ricerca ASST Bergamo est

Il fattore umano nella televisita: l’importanza della formazione



Indirizzo copiato

La televisita è considerata dai professionisti sanitari e dai cittadini un modo innovativo per intercettare il bisogno di salute. Tuttavia vi è anche la necessità di essere formati all’utilizzo consapevole della tecnologia, di ricevere un supporto strutturato e di creare una rete solida, equa e sostenibile

Pubblicato il 17 nov 2023

Marta Bighi

Ingegnere Gestionale, ASST-Bergamo Est, Struttura Semplice di Telemedicina

Laura Fagnani

Psicologa – Specialista in Psicologia della Salute, Università degli Studi di Bergamo

Andrea Greco

Professore Associato, Dipartimento Scienze umani e sociali, Università degli Studi di Bergamo

Patrizia Rocca

Medico Cardiologo, Responsabile Struttura Semplice di Telemedicina, ASST-Bergamo Est (Seriate)



telemedicina in Italia

Il processo della televisita deve essere indagato non tanto come implementazione di una nuova tecnologia, ma principalmente come evoluzione di una relazione di cura, che pone la sfida della costruzione di un nuovo rapporto, virtuale, ma non per questo meno reale tra medico e assistito.

Sebbene fino ad oggi le valutazioni sulla percezione di vantaggi e svantaggi della televisita da parte dei pazienti siano limitate, in letteratura sono riportate alcune esperienze di aziende che hanno valutato la soddisfazione degli utenti circa l’utilizzo del servizio di televisita.

Ma andiamo per gradi.

Cos’è la televisita

La televisita, secondo la normativa nazionale, è “Un atto medico in cui il professionista interagisce a distanza in tempo reale con il paziente, anche con il supporto di un caregiver. Il medico è deputato a decidere in quali situazioni e in che misura la televisita può essere impiegata in favore del paziente, utilizzando anche gli strumenti di telemedicina per le attività di rilevazione, o monitoraggio a distanza, dei parametri biologici e di sorveglianza clinica.” [1]

Durante la pandemia i professionisti hanno fatto ricorso alla televisita, sviluppando modalità di contatto da remoto mediante l’impiego degli abituali sistemi di video-comunicazione. Queste esperienze, seppure estemporanee ed eterogenee sul territorio nazionale, hanno avvicinato medici e cittadini alla televisita, fino ad allora a molti sconosciuta.

Com’è cambiata la percezione della televisita dopo il covid

La percezione nei confronti della televisita ed il suo utilizzo nella pratica clinica sono cambiati proprio in concomitanza dell’avvento della pandemia.

Secondo un’indagine effettuata dall’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano [2], tra le altre applicazioni per cui c’è stato un forte aumento rispetto alla situazione pre-emergenza troviamo la televisita (39% degli specialisti e dei MMG).  Se prima della pandemia il 30% degli specialisti si era dichiarato contrario (e non interessato) a nessuna delle applicazioni di telemedicina, nel 2021 la percentuale dei contrari si è ridotta all’8% del campione.

Ne consegue che lo scarso utilizzo dei servizi di televisita, e più in generale di telemedicina, fino al 2020 è dipeso dall’inerzia al cambiamento, dalla difficoltà dei professionisti della salute di sperimentare fino in fondo questa nuova modalità del prendersi cura, e dalla mancata percezione della telemedicina come un’innovazione necessaria.

Cosa ci dicono gli studi sulla televisita

Uno studio del 2019 condotto presso ASST Rhodense ha coinvolto i caregiver di pazienti oncologici terminali che potevano utilizzare il contatto telefonico convenzionale oppure il servizio di televisita.  L’analisi dei questionari di soddisfazione evidenzia un alto grado di soddisfazione del servizio di Televisita, di cui è stata apprezzato la semplicità di utilizzo della piattaforma informatica e la possibilità di contatto in tempo reale 24 ore su 24, che ha portato ad una maggior sicurezza da parte dei caregiver nella gestione domiciliare del paziente [3].

