regolamento

DORA: i tre step per adeguare gli enti finanziari alle regole cyber



Indirizzo copiato

Banche, assicurazioni, istituzioni finanziarie e fornitori di servizi ICT hanno poco più di un anno per attuare le indicazioni del regolamento comunitario sulla resilienza operativa digitale (DORA- Digital Operational Resilience Act). Ecco come fare, passo passo

Pubblicato il 13 set 2023

Luca Baj

Senior Consultant, Cloud Infrastructure Services di Capgemini Italia

Simone Melchiorri

Senior Consultant, Cloud Infrastructure Services di Capgemini Italia



Cyber,Security,Internet,And,Networking,Concept.,Information,Security,And,Encryption,

Il 16 gennaio 2023 l’UE ha introdotto il regolamento sulla resilienza operativa digitale (DORA– Digital Operational Resilience Act) per armonizzare e consolidare a livello europeo i requisiti di cybersecurity delle entità finanziarie, in cui ricadono banche, assicurazioni, istituzioni finanziarie, fornitori di servizi ICT, fornitori di crypto-asset, etc.

Le entità finanziarie hanno tempo fino al 17 gennaio 2025 per adeguarsi alle nuove prescrizioni; quindi, è opportuno individuare il prima possibile le azioni necessarie da fare. Ecco il percorso di adeguamento con un approccio composto da tre fasi.

Fase 1: valutazione dell’as is e identificazione dei gap

La prima fase consiste nella valutazione “as is” degli attuali processi in campo, finalizzata a identificare i gap esistenti rispetto alle prescrizioni della DORA. Occorre sempre considerare il settore di riferimento dell’entità finanziaria, assicurando armonizzazione e rispetto delle regolamentazioni vigenti (ad esempio: Banca Italia, IVAAS). La valutazione, che mira a individuare eventuali punti deboli e aspetti critici, ripercorre gli ambiti distinti dagli articoli della Direttiva.

Governance della sicurezza informatica

La Governance della sicurezza informatica (artt.5;6) rappresenta il quadro di responsabilità, processi e controlli interni delle entità finanziarie. La gap analysis analizza la corretta assegnazione di ruoli e responsabilità previsti, in particolare: l’organo di gestione (così come definito dalla Direttiva), la funzione di controllo di secondo livello dei rischi informatici e il responsabile del monitoraggio dei contratti con fornitori ICT.

Gestione del rischio informatico

La Gestione del rischio informatico (artt.6-14) comprende processi e procedure volte ad individuare e trattare tali rischi, l’implementazione di adeguati strumenti per l’identificazione delle minacce e l’adozione di adeguate contromisure. Nella gap analysis occorre verificare che il quadro per la gestione dei rischi preveda: la presenza di misure di protezione e prevenzione dal rischio informatico; processi per l’individuazione tempestiva di attività anomale, incidenti e “points of failure” importanti; la corretta pianificazione, implementazione e test dei piani di continuità e gestione delle crisi.

Gestione degli incidenti informatici

La gestione degli incidenti informatici (artt. 17-19) investiga la capacità delle entità finanziarie di rilevare, rispondere e recuperare tempestivamente da incidenti cyber. A tal fine, le organizzazioni dovranno essere in grado di definire e implementare un framework procedurale e documentale che includa: politiche e procedure con obiettivi strategici, ruoli, responsabilità e loro attivazione; modalità di rilevazione, classificazione, risposta e ripristino; piani di formazione e test. Inoltre vanno messi in campo piani di comunicazione specifici rivolti alle autorità nazionali di riferimento secondo tempistiche e modalità definite dalla Direttiva e procedure per la segnalazione volontaria di minacce cyber. Infine, è opportuno definire istruzioni operative permettano l’esecuzione di azioni di risposta mirate ed efficaci in base a specifici scenari di attacco.

Gestione rischi informatici derivanti da terze parti

Gestione rischi informatici derivanti da terze parti (artt. 28-33): le entità finanziarie spesso dipendono da terze parti per l’erogazione di servizi o per l’accesso a infrastrutture tecnologiche. Per questo le organizzazioni devono essere in grado di: valutare e selezionare fornitori sulla base di politiche e criteri di sicurezza cyber, compresi standard di sicurezza sulla valutazione dei rischi e conformità normativa; includere clausole contrattuali che definiscano le responsabilità del fornitore per garantire la sicurezza e l’adeguata protezione dei dati; definire processi di gestione e monitoraggio dei fornitori, in particolare quelli critici, utili anche alla segnalazione verso le autorità competenti.

