  • fornitori di contenuti, aziende che erogano corsi di formazione per gli studenti. I contenuti sono erogati mediante videolezioni o tramite attività interattive di formazione;
  • fornitori di software a supporto della formazione e/o di hardware a supporto del processo educativo;
  • fornitori di servizi (di consulenza, di benchmark, di supporto strategico attraverso gli analytics, di supporto per gli individui nel trovare il lavoro più idoneo alle caratteristiche nel post-formazione, servizi di prestito per gli studenti, di valutazione di upskilling e reskilling);
  • fornitori di un mix di servizi/tecnologie/contenuti per gli studenti.

L’EdTech nel post-pandemia

Rispetto al variegato mercato dell’offerta, è stata sicuramente la situazione di emergenza ad aver dato un forte impulso alla conoscenza di pratiche, tecnologie e servizi a supporto di una formazione innovativa nelle scuole. Eppure, da settembre, il nuovo anno scolastico è partito con importanti cambiamenti rispetto allo scorso anno. Dal via alle mascherine, al ritorno ai doppi banchi, alla fine degli orari scaglionati per entrare e uscire. Oramai la positività al Covid viene trattata al pari di un’influenza. E la didattica a distanza? Tutti passi avanti verso l’implementazione dell’Educational Technology in generale?

La formazione scolastica nell’era 4.0: ecco come vincere la sfida della cultura digitale

Quello che è successo nel mondo della formazione scolastica è stato un punto di partenza, in un percorso di EdTech transformation che si auspica possa continuare. Gli istituti debbono ancora investire economicamente nella tecnologia, pensando più al ritorno raggiungibile in termini di efficacia che all’aspetto economico, e i docenti devono fare lo sforzo di investire nella propria formazione sia nell’uso della tecnologia che nell’erogazione “innovativa” dei contenuti.

La diffusione dell’EdTech nelle scuole italiane

Ma qual è la sua diffusione nelle scuole italiane?

Da una survey erogata dall’Osservatorio EdTech a 102 Istituti comprensivi statali emerge che, tra le tecnologie adottate in ambito scolastico, prevale l’utilizzo del registro elettronico (adottato dalla quasi totalità delle scuole italiane), seguito dalle lavagne interattive multimediali (LIM) e i videoproiettori e dalle piattaforme per la gestione dell’aula (a supporto della didattica digitale integrata). Si tratta delle tecnologie più classiche che supportano ormai a tutti gli effetti il processo di apprendimento degli istituti scolastici italiani. È poi utilizzata anche una serie di tecnologie che rappresentano un’eredità della situazione di emergenza, quali i software per le videolezioni sincrone. Infine, ancora poche scuole utilizzano tecnologie più avanzate come ad esempio i software per la creazione di contenuto ai laboratori di coding e robotica, le learning app and gaming e realtà virtuale/aumentata (soprattutto a supporto di attività laboratoriali di anatomia, astronomia e scienze) e l’intelligenza artificiale (a supporto di attività laboratoriali di robotica ed elettronica e per librerie virtuali).

Dal punto di vista delle metodologie didattiche viene rilevato un elevato utilizzo delle tecnologie soprattutto a supporto e a potenziamento delle lezioni frontali, ancora oggi il fulcro principale dell’attività didattica. Le tecnologie mediano anche la realizzazione delle attività progettuali individuali e di gruppo (elaborati, ricerche online, ecc.). Poco esplorato, invece, il tema dell’erogazione della proposta formativa attraverso contenuti multimediali (videopillole, video interattivi), dell’uso della tecnologia per la valutazione degli studenti e della classe capovolta[1] (flipped classroom).

Il nodo delle competenze dei docenti

La maggiore criticità rilevata nell’implementazione di soluzioni EdTech nella scuola risiede nelle competenze dei docenti e del personale amministrativo. Quasi la metà delle scuole ritiene che sia i docenti sia il personale amministrativo non abbiano le competenze necessarie per utilizzare correttamente gli strumenti digitali. Altro elemento che risulta critico è l’investimento economico, considerato troppo oneroso da sostenere.

Per quel che riguarda le leve per favorire l’implementazione della tecnologia a supporto dei processi didattici e amministrativi, invece, si riscontra la grande importanza dei team di docenti dedicati alla progettazione dei contenuti e l’intensa formazione dei docenti stessi. A seguire, viene segnalata la rilevanza della formazione del personale amministrativo, l’importanza dei finanziamenti statali/europei in EdTech e la semplicità nell’utilizzo della tecnologia.

I benefici che derivano dall’applicazione dell’EdTech

E tanti sono i benefici che derivano dall’applicazione dell’EdTech. Le scuole indicano il miglioramento dei processi amministrativi, la maggiore condivisione delle esperienze tra studenti e tra insegnante e studente e il miglioramento della qualità educativa stessa. Il processo didattico diventa maggiormente inclusivo, si tende sempre di più a personalizzare il percorso educativo e a garantire per tutti le stesse opportunità di apprendimento. In questa maniera si tenta di rispettare le esigenze di tutti, progettando e organizzando gli ambienti di apprendimento e le attività in modo da permettere a ciascuno di partecipare alla vita di classe e ad imparare nella maniera più attiva, autonoma ed efficace possibile.

E allora, con tutti questi propositi, questo dovrebbe essere il momento giusto per pensare a un piano strutturato di formazione digitale per i docenti in primis, a una chiara strategia digitale negli istituti scolastici. Fa ben sperare il crescente interesse per la realtà virtuale/aumentata, l’intelligenza artificiale e le learning apps and gaming che vengono indicate dalle scuole italiane come aree di investimento future. Questi aspetti mostrano il tentativo strategico delle scuole italiane di fare un ulteriore passo avanti nel percorso di EdTech transformation.

Note

  1. Con classe capovolta ci si riferisce a un approccio metodologico che ribalta il tradizionale ciclo di apprendimento fatto di lezione frontale, studio individuale a casa e verifiche in classe.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4