In uno studio condotto presso Distretto Ovest di Arzignano (ULSS 8) su pazienti affetti da Diabete Mellito (DM) tipo 1 e DM gestazionale inseriti in programmi di telemedicina ha evidenziato un alto grado di soddisfazione dell’innovazione tecnologica e gestionale proposta, considerata “utile”, “efficace” ed “efficiente” [4].

Diverse ricerche identificano quattro fattori di diversa natura come i meccanismi sottostanti al processo di telemedicina: tecnico, organizzativo, committenza e umano. Ognuno presenta qualità e caratteristiche chiave su cui porre l’attenzione al fine di rendere la telemedicina una modalità di erogazione di servizi sanitari stabile nel tempo [5,6].

Il fattore umano nel processo di televisita

Includere il fattore umano all’interno della progettualità della televisita significa considerare i bisogni, le necessità, i livelli di soddisfazione e insoddisfazione e le capacità comunicative dei vari soggetti, ponendo l’attenzione anche agli aspetti più emotivi, ovvero quelli legati all’accettazione, predisposizione, resistenza e fiducia verso la televisita.

Esplorare l’accettabilità e la soddisfazione di medici e pazienti per i servizi di televisita è quindi essenziale per concentrarsi sul “fattore umano” che caratterizza questi modi innovativi di erogare servizi sanitari.

La ricerca dell’ASST Bergamo Est

In ASST Bergamo Est il servizio di televisita è oggi attivo nelle Specialità di Cardiologia, Diabetologia, Nutrizione Artificiale Domiciliare, Ginecologia, nel Servizio per le Dipendenze (Ser.D.) e nella Terapia del Dolore. In collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università degli Studi di Bergamo, è stata condotta una ricerca volta a considerare la predisposizione e le prospettive degli operatori sanitari alla televisita e monitorare il funzionamento della televisita e la soddisfazione di professionisti e pazienti.

Lo studio è stato condotto utilizzando un metodo misto, sia qualitativo che quantitativo. Rispetto alla prima modalità, è stato condotto un focus group con i medici e gli operatori sanitari che hanno implementato per primi la televisita in azienda (Riabilitazione Cardiologica, Servizio di Nutrizione Artificiale Domiciliare) per indagare la loro percezione, le resistenze e le difficoltà percepite riguardo al servizio. Durante il focus group sono stati indagati le principali diversità tra modalità di lavoro in presenza e con la televisita, l’uso della tecnologia, il rapporto medico-paziente ed eventuali cambiamenti dovuti alla visita medica online, la collaborazione multiprofessionale ed i fattori che possono ostacolare e facilitare l’implementazione della televisita.

La televisita vista da medici e operatori sanitari

Dall’analisi dei contenuti dei focus-group sono emersi quattro temi principali:

  • Approccio alla telemedicina: il saper fare dei medici e degli infermieri. Durante le diverse fasi della pandemia, dottori e infermieri hanno imparato a usare la televisita nella pratica, provando ad acquisire capacità e conoscenze attraverso la collaborazione con i colleghi e il feedback dei pazienti.
  • La telemedicina e i suoi effetti all’interno del lavoro sanitario: un setting multiprofessionale. Il lavoro di dottori e infermieri è cambiato a causa della telemedicina, sviluppando nuove capacità, oltre a quelle cliniche. Inoltre, la collaborazione con gli altri professionisti è stata essenziale.

«[…] È stato difficile: per la prima volta clinici, tecnici informatici e personale amministrativo sono stati messi insieme. Perciò, anche la comunicazione in questo Gruppo mischiato è stata difficile. Abbiamo avuto bisogno di mesi per capire cosa ognuno di noi stesse parlando».

  • Ostacoli nell’uso e gestione della tecnologia nella pratica clinica. L’uso della tecnologia è spesso legato a difficoltà e problemi tecnici (problemi audio, connessione internet lenta…). Questi problemi possono rallentare il lavoro dei medici e aumentare i livelli di frustrazione.
  • Vantaggi della telemedicina e sviluppo di nuove competenze. La telemedicina incoraggia i professionisti a sviluppare nuove capacità tecnologiche e comunicative. In aggiunta, vengono sviluppate nuove prospettive e modalità di lavoro, che migliorano i professionisti.

In relazione alla metodologia quantitativa, sulla base dei risultati di precedenti ricerche [7,8] i pazienti ed i medici sono stati invitati a compilare un questionario al termine di ogni televisita per indagare la soddisfazione e l’efficacia percepita della prestazione. Il questionario per il paziente prevede la risposta a 19 item con una scala Likert a 5 punti, mentre quello per il medico ne comprende 5, sempre con una scala Likert a 5 punti (37 questionari compilati dai pazienti e 31 questionari compilati dagli specialisti).

La televisita vista dai pazienti

Dall’analisi dei questionari dei pazienti (età media 65 anni, 15 femmine e 22 maschi) emerge che la televisita è stata percepita positivamente dalla maggior parte dei fruitori del servizio (Tabella 1). In particolare, nell’84 % dei casi i cittadini sono stati soddisfatti di aver ricevuto la visita a distanza e nell’83 % dei casi essi sono disposti ad effettuare altre visite da remoto. Nella maggior parte dei casi (86 %), il paziente ha avuto la percezione che il medico abbia compreso la sua condizione di salute.

Solo il 6% dei pazienti non si è sentito a proprio agio nel comunicare con il medico attraverso uno schermo e solo per l’8% la televisita non è sovrapponibile ad una visita tradizionale in presenza.

Analizzando i questionari di soddisfazione rivolti ai medici erogatori del servizio, all’affermazione “In generale sono soddisfatto di questo appuntamento di televisita” il 90,3% dei medici ha risposto “fortemente in accordo” o “in accordo” e solo il 3,2% “in disaccordo”. Tali risultati sono la prova delle potenzialità del servizio, rispetto al quale vale la pena investire tempo e risorse.

Conclusioni

La televisita è considerata dai professionisti sanitari e dai cittadini un modo innovativo per intercettare il bisogno di salute. Tuttavia sottolineano la necessità di essere formati all’utilizzo consapevole della tecnologia, di ricevere un supporto strutturato e di creare una rete solida, equa e sostenibile.

Avviare il servizio di televisita in un’azienda sociosanitaria significa aprire lo sguardo sull’aspetto umano, insolubilmente legato a qualsiasi percorso assistenziale, e sulla gestione della complessità, insolubilmente legata a qualsiasi processo umano.

Bibliografia

[1] Accordo conferenza permanente per i rapporti tra lo stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano. Indicazioni nazionali per l’erogazione di prestazioni in telemedicina. Allegato A. 27/10/2020

[2] Masella C., Sgarbossa C. “La telemedicina in Italia: cosa è successo durante l’emergenza e cosa fare? Sei azioni per la Sanità del futuro” Sanità 24 – Il Sole 24 ore, 28/05/2021.

[3] Sofia M., Pisciotta M., Gervasi F., Oldani S., Marzola A., Angelini C. “Fattibilità ed efficacia della telemedicina nel contesto delle cure palliative domiciliari”. 02/09/2020. Rivista italiana di cure palliative 2021; 23: 104-110

[4] Pivotto V. “Telemedicina per la gestione del diabete, un’indagine osservazionale” AA. 2021-2022

[5] Broens, Tom H F et al. “Determinants of successful telemedicine implementations: a literature study.” Journal of telemedicine and telecare vol. 13,6 (2007): 303-9. doi:10.1258/135763307781644951

[6] Hennemann, Severin et al. “Ready for eHealth? Health Professionals’ Acceptance and Adoption of eHealth Interventions in Inpatient Routine Care.” Journal of health communication vol. 22,3 (2017): 274-284. doi:10.1080/10810730.2017.1284286

[7] Layfield, Eleanor et al. “Telemedicine for head and neck ambulatory visits during COVID-19: Evaluating usability and patient satisfaction.” Head & neck vol. 42,7 (2020): 1681-1689. doi:10.1002/hed.26285

[8] Parmanto B, Lewis AN Jr, Graham KM, Bertolet MH. Development of the Telehealth Usability Questionnaire (TUQ). Int J Telerehabil. 2016 Jul 1;8(1):3-10. doi: 10.5195/ijt.2016.6196. PMID: 27563386; PMCID: PMC4985278.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2