soft law

GenAI: le linee guida di Garante e EDPS per un uso sicuro dei dati



Indirizzo copiato

Con l’approvazione dell’AI Act e la pubblicazione imminente in Gazzetta Ufficiale, le Autorità hanno rilasciato documenti di soft law per guidare fornitori e utenti di IA. Tra maggio e giugno, il Garante e l’EDPS hanno pubblicato linee guida sul web scraping e sull’uso dei dati personali nell’IA generativa, evidenziando misure di protezione e compliance

Pubblicato il 13 giu 2024

Giacomo Borgognone

Avvocato Legal Consultant P4I – Partners4Innovation

Anna Cataleta

Senior Partner di P4I e Senior Advisor presso l’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection (MIP)



Business,Data,Analytic,Interface,Fly,Over,Smart,City,Showing,Alteration

Mentre il Consiglio ha approvato il testo dell’AI Act e si attende entro breve la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, le Autorità continuano a produrre documenti di soft law per fornire indicazioni ai fornitori e agli utilizzatori dei sistemi di IA. In particolare, tra fine maggio e inizio giugno sono stati pubblicati due documenti con un focus sull’intelligenza artificiale generativa e l’utilizzo di dati personali: le indicazioni sul webscraping del Garante per la protezione dei dati personali e le linee guida per le Istituzioni sull’IA generativa dell’EDPS.

Ciò ribadisce l’importanza e l’attenzione che richiede l’intelligenza artificiale generativa, sempre più potente e diffusa, la quale necessita l’addestramento dei modelli sottesi al funzionamento della stessa tramite una grande quantità di dati, tra cui spesso rientrano anche i dati personali. Oggetto dell’attenzione è l’utilizzo dell’IA generativa sia da parte di privati che da parte delle Istituzioni. I documenti mirano, infatti, a fornire delle indicazioni a livello operativo, le quali possono essere utili nella generalità dei casi in cui si ha a che fare con l’IA generativa.

Le indicazioni del Garante privacy sul webscraping

Le indicazioni del Garante contenute nella nota informativa sul webscraping[1], analizzano la modalità di raccolta dei dati attraverso bot al fine di addestrare i sistemi di IA e forniscono delle indicazioni per poter proteggere i dati personali da tale pratica. Infatti, i dataset utilizzati dagli sviluppatori di intelligenza artificiale generativa hanno provenienze variegate, ma il web scraping costituisce un denominatore comune.

Il Garante riporta che nel 2023, il 49,6% di tutto il traffico Internet è stato generato dai bot con un aumento che è stato parzialmente ricondotto alla diffusione di sistemi di intelligenza artificiale e, in particolare, dei modelli linguistici di grandi dimensioni sottesi all’intelligenza artificiale generativa. Tra gli strumenti utilizzati per il webscraping il garante richiama i web crawler, o “spider”, i quali sono programmi che scansionano sistematicamente il web al fine di raccogliere i dati contenuti nelle pagine web al fine di indicizzarli, memorizzarli e conservarli per successive mirate analisi, elaborazioni ed utilizzi.

Il documento tiene conto dei contributi ricevuti dall’Autorità nell’ambito dell’indagine conoscitiva in materia di webscraping, deliberata con provvedimento del 21 dicembre 2023, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 14 del 18 gennaio 2024. In ogni caso, l’Autorità afferma che le indicazioni non sono vincolanti e sono rimesse ai titolari del trattamento le valutazioni da fare caso per caso.

Inoltre, la prospettiva del provvedimento si pone in un’ottica diversa rispetto a quella del soggetto che raccoglie i dati personali tramite webscraping. Infatti, il passaggio che il Garante opera è rispetto ai titolari del trattamento che rendono i dati disponibili al pubblico. Questi possono pubblicare i dati esclusivamente per finalità specifiche e sulla base di una o più condizioni di legittimità tra quelle previste all’art. 6 del Regolamento (es: obblighi di trasparenza, pubblicità legale, procedure a evidenza pubblica, diritto di cronaca, contratto in essere con gli interessati).

Le possibili azioni di contrasto al webscraping

Nel contesto descritto, l’Autorità ha individuato delle possibili azioni di contrasto al webscraping, tra cui:

  • Creazione di aree riservate, a cui si può accedere solo se registrati; ciò potrebbe sottrarre i dati dalla pubblica disponibilità. Il titolare deve comunque prestare attenzione, anche nell’adozione di tale misura, a non dare luogo ad un trattamento eccessivo di dati per la registrazione.
  • Inserimento di clausole ad hoc nei termini di servizio, al fine di introdurre il divieto di utilizzare tecniche di webscraping. In questo caso, la misura contrattuale potrebbe fungere da deterrente.
  • Monitoraggio del traffico di rete, al fine di individuare eventuali flussi anomali di dati in ingresso ed in uscita da un sito web o da una piattaforma online per porter adottare adeguate contromisure di protezione.
  • Interventi sui bot, ossia adottare degli accorgimenti tecnici per arginare l’attività automatizzata di raccolta dati che viene effettuata tramite i bot come, ad esempio, l’inserimento di verifiche CAPTCHA.

L’Autorità specifica che le azioni indicate nel documento devono essere valutate caso per caso e non garantiscono in tutti casi una effettiva difesa dal fenomeno del webscraping. Pertanto, i titolari dovranno comunque compiere delle valutazioni interne al fine di contrastare tale fenomeno.

Le indicazioni dell’EDPS sull’IA generativa

Sempre in riferimento all’IA generativa, il 3 giugno 2024 l’EDPS ha pubblicato le linee guida sull’intelligenza artificiale generativa e sui dati personali per le istituzioni, gli organi e gli organismi dell’UE (IUE)[2]. Il documento mira ad aiutare le Istituzioni a rispettare gli obblighi in materia di protezione dei dati di cui al regolamento (UE) 2018/1725 (“Regolamento”) quando utilizzano o sviluppano strumenti di IA generativa. È interessante notare che l’EDPS ha pubblicato il documenti in veste di Data protection supervisory authority.

L’uso di sistemi di IA nella fornitura di servizi pubblici

L’Autorità evidenzia sin da subito che per le Istituzioni dell’UE non vi è alcun ostacolo di principio nello sviluppare, implementare e utilizzare sistemi di intelligenza artificiale generativa nella fornitura di servizi pubblici, a condizione che le normative lo consentano e che siano rispettati tutti i requisiti imposti dalla normativa. Pertanto, le Istituzioni possono sia sviluppare e implementare proprie soluzioni di intelligenza artificiale generativa, sia utilizzare per le proprie finalità soluzioni disponibili sul mercato. In ogni caso, nel contesto così delineato, se sono trattati dei dati personali, devono determinare chiaramente i ruoli per le specifiche operazioni di trattamento effettuate e le loro implicazioni in termini di obblighi e responsabilità ai sensi del Regolamento.

L’importanza di coinvolgere il DPO

Un punto centrale evidenziato nel documento riguarda la verifica rispetto al caso in cui il sistema di IA generativa utilizzi o meno dati personali e, nel caso in cui questi ultimi siano trattati, evidenzia l’importanza di coinvolgere il DPO. Infatti, dal punto di vista organizzativo, l’implementazione di sistemi di IA generativa in conformità con il Regolamento presuppone un dialogo continuo tra tutte le parti interessate coinvolte durante l’intero ciclo di vita del prodotto. Pertanto, i titolari del trattamento dovrebbero collaborare con tutte le funzioni rilevanti all’interno dell’organizzazione e, in particolare il DPO, il servizio legale, il servizio IT e il responsabile della sicurezza informatica, per garantire che l’Istituzione operi entro i parametri dell’intelligenza artificiale generativa affidabile, della buona governance dei dati e della conformità al Regolamento. Per raggiungere l’obiettivo, l’EDPS afferma che possono essere utili alcuni accorgimenti come la creazione di una task force sull’IA, che includa il DPO, e la preparazione di un piano d’azione, comprensivo di azioni di sensibilizzazione a tutti i livelli dell’organizzazione, nonché la preparazione di linee guida interne.

Lo svolgimento della DPIA

Un altro elemento evidenziato dall’EDPS riguarda lo svolgimento della DPIA; infatti, è responsabilità dell’Istituzione gestire adeguatamente i rischi connessi all’uso dei sistemi di IA generativa durante tutto il ciclo di vita del sistema. Il monitoraggio dovrebbe essere regolare e sistematico per determinare, nel corso dell’evoluzione del sistema, l’eventuale aumento del rischio o l’insorgere di nuovi. Infine, se vengono identificati rischi che non possono essere mitigati con mezzi ragionevoli, vi è il suggerimento di consultare l’EDPS.

La base giuridica per il trattamento dei dati personali

Rispetto alla base giuridica per il trattamento dei dati personali, l’Autorità evidenzia che se il trattamento dei dati si basa su un obbligo legale o sull’esercizio di pubblici poteri, tale base giuridica deve essere chiaramente e precisamente stabilita nel diritto dell’UE; inoltre è evidenziato che l’uso del consenso richiede un’attenta considerazione per garantire che soddisfi i requisiti del Regolamento, affinché sia valido.

La minimizzazione dei dati

In relazione alla minimizzazione dei dati, l’EDPS afferma che le Istituzioni dovrebbero sviluppare e utilizzare modelli addestrati con dataset di alta qualità, limitati ai dati personali necessari per soddisfare le finalità del trattamento. Inoltre, nei casi in cui si utilizzino sistemi progettati o gestiti da fornitori di servizi terzi, dovrebbero includere nelle loro valutazioni anche considerazioni relative al principio di minimizzazione dei dati. Infatti, l’uso di grandi quantità di dati per addestrare un sistema di intelligenza artificiale generativa non implica necessariamente una maggiore efficacia o migliori risultati; pertanto, è necessario considerare attentamente la qualità dei dati oltre che la quantità. Quest’ultimo aspetto richiama anche il tema dell’accuratezza del dato poiché, nonostante gli sforzi compiuti, i sistemi di IA generativa potrebbero comunque generare degli output inaccurati. Infine, un ulteriore elemento da tenere in considerazione riguarda la messa a disposizione degli individui delle informazioni rispetto all’utilizzo dei loro dati personali da parte del sistema di IA, al fine di permettere agli interessati di essere adeguatamente informati e in controllo dei propri dati. Inoltre, quando i sistemi di IA generativa sono destinati a supportare le procedure decisionali, le Istituzioni devono valutare attentamente se metterli in funzione qualora l’utilizzo degli stessi sollevi dubbi sulla legalità o vi sia il rischio di generare decisioni ingiuste, non etiche o discriminatorie. E proprio in relazione al potenziale rischio discriminatorio, l’EDPS suggerisce l’applicazione di procedure e buone pratiche per la minimizzazione e la mitigazione dei bias al fine di garantire un trattamento equo ed evitare pratiche discriminatorie.

Conclusioni

I documenti delle due Autorità si inseriscono in un quadro complesso nel tentativo di fornire delle indicazioni pratiche ai soggetti, pubblici e privati, che si trovano a lavorare con strumenti di intelligenza artificiale generativa che trattano dati personali. Ciò denota la necessità di tenere sempre a mente la trasversalità degli aspetti che caratterizzano l’intelligenza artificiale e considerare gli adempimenti in ottica comprensiva senza tralasciare le normative hanno un impatto sui diversi aspetti di compliance dell’intelligenza artificiale.

Note


[1] Garante per la Protezione dei dati personali, Provvedimento n. 329 del 20 maggio 2024 [10020316]

[2] EDPS, Generative AI and the EUDPR. First EDPS Orientations for ensuring data protection compliance when using Generative AI systems, 3 giugno 2024.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4