Innovazione

5G MASS: tecnologie per mitigare i rischi e migliorare la sicurezza in mare



Indirizzo copiato

Dalla tragedia della nave London Valour lo spunto per sottolineare l’importanza del rispetto per il mare e il ruolo cruciale della tecnologia e della digitalizzazione. Progetti come 5G MASS sono utili strumenti di prevenzione e mitigazione dei rischi, ma l’apporto e la preparazione umana restano imprescindibili

Pubblicato il 20 mag 2024

Francesco Beltrame Quattrocchi

Ordinario di Bioingegneria Università degli Studi di Genova; Presidente di ENR – Ente Nazionale di Ricerca e promozione per la standardizzazione



pexels-photo-753331
nave cargo

Il 9 aprile 1970, la nave mercantile London Valour, battente bandiera del Regno Unito, naufragò a seguito di una concomitanza di eventi catastrofici. La sciagura si consumò all’imboccatura del porto di Genova: il cargo affondò a poche decine di metri dall’ingresso nello scalo marittimo, dopo aver urtato contro gli scogli a protezione della diga frangiflutti, a causa di una forte mareggiata.

51 anniversario del naufragio della London Valour

Nel disastro persero la vita venti membri dell’equipaggio, in gran parte di nazionalità indiana e filippina. Questa sciagura insegnò, se ancora una volta ce ne fosse bisogno, che il mare è una cosa meravigliosa, da amare, ma soprattutto rispettare e temere.

Il progetto 5G Mass, la tecnologia al servizio della sicurezza in mare

Il 21 marzo 2024, ovvero 54 anni dopo l’evento sopra ricordato, si è svolto a Roma, presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, un Convegno assai partecipato dal titolo “La digitalizzazione del settore marittimo: effetti sulla logistica del mare”, ove sono stati presentati i primi risultati del progetto 5G MASS (tecnologia 5G nativa e satellitare  – Maritime Autonomous Surface Ship), finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea (European Space Agency – Esa), ovvero un sistema molto avanzato che aggrega le informazioni in tempo reale condivise tra la nave e gli ambienti digitali portuali, informazioni che servono per la delicata fase di avvicinamento al porto e per le manovre di ormeggio e disormeggio. I risultati sono in fase di test sulla nave ro-ro Eco Savona della flotta Grimaldi, nel porto di Livorno.

Il progetto di 5G MASS ha come obiettivo l’impiego in modo ottimo delle migliori tecnologie disponibili distribuite secondo una visione integrata mare-terra-spazio, al fine di cercare di offrire la massima sicurezza possibile alle navi del futuro a fronte della complessità, diversità e pure imprevedibilità degli scenari di navigazione che si debbano affrontare. Pare evidente la soddisfazione dei diversi attori del progetto per quanto fin qui ottenuto, il quale può, con buone ragioni, costituire un eccellente modello da presentare sullo scenario internazionale da parte dell’Italia, peraltro rispettoso anche dei crismi di tipo green deal UE, e della salvaguardia della sicurezza e della salute per chi operi in mare, dunque non soltanto rispettoso delle linee guida in materia dal parte di IMO (International Maritime Organization) ma anche di quelle di ILO – International Labour Organization).

Riflessioni sulla comunicazione dei progressi tecnologici

È sorta però nella sede del Convegno spontanea una domanda da parte di un partecipante genovese: “tutto il sistema descritto e le sue sofisticate tecnologie, derivate da applicazioni per la terra, per il mare e per lo spazio, ovvero da tutto quanto di meglio possibile la tecnologia attuale possa offrire, sarebbe stato capace di evitare la sciagura della nave London Valour all’imboccatura del porto di Genova, consumatasi il 9 aprile 1970?”

La risposta è stata generica e un poco ovvia: nessuno, intellettualmente onesto, può dirlo con un ragionevole margine di verosimiglianza, in primo luogo per il semplice dato di fatto che le condizioni meteo-marine di quel fatidico giorno furono improvvise e veramente estreme.

Quanto fin qui rappresentato, attraverso due episodi – in qualche modo paradigmatici – a distanza di un cinquantennio e su una medesima fattispecie, induce ad alcune riflessioni riguardo il modo, non di rado eccessivamente imprudente e superficiale, di comunicare da parte dei diversi media dei continui (per fortuna!) trovati tecnologici con il rischio di indurre nel cittadino-ascoltatore eccessive aspettative.

Tale atteggiamento, se non altro poco attento alla complessità reale, non è da considerarsi in sé, con riferimento a un certo prodotto o processo, ma in quanto portatrice dell’attitudine, del tutto umana, a un’eccessiva fiducia nel “pilota automatico”, finendo col dimenticare le procedure e i protocolli precedenti del “pilota umano”, frutto di secolari esperienze di eventi avversi diversi non coagulabili in alcun sistema di tipo AI robotizzato seppure capace di apprendimento.

Ciò non può e non deve essere assolutamente interpretato come un ripudio di un qualsivoglia trovato tecnologico che è pur sempre portatore di nuova conoscenza e, più specificamente, non solo di una conoscenza di curiosità, ma di una conoscenza performativa, ovvero dotata di un qualche valore per aiutare a migliorare la soluzione di un determinato problema così come espresso da un certo bacino di utenza. Il metodo scientifico è arma seria, autorevole, la via fondamentale da percorrere. Di ciò non si deve coltivare dubbio. Però, il metodo scientifico esige rispetto e opportuna considerazione dei propri limiti, senza i quali, peraltro, non sarebbe tale.

Tecnologia come fattore di mitigazione dei rischi

Occorre, e urgentemente, anche in considerazione del decadimento progressivo del sistema formativo scolastico e universitario e dei suoi valori negli ultimi cinquant’anni, non solo, ma particolarmente, in Italia, un cambio di prospettiva che consenta di percorrere con maggior forza e consapevolezza il sentiero scientifico e tecnologico.

Tale cambio consiste, fondamentalmente, nel passaggio da una fuorviante e, soprattutto, pericolosa esaltazione dei trovati tecnologici, alla loro presentazione come fattori di mitigazione di rischi importanti che l’uomo si trovi ogni giorno ad affrontare.

Il concetto di “mitigazione” porta con sé quello di preparedness, ovvero la predisposizione, nei vari ambiti di rilievo, di scenari di natura – intrinsecamente dinamica – di pronta risposta a emergenze o eventi avversi grazie all’impiego opportuno e consapevole delle migliori tecnologie via via disponibili, provvedendo, nel contempo, anche all’identificazione degli attori coinvolti per l’intervento capaci di maneggiare quelle certe tecnologie. Attori umani adeguatamente formati in modo continuo, addestrati sul campo e dunque pronti all’azione nel più rapido tempo possibile. Attori non dimentichi dei metodi passati, utili quali “piani B” o “piani C”  a fronte di ostacoli difficili da superare e, soprattutto, che abbiano metabolizzate e fatte proprie tante esperienze diverse attraverso le quali sia possibile loro intuire una qualche via di uscita: solo l’attore umano è capace di questo tipo di reazione proattiva. Ciò non offrirà garanzia di soluzione in toto di un’emergenza improvvisa ed eventualmente mai presentatasi prima, ma una mitigazione delle conseguenze, specie quelle di maggiore entità, certamente sì.

Con questa prospettiva, forse si sarebbe potuta offrire una risposta più “palatabile” (seppure non digeribile!) alla domanda del genovese attento al Convegno di cui sopra, che ha ancora negli occhi e nel cuore l’immagine del 1970 della  sciagura della London Valour a pochi metri dalla diga foranea del porto di Genova: “le tecnologie del progetto 5G MASS molto probabilmente non avrebbero evitato la sciagura, ma ne avrebbero mitigate certamente le conseguenze, magari in temini di riduzione del numero delle vittime o altro, mostrando in ciò misura del loro effettivo valore. Gli effetti dall’errata condotta del Comandante Donald Marchbank Muir, così come sentenziato dalla Corte Reale di Giustizia di Londra il 17.5.1972 quale causa del naufragio, ovvero quella di fare lavori alla turbina principale in attesa dell’ingresso nel porto di Genova con la conseguenza di rendere la nave non pronta (ecco la prova dei i guai possibili in assenza di preparedness!) alla navigazione per allontanarsi dagli scogli della diga foranea a fronte della improvvisa e violentissima mareggiata, potevano essere mitigati se fosse stato presente un qualche sistema tecnologico propulsivo di ridondanza in grado di mitigare, in questo caso l’errore umano, oppure anche un più banale sistema di blocco automatico capace di impedire (o comunque ostacolare) la scelta fatta dal Comandante”.

Conclusioni

L’uomo non è sostituibile da tecnologia alcuna, e la sua è sempre la decisione ultima della quale è unico responsabile, ma la tecnologia costituisce elemento decisivo nell’indirizzare ed eventualmente riorientare al meglio il comportamento umano finale: in ciò risiede il proprio valore, che come tale andrebbe sempre opportunamente comunicato a tutti.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4