protezione dei minori

Abusi sessuali sui minori, le novità della proposta Ue: cosa cambia per social e giochi online

Tra le misure della proposta di Regolamento Ue contro gli abusi sessuali sui minori, anche l’obbligo per i fornitori telematici di effettuare una valutazione per anticipare il rischio che i servizi possano essere usati per diffondere materiale pedopornografico o per finalità di adescamento di minori. Tutte le novità

16 Mag 2022
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

children-internet

La Commissione europea ha presentato ufficialmente, nell’ambito della complessiva strategia europea per un Internet migliore per i bambini, la proposta di Regolamento recante norme per prevenire e combattere gli abusi sessuali sui minori configurabili anche online.

Nella prospettiva di rafforzare la protezione dei minori in ambiente digitale, la Ue intende predisporre specifiche norme indirizzate ai gestori di piattaforme social e di gioco, nonché a tutti gli altri fornitori online di servizi di hosting, tenuti a maggiori e più stringenti obblighi di controllo e supervisione per rilevare, segnalare e rimuovere l’esistenza di materiale pedopornografico.

Abusi su minori, la Commissione europea vuole nuove regole e responsabilità per le aziende internet

Ma andiamo per gradi.

La strategia generale della Commissione europea

L’intento della Commissione europea è quello di realizzare il necessario aggiornamento della disciplina vigente in materia, mediante l’introduzione di nuove misure adeguate a fronteggiare i pericoli cui sono esposti, sia online che offline, i bambini, come priorità di intervento dell’Unione europea.

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing

Prendendo atto dell’impatto delle tecnologie digitali e dell’uso che i bambini, a partire da una età sempre più giovane, ne fanno con modalità pervasive, si manifestano implicazioni problematiche legate, ben oltre le opportunità di interazione relazionale, all’esistenza di rischi di disinformazione e cyberbullismo particolarmente gravi quando colpiscono i bambini come soggetti notevolmente vulnerabili, e pertanto meritevoli di specifiche forme di tutela rafforzata a presidio dei loro interessi vitali.

In tale prospettiva, la strategia generale della Commissione europea si articola in specifiche iniziative funzionali a realizzare un quadro giuridico in materia di protezione dei bambini. In particolare, la proposta di Regolamento introduce una normativa aggiornata che integra la disciplina già introdotta dal Regolamento UE 2021/1232 “relativo a una deroga temporanea a talune disposizioni della direttiva 2002/58/CE per quanto riguarda l’uso di tecnologie da parte dei fornitori di servizi di comunicazione interpersonale indipendenti dal numero per il trattamento di dati personali e di altro tipo ai fini della lotta contro gli abusi sessuali online sui minori”.

Tale corpus normativo è stato emanato per garantire una lotta più efficace contro i pericoli posti in essere in danno dei bambini, come risposta globale alla crescente minaccia di abusi sessuali su minori sia offline che online, mediante l’adozione di misure rafforzate destinate a proteggere i bambini da tutte le forme di violenza, compreso l’adescamento e l’abuso online.

La proposta di Regolamento ricostruisce, in senso ampio e generalizzato, la nozione di “abuso sessuale sui minori online” per includervi “non solo la diffusione di materiale precedentemente individuato e confermato come materiale pedopornografico (materiale “noto”), ma anche materiale non precedentemente rilevato che potrebbe costituire materiale pedopornografico, ma che non è stato ancora confermato come tale (materiale “nuovo”), nonché attività costituenti l’adescamento dei bambini (“grooming”)”.

Sotto il profilo regolatorio, alla luce della rilevante lesività che assumono gli abusi in danno dei minori, si rende necessaria l’elaborazione di un quadro regolatorio uniforme e omogeneo a livello di Unione europea in grado di superare l’attuale frammentazione provocata dall’esistenza di discipline nazionali troppo diversificate, per prevenire e combattere gli abusi sessuali sui bambini online. Si tratta di un indispensabile intervento che il legislatore europeo considera, dunque, prioritario realizzare, in ragione del fatto che soltanto nel 2021 sono state rilevate “85 milioni di immagini e video che ritraggono abusi sessuali su minori segnalati in tutto il mondo”: la punta di un iceberg che riflette la gravità di un fenomeno, peraltro largamente sottostimato rispetto a molti altri casi non denunciati, che quindi non emergono nella statistica rilevata dalle fonti di monitoraggio periodico. Peraltro, durante la pandemia di COVID-19 sembra che tale problematica si sia ulteriormente accentuata, come riscontrato dalla fondazione Internet Watch, secondo cui si registra addirittura un aumento del 64% delle segnalazioni di abusi sessuali su minori rispetto all’anno precedente.

In tale prospettiva, poiché “l’attuale sistema basato sull’individuazione e la segnalazione volontaria da parte delle aziende si è rivelato insufficiente a tutelare adeguatamente i minori”, nell’ottica di assicurare l’efficiente standardizzazione degli interventi applicabili in tema di prevenzione, anche alla luce dell’attuale formulazione di disposizioni ritenuta troppo eterogenea e variegata a causa di informazioni “poco chiare e non strutturate”, sono stati recepiti 14 criteri di classificazione, facendo riferimento alle evidenze empiriche e alle validazioni scientifiche formulate nello studio “Classification criteria for child sexual abuse and exploitation prevention programmes”.

I predetti criteri di classificazione sono stati sviluppati in collaborazione con il Network on Prevention of Child Sexual Abuse e altre organizzazioni di settore, per delineare i principali rischi configurabili nell’attuazione operativa di programmi aggiornati di prevenzione personalizzata finalizzati a ridurre gli abusi sessuali sui minori, tenuto conto delle specifiche caratteristiche degli ambienti culturali e sociali di riferimento.

Le novità della proposta Ue

Tra le principali novità introdotte dalla proposta, che inizia quindi il suo iter procedurale sino alla definitiva approvazione del testo finale da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, vi è, nella prospettiva di rafforzare la protezione dei minori in ambiente digitale, la predisposizione di specifiche norme armonizzate applicabili ai gestori di piattaforme di social media e di gioco, nonché a tutti gli altri fornitori online di servizi di hosting, tenuti a maggiori e più stringenti obblighi di controllo e supervisione per rilevare, segnalare e rimuovere l’esistenza di materiale pedopornografico, nel rispetto dei diritti fondamentali di tutti gli utenti, compreso il diritto alla privacy. I predetti soggetti sono altresì tenuti a valutare previamente i rischi esistenti, mediante una verifica ex ante delle criticità astrattamente riscontrabili per mitigare, in chiave preventiva, le possibili ripercussioni negative in danno dei minori.

Gli obblighi per i fornitori telematici

Nello specifico, le nuove regole impongono ai fornitori telematici l’obbligo di effettuare una valutazione del rischio per identificare in anticipo la possibilità di un qualsivoglia uso improprio dei propri servizi erogati come strumenti destinati a diffondere materiale pedopornografico o per finalità di adescamento di minori. Sono contestualmente prescritti specifici obblighi di rilevamento mirato, il cui concreto assolvimento è oggetto di controllo affidato ad apposite autorità nazionali incaricate di riesaminare le attività di supervisione effettuate dai prestatori virtuali. Inoltre, i fornitori che rilevano online abusi sessuali su minori, mediante tecnologie di tracciamento comunque non invasive a presidio dei diritti fondamentali degli utenti, sono tenuti a segnalarli al Centro UE per prevenire e contrastare gli abusi sessuali sui minori, nell’ottica di garantire la tempestiva rimozione dei relativi contenuti illeciti che, ove non sia possibile del tutto eliminare, devono in ogni caso essere oscurati, consentendo di disabilitarne il relativo accesso alle immagini incriminate e ai video illeciti pubblicati online, come specifico obbligo cogente posto direttamente a carico dei prestatori telematici.

Le nuove regole vietano poi agli app store di consentire ai bambini la possibilità di scaricare app che potrebbero esporli a un alto rischio di adescamento.

Conclusioni

Nell’ottica di conciliare le esigenze di tutela dei minori con la necessità di “consentire l’innovazione e garantire la proporzionalità e la neutralità tecnologica, non dovrebbe essere redatto un elenco esaustivo delle misure di mitigazione obbligatorie” affinché i fornitori siano in grado, in condizioni di flessibilità, di “progettare e attuare misure adeguate al rischio identificato e alle caratteristiche dei servizi che forniscono e alle modalità di utilizzo di tali servizi”.

La “ratio” del citato intervento è, quindi, giustificata dalla necessità di introdurre regole più chiare, severe e stringenti, senza però compromettere lo sviluppo tecnologico dell’evoluzione digitale, a fronte di un uso improprio dei servizi online diffusamente disponibili in Rete, da cui discendono massivi abusi sessuali sui minori.

Alla luce di tale complesso scenario, infatti, poiché i “i fornitori di servizi di hosting o di comunicazione interpersonale (“provider”) svolgono un ruolo particolarmente importante […] per un ambiente online sicuro”, prendendo atto che la “circolazione di immagini e video di abusi sessuali su minori, che è aumentata drammaticamente con lo sviluppo del mondo digitale, perpetua il danno subito dalle vittime, mentre i trasgressori hanno anche trovato nuove strade attraverso questi servizi per accedere e sfruttare i bambini” […] “nonostante l’importante contributo fornito da alcuni fornitori, l’azione volontaria si è quindi rivelata insufficiente per affrontare l’uso improprio dei servizi online a fini di abusi sessuali su minori”.

La Commissione europea propone, infine, di istituire un Centro europeo per prevenire e contrastare gli abusi sessuali sui minori, come organo preposto a garantire la corretta attuazione del regolamento, contribuendo altresì attivamente a fornire supporto e assistenza alle vittime di abusi, svolgendo le relative funzioni anche in collaborazione con le forze dell’ordine nazionali e l’Europol.

WHITEPAPER
Le 7 tipologie di Customer Journey Map che devi conoscere!
Marketing
Advertising
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3