Test di resilienza operativa digitale

Esecuzione di Test di resilienza operativa digitale (artt. 24-27), ossia esercitazioni o simulazioni volte a verificare la capacità delle entità finanziarie di resistere e recuperare da attacchi o incidenti cyber. Le entità finanziarie dovranno adottare un approccio strutturato che permetta loro di: condurre test di resilienza regolari come esercitazioni, simulazioni di attacchi o scenari di incidenti cyber per valutare l’efficacia delle misure in campo; definire metriche chiare per valutare la resilienza e l’efficacia delle contromisure, incluse policy di back-up; integrare i risultati dei test della resilienza nella pianificazione della gestione del rischio e nella definizione delle azioni correttive; utilizzare i risultati dei test per migliorare continuamente le politiche, i processi e le tecnologie di sicurezza in uso. Inoltre, all’interno di quest’ambito, è prevista la programmazione di attività di penetration testing e di read team sulla base di specifiche periodicità.

Formazione sulla cybersecurity

La formazione sulla cybersecurity, trattata nel paragrafo Apprendimento ed evoluzione (art.13), è essenziale per garantire che il personale sia consapevole delle minacce cyber e delle migliori pratiche di sicurezza. L’obiettivo è condurre le entità finanziarie a definire e implementare periodicamente programmi di formazione e iniziative sulla cybersecurity (tabletop, roundtable, simulazione di scenari di attacco), anche a seguito di eventi di sicurezza gestiti in modo efficace.

Fase 2: piano di remediation

In una seconda fase le organizzazioni sono chiamate a definire un Piano di remediation, fondamentale per garantire la conformità alla DORA e affrontare le lacune individuate durante la “gap analysis”. Le entità finanziarie devono adottare misure correttive efficaci per proteggere i propri sistemi e dati. Per la costruzione del piano di remediation occorre analizzare i gap individuati in termini di gravità e impatto sulla resilienza operativa; assegnare responsabilità specifiche sulle azioni individuate; definire obiettivi e tempistiche chiari per il sanamento di ciascun gap, consentendone la misurazione del progresso.

Fase 3: monitoraggio continuo

La terza e ultima fase prevede la regolare valutazione e il monitoraggio continuo del piano di remediation per mantenere un livello elevato di sicurezza nel tempo, adattandosi alle mutevoli minacce e alle evoluzioni normative. La fase di monitoraggio ha una rilevanza strategica e si pone un duplice obiettivo: monitorare la corretta implementazione e l’efficacia delle azioni di rimedio definite e monitorare l’evoluzione normativa, poiché le Autorità di Vigilanza Europee (ESA – European Supervisory Authorities) stanno già lavorando a norme tecniche e attuative comuni da presentare alla Commissione Europea entro il 17 gennaio 2024 e il 17 luglio 2024. Una prima bozza è stata già presentata il 19 giugno 2023 per i seguenti ambiti: quadro di gestione dei rischi informatici, criteri per classificazione incidenti, modelli per il registro delle informazioni relative a fornitori terzi ICT, requisiti per la politica sui servizi ICT forniti da fornitori terzi. Entro la fine del 2023 sarà presentata la seconda bozza relativa a valutazione degli impatti degli incidenti, reporting degli incidenti gravi, specifiche per l’esecuzione dei penetration test avanzati basati su minacce, fornitori di servizi ICT.

Conclusioni

In conclusione, il regolamento sulla resilienza digitale rappresenta un passo significativo verso la protezione delle entità finanziarie dalle minacce cibernetiche. L’approccio fin qui definito aiuterà le entità finanziarie a pianificare e avviare un percorso di adeguamento efficace e dinamico, volto non soltanto alla compliance alla Direttiva (da assicurare entro il 17 gennaio 2025), ma anche a definire un efficace approccio di sicurezza informatica. Per raggiungere questo obiettivo, sarà fondamentale la collaborazione tra le entità finanziarie, le autorità di vigilanza e gli esperti di cybersecurity per affrontare le sfide future e garantire un ambiente finanziario digitale sicuro e resiliente per tutti i cittadini dell’Unione Europea.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati